Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei Lifesaving. Italia campione d'Europa in piscina

Salvamento
images/large/fin_LI17827.jpg
L’acqua è il nostro habitat, la piscina il campo gara ideale. Nel nuoto come nel salvamento, disciplina nobile che abbina la pratica agonistica al contributo sociale. Le gare in corsia dei campionati europei Lifesaving di Riccione 2019 si concludono nel miglior modo possibile: con l’Italia sul gradino più alto di tutti i ranking dei National Team. Gli azzurri vincono la classifica generale Open con 566 punti e quella Youth con 558, la Open man con 277 e woman con 255, la Youth man con 264 e woman con 259.
Nove medaglie d’oro e il record del mondo open di Lucrezia Fabretti che all’esordio è d’oro nei 100 metri trasporto manichino con pinne in 49”33 e migliora il suo precedente primato, già importante, di 49”87 che aveva nuotato il 28 maggio agli assoluti proprio in questa stessa vasca. Otto medaglie d’argento e cinque di bronzo completano il bottino del giorno e si aggiungono alle 23 medaglie delle due giornate precedenti, comprese le due nella Serc (12, 7, 4).  Mai un inizio così importante da parte dell’Italia degli atleti-soccorritori. Avvio super con sette ori su sette, poi Germania, Spagna e Francia sono rientrate e nella parte centrale della manifestazione si è dovuto stringere i denti. Poi il gran finale con tre vittorie su quattro nei 200 super lifesaver e tre su quattro nella staffetta mista hanno ridato slancio alla scalata azzurra verso il tetto d'Europa.
Nelle classifiche generali Open e Youth la Germania è seconda rispettivamente con 465 e 501 punti. Lunedì e martedì trasferimento in mare, ai Bagni 7 sul lungomare che porta a Misano, per le prove oceaniche. Inizio gare alle 8.30.     
 
Finali day2 – 22 settembre – vincitori e azzurri
 
100 manichino con pinne Youth F
1. Nina Holt (GER) 54”27
5. Valentina Pasquino 57”01
6. Alessia Cappai 58”21
100 manichino con pinne Youth M
1. Marco Hetfeld (GER) 45”97
2. Andrea Vivalda 47”12
3. Davide Belcastro 48”32
100 manichino con pinne Open F
1. Lucrezia Fabretti 49”33 RM
precedente già suo con 49”87 del 26 maggio 2019 a Riccione
3. Samantha Ferrari 52”32
100 manichino con pinne Open M
1. Jan Malkowski (GER) 44”44
2. Andrea Piroddi 46”28
3. Andrea Niciarelli 47”21
 
50 manichino Youth F
1. Nina Holt (GER) 35”32
5. Livia Elisa Fiori 36”56
6. Helene Giovannelli 36”76
50 manichino Youth M
1. Joshua Gammon (GBR) 31”10
2. Alessandro Marchetti 31”93
5. Mattia Faccinti 32”30
50 manichino Open F
1. Zara Williams (GBR) 34”13
6. Lucrezia Fabretti 35”77
7. Francesca Cristetti 36”03
50 manichino Open M
1. Danny Wiek (GER) 28”40
2. Mauro Ferro 28”55
4. Daniele Sanna 29”38
 
4x25 manichino Youth F
1. Germania 1’24”93 RMJ
precedente Sergio De Gregorio 1’25”05, 15/7/18 a Roma
2. Spagna 1’26”01
3. Italia 1’26”13
V. Pasquino, Fiori, Giovannelli, F. Pasquino
4x25 manichino Youth M 
1. Italia 1’12”22
Vivalda, Faccinti, Marchetti, Caserta
4x25 manichino Open F
1. Francia 1’19”99
5. Italia 1’27”38
Cristetti, Ferrari, Fabretti, Meschiari
4x25 manichino Open M
1. Italia 1’05”14
Ferro, Ippolito, Piroddi, Sanna
 
200 super lifesaver Youth F
1. Bo Van Den Plas (BEL) 2’31”25
2. Francesca Pasquino 2’32”30
3. Livia Elisa Fiori 2’32”82
200 super lifesaver Youth M
1. Giovanni Caserta 2’14”16
5. Alessandro Marchetti 2’19”91
200 super lifesaver Open F
1. Silvia Meschiari 2’23”10
2. Samantha Ferrari 2’26”58
200 super lifesaver Open M
1. Federico Gilardi 2’04”72
2. Daniele Sanna 2’08”38
 
4x50 mista Youth F
1. Italia 1’42”12
Giovanelli, V. Pasquino, F. Pasquino, Cappai
4x50 mista Youth M
1. Italia 1’31”11
Caserta, Vivalda, Marchetti, Belcastro
4x50 mista Open F
1. Italia 1’39”58
Cristetti, Fabretti, Meschiari, Volpini
4x50 mista Open M
1. Germania 1’26”99
2. Italia 1’29”48
Ippolito, Niciarelli, Ferro, Piroddi
 
 
Foto Giorgio Scala/Deepbluemedia.eu