Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Febbraio 2015 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

La Pro Recco batte l'AN Brescia 8-5 (parziali 0-1, 2-2, 3-2, 3-0) davanti a ben 1500 spettatori e conquista la decima coppa Italia della storia. Per i campioni d'Italia si tratta del terzo successo consecutivo e del nono dal 2006. Al terzo posto la BPM Sport Management che ha sconfitto la Carpisa Yamamay Acquachiara 9-8 (parziali 3-3, 2-2, 1-1, 3-2). Capocanonniere della final four della coppa Italia - svoltasi alla piscina comunale di Sori - Alex Giorgetti con 7 gol; Mvp della finale Andrea Fondelli. 

Sintesi di Pro Recco-AN Brescia 8-5. Il primo tempo riserva solo il gol di Bruni, che apre le marcature dal centro su assist di Christian Presciutti dopo 6'15 in superiorità numerica (1/2). In precedenza la Pro Recco non aveva trasformato due superiorità numeriche, di cui una doppia, e aveva fallito un rigore con Pralinovic, che era entrato nell'area dei cinque metri prima di tirare. Nel secondo tempo non si passa con l'uomo in più, ma con grandi individualità: il tiro a schizzo di Andrea Fondelli per l'1-1 e primo gol recchelino dopo 11'39 di gioco; la girata ai due metri di Bodegas, la palombella effettata di Nora per il 3-1 lombardo e il filtrante disegnato dal perimetro di Figari che ricuce il punteggio. Attacchi in affanno contro difese chiuse ed organizzate; tanta intensità, ma poca precisione. Il terzo tempo cambia marcia dopo i primi quattro minuti bloccati. Prlainovic a 4'14 realizza il 3-3 in superiorità numerica dopo sette errori. Poi Fondelli con un gran diagonale porta avanti la Pro Recco a 5'19. Break di 3-0 e 4-3. Il Brescia però risponde immediatamente con una beduina di Bodegas a 5'45, e successivamente con Rizzo (5-5) replica ad Aicardi (5-4) per due gol in superiorità numerica. Tutto rimandato al quarto tempo che si apre col vantaggio della Pro Recco realizzato da Giorgetti su rigore a 1'44 (6-5). I tentativi di rientrare dell'AN Brescia sono frustrati dalla difesa recchelina che salva più volte in superiorità numerica. Poi i gol in superiorità numerica di Aicardi - servito da Andrea Fondelli, MVP dell'incontro - a 6'32 e di Giorgetti a 7'58 chiudono la partita. Le mani della Pro Recco sulla decima.

Consulta il tabellino di Pro Recco-AN Brescia 8-5

Dichiarazioni di Igor Milanovic: "Vorrei ringraziare i giocatori che hanno eseguito una bella difesa. Abbiamo annullato l'attacco del Brescia. Il nostro capitano Tempesti ha disputato una grande partita. Malgrado gli infortuni la squadra ha dimostrato carattere negli ultimi due mesi. E' una vittoria del gruppo. Sono molto contento".

Dichiarazioni di Andrea Fondelli (MVP dell'incontro): "Merito dell'allenatore e della società. La partita di oggi ha dimostrato la nostra preparazione. Il mister mi sta dando fiducia e sono felice di giocare molto".

Dichiarazioni di Maurizio Felugo: "Siamo contenti perché è sempre difficile ripetersi. La partita è stata molto combattuta. L'AN Brescia è un'ottima squadra. Complimenti ad Andrea Fondelli. Ha disputato una grande partita".

Finale terzo posto. La BPM Sport Management batte la Carpisa Yamamay Acquachiara 9-8 (parziali 3-3, 2-2, 1-1, 3-2) e conclude al terzo posto la final four della coppa Italia di pallanuoto. Determinante il sorpasso compiuto con le reti di Michele Luongo su rigore a 2'57 e Carlo Di Fulvio in superiorità numerica a 7'37 del quarto tempo. La partita - molto fisica - è stata caratterizzata da basse percentuali di realizzazione in superiorità numerica (4/17 per l'Acquachiara e 3/12 per la Sport Management) e da soluzioni individuali. Nessuna delle due squadre ha raggiunto il doppio vantaggio con l'equilibrio infranto solo a pochi secondi dalla sirena.

Semifinali. Nella prima semifinale la Pro Recco aveva battuto 12-6 la Carpisa Yamamay Acquachiara. Top scorer Alex Giorgetti con 5 gol. Nella seconda semifinale la AN Brescia aveva superato 7-4 la BPM Sport Management. Tripletta di Alessandro Nora. 

Albo d'oro. 1970 CC Napoli, 1971/73 non disputata, 1974 Pro Recco, 1975 non disputata, 1976 RN Florentia, 1977/84 non disputata, 1985-1986 Pescara, 1987 CN Posillipo, 1988 RN Arenzano, 1989 Pescara, 1990-1991 RN Savona, 1992 Pescara, 1993 RN Savona, 1994/97 non disputata, 1998 Pescara, 1999/2004 non disputata, 2005 Bissolati Cremona, dal 2006 al 2011 Pro Recco, 2012 AN Brescia, 2013-2014-2015 Pro Recco.

Ultime cinque finali della coppa Italia
2015 Pro Recco-AN Brescia 8-5 a Sori
2014 Pro Recco-AN Brescia 11-6 a Brescia
2013 Pro Recco-RN Savona 13-9 a Savona
2012 AN Brescia-Pro Recco 5-4 a Napoli
2011 Pro Recco-Leonessa Brescia 9-7 a Brescia

Tabellino Pro Recco-Carpisa Yamamay Acquachiara

Tabellino AN Brescia-BPM Sport Management

Tabellino Carpisa Yamamay Acquachiara-BPM Sport 

Pubblicato in News Pallanuoto

Diciottesimo appuntamento con lo spazio dedicato alle statistiche. Questa settimana tutto al maschile, perché il massimo campionato femminile si è fermato per gli impegni del Setterosa in World League. Dati aggiornati alla sedicesima giornata della serie A1 maschile. C’è da recuperare una partita del quindicesimo turno tra Como Nuoto e Lazio Nuoto (in programma il 28 febbraio alle 18). Gol, rigori, top scorer, superiorità numeriche e curiosità che ci accompagneranno ed illustreranno al meglio l'andamento dei tornei. Appuntamento settimanale con le statistiche di Stefano Ballerini.

Campionato A1 M – 16^ giornata

Gol segnati 120 (1795)

Vittorie in casa 4 (50)
Vittorie in trasferta 2 (40)
Pareggi 0 (5)

Manca la partita Como-Lazio (28 febbraio)

Gol segnati nei quattro tempo

1 tempo 27 (429)
2 tempo 29 (440)
3 tempo 32 (446)
4 tempo 32 (480)

Quarti di gara senza gol 2

Carisa Savona-CC Napoli 1 tempo 0-0
Brescia-Carisa Savona 3 tempo 0-0

I turni con più gol sono il 14° e il 16 ° con 120
Il turno con meno gol è il quarto con 90

La partita con più gol è Lazio-Carpisa Yamamay Acquachiara 14-19 (14° turno) 33
La partita con meno gol è Carisa Savona-Posillipo 5-2 (4° turno) 7

Vittoria in casa con maggior divario
Pro Recco-Roma Vis Nova 23-3

Vittoria in trasferta con maggior divario
Roma Vis Nova- Pro Recco 4-21

I cinque pareggi sono Lazio-BPM Sport Management 8-8 (8° turno), Posillipo-Florentia 10-10 (10° turno), Carisa Savona-Como 8-8 (recupero del 6°turno), Carpisa Yamamay Acquachiara-BPM Sport Management 11-11 (13° turno) e CC Napoli-Posillipo 7-7 (14° turno)

Rigori concessi 16, di cui 3 falliti (totale 166 con 40 errori)

Rigori assegnati e media gol

Carpisa Yamamay Acquachiara 30 (25 realizzati)
BPM Sport Management 17 (14 realizzati)
Pro Recco 20 (15 realizzati)
RN Bogliasco 19 (16 realizzati)
Roma Vis Nova 10 (3 realizzati)
CN Posillipo 11 (7 realizzati)
AN Brescia 8 (7 realizzati)
Carisa Savona 7 (5 realizzati)
RN Florentia 4 (2 realizzati)
CC Napoli 14 (12 realizzati)
Lazio Nuoto 14 (10 realizzati)
Como Nuoto 9 (8 realizzati)

Portieri pararigori: 5 Tempesti (Pro Recco); 4 Caprani (Carpisa Yamamay Acquachiara) e Olive (Como); 3 Mugelli (RN Florentia), Volarevic (BMP Sport Management) e Del Lungo (AN Brescia); 1:Turiello (CCNapoli), Prian (RN Bogliasco), Vespe (Lazio Nuoto), Bonito (Roma Vis Nova), Antona (Carisa Savona), Pastorino (Pro Recco) e Negri (CN Posillipo).

Miglior attacco Pro Recco 253
Peggior attacco Como Nuoto 97
Miglior difesa Pro Recco 86
Peggior difesa RN Florentia 209

Media gol in superiorità numerica

Lazio Noto 59/156
RN Bogliasco 57/125
AN Brescia 65/142
Carpisa Yamamay Acquachiara 65/149
CCNapoli 54/144
Pro Recco 54/106
BPM Sport Management 52/143
Como Nuoto 41/121
CN Posillipo 38/137
Roma Vis Nova 58/146
Carisa Savona 53/147
RN Florentia 31/123

Migliori marcatori del sedicesimo turno

5 Luongo Michele (BéM Sport Management) e Di Fulvio Francesco (Pro Recco)

Migliori marcatori del torneo

48 Petkovic (Carpisa Yamamay Acquachiara)
45 Brguljan (CC Napoli)

Spettatori della sedicesima giornata 2000 (totale 29250)

Turno con più spettatori il quarto con 2600
Partita con più pubblico BPM Sport Management-Pro Recco (4^ giornata) con 950

Si ringrazia per la collaborazione Stefano Ballerini (Firenze Viola Supersport)

Pubblicato in News Pallanuoto
Martedì, 24 Febbraio 2015

World League. Buon compleanno Italia

Quattordici gol per spengere 30 candeline. Nel trentennale di Francia-Italia il Setterosa di Fabio Conti vince a Lille 14-3. Ne segna due in più rispetto all’andata e ne subisce anche due in meno. E torna prima nel girone grazie alla contemporanea vittoria dell'Ungheria 13-12 con la Russia (4-3, 3-5, 5-2, 1-2). “Rispetto all’andata hanno funzionato meglio i meccanismi difensivi – spiega il cittì – e quando si impostano le partite in questo modo è possibile provare le ragazze anche fuori posizione. Serve ancora più precisione sotto porta. Brave la debuttante Picozzi e la rientrante Pomeri”.

LA PARTITA. Si parte a ritmi bassi. Brava la difesa azzurra a tenere sempre lontano le portatrici di palla. Quattro chiare occasioni e tre gol. Apre Bianconi su rigore dopo poco più di un minuto, poi due gol nel finale di tempo con Aiello e Di Mario. Un tiro insidioso di Millot fermato sulla linea da Gorlero. Più vivace il secondo tempo. La palla gira più veloce. Il 100% in superiorità (2/2) per l’Italia che continua a difendere bene (1/3 per le transalpine). Pomeri fa il 4-0 e bagna col il gol l’esordio stagionale in World League. Garibotti si smarca bene in occasione delle superiorità. Nel terzo tempo Laura Teani prende il posto di Giulia Gorlero tra i pali. Due palombe azzurre: Garibotti in apertura e la debuttante Picozzi. Controfuga vincente di Queirolo. La terza frazione si chiude 12-2 per l’Italia con un altro gol “giovane” griffato Tabani. Nel quarto tempo Tardy segna il terzo gol francese (doppietta per lei) in superiorità numerica: è una delle poche occasioni che il Setteresa concede alle francesi. Frassinetti e Bianconi rendono il risultato più rotondo.

LE NOVITA’ DI OGGI. Per Domitilla Picozzi, 17 anni da compiere a giugno, romana della Sis Roma, è stato l’esordio vero e proprio con la calottina del Setterosa (oggi con la numero 10) dopo il primo gettone guadagnato nella gara amichevole con la Cina il 13 dicembre al Foro Italico. “Emozionata e concentrata”, sono state le sue prime parole. Per Francesca Pomeri è la “prima” del 2015; lei, campionessa d’Italia con la Mediterranea Imperia, era già ai Mondiali di Barcellona nel 2013 e ha partecipato all’argento in World League del 2011 (presenza numero 54 oggi per lei). Tania Di Mario, capitano con 305 partite all’attivo, è tornata in azzurro dopo la parentesi di sei mesi per motivi di studio (un master in diritto e management dello sport).

Vai al tabellino della partita

30 ANNI DI FRANCIA-ITALIA. Trent’anni fa nasceva la Nazionale femminile di pallanuoto. Era il 1985 quando partecipò al suo primo torneo ad Hannover. L’esordio il 25 luglio fu proprio con la Francia. Finì 12-2 per le transalpine e il primo gol dell’Italia lo realizzò su rigore Bianca Pirone, oggi mamma di Carolina Ioannou, anche lei nel gruppo della Nazionale, che gioca in serie A1 con il Rapallo e che a settembre 2014 ha vinto la medaglia d’argento agli Europei junior di Ostia. Per questo evento, prima della partita, è stata organizzata una festa a sorpresa. Molto gradita dal pubblico e da tutti i partecipanti. Presentazione all’americana, fumi tricolori, bandiere e mascotte. Tutto in diretta streaming.

Vai all’articolo che ricorda il 1985

Pubblicato in News Pallanuoto

Francia-Italia trant’anni dopo. Nel 1985, quando nasceva la Nazionale femminile di pallanuoto che presto sarebbe diventata il mitico Setterosa, la maggior parte delle ragazze di oggi non erano neanche nate e altre erano appena bambine. Il Commissario Tecnico di allora era Pierluigi Formiconi che nel 2004 vinse le Olimpiadi di Atene su quella stessa panchina e oggi guida la Lazio nel campionato di serie A1 maschile. L’attuale CT Fabio Conti, invece, aveva 13 anni e iniziava a giocare a pallanuoto con i Nuotatori Romani, tra le prime e poche società in Italia che aveva già la squadra femminile. “Non avevo ancora un ruolo definito – sorride – diciamo che giocavo da universale. Ricordo che dopo gli allenamenti con i miei compagni, mi univo alle ragazze per continuare a giocare. Erano più grandi di me e avevo tutto da imparare”. Il Setterosa era nel suo destino. La prima esperienza da allenatore è stata alla guida dei Castelli Romani in serie A femminile nella stagione ‘96/97.
La prima partita della Nazionale femminile è stata Francia-Italia il 25 luglio 1985 e vinse la Francia 12-2. L’ultima partita con la Francia è stata quella del 25 novembre 2014 a Frosinone e ha vinto l’Italia 12-5. Trent’anni dopo le gerarchie tecniche tra le due squadre si sono ribaltate completamente ma il fascino è rimasto lo stesso. Martedi 24 febbraio alle 19.30 Francia-Italia si affrontano a Lille per il quarto turno del girone preliminare della World League. Le azzurre vengono dalla brutta sconfitta di gennaio con la Russia; le francesi sono ultime a zero punti. Entrambe chiedono risposte e progressi a questo match, anche se con ambizioni diverse. Le squadre sono state tre giorni in collegiale all’Institut National du Sport, de l’Expertise et de la Performance di Parigi e si sono trasferite oggi a Lille. Nel common training si sono allenate due volte al giorno, con sedute in piscina e palestra e partitelle amichevoli. Martedì sera c’è la gara ufficiale, quella del trentennale. Appuntamento nella storica piscina Marx Dormoy. Conti ha convocato per il collegiale 16 ragazze e comunicherà le 13 per la partita martedì mattina, dopo l’ultimo allenamento, in occasione della riunione tecnica. Arbitri dell’incontro Jose Maria Teule (Spagna) e Henk Smit (Olanda). Delegato Richard Papazian (Francia).

LE CONVOCATE. Per il collegiale con la Francia il Commissario Tecnico Fabio Conti ha convocato Laura Teani, Elisa Queirolo, Alessia Millo e Sara Dario (Plebiscito Padova), Tania Di Mario (Orizzonte Catania), Rosaria Aiello e Arianna Garibotti (Despar Messina), Aleksandra Cotti (Rapallo Pallanuoto), Roberta Bianconi (Olimpiakos), Teresa Frassinetti (RN Bogliasco), Giulia Emmolo, Giulia Gorlero e Francesca Pomeri (Mediterranea Imperia), Chiara Tabani e Giuditta Galardi (Waterpolo Prato) e Domitilla Picozzi (SIS Roma). Nello staff, con il CT Fabio Conti, l'assistente tecnico Paolo Zizza, il preparatore atletico Simone Cotini, il team manager Barbara Bufardeci, il medico Vincenzo Ciaccio e la fisioterapista Simona Tozzetti.

LA SITUZIONE NEI GIRONI EUROPEI DI WORLD LEAGUE

Gruppo A: Russia 8, Italia 6, Ungheria 4, Francia 0 
Gruppo B: Olanda 9, Grecia 6, Spagna 3, Germania 0

Round 1 - 25 Novembre 2014
Italia-Francia 12-5
Russia-Ungheria 13-11 dopo i rigori
Spagna-Germania 18-6
Grecia-Olanda 11-12

Round 2 - 16 dicembre 2014
Ungheria-Italia 9-11
Francia-Russia 4-15
Olanda-Spagna 10-6
Germania-Grecia 7-20

Round 3 - 27 gennaio 2015 
Russia-Italia 11-8
Ungheria-Francia 14-5
Grecia-Spagna 10-7
Olanda-Germania 30-4

Round 4 - 24 Febbraio 2015 
Francia-Italia – Lille ore 19.30
Ungheria-Russia – Kecskemét ore 18.30
Germania-Spagna – Chemnitz ore 19.00
Olanda-Grecia – Gouda ore 20.30

Round 5 - 24 Marzo 2015 
Italia-Ungheria (Imperia)

Round 6 - 21 aprile 2015
Italia-Russia (Avezzano)

Super Final 9-14 giugno 2015
In Cina (città da stabilire)

eric-photos.com

Pubblicato in News Pallanuoto

Si è giocata la quinta giornata di ritorno del massimo campionato maschile. Tutti in acqua il sabato pomeriggio. Nell'anticipo delle 16 a Savona successo della Carpisa Yamamay Acquachiara 13-5 e partita che verrà trasmessa in differità questa sera alle 22.30 su Rai Sport 2. Top scorer Petkovic e Lanzoni con 2 triplette. Nella gara delle 17 a Bogliasco la Rari Nantes ha battuto 11-6 la Roma Vis Nova. Miglior marcatore Deserti con 4 gol. Alle 18 Canottieri Napoli, Brescia e Sport Management fanno valere il fattore campo: la Canottieri 9-7 al Como e partita decisa negli ultimi cinque minuti, il Brescia 10-6 al Posillipo che aveva chiuso il terzo tempo sotto di uno (7-6), la BPM 15-9 alla Florentia con 5 gol di Luongo e match già chiuso dopo 24 minuti (14-4). Al Salaria Sport Village di Roma i campioni d'Italia della Pro Recco passano 18-11 ma la Lazio li impegna severamente fino al terzo periodo (11-12). Cinque gol di Di Fulvio e 4 per Felugo e Figlioli. Fermo il torneo femminile per gli impegni del Setterosa in World Legaue: il 24 febbraio a Lille c'è Francia-Italia. 

16^ Giornata – sabato 21 febbraio 2015

CARISA R.N. SAVONA – CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA 5-13
Differita RAISport 2, ore 22.30
Arbitri: Ricciotti e Riccitelli

R.N. BOGLIASCO – ROMA VIS NOVA 11-6
Arbitri: Alfi e Collantoni

CC NAPOLI – COMO NUOTO 9-7
Arbitri: Centineo e Lo Dico

S.S. LAZIO NUOTO – PRO RECCO N e PN 11-18
Arbitri: Pascucci e Sgarra

A.N. BRESCIA – C.N. POSILLIPO 10-6
Arbitri: Piano e Rovida

BPM PN SPORT MANAGEMENT – R.N. FLORENTIA 15-9
Arbitri: Colombo e Ruscica

Tabellini e classifica

Pubblicato in News Pallanuoto

Trent'anni fa nasceva la Nazionale femminile di pallanuoto. Era il 25 luglio 1985 quando giocò la sua prima partita con la Francia nel torneo Sei Nazioni ad Hannover. Finì 12-2 per le transalpine e il primo gol dell’Italia lo realizzò su rigore Bianca Pirone, oggi mamma di Carolina Ioannou, anche lei nel gruppo della Nazionale, che gioca in serie A1 con il Rapallo (nell’ultima giornata prima della sosta ha segnato 4 gol nel derby pareggiato con il Bogliasco) e che a settembre 2014 ha conquistato la medaglia d’argento agli Europei juniores di Ostia. Sulla panchina c’era Pierluigi Formiconi e in vasca c’erano molte giovani ragazze che presto sarebbero diventate campionesse con il Setterosa, come Carmela Allucci, Antonella Di Giacinto, Nicoletta Abbate e Claudia Vinciguerra.
Trent'anni dopo, il 24 febbraio 2015 a Lille, sarà di nuovo Francia-Italia. In panchina c’è Fabio Conti, dal 2010 commissario tecnico del Setterosa con il quale ha vinto la medaglia d’oro agli Europei di Eindhoven 2012 e conquistato due medaglie d’argento in World League nel 2011 e nel 2014 ed ha partecipato alle Olimpiadi di Londra 2012 (settimo posto). In vasca un mix di gioventù ed esperienza.
In questi anni l’Italia femminile è cresciuta in maniera esponenziale e le gerarchie tecniche con le francesi si sono ribaltate, ma Francia-Italia mantiene sempre il fascino di allora. Il quarto turno dei preliminari di World League sarà anche l’occasione di spengere 30 candeline e fare gli auguri alla nostra Nazionale femminile che dal 1985 ad oggi ha conquistato una medaglia d’oro ai Giochi Olimpici; due ori, un argento e un bronzo ai campionati del mondo; cinque ori, due argenti e un bronzo ai campionati europei; tre medaglie d’argento e una di bronzo nella World League.
La squadra azzurra ha raggiunto oggi Parigi. Nei primi tre giorni è previsto un common training con la squadra allenata da Filippos Sakellis - presso l’Institut National du Sport, de l’Expertise et de la Performance (INSEP) - poi il trasferimento a Lille (circa 225 km da Parigi) e martedì 24 febbraio alle 19.30 la partita. Si gioca alla Piscine Marx Dormoy.

Le convocate per la Francia (nella riunione tecnica saranno comunicate le 13 della partita): Laura Teani, Elisa Queirolo, Alessia Millo e Sara Dario (Plebiscito Padova), Tania Di Mario (Orizzonte Catania), Rosaria Aiello e Arianna Garibotti (Despar Messina), Aleksandra Cotti (Rapallo Pallanuoto), Roberta Bianconi (Olimpiakos), Teresa Frassinetti (RN Bogliasco), Giulia Emmolo, Giulia Gorlero e Francesca Pomeri (Mediterranea Imperia), Chiara Tabani e Giuditta Galardi (Waterpolo Prato) e Domitilla Picozzi (SIS Roma). Nello staff, con il CT Fabio Conti, l'assistente tecnico Paolo Zizza, il preparatore atletico Simone Cotini, il team manager Barbara Bufardeci, il medico Vincenzo Ciaccio e la fisioterapista Simona Tozzetti.

Riportiamo l’articolo tratto dalla rivista “Sabato è pallanuoto” di gennaio-febbraio 2015.

La Nazionale italiana femminile di pallanuoto debuttò nel 1985, con la partecipazione al torneo esagonale di Hannover. In quel 1985 le azzurre, che dieci anni più tardi saranno individuate con l’appellativo di Setterosa, furono impegnate in alcuni raduni collegiali, l’ultimo dei quali ebbe luogo a Roma, dal 20 al 22 luglio.
Venti le atlete convocate per il collegiale di Roma dall’allenatore Pierluigi Formiconi che portò poi ad Hannover, dove dal 25 al 28 luglio era in programma il citato torneo, la seguente formazione: Monica Canetti (Volturno), Bianca Pirone (Fuorigrotta), Carla Ogliastro (Nuotatori Rivarolesi), Anna Arcellaschi (Nuotatori Rivarolesi), Barbara Damiani (Fuorigrotta), Barbara Bernabei (Vis Nova), Carmela Allucci (Volturno), Antonella Di Giacinto (Volturno), Nicoletta Abbate (Volturno), Laura Buonomo (Azzurra), Claudia Vinciguerra (Dop. Ferroviario), Sabrina Barresi, (Dop. Ferroviario), Alessandra Aschero (Albisole).
Viaggiò al seguito della squadra in qualità di arbitro il napoletano Giuseppe Aglialoro che ad Hannover iniziò la sua brillante carriera internazionale. Aglialoro, tra l’altro, sarà poi team-manager del Setterosa nell’occasione della vittoria ai Giochi olimpici di Atene 2004.
L’Ungheria vinse quel torneo, imponendosi per 11 a 6 alla Germania Ovest nella partita decisiva. Le azzurre, pur terminando ultime a zero punti, non sfigurarono per niente, dando a chi era presente ad Hannover, l’impressione d’avere consistenti margini di miglioramenti.
L’esordio avvenne contro la Francia che batté per dieci a 2 le ragazze di Formiconi, molto emozionate davanti al loro primo impegno ufficiale.
Il primo gol azzurro fu realizzato, su tiro di rigore, dalla capitana della squadra, Bianca Pirone, a 16’ del secondo tempo, quando le transalpine conducevano per 2 a 0.

Pubblicato in News Pallanuoto
Giovedì, 19 Febbraio 2015

World League. Italia-Francia 11-10

Settebello contro tutte le avversità. Dopo 30 ore di attesa tra albergo ed aereoporto per rientrare da Istanbul sommersa dalla neve gli azzurri scendono in vasca, atterrati tre ore prima a Milano, e con un gol di Baraldi a 3 secondi dalla fine si regalano la quarta vittoria nel girone C di World League, infiammando gli oltre mille spettatori festanti della piscina Faustina di Lodi.
Italia-Francia termina 11-10 dopo che nella vigilia era successo di tutto con gli azzurri colpiti dall'emergenza neve ad Istanbul (dove hanno giocato il quinto turno martedì sera contro la Turchia vinto 16-3), che li ha fatti arrivare a Lodi solo un'ora prima della partita. La Francia è stata brava, giocando duro e segnando nove reti in parità numeriche. Gli azzurri hanno rimontato lo svantaggio di metà gara grazie ad un buon terzo tempo e un miglior pressing in difesa.
Il 17 marzo si torna a giocare contro il Montenegro a Genova. (vai al tabellino). Soddisfatto per lo spirito e la voglia di vincere il Cittì Campagna: "E' stata comunque una festa dello sport. I ragazzi hanno vinto in rimonta soprattutto per la gente. Devo fare i complimenti ai miei perchè sono state 48 ore difficili che serviranno al gruppo per cementarsi ancora di più. E' proprio nei momenti di difficoltà che si vede la squadra, che ha dato tutto quello che aveva stasera. E' una vittoria meritata che dedichiamo al pubblico. Non cerchiamo scuse, a livello tecnico ci sono stati tanti errori soprattutto con la difesa schierata. Poi nel terzo tempo ha funzionato il pressing e siamo andati sul +3. Lì c'è stato un calo di concentrazione inevitabile e la Francia è rientrata con tre reti simili dal centro. Baraldi è stato bravo a provarci fino alla fine e a regalarci questo prezioso successo".

CRONACA. Si gioca in vasca da 25 metri come nel regolamento della World League 2015. La Francia ha subito l'occasione in superiorità ma Aicardi a 1'40 apre le marcature con un gol dei suoi. Massimo Giacoppo raddoppia a 2'30. Break Francia: accorcia Izdinsky a metà tempo e poi pareggia il centroboa Peisson bravo a girare dai due metri per il 2-2. Poi si spegne la luce, gli azzurri hanno le polveri bagnate da fuori e il mancino Izdinsky porta i suoi in vantaggio con una bella conclusione da posizione 5. La partita è vivace e i transalpini rispondono colpo su colpo, ma a 15 secondi dal termine Di Fulvio capitalizza la prima superiorità azzurra e da centroboa realizza il pareggio (3-3).
Il secondo si apre con un fallo grave su Aicardi che poi segna la sua doppietta in extraman per il 4-3 azzurro. Neanche mezzo giro di lancette e Blary sorprende capitan Tempesti da lontano per nuovo pareggio bleus. Sul pareggio i ritmi si addormentano, e i transalpini falliscono la seconda superiorità con Izdinsky che si rifà subito e pesca il jolly dall'esterno per il 5-4 ospite. Finalmente sfruttiamo le controfughe e lo specialista Luongo ad un minuto dal termine insacca il pareggio (5-5) ben lanciato da Tempesti. I blues non demordono e si portano ancora in vantaggio a 30" dalla fine con una bella conclusione di Nastran che, ancora da fuori, sorprende il portierone azzurro.
Il terzo si apre con la sesta superiorità fallita da Luongo ma alla settima possibilità fa centro Di Fulvio (doppietta) e pareggia i conti per la terza volta (6-6). La difesa press funziona e si riparte in controfuga: Giorgetti serve l'assist sotto le plance ad Aicardi che fa centro (tripletta) e riporta in vantaggio i nostri. Contropiede con Di Fulvio che serve al bacio per la conclusione mancina di Bini che griffa il primo doppio vantaggio azzurro (8-6). La Francia annaspa prende acqua e non riesce a concludere con facilità come nella prima metà. Aicardi è un leone al centro, ma non capitalizziamo il decimo extraman, e dall'altra parte ci punisce capitan Camarasa che si gira alla grande al centro, elude la marcatura di Fondelli e segna il meno uno.
Per metà quarto non si segna. Il Settebello spreca tre extraman (2/12), ma alla tredicesima fa centro Stefano Luongo dopo un bel giro palla dei nostri per il 9-7. Tempesti salva alla grande la quinta superiorità francese, e poi è bravo Luongo a fare tripletta e portare i nostri al massimo vantaggio sul +3. Quando sembra finita arriva la doccia fredda: prima la doppietta dal centro di Blary che fa la voce grossa e poi con Camarasa che ci punisce ancora dai due metri pareggiando le ostilità 10-10. Ultimo minuto al cardiopalma: Baraldi ci prova due volte ma Garsau gli nega il gol. Si riparte dall'angolo. Espulsione a favore azzurra e ancora il gigante della Canottieri Napoli che si carica sulle spalle i suoi e dal centro a 3" dal termine insacca mettendo fine alle ostilità.

CURIOSITA'. Il Fanfulla Lodi è la storica società locale. Lo scorso 15 dicembre ha ricevuto l'onorificenza del Collare d'oro  al Coni e vanta di esser la più anziana società natatoria italiana nata due secoli orsono (1874). La squadra di pallanuoto che gioca nella serie B nazionale ed è in testa al girone 2, ed ha visto la fusione tra le due forze cittadine con la nascita del club Wasken Boys.

ITALIA-FRANCIA COME NEL 1503. Fanfulla di Lodi era ribattezzato il Guerriero. Fu dapprima soldato di ventura, poi cavaliere e infine capitano di bandiera tra il 1499 e il 1525. Egli fu protagonista della famosa disfida di Barletta, che il 13 febbraio 1503 vide tredici valorosi guerrieri italiani confrontarsi con altrettanti francesi nell'ambito del conflitto tra Spagna e Francia per il possesso del Regno di Napoli. Il confronto finì con la vittoria degli italiani.

CONVOCATI AZZURRI. Danno forteit Gallo e Gitto per sindrome influenzale, resta Giacomo Bini. Atleti: Marco Del Lungo (AN Brescia), Fabio Baraldi e Alessandro Velotto (CC Napoli), Giacomo Bini (Florentia), Vincenzo Renzuto Iodice (CN Posillipo), Stefano Luongo (Carpisa Yamamay Acquachiara), Matteo Aicardi, Francesco Di Fulvio, Andrea Fondelli, Alex Giorgetti, Stefano Tempesti, Massimo Giacoppo (Pro Recco), Cristiano Mirarchi (Roma Vis Nova). Staff: cittì Alessandro Campagna, assistente tecnico Amedeo Pomilio, preparatore atletico Alessandro Amato, psicologa Bruna Rossi, medico Eugenio Nicola Arena, fisioterapista Paolo Imperatori, video analista Francesco Scannicchio.

WORLD LEAGUE 2015 - SITUAZIONE GRUPPO C

1^ giornata - 18 novembre
Francia-Italia 9-15
Croazia-Turchia 13-3

2^ giornata - 9 dicembre
Montenegro-Italia 13-15 dtr (11-11 regolamentari)
Francia-Croazia 7-14

3^ giornata
Croazia-Montenegro 14-8 giocata il 29 dicembre
Turchia-Francia 9-7 giocata il 2 febbraio

4^ giornata - 20 gennaio
Italia-Croazia 7-8
Montenegro-Turchia 15-4

5^ giornata - 17 febbraio
Turchia-Italia 3-16
Montenegro-Francia 13-7

6^ giornata
Italia-Francia 11-10
Turchia-Croazia il 20 febbraio

7^ giornata - 17 marzo 2015
Italia-Montenegro a Genova alle 20
Croazia-Francia

8^ giornata - 20 marzo 2015
Francia-Turchia
Montenegro-Croazia

9^ giornata - 31 marzo 2015
Italia-Turchia a Siracusa alle 20
Francia-Montenegro

10^ giornata - 14 aprile
Turchia-Montenegro
Croazia-Italia

Classifica gruppo C europeo: Croazia (4) 12, Italia (5) 11, Montenegro (4) 7, Turchia (4) 3 e Francia (5) 0
Nb. si qualifica una squadra oltre l'Italia qualificata di diritto; tra parentesi le partite giocate.

FINAL EIGHT a Bergamo 23/28 giugno

Vai alla pagina ufficiale

credits foto Maxi Maric

Pubblicato in News Pallanuoto
Mercoledì, 18 Febbraio 2015

Eurolega. Padova ko, Imperia gran rimonta

Nell'andata dei quarti di finale di Euro League di pallanuoto femminile le due italiane sono state impegnate in casa. Il Plebiscito Padova ha perso 13-7 con le ungheresi del UVSE Central Budapest e la Mediterranea Imperia ha pareggiato 8-8 con le spagnole del Sabadell. Straordinaria rimonta di Imperia negli ultimi 5 minuti da 4-8 a 8-8 con Mercedes Stieber che decide a 4 secondi dalla sirena sfruttando la superirotià numerica. Per Padova triplette di Laura Barzon e Queirolo e un gol di Bosello. Nelle altre due partite di oggi Olympiacos Pireo-Hungerit Szentes 10-6 e Vouliagmeni-Kinef Surgutneftegas Kirishi 9-10. In questa fase si incrociano le prime e seconde classificate dei gironi A-B e C-D dei preliminari round. Gara 2 si gioca l'11 marzo. Le vincenti dei doppi confronti si qualificano alla Final Four di Euro League (24-26 aprile), le perdenti partecipano alla Final Four di Len Trophy (10-12 aprile). 

Programma e risultati gara 1 quarti di finale - 18 febbraio

OLYMPIACOS (GRE)-SZENTES (HUN) 10-6
PLEBISCITO PADOVA-UVSE CENTRAL BUDAPEST (HUN) 7-13
VOULIAGMENI (GRE)-KINEF KIRISHI (RUS) 9-10
MEDITERRANEA IMPERIA-CN SABADELL (ESP) 8-8

Tabellini delle partite

Foto RN Imperia

Pubblicato in News Pallanuoto
Martedì, 17 Febbraio 2015

World League. Turchia-Italia 3-16

La crescita di una squadra passa anche da trasferte come quella di Istanbul. Megalopoli in tilt per la neve; piscina coperta da una tensostruttura che ne garantisce l'attività anche d'inverno per poi svelarsi d'estate. In tribuna pochi spettatori divertiti dalle giocate degli azzurri e da qualche piccola gaffe. La Turchia - malgrado gli sforzi concentrati soprattutto nell'opera di sviluppo del Galatasaray - è ancora lontana dalla pallanuoto che conta per qualità ed organizzazione.
L'Italia non si fa distrarre dalla sacralità delle moschee, dal fascino dei bazar e dalle meraviglie sul Bosforo; non sottovaluta l'impegno e dopo un avvio lento (sotto 0-1) assolve il compito quasi pienamente. Impone gioco e vince 16-3 (parziali 3-1, 4-0, 5-1, 4-1). Il quasi si riferisce alla percentuale in superiorità numerica (1/5 contro 2/3), obiettivamente migliorabile.
L'Italia torna in vasca giovedì a Lodi contro la Francia per la quinta partita del girone di World League. Incontro in diretta su Rai Sport 2 dalle 20.
Convocati per Lodi. Atleti: Marco Del Lungo (AN Brescia), Fabio Baraldi e Alessandro Velotto (CC Napoli), Valentino Gallo e Vincenzo Renzuto Iodice (CN Posillipo), Stefano Luongo (Carpisa Yamamay Acquachiara), Matteo Aicardi, Francesco Di Fulvio, Andrea Fondelli, Alex Giorgetti, Stefano Tempesti, Massimo Giacoppo e Niccolò Gitto (Pro Recco), Cristiano Mirarchi (Roma Vis Nova). Staff: cittì Alessandro Campagna, assistente tecnico Amedeo Pomilio, preparatore atletico Alessandro Amato, psicologa Bruna Rossi, medico Eugenio Nicola Arena, fisioterapista Paolo Imperatori, video analista Francesco Scannicchio.

SINTESI. Il primo tempo (3-1) di apre con la trasformazione in superiorità numerica di Ozbek, sovvertito dai gol a uomini pari di Velotto e Bini (2). Per gli azzurri anche una superiorità numerica fallita.
Nel secondo tempo l'Italia allunga il vantaggio e raggiunge il 7-1 con le reti in successione di Di Fulvio su rigore procurato da Aicardi, Bini, una bellissima torsione ai due metri di Baraldi e Giorgetti, per l'occasione capitano ed alla 200esima presenza. Nel frattempo difende un'inferiorità numerica ma non trasforma la seconda superiorità a proprio vantaggio.
L'andamento del terzo tempo non si discosta dai precedenti. Giorgetti e Mirarchi, prima in entrata poi con un bel movimento ai due metri, portano gli azzurri sul 10-1. La Turchia torna a segnare dopo 20 minuti con Ergin in superiorità numerica (2/3), ma risponde subito Renzuto Iodice, prima a chiusura di una controfuga gestita da Di Fulvio, poi dal perimetro.
L'inizio del quarto tempo è più lento. Gli azzurri falliscono due superiorità numeriche e un rigore con Fondelli che colpisce il palo interno. Alla quinta occasione finalmente la mette dentro Luongo (1/5). La Turchia torna al gol con Destici; poi in controfuga Baraldi e Luongo che si ripete nel finale chiudono il conto sul 16-3.
Buona la prestazione di Del Lungo, sempre in posizione e reattivo.

COMMENTO DEL CT CAMPAGNA. "Al di là del valore degli avversari mi è piaciuto l'approccio alla partita, la tenuta difensiva e la continuità. Abbiamo lavorato bene in collegiale a Como e i risultati si sono visti. Tutti hanno partecipato a livello di minutaggio ed hanno disputato una buona gara. I rientranti Giorgetti e Aicardi non sono nelle migliori condizioni ed è comprensibile. Le movenze ci sono, ma mancano ancora qualità e tempi di gioco. Mirarchi ha disputato una buona gara; l'abbiamo utilizzato al centro difensivo, come secondo centroboa e in attacco ed ha dimostrato buoni tempi di inserimento".

IL COMMENTO DEL VICE CT POMILIO. "Prova positiva. Nonostante la superiorità sulla Turchia la squadra ha mantenuto la concentrazione per tutta la partita soprattutto in chiave difensiva. C'è stata qualche sbavatura in attacco con l'uomo in più. Bene in controfuga col passare dei minuti. Del resto non è semplice orientarsi in un campo più corto rispetto ai 30 metri. La risposta dei ragazzi al duro lavoro svolto in collegiale è stata molto incoraggiante".

consulta il tabellino
 
Classifica gruppo C europeo: Croazia (4) 12, Italia (4) 8, Montenegro (4) 7, Turchia (4) 3 e Francia (4) 0
Nb. si qualifica una squadra oltre l'Italia qualificata di diritto; tra parentesi le partite giocate

1^ giornata - 18 novembre
Francia-Italia 9-15
Croazia-Turchia 13-3

2^ giornata - 9 dicembre
Montenegro-Italia 13-15 dtr (11-11 regolamentari)
Francia-Croazia 7-14

3^ giornata
Croazia-Montenegro 14-8 giocata il 29 dicembre
Turchia-Francia 9-7 giocata il 2 febbraio
 
4^ giornata - 20 gennaio
Italia-Croazia 7-8
Montenegro-Turchia 15-4
 
5^ giornata - 17 febbraio
Turchia-Italia 3-16
Montenegro-Francia 13-7

6^ giornata
Italia-Francia il 19 febbraio a Lodi alle 20
Turchia-Croazia il 20 febbraio

7^ giornata - 17 marzo 2015
Italia-Montenegro a Genova alle 20
Croazia-Francia

8^ giornata - 20 marzo 2015
Francia-Turchia
Montenegro-Croazia

9^ giornata - 31 marzo 2015
Italia-Turchia a Siracusa alle 20
Francia-Montenegro

10^ giornata - 14 aprile
Turchia-Montenegro
Croazia-Italia

Pubblicato in News Pallanuoto

Diciassettesimo appuntamento con lo spazio dedicato alle statistiche. Questa settimana tutto al femminile, perché il massimo campionato maschile è fermo per gli impegni del Settebello in World League. Dati aggiornati alla quattordicesima della serie A1 femminile, in cui c’è da recuperare una partita del settimo turno (Mediterranea Imperia-Orizzonte Catania). Gol, rigori, top scorer, superiorità numeriche e curiosità che ci accompagneranno ed illustreranno al meglio l'andamento dei tornei. Appuntamento settimanale con le statistiche di Stefano Ballerini.

Campionato A1 F – 14^ giornata

Gol segnati 93 (1366)

Vittorie in casa 2 (36)
Vittorie in trasferta 1 (25)
Pareggi 2 (8)

Gol segnati nei quattro tempi

1 tempo 25 (338)
2 tempo 24 (337)
3 tempo 25 (347)
4 tempo 19 (344)

Vittoria in casa con maggior divario
Mediterranea Imperia-Sis Roma 20-3

Vittoria in trasferta con maggior divario
Città di Cosenza-Plebiscito Padova 7-17

Gli otto pareggi sono Prato Waterpolo-Rapallo Pallanuoto 7-7 (1° turno), Rapallo Pallanuoto-RN Bogliasco 9-9 (5° turno), Despar Messina-Rapallo Pallanuoto 8-8 (6° turno), Despar Messina-Mediterranea Imperia 7-7 e Città di Cosenza-Orizzonte Catania 7-7 (10° turno), Firenze-RN Bogliasco 8-8 (11° turno), RN Bogliasco-Rapallo Pallanuoto 9-9 e SIS Roma-Orizzonte Catania 9-9 (14° turno)

Rigori concessi 8, di cui 2 falliti (132 con 35 errori)

Rigori assegnati e media gol

RN Bogliasco 30 (22 realizzati)
Orizzonte Catania 21 (19 realizzati)
Despar Messina 18 (13 realizzati)
Firenze 15 (11 realizzati)
Città di Cosenza 9 (5 realizzati)
Prato Waterpolo 4 (2 realizzati)
Rapallo Pallanuoto 9 (7 realizzati)
Sis Roma 4 (3 realizzati)
Plebiscito Padova 11 (8 realizzati)
Mediterranea Imperia 11 (9 realizzati)

Portieri para rigori: 4 Gorlero (Mediterranea Imperia) e Gigli (Prato Waterpolo); 3 Falconi (RN Bogliasco), Ricciardi (Sis Roma) e Lavi (Rapallo Pallanuoto); 2 Nigro (Città di Cosenza); 1 Ignaccolo (Firenze) e Solaini (Mediterranea Imperia).

Miglior attacco Plebiscito Padova 160
Peggior attacco Prato Waterpolo 90
Miglior difesa Mediterranea Imperia 71
Peggior difesa Sis Roma 171

Media gol in superiorità numerica

Città di Cosenza 32/114
Firenze 32/136
Rapallo Pallanuoto 40/141
RN Bogliasco 24/86
Prato Waterpolo 28/106
Orizzonte Catania 33/119
Plebiscito Padova 43/93
Despar Messina 46/102
Mediterranea Imperia 46/111
Sis Roma 36/132

Migliore Marcatrice del quattordicesimo turno
5 G. Emmolo (Mediterranea Imperia)

Capocannoniere del torneo
37 G. Emmolo (Mediterranea Imperia)

Spettatori del quattordicesimo 950 (totali 16.250)

Turno con più spettatori il primo con 1600
Partita con più pubblico Mediterranea Imperia-Sis Roma (3^ giornata) con 600

Si ringrazia per la collaborazione Stefano Ballerini (Firenze Viola Supersport)

Pubblicato in News Pallanuoto
Pagina 1 di 2

Ultimi 4 articoli PALLANUOTO