Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Barelli all'Adnkronos: Sostegno dal governo o si chiude

Federazione
images/large/_ass0282_20200905_1606574314.jpg

"Non ci sono più, se mai ci fossero stati, i presidenti di mano destra, quelli che mettono mano al portafoglio per far andare avanti le società sportive. Noi siamo un servizio per il paese" e con il Covid "si è visto quanto sia importante l'attività motoria di base: ora ci servono subito 3-400 milioni a fondo perduto altrimenti le società sportive chiudono". Paolo Barelli, rieletto sabato scorso per un altro mandato - il sesto - alla guida della Federnuoto, parte alla carica e mette da subito in mora il governo: "Nella riforma dello sport - dice conversando con l'Adnkronos - è stato completamente omessa la parte sulle società sportive, si è ragionato solo in termini di mandati. Magari serviva uno slogan da spendere politicamente, e questo lo lasciamo volentieri alla politica. Il tema invece è valorizzare assolutamente il ruolo delle società sportive, è il punto centrale, altrimenti sono tutte chiacchiere. L'ossatura dello sport nel nostro paese sono le società sportive, soprattutto quelle dilettantistiche". "I nostri impianti vanno ad acqua calda e cloro, se non ci sono i soldi per pagare le bollette le piscine chiudono, questo deve essere chiaro. Già con il 30-40% in meno di iscritti le bollette non si possono pagare più. E dei circa 2 miliardi che servono allo sport nel suo complesso, a noi servono tra i 300 e i 400 milioni, abbiamo fatto i conti. Poi ai grandi campioni come Pellegrini, Paltrinieri, Setterosa e Settebello ci pensiamo noi: è al resto che il governo deve pensare". "Le società sono il presidio per l'attività motoria e sportiva, e la riforma del governo - ribadisce Barelli - non tocca questo argomento, invito il governo a riflettere. Che poi vengano dal recovery fund o altro non importa, bisogna mettere mano al portafoglio: le società sono alla canna del gas. Noi forniamo un servizio al Paese, e il Paese ora deve ricordarsene: è arrivato il momento".

foto DBM / In caso di riproduzione è necessario citare autore e fonte. Vietati ridistribuzione e vendita.