.

instagram

.
.

Europei 2024. Minisini d'argento nel free, Acrobatic di bronzo

Sincro
images/large/20240613_PMes_MP47277_.jpg

Sale a cinque anche il medagliere del nuoto artistico: 2 d’argento e 3 di bronzo. Nella penultima giornata dell’europeo gli azzurri guidati da Giovanna Burlando e Federica Sala conquistano la medaglia d’argento con Giorgio Minisini nel singolo free e di bronzo con la squadra nell’acrobatico.

Nell’Acro sulle note del Carnevale di Venezia Beatrice Andina, Valentina Bisi, Beatrice Esegio, Alessia Macchi, Giorgia Lucia Macino, Marta Murru, Carmen Rocchino e Sophie Tabbiani si classificano terze con 159.29666 punti: 72.2466 con gli elementi e 80.0500 per l’impressione artistica. Un po’ di emozione che è costata il primo gradino del podio che, invece, hanno conquistato le tedesche totalizzando 192.7166 punti: 117.7666 e 74.9500; seconda la Grecia con 191.8100 (112.8100 e 79.000).

Seconda medaglia personale per Giorgio Minisini allo Sport Center di Belgrado, d’argento nel free dopo il bronzo nel tech, che però non soddisfa il campione del mondo a Doha 2024 e d’Europa a Roma 2022 e la sua allenatrice Milena Miteva che a questo europeo chiedevano di più. Con la sua Hope ottiene 183.5313 punti, di cui 99.9813 con gli elementi, tutti ibridi, di cui sbaglia il secondo e 83.5500 per l’impressione artistica che giudica la coreografia, la performance e le transizioni. E’ ampiamente davanti al francese Quentin Rakotomalala, terzo con 174.4708 ma finisce dietro al diciottenne giapponese naturalizzato britannico che si esibisce subito dopo e con un percorso netto ottiene 191.0293 punti (114.0793 con gli elementi e 76.9500 per l’impressione), che gli era stato davanti anche nella finale del tech.

Sorride, invece, Valentina Bisi, diciassettenne allenata da Simona Chiari per lo Sport Village, che con il suo "Lago dei cigni" è quarta in finale scalando otto posizioni rispetto al preliminare. Dopo essersi qualificata come ultima ha fatto tesoro degli errori commessi sfiorando quota 220 punti. Avvolta da un candido costume bianco mostra tutta la grinta che ha e con sette ibridi senza sbagliare e una buona impressione artistica si ferma ai piedi del podio con 219.1624 (144.4124 e 74.7500). Ma conta il percorso. E’ ancora juniores e si sta affacciando adesso da solista nel panorama europeo assoluto; dal 28 giugno al 2 luglio agli Europei di categoria a Malta avrà molte più chance. Soltanto tre giorni fa nel preliminare aveva ottenuto 146.3404. Vince di nuovo Vasiliki Alexandri, questa volta con 257.4959, dopo che si era già imposta nella finale tecnica.

Foto di Pasquale Mesiano / DBM / Deepbluemedia.eu
L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit