Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. 10 Km da orbi. Vanelli 4°, Furlan 5°

Fondo
images/joomlart/article/b986eaee068e3238112217d077dc63f6.jpg

Vincono la medaglia dell'esperienza ma si fermano ai piedi del podio. Federico Vanelli (Fiamme Oro Napoli / CC Aniene) e Matteo Furlan (Marina Militare / Team Veneto) si piazzano rispettivamente al quarto e quinto posto nella 10 chilometri nuotata al "Regattastrecke Grünau" per i campionati europei.
Gli azzurri pagano un ritardo dal russo Evgenii Drattcev, che chiude il podio in 1h50'00"6, di 1"7 e di 3"2. Più lontano Simone Ruffini (Esercito / CC Aniene), quindicesimo in 1h50'12"8. Bis d'oro per l'Olanda che vince con Ferry Weertman in 1h49'56"2 dopo il successo di Sharon van Rouwendaal nella prova femminile di mercoledì. Al secondo posto il tedesco Thomas Lurz - già di bronzo nella 5 chilometri a cronometro - con il tempo di 1h49'59"0.
Vanelli e Furlan disputano una buona gara, tatticamente attenta a non spendere troppe energie e a restare sempre nel pacchetto di testa per tentare lo sprint finale, ma non sono stati pronti ad evitare qualche scorrettezza di troppo. Questione di esperienza. "All'ultima boa il britannico Jack Burnell mi ha tirato giù - racconta Vanelli, 23enne lodigiano di Zelo Buon Persico allenato da Emanuele Sacchi ed all'esordio europeo dopo il 16esimo posto mondiale - Mi sono trovato impalato; così ho interrotto la progressione ed ho perso tempo per rimettermi in posizione orizzontale. Del resto questo è il mio amato fondo: lotta, scarsa visibilità, confronto con la natura, il solo sport che riesce a darmi sensazioni di libertà e che non lascerei neanche se il nuoto in corsia mi desse più soddisfazioni perché se vedo il fondo non mi diverto". Un pizzico di delusione però c'è. "Forse avrei potuto lottare per il podio sino all'ultima bracciata, ma la prossima volta sarò pronto - continua l'azzurro che ha alcuni tatoo, tra cui uno squalo sul pettorale sinistro perché "rappresenta forza e adattabilità al mare" -  Sono soddisfatto della gara che ho condotto sempre nelle prime posizioni senza spendere troppe energie e la prossima volta qualche gomitata in più la darò anch'io".
Episodi simili hanno condizionato anche le prestazioni di Furlan e Ruffini. "Non sono riuscito ad uscire dal gruppo e quindi ho attaccato troppo tardi le prime posizioni. All'ultima boa sono stato travolto, qualcuno mi è anche passato sopra", racconta Furlan; mentre a Ruffini hanno strappato cuffia ed occhialini: "purtroppo ho problemi di vista e sono stato costretto a nuotare gli ultimi centro metri a testa alta. Cinque-sei posizioni le ho perse di sicuro".
Coommenti che dimostrano come gli azzurri debbano crescere più sotto il profilo dell'esperienza che delle capacità natatorie già al livello dei migliori. "Vanelli ha disputato una gara pressoché perfetta e ha pagato l'ingresso sfortunato all'ultima boa e qualche colpo di troppo - sottolinea il cittì Massimo Giuliani - Furlan è stato chiuso dal gruppo ed è partito troppo tardi, mentre Ruffini è stato fermato quando era in massima progressione. I ragazzi sono stati bravi; gli è mancata quell'esperienza che stanno maturando gara dopo gara. Complimenti all'olandese Weertman per la tecnica con cui incede nell'acqua pur conservando energie e al tedesco Thomas Lurz, capace di incidere allo sprint malgrado la dieci chilometri nelle braccia".


LEN Award a Martina Grimaldi. Al termine della 10 chilometri maschile la Ligue Europeenne de Natation ha attribuito al tedesco Thomas Lurz e a Martina Grimaldi i LEN Awards per la stagione 2013.
Ai campionati mondiali di Barcelona Thomas Lurz, 35 anni il prossimo 28 novembre, ha conquistato quattro medaglie, tra cui due d'oro col team event e nella 25 Km, mentre Grimaldi ha vinto l'oro nei 25 chilometri. 
Martina Grimaldi - 25enne bolognese allenata da Fabio Cuzzani e tesserata per Fiamme Oro Napoli e Uisp Bologna - ha conquistato il bronzo olimpico a Londra 2012, dopo il decimo posto ai Giochi di Pechino 2008, oltre a nove medaglie tra europei e mondiali. Tra queste quattro ori: nella 25 Km ai mondiali di Barcellona e nella 10 Km ai mondiali di specialità di Roberval 2010, nella 10 Km agli europei di Piombino 2012 e in quelli di specialità ad Eilat 2011.


Risultati 10 Km maschile 
1. Ferry Weertman (Ned) 1h49'56"2
2. Thomas Lurz (Ger) 1h49'59"0
3. Evgenii Drattcev (Rus) 1h50'00"6
4. Federico Vanelli (Ita) 1h50'02"3
5. Matteo Furlan (Ita) 1h50'03"8
15. Simone Ruffini (Ita) 1h50'12"8


foto di Andrea Staccioli / Deepbluemedia.eu


consulta i risultati ufficiali