Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Giovedì, 08 Dicembre 2016

Mondiali. Fede quinta, Dotto e Di Pietro finale

Terza giornata di finali al WFCU Centre di Windsor, sede dei mondiali in vasca corta. Si rituffa in vasca Federica Pellegrini che è quinta nei 100 stile libero in 52"43 (25"66), nella gara vinta da Brittany Elmslie, staffettista australiana specializzata nella velocità e olimpionica a Londra con la 4x100 stile libero, prima al tocco in 51"81. Seconda l'esperta Ranomi Kromowidjojo, velocista olandese doppio oro olimpico di Londra 2012 dei 50 e 100 stile libero, iridata in corta a Dubai 2010 e terza due anni fa a Doha, che chiude in 51"91. Bronzo per la "reginetta" di casa Penny Oleksiak, classe 2000, e rivelazione delle olimpiadi di Rio dove si è imposta nei 100 stile libero, al tocco in 52"02. "Sapevo che per andare a podio bisognava scendere sotto i 52" e in questo momento non ce l'ho - commenta a caldo la campionessa di Spinea che dopo lo splendido oro nei 200 stile libero, si è regalata per la prima volta una finale nella prova "regina " della velocità - però sono contenta, perchè è la mia prima finale nei 100 e questa gara mi piace molto. La vorrei finalizzare per il futuro. Ora sono concentrata sul lavoro nella distanza doppia. Sono contenta per Ranomi (Kromowidjojo, ndr) perchè è quasi una mia coetanea ed è bello vederla ancora lottare per il podio dopo tanti anni passati insieme in competizioni internazionali". Ora due giorni di riposo per la ventottenne allenata da Matteo Giunta, primatista italiana con il 52"17 nuotato in coppa Brema ad aprile, che rinuncia ai 400 stile libero per la staffetta 4x100 mista che chiuderà il programma dei campionati domenica prossima.
Fabio Scozzoli invece rinuncia alla seconda semifinale dei 100 misti, preferendo gareggiare nella finale della staffetta 4x50 mista mista che due anni fu di bronzo. E in effetti il terzo posto era arrivato dopo una gara tutta in salita con Scalia, Scozzoli, Di Pietro e Dotto. Il veneto di Camposampiero aveva rimontato come un forsennato chiudendo in 20"32 (1'38"31), prima di scoprire che il suo cambio era stato anticipato di 0.11 centesimi. A qel punto la squalifica era automatica (la tolleranza è di 0.03 centesimi) e dunque il sogno sfumava come neve al sole. Vincono, manco a dirlo, gli Stati Uniti che chiudono col record dei campionati in 1'37"22. Secondo il Brasile con 1'37"74 e terzo il "ripescato" Giappone con 1'38"45. 

SEMIFINALI. Accedono entrambi in finale col terzo crono i due azzurri impegnati nelle semifinali. Luca Dotto si migliora di ventuno centesimi rispetto al mattino e chiude i 50 stile libero in 21"29 avvicinando di quattro centesimi il suo personale. "Sono contento, ho fatto una bella gara - racconta il ventiseienne allenato da Claudio Rossetto, che ha come best l'ottavo posto di Dubai 2010 e che due anni fa a Doha uscì in batteria - ho preso un po' di onde in virata, però come velocità espressa va molto bene e la partenza stavolta è stata giusta. Ora vediamo domani, i 50 stile libero sono una roulette russa e il risultato finale è sempre imprevedibile. Devo rimanere concentrato e non fare errori per cercare di migliorarmi e magari arrivare intorno ai 21 secondi. In finale mi serve una gran bella virata e poi ci divertiremo". Guida il gruppo il russo Vladimir Morozov, argento nei 100 rana e campione iridato a Istanbul 2012, con 21"05. Secondo l'outsider lituano Simonas Billis, ottavo alle olimpiadi di Rio nella specialità, che tocca in 21"15.
Peggiora di tredici centesimi il tempo del mattino, ma centra l'ingresso in finale Silvia Di Pietro che chiude in 25"50 i 50 farfalla: "Ho sbagliato un sacco di cose, ma sono in finale e questo è quello che conta - dichiara la romana primatista italiana in 25"22, già doppio argento nella 4x100 sl e 4x50 mista - purtroppo è un tempaccio. Stamattina ho fatto molto meglio. Ho bucato qualche bracciata e fatto altre imperfezioni. Spero in finale di ritrovare i meccanismi e lottare per un podio in una gara che vede tante atlete nuove e molte giovanissime". In testa, come nelle batterie, la statunitense Kelsi Worrell che chiude in 25"18 davanti alla danese Jeannette Ottesen (25"29). Per l'americana già due ori in staffetta e l'argento nei 200 farfalla.

SECONDO RECORD DEL MONDO. Nei 100 farfalla arriva il secondo record mondiale della manifestazione. Ci pensa lo specialista sudafricano Chad Le Clos che, dopo l'oro nella distanza doppia, frantuma la concorrenza toccando in 48"08 (22"59), battendo se stesso e il precedente primato che gli apparteneva: il 48"44 nuotato a Doha nel 2014, quando vinse quattro ori iridati (tre nei 50, 100 e 200 farfalla e uno nei 200 stile libero). Seguono risultati degli azzurri e statistiche complete.

Venerdì 9 dicembre
Ore 00.30 - semifinali e FINALI
200 RANA M
nessun italiano in gara

100 STILE LIBERO F
RI 52"17 di Federica Pellegrini il 24/4/2016 a Riccione
1. Brittany Elmslie (Aus) 51"81
5. Federica Pellegrini 52"43

100 misti M
messun italiano in gara

200 DORSO F
nessun italiano in gara

50 sl M
R.I. 20"69 di Marco Orsi il 5/12/2014 ai mondiali di Doha
3. Luca Dotto 21"29 qual. alla finale (pp 21"25 del 2010)

50 farfalla F
R.I. 25"22 di Silvia Di Pietro il 3/12/2015 agli europei di Netanya
3. Silvia Di Pietro 25"50 qual. alla finale 

100 FARFALLA M
nessun italiano in gara

100 misti F
nessun italiana in gara

50 dorso M
nessun italiano in gara

800 STILE LIBERO F
nessuna italiana in gara

4x50 MISTA MISTA
R.I. 1'37"90 (Bonacchi, Scozzoli, Di Pietro e Ferraioli) del 4/12/2014 ai mondiali di Doha
Italia squalificata per cambio irregolare
Scalia, Scozzoli, Di Pietro, Dotto 

MEDAGLIERE (1 - 2 - 1)

ORO
Federica Pellegrini nei 200 stile libero in 1'51"75 *

ARGENTO
4x100 stile libero femminile in 3'30"28
Ferraoli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini

4x50 mista femminile in 1'45"38 record italiano
Scalia, Carraro, Di Pietro, Ferraioli

BRONZO
Fabio Scozzoli nei 100 rana in 57"04

RECORD ITALIANI (1)
4X50 mista F
Italia (Scalia 26"96 pp, Carraro 30"12, Di Pietro 24"88, Ferraioli 23"42) 1'45"38 

PRIMATI PERSONALI (7)

50 rana F
Martina Carraro 30"43 in batteria

200 farfalla M *
Giacomo Carini 1'53"92 in batteria

200 sl F *
Federica Pellegrini 1'51"73 in finale (medaglia d'oro)

100 farfalla M
Giacomo Carini 52"43 in batteria

200 stile libero M
Luca Dotto 1'44"27 in batteria

50 dorso F
Silvia Scalia 26"96 in prima frazione 4x50 mista
Silvia Di Pietro 26"95

* migliori prestazioni italiane in tessuto

Vai ai risultati

vai al sito ufficiale

foto G.Scala deepbluemedia.eu
fotoriproduzione vietata