Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League. Francia-Italia 8-13, ok Sparano e Bianconi

Pallanuoto
images/large/finas5_5331_20200115_1278074081977777700.jpg

Un’Italia determinata, bella e convincente supera 13-8 la Francia, a Montreuil, nel terzo impegno della prima fase della World League. Per la nazionale di Paolo Zizza, trascinata dalla tripletta di Bianconi e dalle parate di Sparano, un successo prezioso e che trasmette la giusta carica in vista del torneo di qualificazione di olimpica di Trieste (8-15 marzo), dove incontreranno proprio le transalpine nel girone preliminare mercoledì 11. Quarta giornata della World League in programma invece il 24 marzo con il Setterosa che sarà impegnato a Budapest contro l'Ungheria. 

Francia-Italia 8-13
Francia: Gaal, Millot, Bachelier 2, Heurtaux, Guillet 1, Mahieu 1, Dhalluin 1, Battu, Deschampt, Radosavljevic, Clerc, Daule 3, Derenty. All. Bruzzo
Italia: Sparano, Tabani 2, Garibotti 2, Avegno 2, Queirolo 2, Aiello, Marletta, Bianconi 3, Emmolo, Palmieri 1, Chiappini 1, Viacava, Banchelli. All. Zizza
Arbitri: Debreceni (Hun) e Sanadze (Geo)
Note: parziali 3-3, 1-4, 2-3, 2-3. Superiorità numeriche: Francia 3/7 e Italia 2/9 +3 rigori. Spettatori 200 circa. In porta Derenty (F). Derenty (F) para un rigore a Garibotti a 7'55 del primo tempo e a Bianconi a 6'30 del secondo tempo. Garibotti fallisce un rigore a 4'00 del terzo tempo (palo).

La partita. Le prime sette in acqua sono Sparano, Palmieri, Bianconi, Queirolo, Garibotti, Chiappini e Viacava. Sparano subito pronta sulle conclusioni di Guillet e Mahieu. Il Setterosa si sveglia e allunga con Queirolo (perimetro) e il tap-in di Palmieri. Sparano è ancora super su Radosavljevic, e poi imbecca perfettamente Queirolo che in ripartenza fa 3-0. Guillet da distanza ravvicinata sblocca le transalpine che tornano in scia con Daule (zona quattro) che sigla il 3-2. Bachelier, con una bella conclusione, sul angolo lungo fissa il 3-3. Derenty si conferma para rigori e dai cinque metri ipnotizza Garibotti e il 3-3 chiude la frazione iniziale.
Si riparte con Garibotti che si fa immediatamente perdonare, fissando il 4-3 con un tocco morbido dai quattro metri. Azzurre che tornano a spingere sull'acceleratore e sul +2 con la saetta di Bianconi per il 5-3. Sparano, in serata di grazia, è strepitosa su Maillot. Poi il botta e risposta in extraplayer tra Bachelier e Tabani che vale il 6-4. Bianconi concede il bis e con un altro fendente, tutto potenza e precisione, porta il punteggio sul 7-4. Derenty para il secondo rigore consecutivo, questa volta a Bianconi, e si va all'inversione di campo sul 7-4 per l'Italia.
Setterosa che mantiene alta la concentrazione e vola sul +5 con Chiappini che capitalizza alla perfezione un assist di Marletta e la controfuga di Avegno (9-4). Le Bleus riprendono a ruggire e superano Sparano in extraplayer con Mahieu e Daule (9-6). Garibotti fallisce un altro rigore: questa volta è il palo a dirle di no. Successivamente Bianconi con la specialità della casa, il tiro dal perimetro, fissa il 10-6 che spegne le velleità delle transalpine e che conclude il terzo parziale.
Il quarto periodo si apre con il bel diagonale di Daule dai sette metri (10-7) e il meraviglioso tocco morbido di Garibotti da posizione due (11-7). Sempre Garibotti trova libera Tabani che a tu per tu con Derenty non può fallire il 12-7. Le azzurre dilagano e si portano sul +6 con Avegno (ripartenza). Dhaullin sorprende Sparano sul primo palo e firma il 13-8. Poi calano i ritmi, il Setterosa non corre più rischi e il punteggio resta invariato.

Le parole del commissario tecnico Paolo Zizza. "Ho avuto ottime risposte da parte della squadra. Molto bene la fase difensiva, c'è da rivedere invece qualcosa in attacco: abbiamo gestito male alcune superiorità numeriche. Abbiamo affrontato un avversario di livello, in crescita costante e che ci ritroveremo difronte al torneo di qualficazione olimpica: sono soddisfatto per il momento. Da domani torneremo a pensare a Trieste".

Le parole di Loredana Sparano. Calottina numero 1. "Sono molto contenta della mia prestazione ma soprattutto di quella di tutta la squadra: abbiamo difeso molto bene questa sera, concedendo poco alla Francia. Adesso dobbiamo fare un ultimo sforzo per presentarci nel migliore dei modi a Trieste e conquistare il pass olimpico: vogliamo raggiungere il nostro sogno".


Le azzurre in Francia.
 Queste le convocate: .Elisa Queirolo (Plebiscito PD), Rosaria Aiello, Arianna Garibotti e Giulia Emmolo (Fiamme Oro/L'Ekipe Orizzonte), Giulia Viacava, Valeria Palmieri e Claudia Marletta (L'Ekipe Orizzonte), Roberta Bianconi (Fiamme Oro/Kally NC Milano), Caterina Banchelli (RN Florentia), Chiara Tabani, Silvia Avegno, Izabella Chiappini e Loredana Sparano (SIS Roma). Completano lo staff l'assistente tecnico Mauro De Paolis, la team manager Barbara Bufardeci, il medico Matteo Catananti e la fisioterapista Simona Tozzetti. 

In cinque ad Ostia. Agnese Cocchiere (Plebiscito PD), Giulia Gorlero (Fiamme Oro/L'Ekipe Orizzonte), Carla Carrega (Kally NC Milano), Sofia Giustini (Rapallo PN) e Domitilla Picozzi (SIS Roma) proseguiranno la preparazione in vista del torneo preolimpico di Trieste (8-15 marzo) al Centro Federale di Ostia fino al 26 febbraio. Le cinque azzurre saranno seguite dal tecnico Marco Manzetti, dal preparatore atletico Simone Contini e dalla psicologa Flavia Sferragatta.

LA FRANCIA. Obiettivo essere al top per le Olimpiadi di Parigi 2024. Non particolarmente ricca la storia della nazionale di pallanuoto femminile: due bronzi europei (a Strasburgo 1987 e Bonn 19898), il nono posto come miglior piazzamento a un campionato del mondo e nessuna partecipazione olimpica. Nessun precedente nei campionati del mondo tra Francia e Italia, mentre tra Europei, World League, World Cup ed Europa Cup si sono incontrate 25 volte: ventidue vittorie azzurre e solo tre per le blues. L'ultimo successo transalpino risale agli Europei di Bonn 1989, quando l'Italia fu sconfitta 10-9 dopo i tempi supplementari nella finale per il bronzo. Ultima vittoria del Setterosa il 18-6 nella fase a gironi dei campionati continentali di Budapest lo scorso 19 gennaio. Le due squadre si incontreranno poi il prossimo 11 marzo nella fase preliminare del torneo preolimpico di Trieste (8-15 marzo).

World League. Formula della fase europea della World League. Girone unico a 7 squadre con partite di sola andata. Le prime tre classificate si qualificheranno alla Super Final in programma dal 9 al 14 giugno. Nel caso in cui una delle tre organizzasse la fase finale si qualificherebbe anche la quarta classificata. Il torneo intercontinentale che qualificherà alla finale ulteriori quattro squadre extraeuropee si giocherà dal 28 aprile al 3 maggio. 
 
Calendario fase europea
12 novembre: Spagna-Francia 18-1, Grecia-Ungheria 5-9, Italia-Russia 14-9
19 novembre: Francia-Russia 9-13, Spagna-Ungheria 11-10 dtr, Italia-Olanda 14-16
17 dicembre: Russia-Ungheria 9-12, Francia-Olanda (rinviata), Spagna-Grecia 16-12
25 febbraio: Ungheria-Olanda 12-7, Russia-Grecia 12-9, Francia-Italia 8-13
24 marzo: Olanda-Grecia, Ungheria-Italia, Russia-Spagna
21 aprile: Grecia-Italia, Olanda-Spagna, Ungheria-Francia
28 aprile: Italia-Spagna, Grecia-Francia, Olanda-Russia

Vai al sito ufficiale della FINA