Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali. Bruni conquista bronzo e pass olimpico

Fondo
images/large/AM0_3306.jpg

Tattica, sudore, fatica, sofferenza, istinto killer e poi gioia infinita. Sono tante le sfaccettature della medaglia di bronzo che Rachele Bruni conquista allo sprint nella 10 chilometri mondiale all'Expo Ocean Park di Yeosu insieme alla qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020. E' il primo metallo della spedizone azzurra e per la 28enne fiorentina, la veterana del gruppo azzurro, è la prima medaglia iridata individuale della carriera dopo il bronzo a squadre colto al Lago Balaton nel 2017. Preceduta di un centesimo al fotofinish la francese Lara Grangeon.
"Finalmente la medaglia ai mondiali - racconta la vice campionessa olimpica in carica, tesserata per Esercito e Aurelia Nuoto ed allenata dal tecnico federale Fabrizio Antonelli - Gli ultimi 200 metri sono stati una battaglia, con tante atlete imbottigliate. E' dal 2011 che provavo a salire sul podio iridato e sono felice di esserci riuscita e di poter difendere l'argento olimpico e dare l'assalto all'oro. La tattica di gara è stata buona. Sono stata coperta nei primi due giri. Con calma e sangue freddo ho aspettato il momento per risalire senza disperdere energie ed essere poi combattiva allo sprint. E' un'emozione incredibile aver vinto questa medaglia. La inseguivo da tanto tempo, ma questo voglio solo che sia l'inizio per il prossimo anno. A Tokyo infatti me la voglio giocare fino in fondo e l'obiettivo sarà l'oro olimpico. Il prossimo anno sarà una gara sempre tosta ma saremo meno e sarò li con le più forti. Questa medaglia la dedico a tutte le persone che mi sono state vicino soprattutto quest'anno che non è stato facile, perchè ci sono stati momenti di calo di prestazione. Ho sentito la loro fiducia e mi hanno caricato per entrare in acqua e andare a conquistare una medaglia bellissima" conclude la più forte atleta europea (11 medaglie continentali), alla settima partecipazione ad un mondiale da Siviglia 2008 che scenderà di nuovo in vasca nella 5 km e nella staffetta. Entusiasta il cittì Giuliani che riesce sempre a emozionarsi per una medaglia nonostante sia in carica da ventisei anni come capo allenatore "E' andata come volevamo. Rachele è stata bravissima, lei è una macchina da guerra e ha fatto tutto quello che doveva fare. E' entrata in acqua determinata e ha fatto sempre le traiettorie giuste conquistando una medaglia meritatissima. Queste gare si costruiscono con anni di lavoro e ringrazio il suo tecnico Fabrizio Antonelli per aver messo a puntino la giusta tattica. Lei è stata coperta per tre quarti di gara e poi in un arrivo così complicato ha la freddezza, la lucidità e la frequenza giusta per inserirsi nei pochi spazi concessi. Peccato per Arianna Bridi che ha nuotato bene sempre in quarta/ sesta posizione. Poi ci ha sopreso per aver fatto rifornimento nell'ultimo giro. Devo parlarci per capire se fosse realmente stanca o le mancasse un po' di lucidità".
Purtroppo finisce fuori dalle prime dieci Arianna Bridi, 13esima. L'azzurra - che vinse le Universiadi a Gwangju nel 2015 - si perde nel finale dopo essere stata nel gruppo di testa per tutta la seconda parte di gara insieme alla compagna di allenamenti Bruni. Una delusione per la 23enne di Trento, tesserata per Esercito e RN Trento - bronzo uscente della 10 e della 25 chilometri, di cui è anche campionessa europea che all'ultimo intermedio era addirittura sesta a cinque secondi dalle prime.
Uno stato d'animo in agrodolce per l'allenatore di entrambe le ragazze, Fabrizio Antonelli, che analizza freddamente le due prestazioni: "Rachele non ci stupisce più ormai. Ha un istinto killer, riesce ha recepire gli errori come una spugna e applica le correzioni come fosse un computer. Prima della partenza abbiamo sempre un piano e lei riesce ad applicarlo al centimetro. Lei ha l'esperienza giusta ed ha fatto tutto ciò che avevamo pianificato. E' rimasta coperta fin dal primo giro e la tattica ha ripagato perchè se ha avuto la forza di fare questo rush finale vuol dire che avevamo studiato bene tutto. Questa medaglia pesa tanto perchè  ha anche il valore di qualifica olimpica. Riguardo Arianna c'è molto rammarico. Il verdetto è duro perchè ci impedisce di avere due atlete alle Olimpiadi. Purtroppo è mancata di lucidità nel finale e in questo l'esperienza gioca un fattore importante" conclude il tecnico romano. 
Vince la 22enne cinese Xin Xin, che a 15 anni partecipò alle Olimpiadi di Londra 2012 dove finì 24esima nel Serpentine Lake e la 27enne statunitense Haley Danita Anderson conquistò l'argento come oggi. La cinese rompe gli indugi a cinquecento metri dalla fine e chiude in solitario in 1h54'47"2 precedendo di un secondo l'americana. Decima ed ultima a qualificarsi per Tokyo la campionessa olimpica ed europea Sharon van Rouwendaal, olandese allenata da Philippe Lucas. Undicesima e prima delle escluse dai Giochi la campionessa mondiale francese Aurelie Muller che aveva condutto una gara sempre in testa. Lunedì giorno di pausa. Si torna martedì 16 luglio. Segnale orario 8.00 del mattino l'una italiana, con l'olimpionico Gregorio Paltrinieri all'esordio mondiale e l'argento iridato di Budapest 2017 Mario Sanzullo per la dieci chilometri maschile. 

LA GARA. Sole e acque calme all'Expo Ocean Park di Yeosu tirato a lucido per la prima qualifica olimpica. Sessantaquattro partenti con le azzurre "punzonate" col 18 (Rachele Bruni) e il 13 (Arianna Bridi). La tattica è rimanere coperti in fondo al gruppo. Davanti è un continuo alternarsi tra la francese campionessa in carica Muller e la tedesca Vunram, alla fine ottava, che transita al comando a metà gara. Bruni staccata di diciotto secondi e Bridi a tredici secondi. Al terzo giro la venticinquenne trentina però rompe gli indugi e ricuce dal gruppo di testa. Ad un giro e mezzo dalla fine la Bridi è seconda ad un secondo dalla francese Muller che tenta di scrollarsi le avversarie sostenuta dalla compagna Grangeon. All'ultimo giro Rachele vira decima con 9.9 secondi di svantaggio dal gruppetto di testa in cui inserisce anche la tre volte campionessa mondiale brasiliana Ana Marcela Cunha, stabilmente quarta e davanti la Xin Xin quinta. All'ultimo intermedio comandano sempre le francesi che però pagano lo sforzo e nel volatone finale si defilano appannaggio della cinese che si mette in testa al gruppo in che si dipana modello tonnara dietro di lei. La Bruni è ottava a cinque secondi mentra la Bridi è ancora quinta a 3.6 secondi. L'arrivo è concitato perchè la Anderson fa valere la propria esperienza e fisicità prendendo bene la scia vincente della cinese. Definite le prime due posizioni, dietro invece è tutto uno sbracciare di mute, trasponder, cuffie e occhialini con Rachele Bruni che trova il pertugio giusto e, animata da esperienza e killer instinct, brucia la fotofinish la francesce Grangeon. Nella baraonda finale la Bridi perde le scie giuste come anche la Muller, che è fuori dalla qualifica olimpica prima delle escluse, proprio dietro l'olimpionica di Rio, Sharon Van Rouwendaal, ultima delle qualificate. In chiave olimpica, qualificazione doppia per gli USA di Anderson e di Ashley Twichell (quinta) nonché delle tedesche Finnia Wunram (ottava) e Leonie Beck (nona).

Classifica 10 Km fem.
1. Xin Xin  (Cin) 1h54'47"2
2. Haley Anderson (Usa) 1h54'48"1
3. Rachele Bruni (Ita) 1h54'49"9
13. Arianna Bridi (Ita) 1h54'52"0

(segue)

MEDAGLIE DEL FONDO ITALIANO AI CAMPIONATI MONDIALI DI TUTTE LE DISCIPLINE

TOT. 9-6-17 = 32

Perth 1991 (0-1-0)
ARGENTO Chiarandini 25 Km mas.

Perth 1998 (1-0-2)
ORO Squadra 25 km con Claudio Gargaro, Fabrizio Pescatori, Valeria Casprini
BRONZO Baldini 5 Km mas.
BRONZO Squadra 5 km con Luca Baldini, Fabio Venturini, Valeria Casprini

Fukuoka 2001 (3-0-2)
ORO Baldini 5 Km mas.
ORO Valli 5 Km fem.
ORO Valli 25 Km fem.
BRONZO Formentini 5 Km mas.
BRONZO Venturini 10 Km mas.

Barcellona 2003 (2-0-0)
ORO Valli 5 Km fem.
ORO Valli 10 Km fem.

Montreal 2005 (0-1-4)
ARGENTO Vitale 10 Km fem.
BRONZO Ercoli 5 Km mas.
BRONZO La Piana 25 Km fem.
BRONZO Squadra 5 Km con Simone Ercoli, Samuele Pampana, Alessia Paoloni
BRONZO Squadra 25 Km con Marco Formentini, Claudio Gargaro, Laura La Piana

Melbourne 2007 (0-1-0)
ARGENTO Formentini 25 Km mas.

Roma 2009 (1-0-2)
ORO Cleri 25 Km mas.
BRONZO Grimaldi 10 Km fem.
BRONZO Vitale 25 Km fem.

Shanghai 2011 (0-1-1)
ARGENTO Grimaldi 10 Km fem.
BRONZO Franco 25 Km fem.

Barcellona 2013 (1-0-0)
ORO Grimaldi 25 Km fem.

Kazan 2015 (1-0-2)
ORO Ruffini 25 Km mas.
BRONZO Furlan 5 Km mas.
BRONZO Furlan 25 Km mas.

Budapest 2017 (0-2-3)
ARGENTO Sanzullo 5 Km mas.
BRONZO Bridi 10 km fem.
BRONZO Rachele Bruni, Giulia Gabbrielleschi, Federico Vanelli e Mario Sanzullo 4x1,25 km mixed
ARGENTO Furlan 25 Km mas.
BRONZO Bridi 25 Km fem.

Gwangju 2019 (0-0-1)
BRONZO Rachele Bruni 10 Km fem.

foto Andrea Masini deepbluemedia.eu