Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Grand Prix. A Bolzano è super l'Italtuffi

Tuffi
images/large/_GP23796.jpg

Ultima giornata del del 25esimo Grand Prix Fina in svolgimento fino a domenica 16 giugno al Lido di Bolzano. La mattina si apre con un oro che in ottica Mondiali di Gwangju e soprattutto Europei di Kiev può far sognare. Lo vincono Noemi Batki e Chiara Pellacani - quarte agli Europei di Edimburgo 2018 - dalla piattaforma sincro. Le azzurre - entrambe allenate dal tecnico federale Domenico Rinaldi - conducono una gara con pochissime sbavature (88.80 dopo gli obbligatori), impreziosita dai 65.70 punti del triplo salto mortale e mezzo avanti carpiato e dai 65.28 del rovesciato carpiato e chiudono con 284.10 punti, dieci in più rispetto alle romene Nicoleta Muscanu e Crina Tofan seconde con 274.96, mentre terze sono le russe Daria Selvanovskaia e Tatina Stepanova con 226.98, con la giovane coppia azzurra formata da Maia Biginelli (Fiamme Oro) ed  Elettra Neroni (Carlo Dibiasi) ai piedi del podio con 221.88 punti. "Una vittoria che trasmette fiducia, anche perchè da poco abbiamo ripreso ad allenarci insieme - sottolinea Batki, tesserata per Esercito e Triestina Nuoto e otto medaglie continentali - Adesso intensificheremo la preparazione in vista dei grandi appuntamenti stagionali". Sorridente e soddisfatta anche Pellacani: "Benissimo così, queste sono vittoria che trasmettono morale - sottolinea la 16enne romana, tesserata per MR Sport F.lli Marconi, oro agli eurojrs a Bergen 2017 e campionessa europea in Scozia dal sincro 3 metri con Elena Bertocchi - Oggi siamo state brave, non perfette perchè si può sempre fare di più".
 GP23810
Batki che non scende giù dal podio, infatti, successivamente è d'argento dalla piattaforma sincro mixed con Micol Verzotto (Fiamme Oro/Bolzano Nuoto). I capitani della nazionale italiana - bronzo agli Europei di Kiev 2017, quarti in Scozia - chiudono con 274.68 punti, dopo essere stati primi dopo gli obbligatori (93.60); i migliori sono stati i romeni Antonia Pavel e Catalin Cozma con 285.00; splendido terzo posto, che però non gli permetterà di salire sul podio perchè per regolarmento può farlo una sola coppia per nazione, dei giovanissimi Riccardo Giovannini e Maia Biginelli - tesserati per Fiamme Oro e preparati da Fabrizio De Angelis - che concludono con 254.28 punti, per un futuro che è tutto dalla loro parte.
 GP23648
Sorrisi dall'Italtuffi senza sosta nella mattinata altoatesina, d'argento con Lorenzo Marsaglia e Giovanni Tocci (Esercito/Cosenza Nuoto) dal sincro 3 metri con 351.33 punti, ventisei in meno rispetto ai colombiani Sebastian Morales e Daniel Restrepo primi con 377.25, con i cinesi Xiaohu Tai e Chao Zhang terzi con 340.59. Lineare e concreta la gara degli azzurri (passano gli obbligatori a quota 93.00), con un doppio salto mortale e mezzo avanti con due avvitamenti ben riuscito (67.32) e un eccellente triplo salto mortale e mezzo avanti carpiato (66.96). "Rispetto alla prova individuale di sabato, ho fatto dei passi in avanti - sottolinea Tocci, seguito da  Lyubov Barsukova e argento agli Europei in Scozia e a Londra 2016 e bronzo iridato a Budapest 2017 dal metro - Stiamo affinando l'intesa con Lorenzo allenamento dopo allenamento e gara dopo gara. Peccato perchè i sudamericani si poteva acciuffare". Gli fa eco Marsaglia, già di bronzo dai 3 metri: "Abbiamo sbagliato poco e potevamo anche fare qualcosa in più - sottolinea l'allievo di Benedetta Molaioli, tesserato per Marina Militare - Personalmente sono in fiducia fisica e psicologica; aspetto di vedere quanto valgo ai Mondiali e agli Europei". 
 GP23895

Le finali del pomeriggio. Chiara Pellacani dimostra tutta la sua classe e conquista un argento pesante dal trampolino 3 metri, in una gara condizionata dalle folate di vento.  La 16enne di Roma - tesserata per MR Sport F.lli Marconi, allenata dal tecnico federale e responsabile delle squadre nazionali giovanili Domenico Rinaldi, oro agli eurojrs a Bergen 2017 - termina con 289.90 punti, dopo una prova lineare nella quale spicca un buon doppio salto mortale e mezzo ritornato carpiato (58.50). "Sono un po' stanca per tutte le gare ravvicinate di questi giorni - sottolinea Pellacani - Devo migliorare molto, ognitanto mollo le gambe e questo non va bene, mi penalizza abbastanza. Il punteggio poteva essere anche più alto". Davanti e dietro all'azzurra due cinesi: oro ad Ying Wei con 294.15 punti e bronzo a Ma Tong con 280.75.
 GP15491
Faccia da bravo ragazzo, timido quanto basta con il coraggio e la consapevolezza da predestinato. Riccardo Giovannini, al debutto internazionale con la nazionale assoluta, è bronzo a sorpresa dalla piattaforma, alle spalle dei cinesi Song Yuan e Ling Yang rispettivamente primo con 387.30 e secondo con 384.20 punti. Solida la prova del quindicenne romano - seguito da Fabrizio De Angelis -  che conclude con 367.40 punti ma strappa applausi con  il triplo salto mortale e mezzo indietro raggruppato che vale 79.20 punti. "Sono stato bravo a non farmi condizionare dal meteo, soprattutto dalle improvvise raffiche di vento - sottolinea il tuffatore di Roma - Certo non mi aspettavo di salire sul podio, soprattutto in Italia e contro questi grandi campioni. Sono giovane, ho tanto da imparare e devo fare esperienza, gara dopo gara. Posso solo che migliorare". 
 GP24640

Risultati finali ^ giornata - domenica 16 giugno


Sincro piattaforma fem - finale
1. Noemi Batki-Chiara Pellacani (ITA) 284.10
2. Nicoleta Muscanu-Crina Tofan (ROU) 274.92
3. Daria Selvanivskaia-Tatiana Stepanova (RUS) 226.98
4. Maia Biginelli-Elettra Neroni (ITA) 221.88

Sincro trampolino mas - finale
1. Sebastian Morales-Daniel Restrepo (COL) 377.25
2. Lorenzo Marsaglia-Giovanni Tocci (ITA) 351.33
3.  Xiaohu Tai-Chao Zhang (CHN) 340.59
5. Andrea Chiarabini-Tommaso Rinaldi (ITA) 326.94

Sincro misto piattaforma - finale
1. Antonia Pavel-Catalin Cozma (ROU) 285.00
2. Noemi Batki-Maicol Verzotto (ITA) 276.48
3. Maia Biginelli-Riccardo Giovannini (ITA) 254.28
4. Igor Vnukov- Daria Selvanivskaia (RUS) 242.34

Trampolino 3 metri fem - finale 
1. Ying Wei (CHN) 294.15
2. Chiara Pellacani (ITA) 289.90
3. Ma Tong (CHN) 280.75

Piattaforma mas - finale
1. Song Yuan (CHN) 387.30
2. Ling Yang (CHN) 384.20
3. Riccardo Giovannini (ITA) 367.40

Sincro misto trampolino - finale
1. Kooi Alisa-Scapes Brose (AUS) 257.76
2. Elena Chernyk-Egor Lapin (RUS) 250.80
3. Chiaki Otsuka-Jukiko Wakabayashi (JPN) 238.32

Vai ai risultati ufficiali

Gli azzurri a Bolzano. Il direttore tecnico Oscar Bertone ha convocato sedici atleti. I selezionati sono Gabriele Auber (Marina Militare/Trieste Tuffi Edera), Noemi Batki (Esercito/Triestina Nuoto), Maia Biginelli (Fiamme Oro), Tania Cagnotto (Fiamme Gialle/Bolzano Nuoto), Andrea Chiarabini (Fiamme Oro/CC Aniene),, Francesca Dallapè (Esercito/Buonconsiglio Nuoto), Riccardo Giovannini (Fiamme Oro), Sarah Di Maria Jodoin (Marina Militare/MR Sport F.lli Marconi), Lorenzo Marsaglia (Marina Militare/CC Aniene), Eletta Neroni (Carlo Dibiasi), Chiara Pellacani (MR Sport F.lli Marconi), Tommaso Rinaldi (Marina Militare/MR Sport F.lli Marconi), Giovanni Tocci (Esercito/Cosenza Nuoto), Maicol Verzotto (Fiamme Oro Roma/Bolzano Nuoto) e Julian Verzotto (Bolzano Nuoto). Completano lo staff il coordinatore tecnico Giorgio Cagnotto, il tecnico federale responsabile delle squadre giovanili Domenico Rinaldi, i tecnici federali Dario Vittorio Scola e Giuliana Aor, i tecnici Cristopher Sacchin. Benedetta Molaioli e Fabrizio De Angelis, il fisioterapista Ernesto Vincenti e i preparatori atletici Fabrizio Mezzetti e Silvia Scatola.
 
Foto Giorgio Perottino/deepbluemedia.eu