Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Sardinia Cup. Italia-Russia 16-9 verso le Olimpiadi

Pallanuoto
images/large/AND_8197.jpeg

L'Italia batte la Russia 16-9 (parziali 4-1, 3-2, 5-2, 4-4) nella partita che chiude la Sardinia Cup alla piscina "Giambattista Sicbaldi" di Cagliari, ultimo torneo ufficiale prima dell'esordio alle Olimpiadi di Tokyo in programma il 25 luglio contro il Sud Africa. Il cittì Campagna ripropone Alesiani nei 13 al posto del mancino Echenique, ancora a riposo precauzionale per un leggero risentimento ed in festa per il successo dell'Argentina in Coppa America contro il Brasile. I campioni del mondo, sempre avanti, alimentano gradualmente il vantaggio (5-1, 7-2, 10-4, 12-5) mandando in gol capitan Figlioli (4), Di Fulvio e Bodegas (3), Luongo (2), Nicholas Presciutti, Renzuto Iodice, Figari e Dolce.

Italia-Russia 16-9
Italia: Del Lungo, Di Fulvio 3, Luongo 2, Figlioli 4, N. Presciutti 1, Velotto, Renzuto Iodice 1, Alesiani, Figari 1, Bodegas 3, Aicardi, Dolce 1, Nicosia. All. Campagna.
Russia: Kostrov, Suchkov 1, Kiselev, E. Vasilev 1, Stepanov, Krug 2, Merkulov 1, I. Vasilev 1, Bychkov, Kholod 3 (1 rig.), Sheikin, Shepelev, Chirkov. All. Evstigneev.
Arbitri: Galkin (Rus) e Peris (Cro)
Note: parziali 4-1, 3-2, 5-2, 4-4. Uscito per limite di falli Sheikin (R). Superiorità numeriche: Italia 6/13, Russia 4/7 + un rigore.

La cronaca. L'Italia sblocca il risultato con un diagonale di Renzuto Iodice, servito sull'esterno da Velotto. Fallisce due superiorità numerica e subisce il pari con una conclusione di Merculov deviata in rete dalla difesa. Colpo fortunato, subito annullato da Figari e Luongo in più (2/4) e da Figlioli in mischia sotto porta, che portano gli azzurri sul 4-1 prima della chiusura del tempo.
Con un bordata sulla testa di Kostrov, in apertura di secondo parziale, Di Fulvio allunga ulteriormente il break (4-0), fermato da Kholod, che riporta in gol la Russia per il 5-2 (1/3). Ma la replica è immediata grazie a Di Fulvio, che si prende spazio sotto porta prima di girare in rete, e a Luongo, che con una palomba supera il portiere attratto da Bodegas che invece serve l'assist spalle alla porta. Poi Krug riduce due volte lo svantaggio (7-4) a cavallo del cambio campo, però Figlioli, in entrata, Presciutti dal perimetro e Bodegas in superiorità numerica segnano (3/6) il +6 per il Settebello (10-4). Kholod riduce momentaneamente il gap in extraman (2/5), emulato da Di Fulvio (4/8) e Bodegas (5/10) per il 12-5 che porta al quarto tempo.
Ivan Vasilev e Bodegas aprono le marcature negli ultimi 8 minuti. Poi Egar Vasilev accorcia di nuovo in superiorità numerica (3/6) ripreso da Figlioli (6/12). Kholod spiazza Del Lungo su rigore; pali e traverse frenano il ritorno degli azzurri che comunque impattano con Dolce. La chiudono Suchkov in superiorità numerica e Figlioli con un perfetto diagonale a fil di sirena per il 16-9.

Il commento del cittì Sandro Campagna: "Mancano due settimane all'esordio. Non vediamo l'ora, ma siamo consapevoli di dover lavorare ancora molto per perfezionare il nostro gioco. Questo torneo è stato importante per verificare la nostra preparazione e acquisire ulteriori informazioni. Questo è il periodo più buio per i carichi di lavoro. Però la squadra è talentuosa e determinata. Abbiamo aperto una giornata molto importante per lo sport italiano e invio l'in bocca al lupo a Matteo Berrettini e alla nazionale di calcio. Speriamo che il cielo di Londra si tinga di azzurro".

foto di Andrea Chiaramida. Consentito l'uso editoriale citando il credit.