Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Venerdì, 20 Luglio 2018

Europei. Georgia-Italia 3-14, ora i quarti

Tre su tre. Il Settebello archivia in scioltezza l'ultimo incontro del girone A in attesa del quarto di finale che si dovrebbe giocare alle 22:00 di martedì 24 luglio (possibile la modifica dell'orario per esigenze televisive). La giornata si completa con il pareggio 4-4 tra Ungheria e Germania: magiari secondi per migliore differenza reti, tedeschi terzi. 
La Georgia, sconfitte tre volte all'europeo nelle ultime tre edizioni continentali (15-5, 21-1 e 14-3), si dimostra un test probante ed allenante soprattutto sotto il profilo fisico. Spazio anche al secondo portere Nicosia, in vasca nel terzo e quarto tempo di una difesa ancora eccellente, che stoppa ben sedici dei diciannove tiri avversari (tre gol, due in superiorità numerica).
La partite vive di fiammate. Al 
primo affondo capitan Figlioli dà il via alle danze (1-0). Bodegas raddopia in extraman alzandosi e tirando dai due metri; poi 4 attacchi sbagliati (due extraman) prima della rete di Presciutti che chiude il parziale. Renzuto da fuori e Bodegas (doppietta in superiorità) portano sul 5-0; poi Molina riporta sopra al 50% la statistica in più (3/5), prima che Rurua timbri il primo gol georgiano su rigore (fallo grave di Gallo) dopo 12 minuti di gioco (1-6).
Più vivace la ripresa con il portiere Nicosia che dà fiato a Del Lungo, sinora sempre presente, e 
subisce subito l'extraman di Rurua (doppietta), primo gol con l'uomo in più dei caucasici (1/3). Dopo un tempo a secco riprende il break azzurro con Velotto in controfuga, Molina dai due metri (doppietta), Presciutti (doppietta) in più (4/7) e la doppietta Di Fulvio in controfuga e su rigore che chiude il terzo tempo sull'11-2. Il divario aumenta con la doppietta di Figlioli e il quinto extraman di Bertoli (5/8), la controfuga di Velotto (doppietta); la seconda superiorità (2/5) di Magrakvelidze chiude le ostilità sul 14-3. 
 
foto di Andrea Staccioli / insidefoto.com - deepbluemedia.eu
 
Tabellino di Georgia-Italia 3-14
Georgia: Shubladze, Kavtaradze, Tsrepulia, Imnaishvili, Bitadze, Jelaca, Jakhaia, Baghaturia, Rurua 2 (1 rig.), Gegelashvili, Magrakvelidze 1, Meskhi, Razmadze. Coach Chomakhidze.
Italia: Del Lungo, F. Di Fulvio 2 (1 rig.), Molina Rios 2, Figlioli 2, A. Fondelli, Velotto 2, Renzuto Iodice 1, Gallo, N. Presciutti 2, Bodegas 2, Echenique, Bertoli 1, Nicosia. Coach Campagna.
Arbitri: Ivanovski (Mne) e Buch (Esp).
Note: parziali 0-3, 1-3, 1-5, 1-3. Espulso con sostituzione Renzuto Iodice (I) a 4'34 del quarto tempo. Uscito per limite di falli Baghaturia (G) a 6'05 del terzo tempo. Ammonito per proteste il coach Chomakhidze (G) a 7'50 del terzo tempo. Superiorità numeriche: Georgia 2/5 + un rigore trasformato, Italia 6/9 + un rigore trasformato. La Georgia inizia col portiere Razmadze; Nicosia (I) sostituisce Del Lungo all'inizio del terzo tempo.
 
Le dichiarazioni di Campagna. "Siamo partiti bene. Prima 3-0, poi 6-0. Quindi ci siamo impigriti in attacco. Allora ho detto ai ragazzi che questa partita ci serviva per allenare l'intensità perchè stare quattro giorni fermi ci consentirà di recuperare energie mentali, ma può essere pericoloso dal punto di vista fisico. Dal terzo tempo abbiamo giocato meglio, più sciolti in attacco con delle belle controfughe. Abbiamo compiuto dei movimenti molto buoni che mi sono venuti in mente durante il gioco e che ci seviranno per migliorare".
  
Le dichiarazioni di Bertoli. "Il risultato poteva sembrare scontato, ma ci abbiamo messo cuore ed intensità. Il mister è sempre bravo a tenerci sulla corda e a stimolarci tenendo alta la tensione. Questi tre gioni ci serviranno per recuperara le energie e preparare con attenzione il quarto di finale".
 
Le dichiarazioni di Fondelli. "Personalmente mi metto a disposizione della squadra sia in attacco sia in difesa. Serve essere poliedrici nella pallanuoto moderna, mi piace esserlo e farlo al meglio. L'Ungheria resterà sempre una bella vittoria e una bella pagina di pallanuoto azzurra, ma ormai è il passato. Bisogna pensare a ciò che dobbiamo compiere. Desideriamo migliorare il risulato di due anni fa". 

Ultimi 4 articoli PALLANUOTO