instagram

Europei di Roma. Cerruti&Ferro terze nel preliminare. Finali dalle 15

Sincro
images/large/ITALY_CERRUTI_Linda_-_FERRO_Costanza_DBM_PM32442.JPG

Linda Cerruti e Costanza Ferro, i nostri robot, sono terze dopo il preliminare del duet free nella seconda giornata degli Europei di Roma alla piscina Nicola Pietrangeli nel parco del Foro Italico. Le “gemelle liguri diverse”, come le ha soprannominate il giornalista Rai Enrico Cattaneo, con flussi spezzati e dinamiche interrotte, rimandano ai robot che simulano e replicano il movimento dell’uomo. Ad un certo punto l'intelligenza e l'emotività umana si ribellano e riscopre il cuore. Sporcano un po’ l’esercizio, non lo eseguono come avrebbero voluto i loro tecnici Patrizia Giallombardo e Roberta Farinelli, ma non è nulla che non si possa migliorare in finale. "Ci sono state un po' di sfumature - commenta Costanza - che possiamo tranquillamente eliminare nella finale. Per il resto siamo state molto attente". "Non siamo riuscite a vedere gli esercizi delle nostre avversarie perchè ci stavamo preparando per la nostra gara - continua Linda - e lo faremo dopo nei video. Comunque le conosciamo bene e sappiamo che le ucraine sono da tradizione al top, le austriche in grande ascesa come hanno dimostarto a Budapest e anche le greche hanno composto una coppia molto forte". Per adesso le azzurre si tengono stretta questa posizione e guardano al punteggio come punto di partenza. "Oltre a salire sul podio vogliamo ridurre il gap con le ucraine", affermano in coro. Sull'atmosfera che si respira a Roma 20220 concludono dicendo che "è come sentirsi a casa. Rispetto a tutte le altre gare alle quali abbiamo paretcipato avvertiamo una scossa diversa. Il calore della gente e il sostegno del pubblico ci danno una carica maggiore". Le giurie assegnano 27.2 per esecuzione e difficoltà ed 36.2667 per l’impressione artistica; il punteggio totale è di 90.6667. Mercoledì 13 agosto alle 15.00 in finale puntano a fare meglio. Gli autori della musica Robotboys Return sono Robotboys Change the Formality e infected Mushroom, la coreografia è stata curata da Vlada Chigireva, Aleksandra Patskevic e Svetlana Romashina.
Davanti alle azzurre, oggi come quaranta giorni fa ai mondiali a Budapest, le gemelle Maryna e Vladyslava Aleksiva con 94.3667 e quelle austriache Anna Maria e Eirini Maria Alexandri (che sono addirittura tre considerando anche la riserva Vasiliki) con 92.6000. Seguono con una manciata di punti di ritardo le greche Sofia Malkogeorgou ed Evangelia Platanioti (quarte con 90.000).
Pre swimmer Alessia Macchi e Susanna Pedotti che sfoggiano cuffie bianco e nere in stile anni ’70 e ricevono 83.0000 punti dalle giurie, che se fossero in gara varrebbero il nono posto davanti alle portoghesi Da Silva e Morais Vieira (80.9667).

SEMPRE TERZE AGLI EUROPEI. Nelle ultime due edizioni dei campionati europei a cui hanno partecipato, Linda Cerruti e Costanza Ferro hanno conquistato la medaglia di bronzo; prima a Londra 2016 e successivamente a Glasgow 2018, mentre a Budapest 2021 la nostra Nazionale ha partecipato con una selezione ridotta. La medaglia d’argento, invece, la conquistarono nelle world series di Budapest 2019.

41 GIORNI FA IN UNGHERIA. Ai mondiali a Budapest, il 23 giugno, Cerruti e Ferro sono arrivate quarte in finale con 91.3333, che alzava notevolmente il 90.5333 del preliminare, dietro alle gemelle ucraine Maryna e Vladyslava Aleksiva (94.1667) e alle gemelle austriache Anna Maria e Eirini Maria Alexandri (92.8000), nella gara stravinta delle cinesi Liuyi Wang e Qianyi Wang (95.5667), campionesse del mondo anche nel tecnico.

PUNTEGGIO RECORD. Linda, 29 anni da compiere il 7 ottobre di Savona e Costanza, 29 compiuti il 5 luglio di Genova, le “gemelle liguri diverse”, il miglior punteggio nel duo free l’hanno ottenuto alle Olimpiadi di Tokyo, dove si sono classificate seste totalizzando 92.4667, ma con musiche e coreografia differenti da quelle attuali. L’esercizio era “La ripartenza”, la coreografia del direttore tecnico Patrizia Giallombardo, e prevedeva un mix di musica tribale "Fear Dont Know My Name" di X Ray Dog e Tulimanu di Te Vaka, il gruppo neozelandese che ha composto le colonne sonore del film Walt Disney "Oceania".

TRE FINALI CHE FANNO SOGNARE. Linda Cerruti per la diciottesima medaglia europea, Giorgio Minisini per il primo urrà da “single”, la squadra degli highlights per la conferma post mondiale. Nel pomeriggio della seconda giornata degli Europei di Roma alla piscina Nicola Pietrangeli nel parco del Foro Italico il Team Italia del nuoto artistico prenota altre due medaglie. Storiche.

Alle 15 c’è la finale del solo tech dove Linda Cerruti, 28 anni di Savona, allenata dal direttore tecnico della Nazionale Patrizia Giallombardo e tesserata con Rari Nantes Savona e Marina Militare, che nel club è seguita anche da Benedetta Parisella, presenta Gift of the Gods, autore Two Steps from Hell & Nick Phoenix con la coreografia di Vlada Chigireva. Si tratta del suo omaggio alla gratitudine e alla più grande preghiera, universale, che si traduce nella parola grazie. Nell’acqua la flessibilità e la tecnica si bilanciano sulle note di “Gift of the Gods". Ai mondiali a Budapest si era classificata quarta con 89.0142 punti.

Alle 16.30 Giorgio Minisini, 26 anni di Roma, allenato anche lui dal direttore tecnico della Nazionale Patrizia Giallombardo e tesserato con Aurelia Nuoto e Fiamme Oro, è chiamato a scrivere un’altra pagina del sincro internazionale nella prima finale europea a livello assoluto del singolo maschile. Il bicampione del mondo del duo mixed, in coppia con Lucrezia Ruggiero, presenta nel suo esercizio tecnico "A Plastic Sea", ispirato dalle parole di David Attenborough, divulgatore scientifico e naturalista britannico, volte a richiamare l'attenzione sull'impatto che l'attività umana ha sugli ecosistemi marini e sul legame che questi hanno con la vita sul nostro pianeta. Con lui, pionieri in questa prima gara della storia, lo spagnolo Fernando Diaz Del Rio e il serbo Ivan Martinovic. Pre swimmer l’azzurro della Nazionale B Edoardo Fantoni.

Alle 17 le dieci ragazze del Dragone, vicecampionesse del mondo, ripropongono l’Highlight Flags of Our Fathers di Rise of Evil del compositore e orchestratore romano Antongiulio Frulio, che ha curato anche le musiche della squadra, con cui hanno stupito a Budapest (92.2667). Il tema del dragone ricorre frequentemente nella mitologia legata alle antiche civiltà, e allude all'eterno conflitto tra luce e ombra. Il drago simboleggia le difficoltà che l'uomo deve superare, allo scopo di superare se stesso. L’impatto scenico è forte. La coreografia è del direttore tecnico Patrizia Giallombardo e del suo staff. Le dieci ragazze sono Domiziana Cavanna, Lida Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino. Riserve Veronica Gallo e Isotta Sportelli. Con loro a contendersi il podio l’Ucraina, oro a Budapest 2022 (95.0333), l’Ungheria (undicesima) e la Francia (assente ai mondiali con questo esercizio).

Foto Pasquale Mesiano / DBM