Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Eventi Nuoto

02
Apr
2019
Campionato Italiano Assoluto UnipolSai - (vasca 50m)





07
Apr
2019
Campionato Nazionale a Squadre - "Coppa Caduti di Brema" (finali) - (vasca 25m)





08
Giu
2019
Memorial "Alberto Castagnetti" - (vasca 50m)





09
Giu
2019
Campionato Nazionale a Squadre - Cat. Ragazzi - (vasca 50m)





Articoli filtrati per data: Novembre 2018 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Nella seconda sessione dei campionati invernali open di nuoto cadono due record italiani assoluti e uno di società. Margherita Panziera si prende il primato dei 200 dorso col quarto tempo mondiale stagione di 2'01"56 e Marco Orsi quello dei 100 misti in 51"57, quinto tempo mondiale. In chiusura il Nuoto Club Azzurra 91 vince la 4x50 mista femminile col primato di società in 1'47"83.
In evidenza anche Simona Quadarella col primato personale degli 800 stile libero, nonché terzo tempo mondiale stagionale. Si migliorano, conquistando il titolo, Nicolò Martinenghi nei 200 rana, Federico Burdisso nei 200 farfalla, Lorenzo Mora nei 100 dorso e Anna Pirovano nei 200 misti. Al successo Erika Ferraioli nei 50 stile libero e Lorenzo Zazzeri nei 100 stile libero. 
    
Subito super Margherita Panziera (CC Aniene). La 23enne trevigiana di Montebelluna continua a stupire e, dopo l'oro europeo e ai Giochi del Mediterraneo, sbriciola il record italiano dei 200 dorso in 2'01"56 (passaggi 28"92, 59"35, 1'30"41), quarto tempo mondiale stagionale, nonché 87 centesimi in meno al precedente primato che aveva stabilito per il bronzo europeo conquistato a Copenhagen il 15 dicembre scorso.  "Ho caricato fino a un paio di giorni fa, perciò sapevo di non essere al massimo ed il tempo è del tutto imprevisto - sottolinea la 23enne azzurra allenata da Gianluca Belfiore - Sentivo bene l'acqua, avvertivo buone sensazioni, ma non immaginavo di poter andare così forte. Questo record promette bene per i mondiali. Ci separono una decina di giorni e proverò a definire gli ultimi dettagli. Sono serena, sicura di me stessa. Ho acquisito lucidità e sicurezza. Sono cresciuta come persona e come atleta. Ai mondiali me la giocherò fino alla fine". 
   
Un cento misto "esagerato" di Marco Orsi (Fiamme Oro / Uisp Bologna) che porta il primato italiano sul 51"57, 19 centesimi in meno di quanto nuotato il 17 dicembre scorso ai campionati europei di Copenhagen dove ha conquistato la medaglia d'oro. "Sono stato esagerato - dice entusiasta il bolognese di Budrio che in mattina aveva vinto i 50 farfalla sfiorando il record per 4 centesimi - Sapevo di stare bene e questo risultato fa ben sperare per i mondiali. L'obiettivo è la finale contro gli alieni", conclude l'azzurro che compirà 28 anni l'11 dicembre. 
   
Boom di Simona Quadarella (Fiamme Rosse / CC Aniene) negli 800 stile libero. La regina degli europei (tripletta 200-400-800) porta il personale sull' 8'13"41 (2'01"22 ai 200, 4'05"99 ai 400), 2"28 in meno del tempo nuotato al Nico Sapio 20 giorni fa (a 57 centesimi dalla migliore prestazione in tessuto ottenuta nel 2007 da Alessia Filippi, che detiene il record italiano in 8'04"53) e terza prestazione mondiale stagionale in ex aequo con l'australiana Ariarne Titmus. Prossima ai 20 anni, che compirà il 18 dicembre, la romana allenata da Christian Minotti appare soddisfatta e sorpresa. "Le sensazioni non era bellissime e non mi aspettavo di migliorare il tempo di Genova - dichiara il bronzo europeo della distanza - Pensavo di toccare intorno all' 8'15; il tempo quindi è davvero buono. Peraltro non avevamo preparato queste gare in attesa dei mondiali". 
   
Passaggio da urlo in 59"67, poi vasche di sacrificio per Nicolò Martinenghi (Fiamme Oro / NC Brebbia) che vince il primo titolo sui 200 rana in 2'07"00, 64 centesimi in meno del precedente personale. "Il passaggio era uno prova alla mia resistenza - racconta il 19enne di Varese allenato da Marco Pedoja - Torno da un anno condizionato dall'infortunio, ho necessità di testarmi e la distanza mi consentiva di verificare il mio stato di forma. Sono riuscito a vincere e raccolgo buone indicazioni in vista delle distanze più brevi. Comunque il 200 è una gara che mi piace, che ho nuotato all'inizio della carriera e che vorrei riprendere".  
     
Dal ripescaggio alla finale per il bronzo europeo, continua l'ascesa di Federico Burdisso (Tiro a Volo) che vince i 200 farfalla in 1'54"33, 30 centesimi in meno del personale. Il 17enne pavese, che studia a Devon ed è seguito da Simone Palombi, vince con una prestazione di carattere che gli consente di tenere dietro Giacomo Carini (Fiamme Gialle / Can. Vittorino da Feltre) per 22 centesimi. "Purtroppo non sono supportato da una buona condizione, ma era importante conquistare il titolo - racconta l'azzurro, atteso dal primo mondiale della carriera - Dopo i risultati dell'ultima stagione ho alzato l'asticella delle aspettative".
   
Sorpresa nei 100 dorso con Lorenzo Mora (Fiamme Rosse / Amici Nuoto VVFF Modena) che vince il primo titolo della carriera in 50"79, un centesimo avanti a Thomas Ceccon (Fiamme Oro / Leosport Villafranca) e due in meno del personale. "E' andato tutto bene - racconta il 20enne di Carpi allenato da Luciano Landi - Sto crescendo gara dopo gara. Proverò a confermarmi anche in vasca lunga dove ho sempre avuto più difficoltà". 
   
Al titolo col personale anche Anna Pirovano (In Sport Rane Rosse) che vince i 200 misti in 2'08"97 con un miglioramento di 54 centesimi. "In vasca corta mi trovo bene - asserisce la 18enne di Castello Brianza allenata da Riccardo Bianchessi - Nuotare sotto i 2'09 è molto bello. Non ero mai arrivata così in alto. Ho approfittato dell'assenza di Ilaria Cusinato che è di un altro pianeta. Sono felice di aver gestito la gara nel miglior modo possibile". 
    
Torna a sorridere Erika Ferraioli (Esercito / CC Aniene), che vince i 50 stile libero col secondo tempo nuotato in carriera in 24"28, con la vice campionessa mondiale Silvia Di Pietro (Carabinieri / CC Aniene) che torna sul podio dopo un lungo infortunio col terzo tempo di 24"80 e Federica Pellegrini che scivola fuori in 24"87, malgrado butti giù per la seconda volta in carriera il muro dei 25". "Sono soddisfatta; contenta per la prestazione - racconta la 32enne sprinter allenata da Mirko Nozzolillo - C'è il rammarico della mancata qualificazione al mondiale. Ci tenevo a far bene e a chiudere la stagione invernale con un buon risultato. Ora si volta pagina e si lavora per il mondiale in lunga anche se ritengo che la vasca corta sia più congeniale alle mie caratteristiche".
 
I 100 stile libero maschili invece confermano la densità del movimento e l'alto livello. Vince Lorenzo Zazzeri (Esercito / FiorentinaNuotoClub) in 47"06 avanti al primatista italiano e campione europeo in lunga Alessandro Miressi (Fiamme Oro/ CN Torino), secondo in 47"25. "Sono partito subito forte - racconta il 24enne fiorentino allenato da Fabrizio Verniani - Sentivo molto la gara. Fino a mercoledì mi ero allenato a pieno regime. Ho voluto provare un passaggio veloce intorno ai 22 netti (22"08, ndr) e verificare la tenuta della seconda parte di gara anche in vista dei mondiali. Il titolo è una grande soddisfazione, così come battere campioni come Miressi e Condorelli", quarto in 47"91.
  
In chiusura il Nuoto Club Azzurra 91 del tecnico federale Fabrizio Bastelli vince la 4x50 mista stabilendo il record italiano di società col tempo di 1'47"83 e le frazioni di Costanza Cocconcelli (27"08), terza nella gara individuale col personale in 27"14, Martina Carraro (30"09), Ilaria Bianchi (26"20) e Nicoletta Ruberti (24"46), che si era piazzata al secondo posto nella gara individuale in 24"76 col primato personale (prec. 24"93). Il precedente primato di 1'48"79 era detenuto dal Circolo Canottieri Aniene dal 1° dicembre scorso. "Sapevamo che questa staffetta poteva essere fortissima e siamo riuscite tutte ad esprimerci ad alto livello - sottolinea Bianchi, plurimedagliata internazionale e campionessa mondiale ed europea nei 100 farfalla nel 2012 - Per noi dell'Azzurra 91 era una prestigiosa occasiona da sfruttare. Siamo davvero soddisfatte. Abbiamo scritto una piccola pagina di storia per la società". 
 
foto Andrea Staccioli  / insidefoto.com - deepbluemedia.eu
Swim your best. Si è chiusa a Riccione la quarta edizione del progetto ideato e promosso da arena Italia, dalla Federazione Italiana Nuoto e da Unipolsal, che offre ai giovani emergenti l'opportunità di una crescita professionale nel mondo del nuoto. Sono stati premiati i vincitori 2018: Federico Burdisso e Anna Pirovano. Entrambi si sono aggiudicati il prestigioso titolo per i risultati ottenuti nel corso dell'anno, frutto di allenamenti, impegno e passione, ma anche di tanta umilità e voglia di mettersi in gioco per migliorare. I due nuotatori hanno avuto la meglio sugli altri concorrenti in nomination: Fabio Lombini e Alessandro Pinzuti per la categoria ragazzi e Anna Chiara Mascolo e Martina Ratti per la categoria ragazze. Federico Burdisso, classe 2001 (Tvn Roma), ha decretato la sua ascesa nel panorama continentale con la medaglia assoluta di bronzo nei 200 farfalla agli europei di Glasgow. Brillanti i risultati conseguiti anche a livello juniores, dapprima agli europei giovanili di Helsinki - conquistando un argento sia nei 200 farfalla sia nella staffetta 4x100 sl, alle medaglie di bronzo nei 100 farfalla e nella 4x100 misti – poi, nel mese di ottobre, ai Giochi olimpici giovanili di Buenos Aires, dove ha appeso al collo tre medaglie di bronzo nei 100 e 200 farfalla e con la staffetta 4x100 sl. Anna Pirovano, classe 2000 (SMGM Team Lombardia), ha conquistato la prima medaglia a livello senior ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona, salendo sul terzo gradino del podio nei 200 misti femminili. Semifinalista agli europei di Glasgow si prepara ad affrontare la stagione insieme al coach Riccardo Bianchessi. Quest'anno Swim Your Best ha avuto anche una declinazione con un format TV, che esplora in stile reality il dietro le quinte della vita quotidiana dei sei ragazzi, tra sogni, paure e grande determinazione. La voce narrante è stata affidata alla figura autorevole, eclettica e carismatica di Massimiliano Rosolino, tutor e punto di riferimento. Gli episodi dedicati ai ragazzi sono trasmessi all'interno del programma TV “Back”, in onda su Rai Sport tutte le settimane. La puntata della premiazione sarà trasmessa il 10 dicembre.
 
Mondiali 2025 e 2027. Intanto la Federation Internationale de Natation ha comunicato di aver ricevuto molteplici manifestazioni d'interesse per l'organizzazione dei mondiali del 2025 e 2027. In corsa Melbourne, Cina con città da definire, Budapest, Kazan, Belgrado, Ucraina con città da definire, Greensboro in North Carolina. Il 17 giugno le federazioni interessate dovranno presentare formalmente la candidatura. L'11 luglio 2019 il bureau della FINA assegnerà le manifestazioni. Le prossime edizioni dei mondiali si svolgeranno nel 2019 a Gwangju, nel 2021 a Fukuoka e nel 2023 a Doha. 
Pubblicato in News Nuoto
Una finestra sullo stato del nuoto italiano, aspettando i campionati mondiali di Hangzhou. Sono iniziati a Riccione gli assoluti invernali open. La prima sessione - di quattro - offre il record italiano di Silvia Scalia nei 50 dorso, quello sfiorato per 4 centesimi da Marco Orsi nei 50 farfalla; il ritorno di Federica Pellegrini che domina i 200 stile libero e la conferma di Fabio Scozzoli che nuota per la prima volta in Italia i 50 rana sotto i 26 secondi per la quarta prestazione mondiale stagionale; le continue sfide tra raniste, vinta questa volta da Martina Carraro su Arianna Castiglioni nei 50, e tra farfalliste, col successo di Elena Di Liddo su Ilaria Bianchi nei 100; il primo titolo italiano di Alessio Proietti Colonna nei 400 stile libero e di Lorenzo Tarocchi che cambia gli equilibri nei 400 misti. In chiusura staffetta col record italiano di società dell'Esercito nella 4x50 stile libero in 1'26"17. 
     
Dal 26"70 del 17 novembre scorso al 26"67 nuotato questa mattina ci sono tre centesimi che arrotondano il record italiano dei 50 dorso e la voglia di aggredire la stagione di Silvia Scalia (CC Aniene). La 23enne di Lecco, allenata dal tecnico federale Gianni Leoni, non parteciperà ai mondiali e sapeva che gli assoluti invernali rappresentavano l'ultima occasione stagionale per migliorare ancora. "Ho dato tutto e sono riuscita a limare tre centesimi al primato - racconta - Sarebbe stato bello partecipare ai mondiali per nuotare la staffetta, ma purtroppo, malgrado i record, non ho ottenuto il tempo. La vasca corta resta la mia preferita. Adesso ci dedicheremo alla lunga e soprattutto ai 100 pensando ai mondiali della prossima estate". 
       
A 4 centesimi dal record italiano c'è Marco Orsi (Fiamme Oro / Uisp Bologna), che vince i 50 farfalla in 22"87, nuotando per la prima volta sotto i 23 secondi (precedente pp 23"09) e mettendosi dietro gli specialisti. "Ho disputato una bellissima gara in chiave stile libero e misti e ho raccolto ottimi segnali - racconta lo sprinter di Budrio, prossimo ai 28 anni l'11 dicembre, che parteciperà ai mondiali da campione europeo in carica dei 100 misti -  Sto curando molto la preparazione atletica e controllando meglio qualche problemino fisico che aveva condizionato le mie prestazioni. Sto tornando su buoni livelli". 
  
Sotto i 26 secondi, per la prima volta in Italia e in una gara di avvicinamento all'evento internazionale invernale. Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto) lancia la sfida iridata - cui arriverà da campione europeo - col settimo tempo in carriera di 25"99, mettendosi dietro il rientrante Nicolò Martinenghi (Fiamme Oro / NC Brebbia), secondo in 26"58. "Ho bucato totalmente la prima bracciata all'uscita della virata, ma sono riuscito a mantenere il ritmo e ad arrivare bene al muro - sottolinea il 30enne romagnolo allenato da Cesare Casella - Ho lavorato bene, adesso abbiamo cominciato ad abbassare il volume per arrivare ai mondiali al top della condizione. Nei 50 proverò a giocarmi una medaglia. Sarà una questione di centesimi, ma ci sono anch'io". 
    
Torna sui 200 stile libero Federica Pellegrini (CC Aniene), che domina con un ottimo passaggio ai 100 di 55"79 e un tempo complessivo di 1'55"31 in vista dei mondiali cui arriverà da campionessa in carica dopo aver vinto a Windsor due anni fa l'ultimo oro che le mancava in palmares. "Ho provato un passaggio più veloce rispetto al Nico Sapio; ho pagato lo sforzo nei secondi 100, ma vengo anche da 4 giorni di febbre alta - racconta la 30enne nuotatrice di Spinea allenata dal tecnico federale Matteo Giunta - E' tutto in linea. Devo ritrovare il giusto equilibrio". 
  
Inediti 400 misti, con Lorenzo Tarocchi (CC Aniene) che si prende titolo in 4'06"90 e cambia gli equilibri della specialità con il capitano della nazionale Federico Turrini (Esercito / Nuoto Livorno) fuori dal podio. Il nuotatore empolese progredisce di 3"68 diventando il quinto performer italiano all time con la 17esima prestazione mai nuotata. "Sapevo che potevo andare forte perché erano anni che cercavo di dimostrare le mie potenzialità - racconta il 23enne allenato da Gianluca Belfiore, stesso tecnico della campionessa europea Margherita Panziera - Sono riuscito a controllare i passaggi. Questo tempo è un punto di partenza importante. Ora si va dritto fino ai primaverili per cercare la qualificazione ai campionati mondiali".
 
Alessio Proietti Colonna (Marina Militare / Aurelia Nuoto) vince i 400 stile libero col primato personale di 3'43"21, ben 1"12 in meno rispetto al precedente nuotato il 20 marzo scorso. "Sono molto soddisfatto per il primo titolo della carriera - racconta il 20enne romano, allenato dal tecnico federale Roberto Marinelli e già bronzo con la staffetta 4x200 ai recenti europei di Glasgow - Ero molto lucido durante la gara e sono riuscito a controllare il ritorno degli altri. L'obiettivo di fine anno è sicuramente il mondiale ed arrivarci con ulteriori conferme tecniche e personali trasmette ancora più convinzione".  
   
Nella rana torna il duello tra Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika) e Martina Carraro (CN Azzura 91): un continuo confronto che accresce entrambe le atlete, che rappresenteranno l'Italia ai mondiali. La prima sfida, nei 100, è vinta da Carraro in 1'05"86, 14 centesimi avanti all'avversaria che tocca in ex aequo con Ilaria Scarcella (Fiamme Oro / CC Aniene). "Ho iniziato la stagione con l'obiettivo di qualificarmi ai mondiali puntando sui 50 - dice la 25enne genovese allenata da Cesare Casella - Ottenuto il pass iridato, la preparazione mira a raggiungere la migliore condizione possibile tra un paio di settimane. Qui puntavo a vincere. Ci sono riuscita in una fase di passaggio e in una distanza che al momento non mi dà le stesse sensazioni positive dei 50".  
 
Successivamente altra sfida vinta da Elena Di Liddo (CC Carabinieri /CC Aniene) su Ilaria Bianchi (CN Azzurra 91) nei 100 farfalla in 57"01 contro 57"20. Il successo vale anche il primato personale per la 25enne di Bisceglie, che migliora undici centesimi. "Non mi aspettavo di nuotare il primato personale. Sono in caserma dal 12 novembre per il corso da allieva Carabiniere e quindi non mi aspettavo questo tempo né di vincere perché non è facile conciliare entrambe le attività - Probabilmente marciare fa bene alla gambe - racconta sorridente l'atleta allenata da Raffaele Girardi, che la scorsa estate ha conquistato il bronzo europeo nei 100 farfalla - Il mondiale è vicino. Ci tengo a far bene anche per avvicinare il periodo primaverile che sarà il più importante della stagione".  
 
In chiusura staffetta col record italiano di società dell'Esercito nella 4x50 stile libero in 1'26"17 e frazioni di Piero Codia (22"28), Ivano Vendrame (21"49), Niccolò Bonacchi (21"38) e Lorenzo Zazzeri (21"02). Il precedente primato di 1'26"56 apparteneva alla squadra delle Fiamme Oro che l'aveva stabilito il 1° dicembre 2017 proprio a Riccione. 
La seconda sessione inizierà alle 16:15 con diretta su Rai Sport + HD dalle 16:30.
   
  
foto Andrea Staccioli  / insidefoto.com - deepbluemedia.eu
Pubblicato in News Nuoto
Mercoledì, 28 Novembre 2018

Assoluti. Riccione chiama Hangzhou

Gli azzurri scaldano i motori. A dieci giorni dalla 14esima edizione della rassegna iridata in vasca corta, in programma ad  Hangzhou dall'11 al 16  dicembre, si rifinisce la preparazione ai campionati assoluti invernali di nuoto, in svolgimento allo Stadio del Nuoto di Riccione venerdì 30 novembre e sabato 1 dicembre. Una due giorni intensa con finali a serie dalle 9:30 alle 11:30 e dalle 16:30 alle 18:30 in diretta su Rai Sport + HD. Le società iscritte sono 125 per 446 atleti (226 uomini e 200 donne), 1021 presenze gara e 66 staffette. Per i trentadue convocati al mondiale cinese un ulteriore test per affinare la condizione e per il direttore tecnico Butini nuove informazioni e indicazioni sia delle gare individuali sia in previsione delle staffette. In acqua tutti i big tra cui Federica Pellegrini che è iscritta nei 50, 100 e 200 sl e nei 50, 100 e 200 dorso, Simona Quadarella (200, 400 e 800 stile libero), Gregorio Paltrinieri (1500 stile libero), Gabriele Detti (200 stile libero), Ilaria Cusinato (100 rana e 100 misti), Margherita Panziera (50, 100, 200 stile libero, 50, 100 e 200 dorso), Piero Codia (50 e 100 farfalla, 50 stile libero) e Alessandro Miressi (50 e 100 stile libero). 

consulta programma gare ed iscrizioni complete

CONVOCATI PER HANGZHOU (32)
Atlete (10): Ilaria Bianchi (CN Azzurra 91), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika), Martina Carraro (CN Azzura 91), Ilaria Cusinato (Fiamme Oro / Team Veneto), Elena Di Liddo (CC Carabinieri /CC Aniene), Erica Musso (Fiamme Oro), Margherita Panziera (Fiamme Oro / CC Aniene), Simona Quadarella (Fiamme Rosse / CC Aniene), Federica Pellegrini (CC Aniene), Carlotta Zofkova (Carabinieri / Imolanuoto). 
     
Atleti (22): Domenico Acerenza (CC Napoli), Federico Burdisso (Tiro  a Volo), Thomas Ceccon (Fiamme Oro / Leosport),  Matteo Ciampi (Esercito / Nuoto Livorno), Piero Codia (Esercito / CC Aniene), Santo Yukio Condorelli (Aurelia Nuoto), Gabriele Detti (Esercito / In Sport), Nicolò Martinenghi (Fiamme Oro / NC Brebbia), Filippo Megli (Carabinieri / FlorentiaNuotoClub), Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino), Davide Nardini (Genova Nuoto), Marco Orsi (Fiamme Oro / CN Uisp Bologna), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro / Coopernuoto), Luca Pizzini (Carabinieri / IC Bentegodi), Alessio Proietti Colonna (Marina Militare / Aurelia Nuoto), Matteo Restivo (Carabinieri / FlorentiaNuotoClub), Matteo Rivolta (Fiamme Oro), Simone Sabbioni (Esercito / Swim Pro SS9), Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto), Andrea Vergani (Carabinieri / Nuotatori Milanesi), Lorenzo Zazzeri (Esercito / FlorentiaNuotoClub), Mattia Zuin (Fiamme Oro / Nottoli Nuoto). 
  
Pubblicato in News Nuoto
La nazionale di nuoto è pronta per la 14esima edizione dei campionati mondiali di nuoto in vasca corta, in programma ad Hangzhou, in Cina, dall'11 al 16 dicembre. Convocati 32 atleti, 22 uomini e 10 donne. Partenza il 7 dicembre da Roma.  Le batterie si apriranno martedì alle 9:30 locali, le 2:30 italiane. Finali alle 19:00 locali; mezzogiorno da noi. "I mondiali di Hangzhou rappresentano per tutto il movimento internazionale un'importante tappa di avvicinamento ai campionati iridati di Gwangju, che ci introdurranno alla stagione olimpica - sottolinea il direttore tecnico Cesare Butini - Rispetto all'edizione di Windsor tutte le nazioni saranno al completo con rare eccezioni. Peraltro la Cina, che ospita la manifestazione, e l'Australia, che vive il periodo estivo, quindi di massima resa, saranno particolarmente in forma. Noi arriviamo con una squadra composta da 32 atleti e solo tre upgrade: Carraro e Rivolta, che hanno avvicinato il tempo limite sono granzia per le nostre staffette miste, e Martinenghi, al rientro dopo un lungo infortunio. Abbiamo iscritto anche la 4x200 femminile che dovremo confermare sul posto; la 4x200 maschile è in crescita e speriamo riesca a qualificarsi alla finale, mentre la 4x100 stile libero maschile purtroppo sarà orfana di Dotto che non partirà a causa di un risentimento all'articolazione della spalla. L'obiettivo è proseguire nel trend di crescita, continuare ad inserire gradualmente i più giovani in un gruppo eterogeneo con molteplici punte e qualificarci a più finali possibile". 
 
DELEGAZIONE       
Atlete (10): Ilaria Bianchi (CN Azzurra 91), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika), Martina Carraro (CN Azzura 91), Ilaria Cusinato (Fiamme Oro / Team Veneto), Elena Di Liddo (CC Carabinieri /CC Aniene), Erica Musso (Fiamme Oro), Margherita Panziera (Fiamme Oro / CC Aniene), Simona Quadarella (Fiamme Rosse / CC Aniene), Federica Pellegrini (CC Aniene), Carlotta Zofkova (Carabinieri / Imolanuoto). 
    
Atleti (22): Domenico Acerenza (CC Napoli), Federico Burdisso (Tiro  a Volo), Thomas Ceccon (Fiamme Oro / Leosport),  Matteo Ciampi (Esercito / Nuoto Livorno), Piero Codia (Esercito / CC Aniene), Santo Yukio Condorelli (Aurelia Nuoto), Gabriele Detti (Esercito / In Sport), Nicolò Martinenghi (Fiamme Oro / NC Brebbia), Filippo Megli (Carabinieri / FlorentiaNuotoClub), Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino), Davide Nardini (Genova Nuoto), Marco Orsi (Fiamme Oro / CN Uisp Bologna), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro / Coopernuoto), Luca Pizzini (Carabinieri / IC Bentegodi), Alessio Proietti Colonna (Marina Militare / Aurelia Nuoto), Matteo Restivo (Carabinieri / FlorentiaNuotoClub), Matteo Rivolta (Fiamme Oro), Simone Sabbioni (Esercito / Swim Pro SS9), Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto), Andrea Vergani (Carabinieri / Nuotatori Milanesi), Lorenzo Zazzeri (Esercito / FlorentiaNuotoClub), Mattia Zuin (Fiamme Oro / Nottoli Nuoto). 
 
Staff tecnico: capo delegazione Roberto Del Bianco, direttore tecnico Cesare Butini, tecnici federali Stefano Franceschi, Matteo Giunta, Gianni Leoni, Stefano Morini e Claudio Rossetto; tecnici Christian Minotti e Antonio Satta; medico federale Lorenzo Marugo; fisioterapisti Stefano Amirante e Paola Moreschi. Relazioni esterne Laura Del Sette; ufficio stampa Valerio Salvati.
 
 
 
 
MEDAGLIERE STORICO ITALIA
6 ori - 22 argenti - 15 bronzi = 43
1993 Palma de Maiorca 0-1-0 = 1
1995 Rio de Janeiro 0-0-0 = 0
1997 Goteborg 0-0-0 = 0
1999 Hong Kong 0-1-1 = 2
2000 Atene 0-1-2 = 3
2002 Mosca 0-0-1 = 1
2004 Indianapolis 0-1-0 = 1
2006 Shanghai 2-7-3 = 12
2008 Manchester 0-2-2 = 4
2010 Dubai 0-1-1 = 2
2012 Istanbul 2-2-0 = 4
2014 Doha 1-2-3 = 6
2016 Windsor 1-4-2 = 7
 
MEDAGLIERE DI WINDSOR 2016 (1 - 4 - 2)
ORO
Federica Pellegrini nei 200 stile libero in 1'51"75
  
ARGENTO
4x100 stile libero femminile in 3'30"28
Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini
  
4x50 mista femminile in 1'45"38 record italiano 
Scalia, Carraro, Di Pietro, Ferraioli
  
Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero in 14"21"94
 
Silvia Di Pietro nei 50 stile libero in 23"90
  
BRONZO
Fabio Scozzoli nei 100 rana in 57"04
 
4x50 stile libero in 1'35"61 record italiano 
Di Pietro, Ferraioli, Pezzato, Pellegrini
 
MEDAGLIATI INDIVIDUALI - 17
 
Medaglie d'oro (4)
Fabio SCOZZOLI - 100 rana (2012)
Ilaria BIANCHI - 100 farfalla (2012)
Gregorio PALTRINIERI - 1500 sl (2014)
Federica PELLEGRINI - 200 sl (2016)
Medaglie d'argento (18)
Luca BIANCHIN - 200 dorso (1993)
Simone ERCOLI - 1500 sl (2004)
Domenico FIORAVANTI - 100 rana (1999)
Massimiliano ROSOLINO - 200 sl (2000) e 400 sl (2008) 
Filippo MAGNINI - 100 sl (2006 e 2008) e 200 sl (2006)
Luca MARIN - 400 misti (2006)
Alessandro TERRIN - 50 rana (2006)
Francesca SEGAT - 200 farfalla (2006)
Alessia FILIPPI - 400 misti (2006)
Federica PELLEGRINI - 200 sl (2006)
Fabio SCOZZOLI - 100 rana (2010)
Gregorio PALTRINIERI - 1500 sl (2012 e 2016)
Marco ORSI - 50 sl (2014)
Silvia DI PIETRO - 50 sl (2016)
Medaglie di bronzo (10)
Christian MINOTTI - 1500 sl (2002)
Massimiliano ROSOLINO - 400 sl (1999, 2000, 2006), 200 misti (2000), 200 sl (2006 e 2008)
Federica PELLEGRINI - 400 sl (2006 e 2010)
Fabio SCOZZOLI - 100 rana (2016)
 
MEDAGLIE CON STAFFETTE (2 - 4 - 5)
 
Medaglie d'oro (2) entrambe a Shanghai 2006
- 4x100 sl maschile
Calvi, Lanzarini, Galenda, Magnini
- 4x200 sl maschile
Rosolino, Pelliciari, Cassio, Magnini
 
Medaglie d'argento (4)
 
Istanbul 2012
- 4x100 sl maschile
Dotto, Orsi, Santucci, Magnini
  
Doha 2014
- 4x200 sl maschile
D'Arrigo, Belotti, Di Fabio, Magnini
  
Windsor 2016
- 4x100 sl femminile
Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini
 
Windsor 2016
- 4x50 mista femminile
Scalia, Carraro, Di Pietro, Ferraioli
 
Medaglie di bronzo (5)
 
Manchester 2008
- 4x200 sl maschile
Brembilla, Rosolino, Cassio e Magnini
 
Doha 2014
4x50 mixed mista
- Bonacchi, Scozzoli, Di Pietro, Ferraioli
 
4x100 sl femminile 
Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini
 
4x50 stile libero maschile
- Dotto, Orsi, Magnini, Belotti
 
Windsor 2016
4x50 stile libero femminile
- Di Pietro, Ferraioli, Pezzato, Pellegrini
 
Pubblicato in News Nuoto

“Vinciamo con un sorriso” questo il titolo dell'evento cui Arianna Barbieri è stata testimonial e svoltasi a Milano nell’ambito di “Sportmoviestv” il Festival Internazionale del cinema sportivo. Arianna barbieri, ventinovenne nuotatrice azzurra – tre medaglie d’argento agli Europei di Debrecen 2012 e olimpionica a Londra 2012- è stata ospite durante la tavola rotonda “ Lo sport è terapia” che ha coinvolto cinque ospedali pediatrici italiani e davanti ad una sala gremita di 200 persone. Arianna ha raccontato la sua drammatica esperienza iniziata nel gennaio di quest’anno “ quando ho scoperto di essere affetta dal linfoma di Hodgkin, una realtà che ti sconvolge la vita, ma che io ho combattuto con tutte le mie forze e che sono riuscita a debellare nello scorso agosto. Ho ripreso ad allenarmi a Bologna e spero di poter tornare ad esprimermi al massimo delle mie potenzialità “. Alla manifestazione, promossa dalla associazione Vivere da Sportivi,  hanno portato il loro contributo il direttore del Centro Federale di Verona Alberto Nuvolari, anche nelle vesti di presidente della  Stampa Sportiva del Veneto,  alcuni campioni di varie discipline, la psicoterapeuta Cinzia Mattiolo  e una rappresentanza di giovani calciatori padovani accompagnati dal loro allenatore.

Pubblicato in News Nuoto

Dopo le batterie della mattina che hanno dato il via alla 42esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Fermiano" - 14esima edizione del Gran Premio Italia alla piscina comunale "La Bastia" di Livorno (17-18 novembre) nel pomeriggio spazio alle finali che regalano emozioni e spettacolo di alto livello in acqua.
Vola Silvia Scalia che stabilisce il record italiano nei 50 dorso in 26''70. La 23enne di Lecco toglie sette centesimi al 26''77 in gommato, stabilito da Elena Gemo per il bronzo continentale a Rijeka 2008. "Non è arrivato il tempo per i campionati del mondo in vasca corta ma sono felicissima per il record - spiega l'atleta di CC Aniene, seguita dal tecnico federale Gianni Leoni e è prima anche nei 100 in 58''00 - Ci puntavo da tempo e finalmente è arrivato".
Nei 100 misti, che hanno aperto il programma - dopo il successo al 45esimo Nico Sapio in 52''65 - ancora sul gradino più alto del podio Marco Orsi. Il 29enne di Budrio e primatista italiano - tesserato per Fiamme Oro e Uisp Bologna, preparato da Roberto Odaldi, oro agli Europei di Copenhagen - nuota in 52''12 (23''20 ai 50), ventotto centesimi sotto al limite tabellare per i Mondiali di Hangzhou (52''40); il velocista emiliano poi concede il bis e si impone nei 50 stile libero in 21''50. 
Quaterna nello spazio di trenta minuti per il fuoriclasse sudafricano Chad Le Clos - venti medaglie tra Olimpiadi e Mondiali - primo nei 200 stile libero in 1'44''06, con Matteo Ciampi (Esercito/Nuoto Livorno) secondo in 1'44''94, nei 50 e 100 farfalla in 22''53 e 49''52 (Rivolta alle sue spalle in 50''15), e in chiusura nei 100 stile libero in 46''72; nei 200 sl tra le femmine vittoria dell'altoatesina Laura Letrari (Esercito/Bolzano Nuoto) in 1'57''30 che vale la seconda prestazione personale di sempre (primato 1'56''26) per la 29enne di Bressanone, allenata da Paul Dalsass.
Giovane e senza timori reverenziali Costanza Cocconcelli che si impone nei 50 farfalla in 26''88. La 16enne di Bologna - tesserata per NC Azzurra 91 e preparata dal tecnico federale Fabrizio Bastelli - stampa la seconda prestazione personale di sempre, dietro al 26''87 siglato al mattino in batteria.
Nei 50 e 100 rana doppiette di Nicolò Martinenghi (Fiamme Oro/NC Brebbia) e Martina Carraro (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91). Il talento di Varese - tesserato per Fiamme Oro ed NC Brebbia, allievo di Marco Pedoja e campione del mondo ed europeo junior a Indianapolis e Netanya 2017 - vince in 26''60 e 58''16. La 25enne di Genova - allenata da Cesare Casella -  in 30''18 (primato personale - precedente 30''26) e 1'06''02.
Inarrestabile Ceccon. Il gigante di Schio - tesserato per Fiamme Oro e Leosport Villafranca - tocca davanti a tutti nei 200 misti in 1'54''64, scendendo per la prima volta in carriera sotto l'1'55, ad appena nove centesimi dal primato italiano di Federico Turrini (1'54''53). "Non pensavo di andare così forte, perchè non mi sentivo tanto bene alla vigilia - sottolinea il 17enne veneto, allievo di Alberto Burlina e d'argento agli Olympic Youth a Buenos Aires 2018 - Quest'anno ho cambiato qualcosa nella preparazione, speriamo che mi aiuti a crescere ancora".
Nei 200 misti al femminile si conferma regina Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto). La 19enne di Cittadella - allenata da due anni al Centro Federale di Ostia da Stefano Morini, argento continentale in vasca lunga a Glasgow nei 200 (con record italiano) e nei 400 misti e bronzo in corta nei 200 misti a Copenhagen - chiude in 2'08''74. 
Non deludono le aspettative nei 400 stile libero il padrone di casa Gabriele Detti e la regina dell'estate Simona Quadarella (Fiamme Rosse/CC Aniene). Dopo il rientro al Nico Sapio, Il 23enne livornese - tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse, seguito a Ostia dallo zio e tecnico federale Stefano Morini -  nuota in 3'41''29, passando in 1'49''19 ai 200. "Era tanto tempo che non gareggiavo in casa ed è sempre una bella sensazione - spiega il doppio bronzo olimpico a Rio 2016, nonché campione mondiale ed europeo e primatista europeo degli 800 stile libero - Sono molto stanco e ho bisogno di qualche giorno di pausa. Vedremo come andrà a Hangzhou". La 19enne di Roma - oro agli europei di Glasgow nei 400, 800 e 1500 stile libero, bronzo mondiale nei 1500 a Budapest - tocca in 4'03''87 e una condizione fisica in crescita.

Vai ai risultati ufficiali

Criteri di selezione ai CAMPIONATI DEL MONDO IN VASCA CORTA (Hangzhou 11-16 dicembre):
Saranno qualificati gli atleti che al 18 novembre risulteranno essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) gli atleti classificati entro le prime tre posizioni nelle gare individuali ai campionati europei di Glasgow;
b) nelle gare con posti ancora disponibili, fino al numero massimo di due e in base all'ordine di tempi, gli atleti che avranno ottenuto nel periodo tra l'1 ottobre e il 18 novembre, in manifestazioni nazionali o internazionali con cronometraggio elettronico, una prestazione uguale o migliore del tempo limite indicato nella sucessiva tabella di riferimento.

Per la qualificazione delle staffette inserite in progetti federali mirati alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 verranno valutate, a completamento dei nuotatori già qualificati, le prestazioni degli atleti nel periodo di gara sopraindicato.
L'ulteriore completamento della squadra, nonché l'eventuale convocazione, in base alla loro qualità tecnica, delle staffette 4x50 e mixed, sarà definito dal Consiglio Federale, su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

Atleti qualificati ai Mondiali in vasca corta (24)

Andrea Vergani
Alessandro Miressi 
Gregorio Paltrinieri
Matteo Restivo 
Fabio Scozzoli 
Luca Pizzini 
Piero Codia
Federico Burdisso
Simona Quadarella 
Carlotta Zofkova
Margherita Panziera 
Arianna Castiglioni 
Elena Di Liddo
Ilaria Cusinato 
Ilaria Bianchi
Federica Pellegrini
Simone Sabbioni
Domenico Acerenza
Filippo Megli
Luca Dotto
Thomas Ceccon
Erica Musso
Gabriele Detti
Marco Orsi

Vai al sito ufficiale dei Mondiali di Hangzhou

Foto Andrea Masini/deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto
Venerdì, 16 Novembre 2018

GP Italia. Tanti big in gara a Livorno

Dopo il 45esimo Nico Sapio, svoltosi la scorsa settima alla "Sciorba" di Genova, la stagione invernale del nuoto azzurro continua all'insegna della tradizione con la 42esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Fermiano" - 14esima edizione del Gran Premio Italia, in programma alla piscina comunale "La Bastia" di Livorno il 17 e 18 novembre. Il meeting intende come ogni anno onorare la memoria di tre agenti della Polizia di Stato - Gianni Mussi, Giuseppe Lombardi ed Armando Femiano - vittime del terrorismo il 22 ottobre 1975 a Querceta (Lucca) e medaglie d'oro al valor civile. Iscritti 228 atleti (114 maschi e 114 femmine) in rappresentanza di 44 società per un totale di 500 presenze gara. Saranno presenti, tra gli altri, Gabriele Detti, dopo l'ottimo rientro al Nico Sapio, la regina dell'estate Simona Quadarella, l'oro europeo nei 200 dorso Margherita Panziera, il campione continentale dei 100 stile libero Alessandro Miressi, Nicolò Martinenghi, Luca Dotto, i giovani Thomas Ceccon e Alessio Proietti Colonna e "ospite" d'eccezione il fuoriclasse sudafricano Chad Le Clos.
Come consuetudine la prima giornata di gara sarà riservata alla categoria assoluti e rappresenta l'ultimo test di selezione per i campionati mondiali in vasca corta, che si svolgeranno ad Hangzhou in Cina (11-16 dicembre).

PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA SU RAISPORT + HD
Sabato 17 novembre
In diretta dalle 16.15 alle 17.45
Domenica 18 novembre
In differita dalle 4.30 alle 6.00
In differita dalle 16.25 alle 17.55
In differita dalle 23.00 alle 0.10

Consulta il programma ufficiale

Criteri di selezione ai CAMPIONATI DEL MONDO IN VASCA CORTA (Hangzhou 11-16 dicembre):
Saranno qualificati gli atleti che al 18 novembre risulteranno essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) gli atleti classificati entro le prime tre posizioni nelle gare individuali ai campionati europei di Glasgow;
b) nelle gare con posti ancora disponibili, fino al numero massimo di due e in base all'ordine di tempi, gli atleti che avranno ottenuto nel periodo tra l'1 ottobre e il 18 novembre, in manifestazioni nazionali o internazionali con cronometraggio elettronico, una prestazione uguale o migliore del tempo limite indicato nella sucessiva tabella di riferimento.

Per la qualificazione delle staffette inserite in progetti federali mirati alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 verranno valutate, a completamento dei nuotatori già qualificati, le prestazioni degli atleti nel periodo di gara sopraindicato.
L'ulteriore completamento della squadra, nonché l'eventuale convocazione, in base alla loro qualità tecnica, delle staffette 4x50 e mixed, sarà definito dal Consiglio Federale, su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

Atleti qualificati ai Mondiali in vasca corta (23)

Andrea Vergani
Alessandro Miressi 
Gregorio Paltrinieri
Matteo Restivo 
Fabio Scozzoli 
Luca Pizzini 
Piero Codia
Federico Burdisso
Simona Quadarella 
Carlotta Zofkova
Margherita Panziera 
Arianna Castiglioni 
Elena Di Liddo
Ilaria Cusinato 
Ilaria Bianchi
Federica Pellegrini
Simone Sabbioni
Domenico Acerenza
Filippo Megli
Luca Dotto
Thomas Ceccon
Erica Musso
Gabriele Detti

Vai al sito ufficiale dei Mondiali di Hangzhou

Foto Andrea Masini/deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto
Giovedì, 15 Novembre 2018

Energy for Swim cancellato

La Federazione Italiana Nuoto comunica con profondo rammarico e disappunto la cancellazione dell'evento di nuoto Energy for Swim 2018 in programma a Torino il 20 e 21 dicembre prossimi.
La Federation Internationale de Natation (FINA) ha dichiarato "non approved" la manifestazione, benché organizzata dalla Federazione Italiana Nuoto con il supporto della Città di Torino e già inserita nel calendario nazionale, minacciando sanzioni a carico degli atleti partecipanti.
La Federazione Italiana Nuoto è pertanto costretta ad annullare l'evento per tutelare gli atleti che, numerosi, avevano già espresso con entusiasmo la volontà di gareggiare ad un meeting spettacolare destinato ad incrementare l'interesse del nuoto, a valorizzare ulteriormente l’immagine dei partecipanti e a generare profondi riflessi a beneficio dell’intero movimento.  
La Federazione Italiana Nuoto coglie l'occasione per ringraziare la Città di Torino per il sostegno garantito e gli sponsor che avrebbero contribuito al sicuro successo dell’organizzazione. 
 
ENGLISH VERSION
The Italian Swimming Federation herewith is communicating with deep regret and disappointment the cancellation of the swimming event Energy for Swim 2018 scheduled in Turin on 20 and 21 December next.
The "Federation Internationale de Natation" (FINA) declared the event "non approved", even though it was organized by the Italian Swimming Federation with the support of the City of Torino and already included in the Italian national calendar, threatening sanctions against the participating athletes.
The Italian Swimming Federation is therefore forced to cancel the event to protect the athletes who, many of them, had already expressed with enthusiasm the desire to compete in a spectacular event designed to increase the interest of swimming, to further enhance the image of the participants and to generate deeper public interest and strong impact for the benefit of the entire swimming movement.  
The Italian Swimming Federation takes this opportunity to thank sincerely the City of Turin for its support and the sponsors who would have contributed to the success of the organization.
Pubblicato in News Nuoto
Lunedì, 12 Novembre 2018

Nico Sapio. Il commento di Butini

A pochi giorni dalla 42esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Fermiano"- 13esima edizione del Gran Premio Italia, altro appuntamento tradizionale della stagione invernale del nuoto azzurro, il direttore tecnico Cesare Butini traccia un bilancio dopo il Nico Sapio, svoltosi lo scorso fine settimana alla piscina Sciorba di Genova.
Il punto del direttore tecnico Cesare Butini. "L'edizione numero quarantacinque del "Nico Sapio" ci ha regalato notevoli spunti e tantissimi record della manifestazione a testimonianza di un meeting strepitoso. Affianco alle conferme prestative degli atleti già qualificati (Scozzoli in primis), ci sono state delle ottime prestazioni di atleti dai quali ci si attendeva un netto segnale.
Tutto è iniziato con il grande exploit di Erica Musso che con una gara molto aggressiva ha chiuso con un crono importante (4'00''44) e Simona Quadarella (vincitrice poi degli 800 stile libero in 8'15''69) un ottimo tempo in 4'02''86. La prestazione della Musso vale il pass per i Mondiali cinesi ma, soprattutto lascia sperare in una ripresa del settore del mezzofondo femminile e mi piace ricordare che Erica ha fatto parte del quartetto vincitore della medaglia d'argento a Kazan 2015 nella 4x200 stile libero. A seguire la prestazione di Gabriele Detti che è tornato prepotentemente nei 400 stile libero con un 3'39''06 che lo lancia ai vertici mondiali della specialità, lasciando intravedere anche l'ipotesi per un notevole contributo della staffetta 4x200 stile libero. E poi il graditissimo ritorno di Nicolò Martinenghi che ha siglato tempi importanti, molto vicini ai suoi record personali e ai limiti richiesti per la rassegna iridata". " Altra nota sicuramente positiva è il rientro nei 200 stile libero di Federica Pellegrini in 1'54''30, dopo il buon 52''70 nuotato nei 100 venerdì. Ma il Sapio - continua Butini - è stato molto di più. La conferma di Ilaria Cusinato nei 200 e 400 misti (2'07''28 e 4'29''41); il grande progresso di Matteo Ciampi che con le ottime prestazioni sia nei 200 e nei 400 stile libero (1'44''20 - 3'40''69)  ha confermato l'ottimo trend di crescita; Marco Orsi vincitore dei 100 misti, il ritorno di Matteo Rivolta sia nella farfalla che nel dorso, la dorsista Scalia che in batteria manca di soli due centesimi il primato italiano dei 50 dorso; il rientro in competizione della guerriera Di Pietro a cui manca forse la giusta confidenza con la competizione dopo il lungo stop. Importante fermento c'è anche nella velocità maschile dove dobbiamo avere pazienza affinché tutte le tessere di un puzzle importante e altamente competitivo vadano al loro posto. Per ultimo sono saliti alla ribalta di due giovani atleti di casa, entrambi classe novantanove: Davide Nardini (100 stile libero in 47''73) e Alberto Razzetti che in 4'12''65 nei 400 misti regola il capitano Turrini; e per ultimo le eccellenti prestazioni di due millenialls Marco De Tullio protagonista a Buenos Aires, che ha siglato i suoi personal best nei 200 e 400 stile libero (1'45''59 - 3'43''07) e il piemontese Alessandro Fusco nei 200 rana (2'07''73). E' sicuramente un buon inizio per un annata importante in chiave internazionale".

Criteri di selezione ai CAMPIONATI DEL MONDO IN VASCA CORTA (Hangzhou 11-16 dicembre):
Saranno qualificati gli atleti che al 18 novembre risulteranno essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) gli atleti classificati entro le prime tre posizioni nelle gare individuali ai campionati europei di Glasgow;
b) nelle gare con posti ancora disponibili, fino al numero massimo di due e in base all'ordine di tempi, gli atleti che avranno ottenuto nel periodo tra l'1 ottobre e il 18 novembre, in manifestazioni nazionali o internazionali con cronometraggio elettronico, una prestazione uguale o migliore del tempo limite indicato nella sucessiva tabella di riferimento.

Per la qualificazione delle staffette inserite in progetti federali mirati alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 verranno valutate, a completamento dei nuotatori già qualificati, le prestazioni degli atleti nel periodo di gara sopraindicato.
L'ulteriore completamento della squadra, nonché l'eventuale convocazione, in base alla loro qualità tecnica, delle staffette 4x50 e mixed, sarà definito dal Consiglio Federale, su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

Atleti qualificati ai Mondiali in vasca corta (23)

Andrea Vergani
Alessandro Miressi 
Gregorio Paltrinieri
Matteo Restivo 
Fabio Scozzoli 
Luca Pizzini 
Piero Codia
Federico Burdisso
Simona Quadarella 
Carlotta Zofkova
Margherita Panziera 
Arianna Castiglioni 
Elena Di Liddo
Ilaria Cusinato 
Ilaria Bianchi
Federica Pellegrini
Simone Sabbioni
Domenico Acerenza
Filippo Megli
Luca Dotto
Thomas Ceccon
Erica Musso
Gabriele Detti

Vai al sito ufficiale dei Mondiali di Hangzhou

Foto Andrea Masini/deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

Seconda ed ultima giornata di gare del trofeo Nico Sapio in vasca da 25 metri che apre la stagione invernale del nuoto azzurro ed è valido come prova di qualificazione ai Mondiali di Hangzhou (11-16 dicembre). Si intrecciano sempre spettacolo, emozioni e grandi tempi alla piscina Sciorba di Genova.
Subito fuochi d'artificio in apertura con Simona Quadarella - tesserata per Fiamme Rosse e CC Aniene - che vince in solitario gli 800 stile libero. La 19enne di Roma - oro agli europei di Glasgow nei 400, 800 e 1500 stile libero, bronzo mondiale nei 1500 a Budapest - s'impone col primato personale di 8'15''69 che cancella l'8'16''53 nuotato per il bronzo europeo in vasca corta a Copenhagen nel 2017 e ovviamente stabilisce il record della manifestazione (precedente 8'17''92). "Aver migliorato il mio limite va già molto bene - spiega Quadarella, allenata dal tecnico Christian Minotti - La condizione non può essere ottimale, le sensazioni sono abbastanza varie in questa fase della stagione".
Rientro con i fiocchi per Gabriele Detti che, dopo i problemi alla spalla, si impone nei 400 stile libero in 3'39''08, scendendo sotto il tempo limite per i mondiali di Hangzhou (3'40''00). Alle sue spalle c'è uno splendido Matteo Ciampi (Esercito/Nuoto Livorno), secondo in 3'40''69. Il 23enne livornese - seguito al Centro Federale di Ostia dallo zio e tecnico federale Stefano Morini; doppio bronzo olimpico a Rio 2016, nonché campione mondiale ed europeo e primatista europeo degli 800 stile libero - firma la quinta prestazione personale di sempre e il record del meeting (precedente 3'40''56). "Non pensavo di andare già così forte - spiega Detti, tesserato per Esercito - Ho cambiato un po' la mia nuotata e spero che ciò possa darmi dei vantaggi in futuro".
Battaglia nei 50 dorso con la statunitense Kathleen Baker davanti a tutte in 26''47; subito dietro Silvia Scalia (CC Aniene)  in 26''88. Nei 50 farfalla successo con record della manifestazione per il tedesco Marius Kusch in 22''64 (precedente 23''00) avanti a un discreto Matteo Rivolta (Fiamme Oro) che tocca in 23''15.
Finita l'attesa per il ritorno di Federica Pellegrini nei torna a nuotare i 200 stile libero dopo l'oro iridato a Budapest nel 2017. Lo show è servito dalla 30enne di Spinea - tesserata per CC Aniene e allenata al centro federale di Verona da Matteo Giunta - che vince in 1'54''30 (56''17 il passaggio ai 100) per il record del meeting che demolisce l'1'56''73 da lei stessa griffato quando aveva diciassette anni. "Mi sono piaciuta molto e più o meno pensavo di nuotare questo crono - sottolinea la vincitrice di tutto - Pian piano mi devo riabituare alla distanza, ma questo è un bel punto di partenza".
Si ripete nei 50 rana il duello dei 100 tra Fabio Scozzoli e Nicolò Martinenghi. Trionfa ancora il trentenne emiliano di Lugo -  ventisette medaglie tra mondiali ed europei, tesserato per Esercito e Imolanuoto e seguito da Cesare Casella - con 26''06, record della manifestazione e settima prestazione personale di sempre; il talento di Varese - tesserato per Fiamme Oro ed Nc Brebbia, allievo di Marco Pedoja e campione del mondo ed europeo junior a Indianapolis e Netanya 2017 - si conferma in crescita e stampa il primato personale in 26''29, limando due centesimi al 26''31 registrato lo scorso dicembre ai campionati europei in Danimarca.
Dopo la delusione nei 50, Martina Carraro (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91) si impone in 1'06''15, avanti alla millenials Anna Pirovano (In Sport Rane Rosse) con il personale in 1'06''81 che sottrae sei centesimi all'1'06''87 siglato lo scorso aprile ai Criteria 2017 a Riccione.
Pimpante nei 100 misti un ritrovato Marco Orsi, primo in 52''65. Il 29enne di Budrio - tesserato per Fiamme Oro e Uisp Bologna e preparato da Roberto Odaldi, oro agli Europei di Copenhagen - chiude con la terza prestazione personale di sempre, precedendo Simone Geni (Uisp Bologna) e Fabio Scozzoli secondi ex aequo in 53''01. 
Nei 100 farfalla stratosferica la statunitense Kelsi Dahlia Worrell - tredici medaglie tra Olimpiadi e Mondiali - che vola in 55''00 con la seconda prestazione mondiale di sempre, dietro al 54''61 della fuoriclasse svedese Sarah Sjostrom del 2014.
Da vedere i 200 rana. Vince Luca Pizzini - tesserato per Carabinieri e Fondazione Bentegodi, seguito da Matteo Giunta e bronzo europeo a Londra 2016 e Glasgow 2018 - in 2'06''84, record della manifestazione (precedente 2'08''24); ma alle sue spalle sboccia il talento del piemontese Alessandro Fusco - tesserato per Swimming Club Alessandria e seguito da Gianluca Sacchi - che tocca in 2'07''73, primato personale che toglie ottanta centesimi al 2'08''33 nuotato agli Assoluti dello scorso anno e lo proietta all'ottavo posto tra i performer italiani.
Bene Lorenzo Mora nei 100 dorso. Il 19enne di Carpi - tesserato per Fiamme Rosse e Amici Nuoto VVFF Modena e allenato da Luciano Landi - scende sotto i 51'' e tocca in 50''98 per la quarta prestazione personale di sempre.
In chiusura irrompe Ilaria Cusinato che frantuma il personale nei 200 misti (2'08"19) e chiude in 2'07"28 a poco più di un secondo del record italiano di Francesca Segat realizzato col gommato nel 2009. E' il terzo tempo all time italiano per la 19enne fuoriclasse di Cittadella - tesserata per Fiamme Oro e Team Veneto, allenata da due anni al Centro Federale di Ostia da Stefano Morini - che spiega come sia "pazzesco questo tempo" ottenuto "senza finalizzare questa gara" e malgrado "una forma di influenza intestinale debilitante". "Questo è un bell'inizio di stagione - conclude l'argento continentale in vasca lunga a Glasgow nei 200 (con record italiano) e nei 400 misti e bronzo in corta nei 200 misti a Copenhagen - Buon auspicio per le prossime gare". 

Guarda tutti i risultati ufficiali

Criteri di selezione ai CAMPIONATI DEL MONDO IN VASCA CORTA (Hangzhou 11-16 dicembre):
Saranno qualificati gli atleti che al 18 novembre risulteranno essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) gli atleti classificati entro le prime tre posizioni nelle gare individuali ai campionati europei di Glasgow;
b) nelle gare con posti ancora disponibili, fino al numero massimo di due e in base all'ordine di tempi, gli atleti che avranno ottenuto nel periodo tra l'1 ottobre e il 18 novembre, in manifestazioni nazionali o internazionali con cronometraggio elettronico, una prestazione uguale o migliore del tempo limite indicato nella sucessiva tabella di riferimento.

Per la qualificazione delle staffette inserite in progetti federali mirati alla partecipazione ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 verranno valutate, a completamento dei nuotatori già qualificati, le prestazioni degli atleti nel periodo di gara sopraindicato.
L'ulteriore completamento della squadra, nonché l'eventuale convocazione, in base alla loro qualità tecnica, delle staffette 4x50 e mixed, sarà definito dal Consiglio Federale, su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

Atleti qualificati ai Mondiali in vasca corta (23)

Andrea Vergani
Alessandro Miressi 
Gregorio Paltrinieri
Matteo Restivo 
Fabio Scozzoli 
Luca Pizzini 
Piero Codia
Federico Burdisso
Simona Quadarella 
Carlotta Zofkova
Margherita Panziera 
Arianna Castiglioni 
Elena Di Liddo
Ilaria Cusinato 
Ilaria Bianchi
Federica Pellegrini
Simone Sabbioni
Domenico Acerenza
Filippo Megli
Luca Dotto
Thomas Ceccon
Erica Musso
Gabriele Detti

Vai al sito ufficiale dei Mondiali di Hangzhou

Foto Andrea Masini/deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto
Pagina 1 di 2

Ultimi 4 articoli NUOTO