Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Sabato, 21 Luglio 2018

Europei. Italia-Francia 11-3, ora l’Ungheria

Il Setterosa termina il preliminare, battendo la Francia per 11-3 (parziali 3-1, 2-1, 2-0, 4-1) e si piazza al terzo posto nel girone vinto dall'Olanda, vice campione in carica, che nell'ultimo incontro batte la Grecia 8-7 e vince il raggruppamento. L'avversaria delle azzurre nei quarti di finale, in programma lunedì, sarà l’Ungheria campione d’Europa, seconda del gruppo B per effetto del successo della Spagna, vice campione del mondo, sulla Russia, bronzo olimpico e mondiale, per 12-11.
Dopo le facili vittorie con Israele (21-2) e Croazia (24-3), la sconfitta con la Grecia (7-6) e il pareggio con l'Olanda (6-6), il successo maturato contro  le transalpine pone in evidenza l'attenzione sull'equilibrio difensivo, che continua a garantire un alto rendimento, e sui movimenti in attacco per facilitare la finalizzazione, ancora migliorabile come nei momenti topici dei confronti con elleniche e vice campionesse continentali malgrado l'evidente mole di gioco e occasioni prodotti. 
La Francia era arrivata al confronto con le azzurre segnando 35 gol e subendone 43: settima percentuale di efficienza del torneo (32,1%) e di difesa (66,6%), a dimostrazione del miglioramento prestativo delle transalpine comunque sempre battute nei recenti scontri diretti.
L'Italia la inchioda sull'1/9 in superiorità numerica e senza segnare per 16 minuti. 
  
La cronaca. La partita è sempre condotta dall'Italia, avanti con Tabani dopo pochi secondi e sul 2-0 con una controfuga finalizzata da Queirolo che segue due parate sicure di Gorlero. Le transalpine tornano sotto con Millet che trasforma la terza superiorità numerica (1/3), ma risponde Avegno per l'1/2 in più che chiude il parziale sul 3-1. Emmolo in superiorità numerca (2/4) e Garibotti dal perimetro alimentano il vantaggio a metà secondo tempo, prima che Daule accorci per il 5-2 del cambio campo. Il ritmo resta piuttosto basso, come il punteggio che premia le difese spesso vincenti nel duello in inferiorità (Francia sul 25%, Italia al 33%). Nel terzo tempo le azzurre salvano altre tre azioni in meno (1/7) e se ne vanno. Garibotti segna prima in diagonale, poi in più (3/7), quindi per l'8-2 di inizio quarto parziale. Successivamente Queirolo alza la media in superiorità per il 9-2 (4/10) ed Emmolo segna la seconda controfuga. Il massimo vantaggio lo realizza Bianconi per l'11-2 (5/11). La Francia torna al gol con una beduina di Mahieu dopo 16 minuti.  
 
Il tabellino di Francia-Italia 3-11
Francia: Chabrier, Millot 1, Bachelier, Barbieux, Guillet, Mahieu 1, Valverde, Battu, Deschampt, Bacquet, Paullat, Daule 1, Derenty. Coach Bruzzo.
Italia: Gorlero, Tabani 1, Garibotti 4, Avegno 1, Queirolo 2, Aiello, Picozzi, Bianconi 1, Emmolo 2, Palmieri, Gragnolati, Dario, Lavi. Coach Conti.
Arbitri: Toygarli (Tur) e Varkonyi (Hun).
Note: parziali 1-3, 1-2, 0-2, 1-4. Uscite per limite di falli Daule (F) a 7'52 del secondo tempo e Picozzi (I) a 7'21 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Francia 1/9, Italia 5/11. La Francia schiera il portiere Derenty. 
 
Le dichiarazioni del cittì Conti: "Siamo nel secondo anno del quadriennio e stiamo costruendo in previsione futura. La squadra è tutta da amalgamare; ha sfiorato i successi con Grecia e Olanda e se la giocherà alla pari con qualunque avversario capiterà nei quarti di finale. Non mi ricordo tante volte in cui l'Italia ha vinto il girone europeo; invece ricordo grandi battaglie ai quarti di finale, partite epiche. Saremo pronti". 
 
Le dichiarazioni di Tabani: "La partita con la Francia è stata molto importante per la squadra. Siamo entrate cattive, agguerrite. Perché sappiamo che lunedì è da dentro/fuori. Conta solo questo. Quindi ci abbiamo messo intensità in difesa e attenzione in attacco. Vogliamo arrivare in fondo. Tutte ci crediamo. Lo spirito è giusto. L'indicazione del girone è che non si può mai mollare, neanche un secondo. Sempre cattive e pronte a compiere un passo in più".
 
Le dichiarazioni di Picozzi: "Siamo state molto aggressive perché era l'ultima partita prima dei quarti di finale ed è importante arrivarci con l'adrenalina giusta. Il quarto, a prescindere dall'avversario, sarà una partita molto fisica, difficile, equilibrata. Daremo tutto. Con Grecia e Olanda abbiamo lasciato qualcosa per strada; non succederà più e potrebbe essere decisivo".
  
foto di Andrea Staccioli (insidefoto.com - deepbluemedia.eu)

Ultimi 4 articoli PALLANUOTO