Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Campionati Master 2008<br>Spitz a Palermo

News Master precedenti
images/joomlart/article/062a8376bc3197e93fb77a40051c0b60.jpg

"Anche io sono un nuotatore Master. Ho accettato con grande entusiasmo l'invito della FIN che mi ha permesso di toccare con mano la passione di un movimento natatorio che anche in Italia attira migliaia di persone"

PALERMO
L'olimpionico plurimedagliato Mark Spitz torna sul bordo vasca, a Palermo, in occasione dei Campionati Italiani Master di nuoto organizzati dalla Federazione Italiana Nuoto nella piscina comunale. Lo statunitense è l'ospite d'onore della manifestazione e alle 21.30 sarà a disposizione dei fans in una serata al Circolo del tennis, tra ricordi e proiezioni di fotografie. "Siete così tanti che mi viene voglia di tornare in acqua, e qualcuno non è neppure poi così tanto in forma", ha scherzato il campione che nel '72 vinse sette ori alle Olimpiadi di Monaco con relativi record mondiali. Spitz ha salutato gli atleti impegnati nei 100 stile e nei 50 farfalla raccontando un vecchio aneddoto: "I russi mi chiesero quando finalmente mi sarei tagliato i baffi perchè secondo loro mi facevano rallentare ma io gli ho risposto, non so come mi è venuto in mente, che in realtà scendendo ai lati della bocca mi facevano respirare meglio e così - ha concluso con una battuta - l'anno dopo tutti i russi avevano i baffetti. E anche le donne della Germania dell'est".
Spitz è stato accolto da un bagno di folla. “Anche io sono un nuotatore Master e quando ho ricevuto l’invito ho accettato con grande entusiasmo. Ho potuto toccare con mano la passione di questo movimento natatorio, che anche in Italia attira migliaia di persone”.  Poi ha ricordato l'Olimpiade di Monaco. “Di quell’Olimpiade – ha aggiunto – ho grandi ricordi. Arrivai ai Giochi carico e ben allenato. In più portavo dentro l’esperienza del Messico dove andai per stravincere ma tornai a casa con sole due medaglie d’oro. Per me fu come una sconfitta e quell’esperienza mi diede la spinta per affrontare con la giusta rabbia agonistica e concentrazione l’edizione tedesca”. L’ex campione olimpico tra una battuta e l’altra ha trovato il tempo per scherzare con gli atleti, ma si è anche soffermato sulle Olimpiadi di Pechino, ormai prossime. Lì il suo record potrebbe cadere. Michael Phelps, connazionale di Spitz, è intenzionato a cancellare il primato delle sette medaglie d’oro: “Phelps è un nuotatore completo e in lui mi rivedo. Ha le capacità per battermi, ma sarà difficile. Dovrà superare alcune difficoltà come l’accavallarsi degli impegni. Il programma olimpico delle gare di nuoto è fitto e potrebbe trovarsi a disputare più gare nello stesso giorno”.
Domani Spitz incontrerà il Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli, a Palermo per salutare gli atleti e rendere merito all'organizzazione dell'evento. 
  
da ANSA e ufficio stampa Master