Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Febbraio 2017 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

Domenica sono rientrati in Italia il gruppo di fondisti e mezzofondisti composto da Paltrinieri, Detti, Glessi, Di Fabio, Megli, Caramignoli, Polieri, Cusinato, Quadarella e guidato dal tecnico federale Stefano Morini dopo il periodo di allenamento svolto in altura a Flagstaff (24 giorni), cui è seguito un periodo di allenamento a Fort Lauderdale insieme ai nuotatori Pellegrini, Zofkova, Pizzini e Magnini con il tecnico federale Matteo Giunta, che attualmente stanno continuando a lavorare in Florida.
A questo ultimo gruppo di nuotatori si sono appena aggiunti Dotto, Izzo, Sabbioni, Vendrame, Martinenghi e Carini insieme al tecnico federale Claudio Rossetto e al tecnico Luca Corsetti.
Le due selezioni si trasferiranno il 1° marzo a Indianapolis per disputare la tappa dell'Arena Series in programma dal 2 al 4 marzo. Sempre nell'ottica di coniugare preparazione e competizione, un altro gruppo di atleti composto da Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Carraro, Castiglioni e Rivolta - attualmente in raduno presso il centro T3 di Tenerife con il tecnico federale Gianni Leoni e il tecnico Mirko Nozzolillo - parteciperà al MOM di Marsiglia "Camille Muffat" in programma dal 3 al 5 marzo prossimo.
"I report dei tecnici responsabili dei raduni sono positivi - spiega il direttore tecnico della squadra nazionale Cesare Butini - Tutti gli atleti si stanno allenando con impegno e determinazione. L'unica nota stonata è la forzata rinuncia di Fabio Scozzoli, al quale va il mio più incoraggiante in bocca al lupo per una veloce ripresa. Siamo impegnati su tanti fronti nell'ottica di dare ai nostri atleti di punta gli giusti stimoli e soprattutto condizioni di allenamento idonee e motivanti. E' importante anche l'abbinamento dei raduni di preparazione in relazione alla partecipazione a competizioni di alto livello come Indianapolis e Marsiglia con lo scopo di verifica del lavoro svolto e di crescita del valore esponenziale dei nostri atleti. In questi gruppi - sottolinea Butini - sono stati inseriti alcuni giovani del progetto under 20 che ha come obiettivo principale la crescita dei giovani talenti in funzione del prossimo quadriennio. Al meeting di Marsiglia la rappresentativa italiana sarà integrata, sempre confidando nell'importanza della competizione, da altri nuotatori - conclude Butini - Desidero ringraziare il nostro ufficio logistico che ha gestito in modo egregio l'onerosa parte organizzativa del progetto".

Pubblicato in News Nuoto
Mercoledì, 22 Febbraio 2017

Il dt Butini a Bologna e Torino

Il direttore tecnico della nazionale di nuoto Cesare Butini e il videoanalista Ivo Ferretti sono a stati a Torino per seguire Alessandro Miressi, Matteo Senor e Aurora Petronio, ai quali si è aggiunto Federico Poggio. I test eseguiti al Palazzo del Nuoto in vasca da 50 metri, con riprese video e l'ausilio del "velocimetro", mirano all'ottimizzazione delle tecniche di partenza e virata.
"L'iniziativa, che prevede una nuova formula itinerante con visite nelle sedi abituali di allenamento, si sta rivelando molto produttiva e gradita dagli atleti e dai tecnici coinvolti", spiega Butini che il 14 febbraio era stato a Bologna insieme a Ferretti per seguire Marco Orsi sotto lo sguardo attento del tecnico Roberto Odaldi.

bologna

I test di valutazione sono iniziati con i raduni svolti al centro federale di Ostia dal 15 al 21 gennaio e proseguiti presso l’impianto "Manara" di Busto Arsizio dove sono stati monitorati Arianna Castiglioni, Giacomo Carini, Giulia Verona e Nicolò Martinenghi.

Pubblicato in News Nuoto

Meno di un mese al via della settima edizione del Trofeo Città di Milano 2017. L'evento organizzato da Nuotatori Milanesi con il patrocinio della Federazione Italiana Nuoto è diventato un punto di riferimento per il nuoto azzurro e non solo. Quest'anno è organizzato per le giornate di venerdì 10, sabato 11 e domenica 12 Marzo presso la storica Piscina Samuele di Via Trani, 1, angolo Via Mecenate. Come da tradizione le prime due giornate saranno dedicate al grande nuoto, quest'anno con una nuova formula che prevede batterie al mattino e finali al pomeriggio: lo spettacolo è garantito. Grande spettacolo anche perché quest'anno, da subito, sono arrivate grandi conferme dei big azzurri tra cui Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti.
Numerose le richieste di accreditamento estere tra cui Grecia, Malta, Nella due giorni meneghina, tutti i campioni potranno testare la loro condizione in vista dei Campionati Italiani Assoluti di Aprile, i Trials che qualificheranno ai Campionati del Mondo di Budapest in programma a luglio. Non meno importante la terza giornata, dedicata ai giovani. Un tema molto caro alla società organizzatrice che ha investito ed investe con perseveranza attenzioni e risorse nell'educazione dei ragazzi attraverso lo sport. Per l'evento è stato concesso il patrocinio di Federazione Italiana Nuoto, Regione Lombardia e Città Metropolitana di Milano ed è stato richiesto patrocinio al Comune di Milano.

così lo scorso anno

Foto Deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

La Federazione Italiana Nuoto ha formalizzato l'iscrizione di Gregorio Paltrinieri alla 10 chilometri di Eilat, in programma il 26 marzo, prima tappa dell'edizione 2017 della Coppa LEN di nuoto in acque libere, che si concluderà a Bracciano il 16 e 17 settembre.
Insieme al campione olimpico, mondiale ed europeo dei 1500 stile lbero Gregorio Paltrineri (Fiamme Oro Roma / Coopernuoto) sono stati convocati Andrea Manzi e Mario Sanzullo (Fiamme Oro Napoli / CC Napoli). La squadra sarà guidata dal team manager e dirigente responsabile del settore Stefano Rubaudo, dal tecnico federale Stefano Morini e dal tecnico Luca Piscopo. La giudice al seguito sarà Daniela Maddaloni. La partenza è prevista il 24 marzo e il rientro in Italia il 27. Le altre tappe in calendario sono il 1° luglio a Barcellona (10 km); il 5 agosto a Navia (7,5 km); in data da destinarsi ad agosto a Bled; il 24 agosto a Copenhagen e la finale il 16 e 17 settembre a Bracciano (5 e 10 km).

Le dichiarazioni di Paltrinieri. "Provare la dieci chilometri è un'idea che ho da tanto - racconta il 23enne carpigiano, in vasca lunga primatista europeo di 800 e 1500 ed in vasca corta primatista mondiale dei 1500 - Ho sempre avuto la passione del mare fin da piccolo e prima di iniziare il mio percorso al centro federale di Ostia disputavo sia le gare in piscina sia quelle in mare. Ero ancora un bambino e cercavo la mia strada; non sapevo se sarei riuscito a diventare nuotatore, figuriamoci se di piscina o di fondo. Quindi fino ai 15/16 anni ho portato avanti entrambe le specialità di pari passo. Con il trasferimento ad Ostia, ho condiviso il progetto tecnico federale guidato da Stefano Morini e ci siamo concentrati sui 1500, soprattutto dopo la stagione culminata con l'Olimpiade di Londra che ha evidenziato le mie potenzialità. Avevo 17 anni ed era giusto che mi concentrassi sugli obiettivi del quadriennio senza compiere scelte imprudenti. Eppure non ho mai abbandonato l'idea di cimentarmi nel fondo; in alcuni momenti è stato anche difficile placare la voglia soprattutto quando ho visto che venivano privilegiate le condizioni di gara che preferisco con specchi d'acqua non troppo mossi. Adesso credo che sia il momento giusto per iniziare. La voglia cresce e ho il grande desiderio di testarmi. Ovviamente continuare ad allenare i 1500 rimane la mia priorità, ma non desidero escludere nulla andando avanti con la carriera e di certo nuotare distanze più lunghe non mi farà male per continuare ad affrontare le gare in piscina. Così andiamo ad Eilat, in Coppa LEN. Abbiamo scelto questa competizione anche perché ci sarà 12 giorni prima dei 1500 ai campionati assoluti; lo stesso intervallo di tempo che intercorrerebbe tra le gare se in futuro partecipassi ai campionati mondiali. Sarà una simulazione interessante. Sono curioso ed entusiasta, ma ho anche un po' di ansia. La squadra italiana di nuoto di fondo è fortissima; la concorrenza è agguerrita. Abbiamo tanti atleti ai vertici mondiali. C'è competizione ovunque: questa nuova sfida mi esalta e stimola tantissimo".

Le dichiarazioni di Morini. "Gregorio è entusiasta di provare la dieci chilometri - spiega il tecnico federale Stefano Morini - E’ un’idea che cova da tanto tempo e abbiamo deciso insieme di provare col nuovo quadriennio. Si tratta di un test vero e proprio, da cui acquisire tutta una serie di informazioni che poi andremo ad approfondire, come le reazioni fisiche e psicologiche allo sforzo e di tenuta dell’allenamento. La preparazione non è stata modificata rispetto al solito. Riteniamo che nuotare in media 16 chilometri al giorno per preparare i 1500 sia sufficiente per coprire 10 chilometri. Ci siamo confrontati con il cittì della nazionale Massimo Giuliani e con il responsabile del settore fondo Stefano Rubaudo, che ci seguirà ad Eilat, per quanto attiene tracciato, tattica e metodologie. Analizzeremo il risultato e valuteremo come proseguire. L’obiettivo stagionale è provare la 10 chilometri alle Universiadi (il 27 agosto a Taipei, ndr); è prematuro dire che questa esperienza possa rappresentare un trampolino verso le Olimpiadi di Tokyo. Abbiamo scelto Eilat perché ci consentirà di nuotare in acque relativamente calde, in un contesto probante come la Coppa LEN e perché la gara cade ad una decina di giorni dai 1500 dei campionati italiani, che qualificheranno ai prossimi campionati mondiali. Quindi si passerà in poco tempo in due ambienti diversi parimenti probanti e competitivi. Peraltro è la stessa distanza temporale tra le prove iridate della 10 chilometri e dei 1500, quindi ne ricaveremo risposte che potrebbero essere importanti in futuro. Cercheremo di rispettare gli avversari ed onorare la gara, consapevoli di essere degli esordienti. Intanto continuiamo a lavorare. Siamo arrivati in Florida dopo il periodo in altura con un’escursione termica di 25 gradi. I ragazzi hanno lavorato molto con punte di 20 chilometri al giorno. Abbiamo ripreso gli allenamenti seri dopo i mesi post olimpici condizionati da festeggiamenti e impegni extrasportivi. La stagione sta entrando nel vivo e saremo pronti".

Le dichiarazioni di Rubaudo. "Sono un paio d'anni che con Gregorio stiamo parlando di questa possibilità - commenta il dirigente responsabile del settore nuoto in acque libere Stefano Rubaudo, campione europeo dei 5000 a Terracina 1991 e campione del mondo dei 5000 a  squadre a Sharm El Sheikh 2002 - La scorsa estate  siamo tornati sull'argomento in maniera più approfondita. Per ora l'idea è quella di cercare un avvicinamento ai diecimila e poi decidere se puntarci o meno anche per il Giochi di Tokyo 2020. I  prossimi due anni serviranno a guadagnare esperienza; la gestione della lunga distanza, i rifornimenti, nuotare in gruppo, saranno tutte novità per lui. Gregorio è portato anche per questa gara, ma dovrà trasformare le proprie potenzialità in capacità. La tappa di Coppa LEN a Eilat si presenta come una prima valida opportunità, alla quale ne seguiranno altre di passaggio, come potrebbero essere le stesse Universiadi. Insieme a Gregorio, in Israele abbiamo convocato anche Mario Sanzullo e Andrea Manzi, due atleti di una certa esperienza che già hanno partecipato ai campionati del mondo assoluti e giovanili. In qualità di responsabile di settore - conclude Rubaudo - ho il dovere di lavorare al potenziamento della squadra e laddove si presentasse la possibilità di compiere un ulteriore salto di qualità sarebbe giusto provarci. Noi abbiamo già una squadra forte, con ottimi atleti che disputano i diecimila e salgono con continuità sui podi internazionali; non abbiamo necessariamente bisogno di rafforzarci, ma con un fuoriclasse come Paltrinieri in più saremmo al top".

Le dichiarazioni di Giuliani. "L'idea è nata molto prima delle Olimpiadi - aggiunge il commissario tecnico della Nazionale di nuoto di lunga distanza Massimo Giuliani - e si è rafforzata al rientro da Rio de Janeiro. Per caratteristiche tecniche e impostazione fisica Gregorio è sicuramente predisposto a questo tipo di gara e gli stessi tempi ottenuti nel fondo in piscina ne attestano la spiccata attitudine. Quindi, in accordo con l'atleta, con il suo allenatore, le società e l'intero staff tecnico federale, abbiamo deciso di intraprendere un percorso che ci permettesse un avvicinamento graduale, e già rilevante, alla dieci chilometri. Eilat ci è sembrata la gara più idonea per iniziare; l'acqua abbastanza calma e la temperatura standard consentono a Gregorio di gestire al meglio la distanza ed a noi di ricevere un primo quadro generale realistico. Sono molto contento di iniziare questa nuova avventura. Faccio gli auguri di buon lavoro a tutti e rivolgo un in bocca al lupo particolare a Gregorio".   

Foto Deepbluemedia.eu  

Pubblicato in News Nuoto

In seguito alla programmazione presentata negli incontri tecnici organizzati durante i Campionati Assoluti di Riccione del dicembre dello scorso anno, continuano le visite di monitoraggio tecnico del DT Cesare Butini presso le sedi di allenamento degli atleti inseriti nei vari progetti. Il lavoro, iniziato ai recenti raduni svolti al Centro Federale di Ostia dal 15 al 21 gennaio, è proseguito gli scorsi 6 e 7 febbraio presso l’impianto "Manara" di Busto Arsizio. Sono stati analizzati i dati dei seguenti atleti: Arianna Castiglioni, Giacomo Carini, Giulia Verona, Nicolò Martinenghi. Erano presenti oltre al Responsabile delle Analisi Video Ivo Ferretti, il tecnico federale Gianni Leoni e i tecnici sociali Gianni Ponzanibbio, Roberto Verona e Marco Pedoja. In tal senso sono state effettuate riprese video abbinate a test di valutazione funzionale per valutare l’avanzamento tecnico degli atleti; a questi sono seguiti confronti con i tecnici e gli atleti presenti nei quali sono state definiti i prossimi interventi da effettuare. L’agenda proseguirà con i prossimi appuntamenti a Bologna e Torino. “Ritengo questi incontri - afferma il DT Butini - molto proficui; il ridotto numero di atleti presenti permette una maggiore incisività degli interventi. L’interesse e la collaborazione che tecnici e atleti hanno dimostrato è una sicura testimonianza della bontà del progetto. Diamo a tutti l'appuntamento al prossimo impegno di metà febbraio".

Pubblicato in News Nuoto

Si è tenuto presso il centro federale di Ostia l'annuale riunione dei giudici arbitri, starter e commissari di fascia nazionale del settore nuoto.
Nel corso della due giorni hanno partecipato lo psicologo dello sport Diego Polani, che ha aperto l'incontro cou una relazione sulla "gestione dello stress"; il cittì della nazionale della Federazione Italiana Nuoto Paralimpica Riccardo Vernole, che ha illustrato le particolarità presenti nella conduzione di una manifestazione di settore; il vice presidente del GUG Gianni Dolfini, che prima ha tracciato il bilancio del passato quadriennio olimpico e poi spronando il gruppo a proseguire sulla strada intrapresa per raggiungere obiettivi sempre più prestigiosi; il nuovo consigliere nazionale del nuoto Davide Drudi alla prima uscita pubblica davanti ai colleghi.
Particolarmente apprezzato l'intervento del cittì della nazionale italiana di nuoto Cesare Butini sul "backstroke start device", cui hanno seguiti le relazioni dei docenti nazionali Silvia Atzori e Barbara Caloi che hanno risposto ai numerosi quesiti tecnico-manageriali posti dai convenuti.
Presenti, in qualità di graditi ospiti, il consigliere nazionale di nuoto di fondo Cristina Bianchi e il consigliere nazionale del settore pallanuoto Massimiliano Caputi.

Pubblicato in News Nuoto

Ultimi 4 articoli NUOTO