Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Dicembre 2018 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Venerdì, 21 Dicembre 2018

Buon Natale e felice 2019

Il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli, il presidenti onorari Lorenzo Ravina e Salvatore Montella, il segretario generale Antonello Panza, i vicepresidenti Andrea Pieri, Francesco Postiglione e Teresa Frassinetti, unitamente al presidente del Gruppo Ufficiali Gara Roberto Petronilli, al presidente della sezione salvamento Vincenzo Vittorioso, al consiglio federale e a tutti i dipendenti e collaboratori federali, formulano i più sentiti auguri di buon Natale e felice anno nuovo a tutti i tesserati, amici e appassionati del movimento acquatico. Gli uffici della Federnuoto chiuderanno venerdì 21 dicembre e riapriranno mercoledì 2 gennaio. L'ufficio stampa assicurerà il servizio sabato 22, giovedì 27 e venerdì 28 dicembre. 

Pubblicato in News Federazione
Mercoledì, 19 Dicembre 2018

Collari d'oro. Azzurri premiati

Consegnati al Foro Italico di Roma i collari d'oro al merito sportivo, le massime onorificenze dello sport italiano. Alla Casa delle Armi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, unitamente con il Presidente del CONI Giovanni Malagò e il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli, hanno ricevuto i campioni dello sport italiano. Presente anche il presidente della Federnuoto Paolo Barelli. "Sono qui con molto rispetto e una grande emozione nel vedere campioni che ammiravo in tv da ragazzo - dichiara Giorgetti - . Qui c'è l'eccellenza degli atleti, quelli che sono riusciti ad arrivare a grandi risultati, opportunamente si premiano anche tecnici e dirigenti che hanno dato il loro contributo affinché lo sport crescesse e le associazioni sportive che sono il tessuto, la base sui cui si costruisce lo sport italiano. Spero in una collaborazione che sono sicuro sarà armoniosa, sperando che la riforma che abbiamo immaginato sia compresa, attuata e possa dare benefici. Con questo spirito, auguro allo sport italiano tanti successi".
Tra i premiati i campioni del mondo della Nazionale di pallanuoto del 1978 a Berlino Ovest: Alberto Alberani, Roldano Simeoni, Silvio Baracchini, Sante Marsili, Massimo Fondelli, Gianni De Magistris, Sandro Ghibellini, Paolo Ragosa, Romeo Collina, Mario Scotti Galletta e Marco Galli "alla memoria" e il campione del mondo col Settebello nel 1994 a Roma Roberto Calcaterra.
"Qualche capello bianco e qualche chilo in più, ma siamo pronti anche noi per Tokyo - sorride Gianni De Magistris -  Volevo ringraziare tutti i presenti per il premio ricevuto. Festeggiamo i 40 anni della vittoria a Berlino e trovarci qui ci riempie di orgoglio. A fare sport si invecchia nel fisico, ma non nello spirito e tutti e noi ne siamo la dimostrazione". Gianni De Magistris è stato il goleador più prolifico del secolo. Nessuno ha segnato quanto lui. Sedici volte capocannoniere del campionato di serie A tra il 1969 e il 1985. Due volte campione d'Italia con la Rari Nantes Florentia nel 1976 e 1980 da giocatore. Campione del mondo a Berlino Ovest 1978 e vice campione olimpico a Montreal nel 1976. Campione d'Italia e d'Europa nel 2007 come allenatore della Fiorentina femminile.
Tra le società che hanno più di cento anni di anzianità di costituzione la triestina ASD Edera 1904 e la Rari Nantes Camogli ASD,  insieme all'Atalanta Bergamasca Calcio Spa, Circolo Scherma Firenze Roberto Raggetti, Sci Club Capracotta, La Gazzetta dello Sport .
Palma d'Oro al merito tecnico a due fuoriclasse della pallanuoto mondiale. In vasca come in panchina. Gianni Lonzi, giocatore, allenatore, presidente di società e dirigente mondiale. Una vita dedicata alla pallanuoto. Campione olimpico da giocatore a Roma nel 1960. Da commissario tecnico vice campione olimpico a Montreal 1976 e campione mondiale a Berlino Ovest 1978. Presidente della Rari Nantes Florentia dal 1992 al 1999. Responsabile delle commissioni tecniche della Federazione Mondiale e di quella europea.
Ratko Rudic, attuale tecnico della Pro Recco campione d’Italia, che sulla panchina del Settebello è stato, tra l'altro, campione olimpico a Barcellona 1992 e mondiale a Roma 1994 e due volte europeo; campione olimpico con la Jugoslavia a Los Angeles 1984 e Seul 1988 e con la Croazia a Londra 2012 e campione mondiale con la Jugoslavia a Madrid 1986 e con la Croazia a Melbourne 2007.
E' intervenuto anche il tecnico federale Matteo Giunta, allenatore di Federica Pelletgri. "Siamo molto soddisfatti della medaglia di bronzo conquistata ai campionati del mondo in vasca corta in Cina che si sono conclusi da pochi giorni. L'obiettivo di Federica sono le Olimpiadi di Tokyo 2020, poi credo che vorrà pensare ad altro. Ma non ci voglio ancora pensare al giorno che smetterà. Il nuoto in questi anni ha avuto un ricambio generazionale molto importante e sono certo che ci saranno nuove atlete pronte a saper raccogliere il testimone di Federica". 
Premio "alla memoria"  per l'atletica leggera al campione olimpico 1980 dei 200 metri piani Pietro Mennea. Ritira il premio la moglie Manuela Olivieri. "Mi rendo conto tutti i giorni quanto Pietro sia ancora amato e quanto sia rimasto nel cuore delle persone. Credo che ciò dipenda dal fatto che lui con il suo comportamento e il suo modo di essere abbia dimostrato tutto il sacrificio, la determinazione e l'impegno che applicava nel suo sport così come nella vita di tutti i giorni. Pietro ha insegnato che lo sport è anche uno strumento di formazione".
Il saluto finale è riservato al Sottosegretario Giancarlo Giorgetti. "E' stata una bella giornata di sport, vissuta nel clima giusto. Il collare d'oro era il mio sogno da bambino. Perché da bambini non si pensa di fare il Sottosegretario ma si aspira a vincere le Olimpiadi. Buone feste a tutti".
 
si ringrazia Ferdinando Mezzelani / foto GMT
 
Pubblicato in News Federazione
La Federazione Italiana Nuoto sostiene la campagna "A Natale aggiungi un posto a tavola" della Comunità di Sant'Egidio promossa dal 2 al 25 dicembre. Molteplici le iniziative congiunte. In occasione della partita Italia-Ungheria di pallanuoto femminile, in programma a Verona lunedì 3 dicembre alle 18:30 con diretta su Rai Sport + HD, le squadre sfileranno prima del fischio d'inizio indossando la maglietta col numero di telefono per le donazioni di solidarietà 45586. Durante le partite di pallanuoto dei campionati, peraltro già dedicati a "Genova nel cuore", sarà trasmesso uno spot di sensibilizzazione tra i parziali e sarà visibile in sovraimpressione il numero solidale per contribuire a donare ai meno fortunati il pranzo di Natale sedendoci, almeno simbolicamente, allo stesso tavolo di pace. 
 
 
SantEgidio2018 LOCANDINA 2311 esecutivoCMYK
 
IL PRANZO DI NATALE DELLA COMUNITA' DI SANT'EGIDIO
Il Pranzo di Natale è una tradizione della Comunità di Sant'Egidio dal 1982, quando alcuni poveri furono accolti nella basilica di Santa Maria in Trastevere. Il banchetto si è allargato raggiungendo oltre 60 paesi in tutto il mondo. Perché Sant'Egidio è una famiglia e a Natale fa festa con i suoi amici di tutto l'anno: bambini, anziani, malati, senza dimora, detenuti, rifugiati. Diversi sono i luoghi dove si apparecchia il pranzo: chiese, case, scuole, ma anche istituti per anziani, carceri e ospedali. Non solo una festa commovente, ma un segno di pace in un mondo pieno di violenza, e la scoperta del vero senso del Natale per tanta gente che viene ad aiutare. Nel 2017 oltre 230 mila poveri hanno partecipato al Pranzo di Natale: oltre 55.000 in Italia, in 90 città. E quest'anno, col tuo aiuto, vogliamo far crescere ulteriormente il Pranzo di Natale e lanciare un forte messaggio di solidarietà con la campagna "A Natale aggiungi un posto a tavola".
   
LA COMUNITA' DI SANT'EGIDIO
Nata a Roma nel 1968, la Comunità di Sant'Egidio è conosciuta nel mondo per il suo impegno sociale e religioso, il lavoro per la pace e il dialogo, le campagne per i diritti, come quello alla salute in Africa e l'abolizione della pena di morte. Oggi Sant'Egidio è presente in più di 70 Paesi con oltre 60mila aderenti e una più vasta cerchia di simpatizzanti e amici che collaborano attivamente in diverse iniziative. E' stata fondata nel 1968 dallo storico Andrea Riccardi quando era ancora liceale. Il suo presidente è attualmente Marco Impagliazzo, professore di storia contemporanea.
Nello spirito del Concilio Vaticano II e aperta al contributo di chiunque intenda lavorare per la pace e difendere i più deboli, la Comunità è composta da persone di ogni età ed estrazione sociale, che sentono come una priorità l'impegno per gli altri, a partire dai poveri. La caratteristica che la contraddistingue è la gratuità: nessuno è pagato per il servizio che svolge come volontario e tutte le iniziative sono portate avanti con il contributo di chi intende sostenerle.
Tra gli impegni di Sant'Egidio nei diversi continenti: 
- campagna a favore degli anziani in difficoltà e soli;
- accoglienza e integrazione per immigrati, dal 2016 apertura dei corridoi umanitari per i rifugiati;
- "scuole della pace" per promuovere la scolarizzazione dei minori in difficoltà e l'educazione alla convivenza;
- sostegno ai "bambini di strada" in Africa e in America Latina;
- campagna per i diritti dei disabili al lavoro e a una vita pienamente integrata; 
- impegno in Africa per la cura e la prevenzione dell'Aids e di altre malattie;
- campagna per la registrazione anagrafica in Africa;
- iniziative per favorire la pace in diverse aree del mondo, dopo che nel 1992, grazie a Sant'Egidio, fu firmato a Roma l'accordo di pace per il Mozambico.
La Comunità promuove anche il dialogo interreligioso per contribuire, in questo modo, non solo alla conoscenza e al rispetto reciproco, ma anche alla costruzione della pace. Ogni anno organizza un incontro internazionale nello "spirito di Assisi", dalla storica Preghiera per la Pace voluta da Giovanni Paolo II nel 1986 nella città di San Francesco.
 
Pubblicato in News Federazione

Ultimi 4 articoli FEDERAZIONE