Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europa Cup. Ungheria e Olanda avanti. 7rosa in WL

images/large/HUN-GRE.jpg
L'Ungheria è in semifinale di Europa Cup e l'Italia già alle finali di World League. Le magiare battono 13-9 la Grecia vice campione d'Europa e sabato pomeriggio alle 15.00 affrontano la Russia nella prima delle due semifinali. Con questo risultato, ospitando la Final 8 di World League a Budapest dal 4 al 7 giugno, l'Ungheria ha di fatto liberato uno dei tre posti europei per la qualificazione alle finali. Nella seconda semifinale, domani alle 16.30, le azzurre affrontano l'Olanda campione d'Europa, battuta due volte nel girone preliminare (7-9 e 9-6), che nei quarti ha superato 9-6 la Spagna, vicecampione mondiale e bronzo continentale.
 
Ungheria-Grecia 13-9
Dopo un minuto e mezzo la Grecia ha già sprecato due occasioni: prima non sfrutta la superiorità, poi fallisce il rigore (Plevritou tira sull'acqua e la palla schizza fuori). Non sbagliano dai cinque metri, invece, le magiare Kesztheli e Szilagyi che capitalizzano i due rigori conquistati in rapida successione. La Grecia continua a sbagliare in fase di superiorità e l'Ungheria dà inizio al suo gioco speculare che le permette di chiudere 4-1 il primo periodo sebbene le occasioni di aumentare il gap siano state molteplici. Nel secondo tempo la Grecia si avvicina fino al -1 (5-4) ma i gol di Parkes (doppietta) e Gyogyossy riallontanano l'Ungheria, ora a +4. La Grecia sbaglia anche il secondo rigore: questa volta Gangl para la conclusione di Tsoukala. Nel terzo tempo la squadra di Attila Biro allunga 11-4 sulle elleniche che dopo 8'28" senza segnare ne fanno tre in 1'45" con Xenaki, Tsoukala e Eleftheriadou. Non cambia, però, l'inerzia della partita e nell'ultima frazione l'Ungheria chiude il match con Gurisatti che in extra player segna subito (12-7) e interrompe il minibreak greco.
 
Le dichiarazioni dei protagonisti. Attila Biro, allenatore dell'Ungheria: "Abbiamo iniziato molto bene e con intensità, poi abbiamo mantenuto un buon livello di gioco a livello fisico e tattico, vincendo una partita non semplice". Edina Gangl, portiere dell'Ungheria e MVP: "Siamo molto felici per questa vittoria, abbiamo difeso molto bene raggiungendo la semifinale nella quale dovremo ripetere la buona prestazione di oggi". Georgios Morfesis, allenatore della Greca: "Sapevamo di non essere preparati per il nuovo regolamento. Abbiamo molti problemi in difesa, dobbiamo concentrarci di più e prendiamo troppi gol soprattutto con l’uomo in meno. Dobbiamo giocare più concentrati in vista dei mondiali".

esp ned 29319

Spagna-Olanda 6-9
Pronti via e l'Olanda, che sfrutta le ripertenze, conquista il primo rigore dopo un minuto (realizza Megens) e il secondo dopo tre minuti e mezzo (segna Van Der Sloot). Ruggisce la Spagna che graffia con Ortiz Munoz, è immediata la replica orange con Wolves. Campionesse d'Europa avanti 3-1 al primo intervallo. Secondo tempo più equilibrato, la Spagna aggiusta la mira con Forca Ariza e Ortiz Munoz ma l'Olanda, forte del minibreak iniziale, si mantiene a distanza di sicurezza, grazie anche alla doppietta di Van Der Sloot. Nel terzo tempo il fiato fa la differenza: cominciano ad averne meno le iberche che sbagliano anche uno-contro-uno; non sono ancora in riserva le olandesi che piazzano un parzale di 3-0 in sei minuti (doppietta di Megens e primo gol di Koolhaas). Si distraggono un po' le campionesse europee, forse già sicure della vittoria, e Anna Espar spinge in rete una palla che transita davanti alla porta. Spagna sul -2. Poi Aarts blocca sicura il tiro dalla destra di Espar Llaquet che rappresentava l'occasione per il -1 con quattro minuti ancora da giocare. La Spagna, argento mondiale e bronzo europeo, sbaglia anche il rigore (Espar Llaquet colpisce il palo), ma la squadra di Arno Havenga aveva già blindato il risultato con il gol di Wolves.

Le parole dei protagonisti. Arno Havenga, allenatore dell'Olanda: "abbiamo giocato molto bene soprattutto in difesa, sebbene fosse la prima partita ufficiale con il nuovo regolamento. Abbiamo cercato di rispettare il piano partita e penso che la squadra ci sia riuscita". Maud Megens, nuemero due dell'Olanda e MVP: "sono onorata per il titolo di MVP e per aver dato il mio contributo alla vittoria della squadra. Spero che potremo ottenere lo stesso risultato anche domani, giocando di squadra come oggi". Miguel Angel Oca Gaia, allenatore della Spagna: "non abbiamo giocato al meglio né in attacco né in difesa. Nella partita di domani dovremo cercare soprattutto di tirare meglio e sfruttare le occasioni create".
 
Tabellini 
 
Ungheria-Grecia 13-9
Ungheria: Gangl , Szilagyi 1 (rig.), Parkes 3, Gurisatti 2, Szucs 1, Horvath 1, Illes 2, Keszthelyi 2 (1 rig.), Valyi , Gyongyossy 1, Toth-Csabai , Garda , Toth . All. Biro.
Grecia: Stamatopoulou , Tsoukala 2, Diamantopoulou , Eleftheriadou 1, Plevritou , Avramidou , Asimaki 1, Chydirioti 2, Ninou 1, Benekou , Plevritou 1, Xenaki 1, Kotsioni. All. Morfesis.
Arbitri: Alexandrescu (Rou), Ferrari (Ita).
Note: parziali 4-1, 4-3, 3-3, 2-2. Delegati Bebic (Cro) e Moliner (Esp). Uscite per limite di falli Szucs (H) a 3'57 del terzo, Xenaki (G) a 5'51 del quarto tempo. Superiroità numeriche: Ungheria 6/10 + un rigore, Grecia 4/11 + 2 rigori falliti da Plevritou a 1'27 del primo e Tsoukala a 6'22 del secondo tempo (parato da Gangl). Spettatori 300. Miglior giocatrice Gangl (H).

Spagna-Olanda 6-9
Spagna: Ester Ramos, Bach Pascual, Ortiz Munoz 2, Ortiz Reyes, Lloret Gomez, Clara Espar Llaquet, Anna Espar Llaquet 2, Pena Carrasco, Forca Ariza 1, Gual Rovirosa, Garcia Godoy 1, Leiton Arrones, Sanchez Gonzales . All. Oca Gaia.
Olanda: Aarts, Megens 3 (1 rig.), Genee, Van Der Sloot 3 (1 rig.), Wolves 2, Stomphorst, Nijhuis, Sevenich, Keuning, Koolhaas 1, Van De Kraats, Rogge, Buis . All. Havenga.
Arbitri: Naumov (Rus), Savinovic (Cro).
Note: parziali 1-3, 2-2, 2-3, 1-1. Delegati Krivokapic (Srb) e Perisic (Srb). Uscita per limite di falli Rogge (N) a 4'59 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Spagna 3/10 + un rigore, Olanda 2/4 + 2 rigori. Anna Espar llaquet (E) fallisce un rigore a 7'30 del quarto tempo. Spettatori 300. Miglior giocatrice Megens (N).    
 
Il calendario della Final Six (29-31 marzo)

Quarti di finale - venerdì 29 marzo
Ungheria-Grecia 13-9
trasmessa in diretta su Rai Sport + HD
Spagna-Olanda 6-9
trasnessa in diretta su Rai Sport + HD
Semifinali - sabato 30 marzo
15.00 (1) Russia-Ungheria - diretta su Rai Sport + HD
16.30 (2) Italia-Olanda - diretta su Rai Sport + HD
18.00 Finale 5°/6° posto Grecia-Spagna
Finali - domenica 31 marzo
3°/4° posto
15.00 Perdente semifinale 1-Perdente semifinale 2 - diretta su Rai Sport + HD
1°/2° posto
16.30 Vincente semifinale 1-Vincente semifinale 2 - diretta su Rai Sport + HD
CLASSIFICA EUROPA CUP 2018
1. Grecia
2. Russia
3. Spagna
4. Olanda
5. Italia
6. Ungheria

Foto Giorgio Scala/Deepbluemedia.eu