Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Supercoppa, è finale domani Brescia-Recco

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/05f125c0e625b23a85c2751d57a7f37f.jpg

Dopo la Coppa Len 2002 e lo scudetto 2003, le protagoniste degli ultimi due anni si contendono il più prestigioso trofeo della Federnuoto. Diretta alle 21 su Rai Sport Satellite. Mustur punta sulla velocità, D'Angelo sulla potenza

BRESCIA
PalaSystema da brividi. La Supercoppa d'Europa domani celebrerà l'ultimo atto. In vasca la Leonessa Brescia, campione d'Italia e detentrice da due stagioni della Coppa Len, e la Pro Recco campione d'Europa.
Una gara ricca di fascino e storia, affidata alla direzione arbitrale del polacco Koryzna e dello spagnolo Borrell, davanti al vigile delegato Gianni Lonzi, e ripresa in diretta (ore 21) dalle telecamere di Rai Sport Satellite con telecronaca di Fabrizio Failla e commento tecnico del Ct del Settebello Paolo De Crescenzo (interviste Annalisa Bartoli).
Brescia-Pro Recco è sinonimo di spettacolo, di scintille, di brividi. E' la storia degli ultimi anni che sorride ai lombardi, che prima hanno conquistato la Coppa Len nel 2002 sovvertendo il 7-8 dell'andata con l'8-5 nella finale di ritorno; poi hanno vinto lo scudetto nel 2003 chiudendo la serie alla quinta partita con tutti successi esterni. Già, perché quando in vasca ci sono i campioni il fattore casa è quasi inesistente.
Tra campionato e Supercoppa le due squadre si sono già affrontate quattro volte. Il bilancio è in perfetta parità. Il primo scontro diretto stagionale risale al 3 dicembre: nella terza giornata della Supercoppa si impone il Brescia per 8-7 con una tripletta di Ciric. La replica in campionato: il 9 gennaio, nella settima giornata del girone d'elite finisce 10-4 per la Pro Recco trascinata da un poker servito da Vujasinovic. Il primo marzo di nuovo in vasca per la gara conclusiva dei preliminari di Supercoppa; alla Pro Recco basta un pareggio per eliminare il Posillipo che ha conquistato l'ultima Coppa delle Coppe e raggiungere i lombardi in finale, ma va ben oltre: 7-4 con Benedek che firma due gol, come Vujasinovic, e spara due rigori su Gerini. Poi l'ultimo precedente, venerdì scorso col netto successo della Systema per 12-8 con quattro reti di Fiorentini.
Un precedente che secondo Zoran Mustur conta poco. "La finale è una gara a sé - sottolinea il tecnico dei campioni d'Italia - Può succedere di tutto. Il pronostico è aperto, come del resto suggeriscono le ultime statistiche. Per noi la Supercoppa è importantissima: sarebbe il primo trofeo vinto da campioni d'Italia ed assumerebbe un valore di grande prestigio perché per motivi burocratici abbiamo dovuto rinunciare all'Eurolega". Mustur non ha problemi di formazione: anche Ciric e Binchi sono del tutto recuperati. "Dopo una prima fase stagionale sottotono ci stiamo riprendendo - continua Mustur - Ciric e Binchi migliorano a vista d'occhio. Per noi, che basiamo il gioco sul gruppo e sulla velocità, sono due giocatori fondamentali, soprattutto in chiave difensiva. Se vuoi fermare Vujasinovic, Ikodinovic e Benedek devi essere al top, altrimenti perdi in partenza".
Grande attesa anche a Recco. Enzo D'Angelo fissa l'obiettivo: "Vincere per conquistare un trofeo prestigioso e raggiungere la fase calda dei playoff con sicurezza ed entusiasmo". Col solito gioco: la regia di Vujasinovic, il braccio di Ikodinovic, Benedek, Savic e Angelini, e la maestria di Ferretti ai due metri. "Cercheremo di imporre i nostri movimenti per costringere il Brescia ad adeguarsi. Non sarà facile. In questo momento della stagione non puoi più improvvisare, né lanciarti in esperimenti. I giochi sono fatti: bisogna solo tirare le somme, vincere". A cominciare dalla Supercoppa d'Europa, prestigiosa manifestazione che ha messo a confronto le tre regine continentali del 2003: il Recco campione d'Europa, il Brescia detentore della Coppa Len e il Posillipo vincitore della Coppa delle Coppe, en-plein mai ottenuto da nessuna nazione europea prima dell'Italia.


PROBABILI FORMAZIONI
RISULTATI GIRONE PRELIMINARE
SYSTEMA BRESCIA: Gerini, Vicevic,
Piccardo, Mangiante, Castellani,
Roberto Calcaterra, Ciric, Foresti,
Binchi, Barac, Hinic, Fiorentini,
Ribic. All. Z. Mustur.

PRO RECCO: Tempesti, Angelini, Bozzo,
Ikodinovic, Savic, Vujasinovic,
Mistrangelo, Benedek, Sesena,
Schiaffino, Ferretti, Caliogna,
Bettini. All. D'Angelo.

Arbitri: Koryzna (POL) e Borrell (SPA)
Delegato: Lonzi (ITA)

Classifica: Brescia 7, Recco 6, Posillipo 4

Questi i risultati delle partite
del girone preliminare:
29/10 Posillipo-Brescia 8-10
12/11 Pro Recco-Posillipo 7-6
3/12 Brescia-Pro Recco 8-7
14/1 Brescia-Posillipo 8-8
11/2 Posillipo-Pro Recco 6-5
1/3 Pro Recco-Brescia 7-4