Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali U20M. Italia in semifinale. Spagna ko ai rigori

Pallanuoto
images/large/PHOTO-U20m.jpg

L'Italia batte la Spagna ai rigori e approda in semifinale, dove sabato 4 settembre alle 19.30 affronta il Montenegro che ha superato gli Stati Uniti 17-5. A Praga finisce 11-9 per gli azzurrini di Alberto Angelini, dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sul 7-7 con le triplette di Iocchi Gratta e Ferrero (per ciascuno due gol dei tre su rigore) e il gol di Condemi. Ai tiri di rigore ancora protagonisti Iocchi Gratta e Ferrero, insieme a Occhione e Mladossich che segna il gol decisivo. La Spagna paga gli errori di Ponferrada (palo) e Casabella Nelles (parato).

La partita. L'Italia va sotto al primo affondo spagnolo ma non si intimorisce ed anzi si porta in vantaggio con il gol di Iocchi Gratta e il penalty trasformato da Ferrero. Il primo tempo si chiude in parità (Ramon segna il 2-2). Si riparte e al minuto 4'24" c'è il nuovo vantaggio azzurro con Condemi; stavolta è la Spagna a reagire subito e realizzare il controsorpasso in tre minuti. Valls Ferrer e Ramon per il 4-3 iberico. Il pareggio istantaneo di Ferrero in apertura di terza frazione fa alzare in piedi tutta la panchina azzurra. La Spagna rimette la calottina avanti e l'Italia replica ancora con il capitano Ferrero su rigore (5-5). Sempre dai cinque metri gli azzurri hanno l'opportunita di tornare in vantaggio a tre minuti dalla sirena ma stavolta Ferrero tira centrale e il portiere Unai Aguirre blocca facilmente. Spagna di nuovo avanti con Valls Ferrer a 1'33" da giocare e Italia che colpisce tre volte i pali nell'ultima azione in superiorità che chiude il terzo tempo (6-5 Spagna). Al terzo minuto del quarto tempo l'Italia guadagna il quarto rigore (fallo del portiere): ai cinque metri va Iocchi Gratta che fa 6-6. La Spagna è veloce nel far girare la palla in attacco ma la difesa azzurra è attenta nelle coperture e negli anticipi. A 2'30" dalla fine Iocchi Gratta realizza il quinto rigore guadagnato dalla squadra di Aberto Angelini, che quando riparte mette sempre in difficoltà gli spagnoli. Inizia l'ultimo minuto: palla alla Spagna e time out con l'uomo in più. A 32" dalla fine Ponferrada realizza il 7-7. Fallo in attaco per l'Italia all'ultimo tentativo e si va ai rigori. Sbaglia subito la Spagna con Pnferrada che colpisce il palo. L'Italia si porta in vantaggio con Iocchi Gratta e lo mantiene fino alla fine, grazie anche alla parata di Spinelli sulla conclusione di Casabella Nelles.    
    
Vai al tabellino della partita. 

Regolamento. Partecipano diciotto squadre divise in due gironi da cinque (A e B) e due da quattro squadre (C e D).  Le prime classificate accedono direttamente ai quarti (3 settembre);  le seconde e le terze si incrociano agli ottavi di finale (2 settembre); le quarte e le quinte si sfideranno per le posizioni che vanno dalla 13esima alla 18esima. Semifinali il 4 settembre e finali il giorno successivo.

Prima fase

Girone A: Italia, Croazia, Uzbekistan, Russia, Argentina
Girone B: Spagna, Serbia, Usa, Slovacchia, Repubblica Ceca
Girone C: Brasile, Ungheria, Germania, Egitto
Girone D: Grecia, Sud Africa, Montenegro, Kazakistan

Le partite del girone A

28 agosto
Uzbekistan-Russia 1-38
Croazia-Argentina 20-7

29 agosto
Argentina-Uzbekistan 30-7
Italia-Croazia 12-13 (2-3, 3-2, 5-2, 2-6)

30 agosto
Russia-Argentina 12-5
Uzbekistan-Italia 1-40 (0-9, 0-7, 1-13, 0-13)

31 agosto
Italia-Russia 9-9 (1-2, 2-4, 4-0, 2-3)
Croazia-Uzbekistan 31-1

1 settembre
Russia-Croazia 5-13
Argentina-Italia 8-15 (2-4, 3-2, 1-5, 2-4)

Classifica: Croazia 8, Italia e Russia 5*, Argentina 2, Uzbekistan 0.
*azzurri secondi per miglior differenzale contro la prima

2 settembre - Ottavi di finale
Italia-Sudafrica (45) 18-3 (5-0, 3-2, 4-1, 6-0) 
Serbia-Brasile (46) 15-5
Russia-Grecia (47) 7-11
Stati Uniti-Germania (48) 10-8

3 settembre - Quarti di finale
(55) Croazia-Serbia 10-12
(56) Spagna-Italia 9-11 dtr (7-7 - 2-2, 2-1, 2-2, 1-2)
(57) Ungheria-Grecia 11-9
(58) Montenegro-Stati Uniti 17-5

4 settembre - Semifinali
ore 18.00 Serbia-Ungheria
ore 19.30 Italia-Montenegro

5 settembre - Finali
3/4 posto ore 16.30
1/2 posto ore 19.30

CONVOCATI AZZURRI. Tommaso Gianazza (AN Brescia), Francesco Cassia, Francesco Condemi, Andrea Condemi, Filippo Ferrero, Lorenzo Giribaldi (CC Ortigia), Jacopo Parrella e Roberto Spinelli (CN Posillipo), Andrea Mladossich (Pallanuoto Trieste), Alessio Caldieri, Nicolò Darold, Matteo Iocchi Gratta e Andrea Patchaliev (RN Savona), Andrea Tartaro (Roma Nuoto) e Davide Occhione (Sport Telimar). Nello staff, con il tecnico responsabile Alberto Angelini, gli assistenti Alessandro Calcaterra e Daniele Cianfriglia, il fisioterapista Angelo Carbone e il medico Vincenzo Ciaccio.

Vai al sito ufficiale della FINA