Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

50° Settecolli. Goodbye Roma

Nuoto
images/joomlart/article/a3196f91239b9f3912077a10d07ea651.jpg

Il grande nuoto si congeda dal Foro Italico. Nella giornata conclusiva degli Internazionali d'Italia – 50° Trofeo Settecolli Federica Pellegrini vince i 200 dorso e con 2'08”60 e si avvicina al record italiano di Alessia Filippi (2'08”03 del 28/06/2009 a Pescara) e Piero Codia stabilisce il record italiano assoluto dei 50 farfalla con 23”58, migliorando il precedente di Paolo Facchinelli (23”60 del 5/03/2009 a Riccione). A premiare Federica Pellegrini è stato Raoul Bova, alias Alessandro Dominici, campione del mondo dei 100 farfalla nella fiction “Come un delfino – La serie” andata in onda su Canale 5 e girata prevalentemente nel Centro Federale di Ostia e allo Stadio del Nuoto al Foro Italico.

Le dichiarazioni dei protagonisti. La prima azzurra a salire sul podio è Martina De Memme, seconda negli 800 stile libero. “E' la seconda volta che mi avvicino al tempo limite per i Mondiali senza successo ma è tutta esperienza che mi aiuta a crescrere. Anche se resta un po' di amarezza, ho fatto quello che potevo. Non ho rimpianti”. Medaglia d'oro alla campionessa danese Lotte Friis. “Ho cambiato luogo di allenamento. Adesso nuoto in Francia. Questo mi fa stare meglio e mi sento anche più vicina a Roma. Sono contenta. A Barcellona voglio conquistare una medaglia, visto che a Londra non ci sono riuscita”. Christopher Ciccarese è felice per il secondo posto nei 200 dorso dietro all'ungherese Bernek. “E' un tempo importantissimo. All'inizio ero teso ed avevo paura di sbagliare tutto. Devo molto al mio allenatore perchè fino a due anni fa ero l'ultimo degli ultimi”.
Federica Pellegrini è stanca e sorridente dopo la vittoria nei 200 dorso, dove con 2'08”60 si è avvicinata di 57 centesimi al record italiano di Alessia Filippi. “Sono contentissima! Non credevo di riuscire a nuotare sotto i 2'09”. E' un secondo in meno di quello che avevavo prefissato con Lucas. Il divertimento che provo a fare questa specialità mi rende ancora più competitiva. Quest'anno l'obiettivo era la qualificazione ai Mondiali con i 200 dorso che non avevo mai nuotato. Ai Mondiali si vedrà. Mi piace fare un passo alla volta”. Terzo con il record italiano dei 50 farfalla Piero Codia. “Sono contento del record. Essere arrivato sul podio con questi campioni in gara è una grandissima soddisfazione”.
La bicampionessa Ranomi Kromowidjojo ha vinto i 50 farfalla femminili. “Sono molto felice. Anche questa è stata una bella gara, come le altre. Trascorrerò una settimana a casa, poi ci vedremo a Barcellona”.
Filippo Magnini è secondo nei 100 stile libero dietro al francese Florent Manaudou ed è abbastanza soddisfato. “E' stata una gara dura, sono contento. Il pomeriggio si riesce sempre a tirare fuori qualcosa in più. Da qui si riparte per il Mondiale”. La campionessa olimpica dei 400 stile libero e vicecampionessa olimpica dei 200 Camille Muffat ha vinto la finale dei 200 stile libero. “Sono molto stanca ma contenta del risultato”. Terza e medaglia di bronzo per Alice Mizzau. “Sono contenta soprattutto di aver fatto una gara molto regolare. Mi interessava più riuscire a gestire una competizione con atlete di questo livello, che del tempo”. Gregorio Paltrineri sorride dopo l'argento nei 1500 stile libero. “Queste gare sono andate bene. Mi sono allenato al meglio e sono soddisfatto”.

Il commento del Commissario Tecnico della Nazionale Cesare Butini. “Questo Settecolli, che per la Nazionale è considarato una tappa intermedia verso i Mondiali a Barcellona, ha fornito alcuni buoni spunti soprattutto per gli atleti che non avevano ancora raggiunto il tempo limite; tra questi c'è Filippo Magnini, che ha ottenuto un tempo importante e una prestazione in linea con i progetti. Adesso ci attendono gli appuntamenti con i Giochi del Mediterraneo e le Universiadi e in tal senso dobbiamo valutare tutte le prestazioni per definire le convocazioni delle squadre. Pensando al Mondiale, ritengo sarà difficile ripetere i risultati di Shanghai 2011 ma sono certo che l'impegno, la concentrazione e la preparazione dei nostri atleti a tecnici sarà massima. Dobbiamo ricompattare la squadra in un mix di giovani e meno giovani, capaci di esaltarsi nell'appuntamento principale dell'anno. Le nostre punte sono Fabio Scozzoli nella rana, Luca Dotto nella velocità, Gregorio Paltrineri nel fondo e Matteo Rivolta nella farfalla dove abbiamo riconquistato posizioni a livello internazionale. Ci manca di trovare un grande dorsista per completare la staffetta mista. Nel settore femminile, con Federica Pellegrini protagonista nel dorso, la punta sarà Ilaria Bianchi che però ha una concorrenza elevata”.

Il commento del Presidente della FIN e della LEN Paolo Barelli. “E' stata una manifestazione ricca di stelle internazioniali che hanno nobilitato la 50^ edizione. Anche il pubblico nella giornata di oggi ha risposto bene. Un parterre de roi che già ha manifestato la volontà di tornare il prossimo anno. Tra gli atelti stranieri che mi hanno impressionato di più ci sono gli olandesi, da sempre leader soprattutto nella velocità, e la campionessa olimpica Camille Muffat, che ha ottenuto i migliori stagionali proprio qui a Roma. Tra gli azzurri ottime prestazioni di Fabio Scozzoli in tutte e tre le gare a rana, Federica Pellegrini che togliendo un secondo al tempo di oggi potrebbe ambire a una medaglia mondiale anche nel dorso, Filippo Magnini che è sceso sotto i 49” e ha tenuto testa al campione olimpico dei 50 stile libero Florent Manaudou. Se migliorerà partenza e virata potrà fare ancora meglio. Nel fondo bene Gregorio Paltrinieri mentre Gabriele Detti ha avuto problemi alla spalla, si è fermato precauzionalmente e sarà pronto per le prossime gare”.

Tra la finale dei 100 stile libero maschili e quella dei 200 stile libero femminili, spazio dedicato alla gara dei 100 stile libero paralimpici maschili (ieri hanno nuotato le ragazze) che Fabrizio Sottile, ipovedente, primatista italiano dei 100 farfala e 200 misti, ha chiuso con 55”40, e Federico Morlacchi, tre medaglie di bronzo alle paralimpiadi di Londra 2012 nei 100 farfalla, 200 misti e 400 stile libero, anche lui varesino come Sottile, ha nuotato in 57”88. “Essere presente in questa manifestazione e in questa piscina è una grande emozione - ha detto Morlacchi - L'inserimento di gare paralimpiche nel programma del Trofeo Settecolli è un grande segnale per tutto il nostro movimento. Saluto e ringrazio tutto il pubblico che è intervenuto”.


Classifica per Nazioni

1. Ungheria 77
2. Italia 66
2. Olanda 66
4. Francia 62
5. Brasile 31
6. Svezia 30
7. Danimarca 17
8. Russia 12
9. Ucraina 9
10. Romania 6
11. Repubblica Ceca 4
11. Grecia 4
13. Irlanda 2
14. Spagna 1.5
14. Belgio 1.5


Galleria Fotografica


Consulta i risultati ufficiali


Consulta i podi della terza giornata