Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Giro d'Italia a nuoto Un mondo senza barriere

News Master precedenti
images/joomlart/article/75b27a57d4ee2e6189ae3a2cd3539197.jpg

Con la 10 km Pesaro-Fano si è conclusa la maratona di Salvatore Cimmino, 42 anni, con abilità fisica ridotta. "Questo sport mi ha salvato. Adesso voglio fare il giro d'Europa"

ROMA
Due ore e 21 minuti. Tanto è durata la "Pesaro-Fano" di Salvatore Cimmino, decima e ultima tappa del suo giro d'Italia a nuoto che era iniziato il 26 maggio a Cogoleto e si è concluso sabato nelle Marche. Ancora dieci chilometri in mare "Per un mondo senza barriere", come cita lo striscione che viene esposto ad ogni suo arrivo. Cimmino, 42 anni, nuotatore tesserato per il Circolo Canottieri Aniene nella categoria master, con abilità fisica ridotta (ha subito l'amputazione della gamba destra poco sopra il ginocchio), ha concluso un’impresa sportiva dai risvolti sociali dimostrando una volta di più i benefici di questa disciplina. Anche in quest'ultima prova è stato accompagnato dal campione del mondo Luca Baldini, il vice campione mondiale Christian Minotti e gli altri compagni di squadra dell'Aniene.  
“Ho iniziato a ottobre di due anni fa - ha detto il napoletano che vive a Roma - quando ho imparato a nuotare, e non mi sono più fermato. Il nuoto mi ha aiutato a migliorare la condizione fisica. Mi ha fatto superare la lombalgia cronica e il formicolio degli arti. Ovunque sono andato ho ricevuto un'accoglienza bellissima. La gente ha capito e mi ha dato la sua solidarietà. Questa fratellanza e questa convergenza mi incoraggiano a continuare. Ringrazio il Circolo Canottieri Aniene che ha sposato questo progetto, la Federazione Italiana Nuoto, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Roma Emmanuele Emanuele e mio figlio di 9 anni che mi ha perdonato per non essergli stato abbastanza vicino ultimamente".
E dopo il giro d'Italia Cimmino ha già un'altra idea. "Adesso voglio organizzare il giro d’Europa. Partirò sicuramente dall’Italia, sto pensando alla Scilla-Cariddi e alla Capri-Napoli. Voglio attraversare lo stretto di Gibilterra, la Manica, voglio nuotare nel Baltico e nel Mare del Nord”.
 
Per saperne di più su giro clicca qui