Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Pilato irrefrenabile. Record nei 100 rana in 1'03"55

Nuoto
images/large/Pilato_15_11_2020.jpg

Continua a migliorare a suon di record Benedetta Pilato che porta il primato italiano dei 100 rana sull' 1'03"55 (30"20 e 33"35) nelle semifinali della International Swimming League, in svolgimento alla Duna Arena di Budapest in vasca da 25 metri. La 15enne tarantina del CC Aniene aveva già ritoccato il limite il 17 ottobre scorso, nuotando in 1'03"67 (passaggio ai 50 in 30"12). Ieri, invece, l'atleta guidata da Vito D'Onghia aveva portato il record italiano dei 50 rana sul 28"86, arrivando a 5 centesimi dal primato europeo detenuto dalla lituana Rute Meilutyte (28"81 del 3 dicembre 2014) e battendo la primatista mondiale della distanza, la giamaicana Alia Atkinson (28"56 del 6 ottobre 2018), che oggi l'ha preceduta in 1'02"66.
Botto anche nella gara maschile col record del mondo del britannico Adam Peaty in 55"49 (26"04 e 29"45), che cancella il 55"61 nuotato dal sudafricano Cameron Van Der Burgh il 15 novembre 2009 col costume gommato a Berlino in coppa del mondo e il primato europeo del turco Emre Sakci, autore di 55"74 cinque giorni fa. Al secondo posto il bielorusso Ilya Shymanovich (ex primatista europeo in 55"89) che arriva alle spalle di Peaty in 55"69 (!)

foto DBM / In caso di riproduzione è necessario citare autore e fonte. Vietati ridistribuzione e vendita.