Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Venerdì, 13 Luglio 2018

Europei. Integrazione squadra nazionale

I risultati conseguiti al trofeo Sette Colli hanno indotto il direttore tecnico della nazionale Cesare Butini ad integrare, nella squadra che parteciperà agli Europei di Glasgow (3-9 agosto),  Anna Pirovano (SMGM Team Lombardia), Luca Mencarini (Fiamme Oro/CC Aniene) e Filippo Berlincioni (CC Aniene) per gare individuali, Alessio Proietti Colonna (Marina Militare/Unicusano Aurelia Nuoto), Carlotta Zofkova (Carabinieri/Imolanuoto) e Alessandro Pinzuti (Cortona Nuoto) per le staffette. 
"Dopo le ottime indicazioni ricevute dal trofeo Sette Colli ho atteso il termine della rassegna europea juniores per definire la composizione della squadra - asserisce Butini -. In primis ho considerato che i campionati europei possono anche rappresentare una valida esperienza per favorire la crescita tecnica degli atleti più giovani. Quindi ho cercato di coniugare la funzionalità ai progetti di staffetta e a situazioni individuali. Gli inserimenti di Pirovano, Mencarini e Berlincioni, oltre a confermare tale indirizzo, sono sostenuti da prestazioni che possono valere la presenza in semifinale che li collocano in buone posizioni nei ranking europei di specialità. A livello di staffetta ho voluto tutelare in particolare quelle miste di ambo i settori, convocando il secondo specialista in ogni stile. Ritengo che queste staffette abbiano notevoli potenzialità. Nell'ambito del progetto della 4x200 maschile ho integrato un altro nuotatore al fine di ampliare il  monitoraggio degli atleti in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Malgrado assenze importanti, come quella di Nicolò Martinenghi, - conclude il direttore tecnico - la squadra è di indubbio spessore tecnico e si presenta a Glasgow vantando presenze rilevanti nell'attuale ranking europeo: 13 nelle prime 3 posizioni, 22 nelle prime 8, 15 nelle prime 15. Pur rimanendo ben ancorati con i piedi per terra, questi dati ci permettono di avere buone prospettive per aspirare ad un' Italia che si confermi tra le protagoniste della rassegna".