Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Pro Recco-Posillipo La finale è servita

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/c6ec0678c39f09d753418e1527ea4463.jpg

Scudetto tra il Carpisa e i campioni d'Europa che eliminano il Savona chiudendo la semifinale sul 3-1. Nei playout la Canottieri Napoli batte la Sp Energia Siciliana e allunga la serie a gara5: si gioca venerdì a Catania alle 20.30, chi perde è in A2

ROMA
Saranno ancora Pro Recco e Carpisa Posillipo a contendersi lo scudetto del campionato di pallanuoto. Come nel 2002 e nel lontano 1984, prima edizione dei playoff.
Da allora sono passati 21 anni nel corso dei quali il Posillipo ha scritto gran parte della sua storia (diciassette finali, dieci titoli italiani, due coppe dei campioni, due coppe delle coppe, una coppa Italia), ma non è mai riuscito a battere in finale la Pro Recco, a caccia della seconda stella dopo i titoli del 1984 (2-0) e del 2002 (3-0) a cui è seguito il terzo trionfo in coppa dei campioni.
La Pro Recco per raggiungere la terza finale consecutiva, la quinta della sua storia, ha eliminato il Savona, battuto in trasferta col punteggio di 8-6 per il 3-1 della serie. Eppure il Carisa sembrava potesse arrivare a gara cinque; chiude il primo tempo sul 2-0 con le reti di Varga e van der Meer e, nonostante l'errore dai quattro metri di Rath, allunga sul 3-0 all'inizio della seconda frazione con Monostori. La Pro Recco però riduce lentamente il gap (in progressione reti di Angelini, Ferretti, Marcz, doppietta di Benedek) e allo scoccare del 24esimo minuto di gioco opera il sorpasso con una perla di Vujasinovic. Nel quarto tempo capitan Fresia trasforma il rigore del 5-5, ma Benedek e Savic allungano sul +2 e Ikodinovic (8-6) risponde all'ultimo tentativo di rimonta di Rath.
La serie della finale scudetto, al meglio delle cinque partite, si giocherà alla piscina di Punta Sant'Anna a Recco (gare dispari) e alla Scandone di Napoli (gare pari). Tutte le partite saranno trasmesse in diretta da Rai Sport Satellite con inizio alle 21.15.
Nei playout la Canottieri Napoli batte la Sp Energia Siciliana per 14-9 e allunga la serie della finale retrocessione a gara cinque. La partita decisiva si giocherà venerdì a Catania alle 20.30: chi perde raggiungerà la Alcott RN Napoli in serie A2.
I partenopei dominano l'incontro. Sempre in vantaggio, allungano dal 2-2 al 6-2 con un break piazzato dalle reti in sequenza di Marino, Del Giudice, Nikolic e De Georgio. Alessi risponde segnando la terza superiorità numerica per i siciliani, ma Marino e Nikolic alimentano il gap sino all'8-3 di metà partita. Nel terzo tempo Alessi e Musat, sempre in superiorità, portano il Catania sul -3. Il momento negativo della Canottieri Napoli prosegue con l'espulsione di capitan Andrè per brutalità (campionato finito!); però poi De Georgio realizza il 9-5 e Di Peso para un rigore tirato da Alessi. L'ultimo tempo riserva ben nove gol, ma il Catania non torna mai in scia. Termina 14-9 per la Canottieri Napoli. Venerdì gara cinque.


RISULTATI GARA QUATTRO
RIEPILOGO SERIE, CALENDARIO E FORMULA
Playoff scudetto
Carisa Savona-Pro Recco 6-8
serie 1-3; prec. 7-10, 8-7 d3ts, 4-7
Pro Recco in finale

l'altra semifinale
Carpisa Posillipo-Systema Brescia serie 3-0
10-4, 15-14 dts, 11-7
CN Posillipo in finale

Finale scudetto il 30/4, 4 e 7/5,
ev. 11 e 14/5 (gare dispari a Recco)

Playout retrocessione
AR Piscine CC Napoli-Energia Siciliana CT 14-9
serie 2-2; prec. 12-8, 7-10, 6-10
gara cinque venerdì 23/4 a Catania

l'altra finale
BN Palermo-Alcott RN Napoli serie 3-0
9-6, 9-8, 9-6
RN Napoli in A2

REGOLAMENTO: la prima, la terza e la
quinta partita si giocano in casa
della squadra meglio classificata al
termine della seconda fase. Non è
valido il pareggio. In caso di parità
si giocheranno due supplementari da
3' a tempo. In caso di ulteriore
parità si procederà con ulteriori
tempi supplementari e la novità del
silver gol. Nel caso in cui una
squadra dovesse passare in vantaggio
nel terzo tempo supplementare, non si
interromperà più la partita come
l'anno scorso ma si attenderà la fine
del tempo: se si dovesse verificare
un'ulteriore parità, si proseguirà
con un altro supplementare,
altrimenti verrà dichiarata
vincitrice la squadra in vantaggio in
quel momento.