Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

NomePatrizia Giallombardo

Luogo di nascitaAlbissola Superiore (SV)

Data di nascita19/07/1964

SportNuoto Sincronizzato

Direttore Tecnico della nazionale di nuoto sincronizzato
 
Collaboratrice tecnica delle squadre nazionali dal 1989, è nominata Coordinatrice tecnica nel 2012 e direttore tecnico dopo le Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016. Sposata con l’ex consigliere federale Massimo Zunino, è madre di Mattia. Nella sua carriera di atleta, dai 7 ai 16 anni, ha praticato il nuoto, specialista nei 100 dorso e nei 100 stile libero. Nella sua carriera di allenatrice ha collaborato per tre anni con Giulie Sauvè, direttore tecnico del Canada, e cinque anni con Marina Terrekova, tecnico della nazionale russa. Ha iniziato l’attività di istruttrice di nuoto nel 1982 con l’Amatori Nuoto Savona. Nel 1983 è stata aiuto allenatore di nuoto sotto la guida di Lino Borello. Nel settembre del 1986 ha contribuito alla costituzione del settore nuoto sincronizzato presso la Rari Nantes Savona, ricoprendone i ruoli prima di allenatore e poi di direttore tecnico. Con la Rari Nantes Savona ha vinto otto titoli nazionali di società.
Tra le atlete che ha seguito spiccano i nomi di Serena Bianchi che ha partecipato alle Olimpiadi di Atlanta 1996 e Sydney 2000, di Clara Porchetto e Alice Dominici che hanno preso parte all’Olimpiade di Sydney 2000, di Giulia Lapi finalista olimpica nel duo a Pechino 2008 con Beatrice Adelizzi e qualificata nel duo per Londra 2012 insieme a Mariangela Perrupato, dell'emergente singolista Linda Cerruti - già in vasca agli Europei di Budapest 2010 all'età di 16 anni - e di molte altre atlete di ottimo livello che hanno partecipato alle principali manifestazioni nazionali e internazionali assolute e di categoria.
Sotto la sua guida la squadra nazionale è cresciuta gradualmente, conquistando tre argenti e sette bronzi europei tra Berlino 2014 e Londra 2016, oltre a due bronzi mondiali a Kazan 2015 con Giorgio Minisini nel duo tecnico insieme a Manila Flamini e nel duo libero insieme a Mariangela Perrupato. Il coronamento del lavoro svolto si concretizza alle Olimpiadi di Rio de Janeiro eguagliando i migliori risultati della storia con il sesto posto di Linda Cerruti e Costanza Ferro e il quinto posto nell'esercizio a squadre.
Il nuovo quadriennio si apre con otto medaglie conquistate in altrettante finali alla coppa Europa organizzata a Cuneo, tra cui quattro ori nel duo misto con Giorgio Minisini e Manila Flamini nel tecnico e insieme a Mariangela Perrupato nel libero e in entrambe le routine della squadra. Magico momento, poi, ai mondiali di Budapest 2017 con il primo “storico” oro di Flamini e Minisini nel duo misto tecnico seguito dall’argento, altrettanto importante, dello stesso Minisini assieme alla Perrupato nel duo libero.