Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Novembre 2016 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

Saranno Gabriele Detti e Federica Pellegrini ad aprire la tredicesima edizione dei mondiali di nuoto in vasca corta, in programma dal 6 all'11 dicembre al WFCU Centre di Windsor, in Canada.
Alle 15.30 si rialza il sipario internazionale a tre mesi dai Giochi di Rio de Janeiro. Nei 400 stile libero Gabriele Detti, doppio bronzo olimpico nei 400 e 1500 stile libero, tenterà l'ingresso in una finale iridata che non l'ha mai visto protagonista nelle due precedenti edizioni cui ha preso parte. Il 22enne livornese, allenato dallo zio Stefano Morini al Centro Federale di Ostia, si presenta col settimo crono mondiale stagionale (3'40"90).
Nella gara successiva, i 200 stile libero, torna in corsia Federica Pellegrini che tenterà la scalata all'unica medaglia d'oro che le manca nella sconfinata carriera che l'ha portata a conquistare quarantaquattro medaglie internazionali tra olimpiadi, mondiali ed europei: la 28enne di Spinea allenata da Matteo Giunta, un argento e tre bronzi iridati in corta, parte con il quarto crono mondiale dell'anno (1'53"35).
Due gli esordienti a livello iridato, entrambi sul blocco il primo giorno ed entrambi detentori della migliore prestazione italiana in tessuto con il mirino puntato sui record italiani "gommati" delle loro specialità: Giacomo Carini, diciannovenne piacentino allenato da Giovanni Pozzanibbio, punta l' 1'53"72 di Niccolò Beni nei 200 farfalla che dista 23 centesimi; Silvia Scalia, ventunenne allenata da Gianluca Belfiore, è lontana 41 centesimi dal 57"35 nei 100 dorso di Elena Gemo. 
Torna a calcare la scena mondiale dopo due anni di assenza Fabio Scozzoli. Il campione iridato nei 100 rana a Istanbul 2012, che si allena ad Imola con Cesare Casella, si presenta con obiettivi concreti grazie al 26"40 nei 50 (quarto crono mondiale) e al 57"89 nei 100 rana (decimo del ranking). Subito in acqua anche Martina Carraro, che un anno fa, agli europei di Netanya, ha sfiorato di 9 centesimi il record italiano di Lisa Fissneider. 
Il programma della prima giornata sarà chiuso dalla staffetta femminile 4x100 stile libero, bronzo a Doha due anni orsono col record italiano di 3'29"48. La squadra sarà composta da Erika Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzato e Pellegrini. 
Per vedere in acqua l'olimpionico Gregorio Paltrinieri bisognerà aspettare le batterie dei 1500 in programma sabato. Il campione e primatista mondiale della distanza proprio all'ultima edizione della rassegna iridata vinse il primo oro mondiale della carriera, cui seguì quello in vasca lunga a Kazan e l'oro europeo col record di 14'08"06 - che cancellò il precedente di Grant Hackett vecchio di 14 anni - lo scorso anno a Netanya.
Seguono programma gara, iscrizioni, precedente edizione e medagliere.

ISCRIZIONI GARA DEGLI AZZURRI
Le iscrizioni saranno ufficiali solo dopo la riunione tecnica, prevista il 5 dicembre

Martina Carraro (NC Azzurra 91) 50 e 100 rana
Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) 50 e 100 farfalla, 50 stile libero, 50 dorso
Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 50 e 100 stile libero
Federica Pellegrini (CC Aniene) 100, 200 e 400 stile libero, 200 dorso 
Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto) staffette
Silvia Scalia (CC Aniene) 50 e 100 dorso
Gabriele Detti (Esercito/MGM Team Lombardia) 200, 400 e 1500 stile libero
Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto) 50, 100 e 200 stile libero
Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto) 1500 stile libero
Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 50 e 100 rana, 100 misti
Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can. Vittorino) 100 e 200 farfalla

PROGRAMMA e AZZURRI IN GARA (+6 ore in Italia)
alle 9.30 batterie a 10 corsie; alle 18.30 semifinali e finali ad 8 corsie. 

Martedì 6 dicembre
Ore 15.30 italiane - batterie
400 sl M
RI 3'37"22 di Gabriele Detti (2/12/2015 agli europei di Netanya)
con Gabriele Detti

200 sl F
RI 1'51"17 di Federica Pellegrini (12/12/2009 agli europei di Istanbul)
primato italiano in tessuto 1'51"89 di Federica Pellegrini (5/15/2015 europei di Netanya)
con Federica Pellegrini

200 farfalla M
RI 1'53"72 di Niccolò Beni (21/11/2009 agli assoluti di Riccione)
primato italiano in tessuto 1'53"95 di Giacomo Carini (18/11/2016 a Massarosa) 
con Giacomo Carini

50 rana F
RI 30"39 Lisa Fissneider (12/12/2013 agli europei di Herning)
con Martina Carraro (pp di 30"48 del 2/12/2015 agli europei di Netanya)

100 dorso M
nessun italiano in gara

400 misti F
nessuna italiana in gara

100 rana M
RI 56"49 di Fabio Scozzoli l'8/8/2013 in coppa del mondo, a Eindhoven
con Fabio Scozzoli 

100 dorso F
RI 57"35 di Elena Gemo il 12/12/2008 ai campionati europei di Rijeka
Migliore prestazione in tessuto 57"76 di Silvia Scalia nel 2016
con Silvia Scalia 

200 misti M
nessun italiano in gara

4x100 sl F
RI 3'29"48 (Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini) del 5/12/2014 ai mondiali Doha
Italia

4x100 sl M

Mercoledì 7 dicembre
Ore 00.30 italiane - semifinali e FINALI
400 STILE LIBERO M
200 STILE LIBERO F
100 dorso M
50 rana F
200 FARFALLA F
400 MISTI M
100 rana M
100 dorso F
200 MISTI
4x100 STILE LIBERO F
4x100 STILE LIBERO M

Mercoledì 7 dicembre
Ore 15.30 italiane - batterie
4x50 mista F
RI 1'45"73 (Gemo, Carraro, Di Pietro, Ferraioli) 6/12/2015 agli europei di Netanya
Nazionale

200 sl M
RI 1'41"65 di Filippo Magnini il 13/12/2009 agli europei di Istanbul
primato italiano in tessuto 1'42"54 di Filippo Magnini del 2006
con Gabriele Detti (pp 1'44"30 del 2015) e Luca Dotto (pp 1'44"37 del 2015)

100 sl F
RI 52"17 di Federica Pellegrini il 24/4/2016 a Riccione
con Erika Ferraioli (pp 52"58 del 2015) e Federica Pellegrini

100 farfalla M
RI 49"55 di Matteo Rivolta il 2/12/2015 agli europei di Natanya
con Giacomo Carini (pp 52"94 del 2015)

200 farfalla F
nessuna italiana in gara

4x50 sl Mixed

800 sl F - serie lente
nessuna italiana in gara

Giovedì 8 dicembre
Ore 00.30 - semifinali e FINALI
4x50 MISTA F
100 DORSO M
200 FARFALLA F
100 RANA M
50 RANA F
200 STILE LIBERO M
100 farfalla M
100 DORSO F
4x50 MISTA SL

Giovedì 8 dicembre
Ore 15.30 - batterie
100 misti M
R.I. 52"15 di Marco Orsi il 13/11/2015 a Massarosa
con Fabio Scozzoli (pp 52"98 del 2016)

50 farfalla F
R.I. 25"22 di Silvia Di Pietro il 3/12/2015 agli europei di Netanya
con Silvia Di Pietro

50 dorso M
nessun italiano in gara

100 misti F
nessuna italiana in gara

50 sl M
R.I. 20"69 di Marco Orsi il 5/12/2014 ai mondiali di Doha
con Luca Dotto (pp 21"25 del 2010)

200 dorso F
RI 2'03"75 di Federica Pellegrini il 22/11/2013 a Viareggio
con Federica Pellegrini

200 rana M
nessun italiano in gara

4x50 mista mista
R.I. 1'37"90 (Bonacchi, Scozzoli, Di Pietro e Ferraioli) del 4/12/2014 ai mondaili di Doha

Venerdì 9 dicembre
Ore 00.30 - semifinali e FINALI
200 RANA M
100 STILE LIBERO F
100 misti M
200 DORSO F
50 sl M
50 farfalla F
100 FARFALLA M
100 misti F
50 dorso M
800 STILE LIBERO F
4x50 MISTA MISTA

Venerdì 9 dicembre
Ore 15.30 - batterie
4x50 sl M

50 dorso F
nessuna italiana in gara

50 farfalla M
nessun italiano in gara

400 sl F
R.I. 3'57"59 di Federica Pellegrini Il 6/3/2011 ad Ostia
con Federica Pellegrini

100 rana F
R.I. 1'05"28 Lisa Fissneider il 15/12/2013 agli europei di Herning
con Martina Carraro (pp 1'05"48 del 2015)

4x200 sl M

Sabato 10 dicembre
Ore 00.30 italiane - semifinali e FINALI
4X50 STILE LIBERO M
50 FARFALLA F
100 MISTI M
100 MISTI F
50 farfalla M
400 SL F
50 SL M
50 dorso F
50 DORSO M
100 rana f
4x200 SL M

Sabato 10 dicembre
Ore 15.30 - batterie
4x50 mista M

200 misti F
nessuna italiana in gara

400 misti M
nessun italiano in gara

100 farfalla F
R.I. 56"13 di Ilaria Bianchi del 16/12/2012 ai mondiali di Istanbul
con Silvia Di Pietro (pp 56"63 del 2015)

100 sl M
R.I. 46"04 di Marco Orsi il 19/04/2015 a Riccione
con Luca Dotto (pp 46"68 del 2010)

50 sl F
R.I. 24"03 di Silvia Di Pietro il 6/12/2015 agli europei di Netanya
con Silvia Di Pietro e Erika Ferraioli (pp 24"09 del 2014)

50 rana M
R.I. 25"72 di Fabio Scozzoli il 10/08/2013 a Berlino
con Fabio Scozzoli

4x200 sl F

1500 sl M 
R.M., R.E, R.I. 14'08"06 di Gregorio Paltrinieri il 4/12/2015 agli europei di Netanya
con Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti (pp 14'18"00 del 2015)

Domenica 11 dicembre
Ore 00.30 - FINALI
4X50 MISTA M
200 MISTI F
100 sl M
100 farfalla F
50 FARFALLA M
50 sl F
50 rana M
50 DORSO F
400 MISTI M
100 RANA F
4X200 SL F

Domenica 11 dicembre
Ore 15.30 - batterie
4x50 sl F
R.I. Italia (Di Pietro, Ferraioli, Pezzato, Galizi) 1'35"78 il 7/12/2014 ai mondiali di Doha
Italia

200 dorso M
nessun italiano in gara

200 rana F
nessuna italiana in gara

4x100 mista M

4x100 mista F
R.I. Italia (Barbieri, Castiglioni, Di Liddo, Pezzato) 3'54"32 il 7/12/2014 ai mondiali di Doha
Italia 

Lunedì 12 dicembre
Ore 00.30 - Finali
4x50 SL F
1500 SL M
100 SL M
200 RANA F
200 DORSO M
50 RANA M
50 SL F
4X100 MISTA M
4X100 MISTA F

COSI' A DOHA 2014. L'Italnuoto conclude la 12esima edizione della rassegna iridata indoor - all'Hamad Aquatic Center - con una medaglia d'oro, due d'argento e tre di bronzo; un record europeo, 21 record italiani e 2 migliori prestazioni in tessuto, 38 primati personali e 18 finali disputate di cui 10 con staffette e 8 individuali. Solo a Shanghai 2006 l'Italia era tornata con un bottino più ricco: 2 ori, 7 argenti e 3 bronzi ma senza ori individuali.

MEDAGLIE (1 - 2 - 3)

ORO (1)

1500 sl M
Gregorio Paltrinieri

ARGENTO (2)

4x200 sl M
Nazionale 
con Andrea Mitchell D'Arrigo, Marco Belotti, Nicolangelo Di Fabio, Filippo Magnini

50 sl M
Marco Orsi 

BRONZO (3)

4x50 mixed mista
Nazionale
con Niccolò Bonacchi, Fabio Scozzoli, Silvia Di Pietro ed Erika Ferraioli 

4x100 sl F
Nazionale 
con Erika Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzato, Federica Pellegrini 

4x50 stile libero M
Nazionale 
con Luca Dotto, Marco Orsi, Filippo Magnini, Marco Belotti 

MEDAGLIERE STORICO ITALIA
5 ori - 18 argenti - 13 bronzi = 36
1993 Palma de Maiorca 0-1-0 = 1
1995 Rio de Janeiro 0-0-0 = 0
1997 Goteborg 0-0-0 = 0
1999 Hong Kong 0-1-1 = 2
2000 Atene 0-1-2 = 3
2002 Mosca 0-0-1 = 1
2004 Indianapolis 0-1-0 = 1
2006 Shanghai 2-7-3 = 12
2008 Manchester 0-2-2 = 4
2010 Dubai 0-1-1 = 2
2012 Istanbul 2-2-0 = 4
2014 Doha 1-2-3 = 6

MEDAGLIATI INDIVIDUALI - 16

Medaglie d'oro (3)
Fabio SCOZZOLI - 100 rana (2012)
Ilaria BIANCHI - 100 farfalla (2012)
Gregorio PALTRINIERI - 1500 sl (2014)

Medaglie d'argento (16)
Luca BIANCHIN - 200 dorso (1993)
Simone ERCOLI - 1500 sl (2004)
Domenico FIORAVANTI - 100 rana (1999)
Massimiliano ROSOLINO - 200 sl (2000) e 400 sl (2008)
Filippo MAGNINI - 100 sl (2006 e 2008) e 200 sl (2006)
Luca MARIN - 400 misti (2006)
Alessandro TERRIN - 50 rana (2006)
Francesca SEGAT - 200 farfalla (2006)
Alessia FILIPPI - 400 misti (2006)
Federica PELLEGRINI - 200 sl (2006)
Fabio SCOZZOLI - 100 rana (2010)
Gregorio PALTRINIERI - 1500 sl (2012)
Marco ORSI - 50 sl (2014)

Medaglie di bronzo (9)
Christian MINOTTI - 1500 sl (2002)
Massimiliano ROSOLINO - 400 sl (1999, 2000, 2006), 200 misti (2000), 200 sl (2006 e 2008)
Federica PELLEGRINI - 400 sl (2006 e 2010)

STAFFETTE (2-2-4)

Medaglie d'oro (2) entrambe a Shanghai 2006
- 4x100 sl maschile
Calvi, Lanzarini, Galenda, Magnini

- 4x200 sl maschile
Rosolino, Pelliciari, Cassio, Magnini

Medaglie d'argento (2)

Istanbul 2012
- 4x100 sl maschile
Dotto, Orsi, Santucci, Magnini

Doha 2014
- 4x200 sl maschile
D'Arrigo, Belotti, Di Fabio, Magnini (1'42"07)

Medaglie di bronzo (4)

Manchester 2008
- 4x200 sl maschile
Brembilla, Rosolino, Cassio e Magnini

Doha 2014
4x50 mixed mista
- Bonacchi, Scozzoli, Di Pietro, Ferraioli

4x100 sl femminile
Ferraioli, Di Pietro, Pezzato, Pellegrini

4x50 stile libero maschile
- Dotto, Orsi, Magnini, Belotti

foto deepbluemedia.eu

vai al sito ufficiale

Pubblicato in News Nuoto

Il convegno di formazione e aggiornamento curriculare per gli allenatori di nuoto di I e II livello - in svolgimento a Treviso con circa 340 tecnici coinvolti - è stato sede della proclamazione del vincitore del premio "Alberto Castagnetti", giunto alla terza edizione. La giuria - presieduta dal vice presidente federale Francesco Postiglione e composta dal direttore tecnico della Nazionale Cesare Butini, dal direttore sportivo Gianfranco Saini, dal consigliere federale Roberto Del Bianco, dai campioni Domenico Fioravanti, Massimiliano Rosolino, Novella Calligaris, Giorgio Lamberti e Luca Sacchi, dai giornalisti Camillo Cametti (responsabile della commissione stampa della Federation Internationale de Natation e della Ligue Europeenne de Natation), Tommaso Mecarozzi (Rai Sport), Carlo Verna (Radio Rai), Stefano Arcobelli (Gazzetta dello Sport), Paolo De Laurentiis (Corriere dello Sport), Giorgio Pasini (TuttoSport), Alessandro Pasini (Corriere della Sera), Alessandra Retico (la Repubblica), Giulia Zonca (Stampa), Benny Casadei Lucchi (il Giornale), Christian Zicche (Swimbiz) e dagli esperti Roberto Perrone e Piero Mei - ha votato all'unanimità Stefano Morini, che si aggiudica il prestigioso riconoscimento per il terzo anno consecutivo precedendo i finalisti Fabrizio Antonelli e Claudio Rossetto. Nella prima fase del concorso avevano raccolto preferenze anche Luca Corsetti, Stefano Franceschi, Matteo Giunta, Gianni Pozzanibbio ed Emanuele Sacchi.
Accolto con curiosità dalla platea, il consigliere federale Roberto Del Bianco ha proclamato il vincitore, ricordando la figura di Alberto Castagnetti: "maestro che con metodi progressisti, rigore ed ironia ha portato il nuoto italiano nell'elite mondiale; sette anni fa abbiamo perso improvvisamente un grande amico, che lasciato un vuoto emozionale difficile da colmare. L'istituzione del riconoscimento è nata con un duplice obiettivo: raccontare Alberto alle nuove generazioni per non dimenticare e premiare la passione e professionalità degli allenatori italiani". Visibilmente contento Stefano Morini, al terzo successo consecutivo. "Ricevere il premio è fonte di orgoglio. Desidero ringraziare la federazione per il continuo supporto che fornisce ai progetti che coinvolgono l'intero movimento; lo staff del centro federale di Ostia e tutti gli allenatori che rappresentano fonte di inesauribile confronto e stimolo; gli atleti che mi accordano fiducia e s'impegnano con costanza e determinazione per trasformare in medaglie e risultati il lavoro svolto quotidianamente. Il mio pensiero va ad Alberto, con cui ho avuto la fortuna di condividere tanti anni di lavoro, viaggi, manifestazioni, emozioni; di imparare e crescere. Maestro ed amico unico".
Stefano Morini riceverà il premio in occasione dei campionati italiani assoluti invernali, che si svolgeranno a Riccione il 16 e 17 dicembre.
 
Stefano Morini, la scheda.
Nasce a Livorno il 17 novembre 1956. Dopo aver conseguito il titolo di maturità scientifica ed il diploma ISEF si è dedicato alla sua passione, il nuoto agonistico, diventando allenatore a tempo pieno della Livorno Nuoto fin dal 1982, quando non aveva che ventisei anni. Nel corso della sua notevole carriera allena molti nuotatori di primo piano, tra i quali spiccano Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Ilaria Tocchini, Luis Alberto Laera, Cristina Chiuso, Lara Bianconi e Samuele Pampana. Dopo le prime esperienze negli staff della nazionale giovanile, nella seconda parte degli anni ottanta, entra stabilmente tra i tecnici di riferimento della nazionale maggiore a partire dagli anni novanta. Dal 1998 al 2000 è il responsabile dell'area della farfalla all'interno del Progetto F.I.N. Point. Nel 2001 è chiamato al Centro Federale di Verona come Assistente del cittì Alberto Castagnetti. In questa veste, nella stagione 2003-04, è tra l'altro responsabile della preparazione della farfallista Paola Cavallino e della dorsista Alessandra Cappa, entrambe pervenute alla medaglia europea individuale in occasione dei campionati europei di Madrid 2004. Erano trascorsi nove anni da quando un'altra sua allieva, Ilaria Tocchini, vincendo nel 1995 a Vienna l'argento nei 100 farfalla, conquistava l'ultima medaglia a livello individuale del settore femminile. A lui era affidata inoltre la conduzione ed il coordinamento della preparazione dei velocisti azzurri della 4x100 stile libero sia per Madrid 2004 che per i Giochi di Atene. Partecipa a tutti i successi della rappresentativa azzurra del quadriennio 2001-04, dai mondiali di Fukuoka, agli europei di Berlino e di Madrid, alle Olimpiadi di Atene e successivamente a quelli del quadriennio 2005-08 (mondiali di Montreal e Melbourne, europei di Budapest ed Eindhoven, Giochi di Pechino). Dall'autunno del 2004 fino a quello 2007 coordina il “Progetto Pechino 2008”, che segue e supporta la crescita dei giovani più brillanti delle varie specialità in prospettiva olimpica. Nel novembre 2009, dopo la scomparsa di Alberto Castagnetti, è chiamato al centro federale di Verona per seguire il gruppo degli atleti permanenti tra cui Emiliano Brembilla, Luca Marin, David Joseph Natullo, Federica Pellegrini e Cesare Sciocchetti. Sotto la sua guida Pellegrini stabilisce il record mondiale in corta a Istanbul dei 200 stile libero e vince i 200 stile libero ai campionati europei di Budapest nel 2010. Terminata l'esperienza con la fuoriclasse veneta, nel gennaio 2011 diventa il responsabile tecnico del centro federale di Ostia iniziando un ciclo con giovani atleti che porta grandi frutti: nel 2012 l'espolsione di Gregorio Paltrinieri con gli ori europei a Debrecen nei 1500 e 800 (poi finalista olimpico a Londra), il bronzo di Samuel Pizzetti nei 400 stile libero (che condivide con Arnd Ginter) e della staffetta 4x200; poi il terzo posto ai Mondiali di Barcellona 2013 di Paltrinieri nei 1500 e un 2014 da favola con due record europei negli 800 di Gabriele Detti e nei 1500 di Paltrinieri e le 6 medaglie di Berlino: due ori Paltrinieri (800/1500 sl), una di Stefania Pirozzi nella 4x200 sl e tre bronzi con Gabriele Detti (800/1500 sl) e Martina Rita Caramignoli (1500 sl). Nel 2015 arrivano ulteriori conferme, tra cui spiccano, l'oro iridato nei 1500 e l'argento negli 800 di Gregorio Paltrinieri a Kazan, la finale di Diletta Carli, settima nei 400 stile libero. Ma soprattutto comincia l'assalto all'oro olimpico di Gregorio Paltrinieri, che vince con il record del mondo i 1500 ai campionati europei in vasca corta di Netanya in 14'08"06, si conferma ai campionati europei di Londra negli 800 e nei 1500 con il record dei campionati in 7'42"33 e il record europeo di 14'34"04 e sale sul gradino più alto del podio alle Olimpiadi di Rio de Janeiro in 14'34"57. Con lui cresce e si esalta Gabriele Detti, protagonista in tutte e tre le competizioni: argento nei 1500 e bronzo nei 400 a Netanya; campione europeo a Londra nei 400 stile libero, dove conquista anche l'argento negli 800 e nei 1500 e il bronzo con la staffetta 4x200; due volte di bronzo alle Olimpiadi nei 400 e nei 1500 stile libero. Il futuro del nuoto italiano è loro, dei "gemelli diversi" formati e cresciuti al centro federale di Ostia.

Il premio è intitolato ad Alberto Castagnetti, maestro del nuoto italiano che ci ha lasciato poco più di sette anni fa.
Nasce a Verona il 3 febbraio 1943. Da atleta partecipa ai Giochi Olimpici di Monaco 1972 e ai Mondiali di Belgrado 1973, inoltre conquista numerosi titoli italiani con le staffette e si piazza secondo nei 100 stile libero ai campionati assoluti di Napoli nel 1969.
Commissario tecnico della Nazionale Italiana di Nuoto ininterrottamente dal 1987, ha allenato campioni del calibro di Giorgio Lamberti, Roberto Gleria, Marcello Guarducci, Domenico Fioravanti e Federica Pellegrini.
Grazie alla sua conduzione l’Italia del nuoto ha arricchito il medagliere olimpico con 4 ori, 2 argenti e 7 bronzi, diventando una delle più rilevanti potenze mondiali.
Nel quadriennio che ha portato alle Olimpiadi di Pechino è cresciuta la striscia di risultati importanti sotto la sua direzione tecnica: dal primo storico oro olimpico al femminile di Federica Pellegrini nei 200 stile libero al doppio titolo mondiale di Filippo Magnini nei 100 stile libero, dai record mondiali della Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, al primo oro femminile europeo a Budapest 2006 nei 400 misti di Alessia Filippi, alle 60 medaglie internazionali (4 alle Olimpiadi, 5 ai Mondiali, 10 ai Mondiali in vasca corta, 21 agli Europei e 20 agli Europei in vasca corta) di Massimiliano Rosolino, al prestigioso primato continentale della 4x200 stile libero femminile.
Il post Giochi Olimpici 2008 è ripartito con ulteriori grandi soddisfazioni per Castagnetti, il CT più vincente del nuoto italiano. Il 2009, l'anno del Mondiale di Roma, si arricchisce del doppio oro con record del mondo di Federica Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, dell'oro nei 1500 e bronzo negli 800 stile libero di Alessia Filippi.
Nel 2013 è stato inserito nella Hall of Fame del nuoto con sede a Fort Lauderdale, in Florida.

le schede dei finalisti 

Pubblicato in News Nuoto

Fabrizio Antonelli, Stefano Morini e Claudio Rossetto sono i finalisti della terza edizione del premio “Allenatore di Nuoto dell’anno” intitolato ad Alberto Castagnetti. Questo l'esito della prima votazione della giuria presieduta dal vice presidente federale Francesco Postiglione e composta dal direttore tecnico della Nazionale Cesare Butini, dal direttore sportivo Gianfranco Saini, dal consigliere federale Roberto Del Bianco, dai campioni Domenico Fioravanti, Massimiliano Rosolino, Novella Calligaris, Giorgio Lamberti e Luca Sacchi, dai giornalisti Camillo Cametti (responsabile della commissione stampa della Federation Internationale de Natation e della Ligue Europeenne de Natation), Tommaso Mecarozzi (Rai Sport), Carlo Verna (Radio Rai), Stefano Arcobelli (Gazzetta dello Sport), Paolo De Laurentiis (Corriere dello Sport), Giorgio Pasini (TuttoSport), Alessandro Pasini (Corriere della Sera), Alessandra Retico (la Repubblica), Giulia Zonca (Stampa), Benny Casadei Lucchi (il Giornale), Christian Zicche (Swimbiz) e dagli esperti Roberto Perrone e Piero Mei.
Nella prima fase delle votazioni ciascun membro della giuria ha espresso tre preferenze. Oltre ai finalisti, hanno raccolto voti anche Luca Corsetti, Stefano Franceschi, Matteo Giunta, Gianni Pozzanibbio ed Emanuele Sacchi.
Il vincitore sarà proclamato in occasione del Convegno Tecnico in programma da venerdì a domenica a Treviso. Al focus stagionale - valido come aggiornamento curriculare per gli allenatori di nuoto di I e II livello - parteciperanno circa 340 allenatori.
Dopo i consuntivi della passata stagione agonistica assoluta e giovanile si succederanno numerosi interventi di carattere scientifico ed esperienziale, fondamentali per tutti i tecnici che vogliono alzare l'asticella delle proprie performance e confrontarsi con la preparazione di alto livello.
Tra i relatori ci saranno il direttore tecnico della Nazionale Cesare Butini, il direttore tecnico della nazionale di nuoto in acque libere Massimo Giuliani, il tecnico federale responsabile della nazionale giovanile Walter Bolognani ed i tecnici federali Stefano Morini (responsabile del centro federale di Ostia e guida dell'olimpionico dei 1500 Gregorio Paltrinieri e della medaglia di bronzo olimpica nei 400 e 1500 Gabriele Detti), Fabrizio Antonelli (allenatore della vice campionessa olimpica della 10 chilometri Rachele Bruni), Claudio Rossetto (tecnico del campione europeo Luca Dotto, primo azzurro sotto al muro dei 48 secondi nei 100 stile libero ed in precedenza guida del bicampione mondiale e tricampione europeo Filippo Magnini che fu il primo italiano a rompere la barriera dei 49 secondi) e Matteo Giunta (allenatore del campionessa di tutto Federica Pellegrini e di Magnini).
Presenti anche Paltrinieri, Detti e Mr. 60 medaglie internazionali Massimiliano Rosolino, tra l'altro autore del grande slam nei 200 misti tra il 2000 e il 2001.
Il premio per "Allenatore dell'anno" sarà consegnato in occasione dei Campionati Italiani Assoluti Invernali, che si svolgeranno a Riccione il 16 e 17 dicembre.
Le prime due edizioni del premio "Alberto Castagnetti" sono state vinte da Stefano Morini.

consulta il programma del convegno di nuoto e tutti i relatori

SCOPRIAMO I TRE FINALISTI

Fabrizio Antonelli nasce a Roma il 27 aprile del 1981. E' atleta della nazionale di nuoto di fondo dal 2005 al 2008. Partecipa al circuito europeo della Coppa Len 2004 e 2005 ed ha come miglior risultato il terzo posto nella 10 km agli assoluti di Lerici nel 2005.
Diventa allenatore di secondo livello nel 2010 con 30/30. Muove i primi passi da allenatore della squadra esordienti della Nuoto Livorno quando, dal gennaio del 2009 diventa responsabile tecnico della sezione nuoto del Centro Sportivo Esercito.
In qualità di responsabile della squadra italiana di nuoto partecipa ai campionati mondiali militari a Warendorf in Germania nel 2010, ai Giochi mondiali militari di Rio de Janeiro 2011 e di Mungyeong (Corea) nel 2015. Inizia la sua collaborazione con la Federazione Italiana Nuoto e il settore acque libere dagli europei di Piombino del 2012. Da ottobre dello stesso anno assume il ruolo di allenatore di atleti top come Simone Ruffini e Rachele Bruni. Con il campione del mondo pesarese lavora fino al 2014, quando si piazza secondo nella tappa di Cancun in coppa del mondo. Ma è con Rachele Bruni che esplode la sua carriera: nel 2015 infatti, dopo anni di piazzamenti, porta l'atleta toscana a vincere la prima tappa di coppa del mondo sulla 10 km a Viedma, in Argentina. E' un crescendo: Bruni vince la successiva tappa ad Abu Dhabi e si impone nella classifica finale del circuito, vincendo ancora a Setubal e Lac Megantic. La delusione del quarto posto ai mondiali di Kazan, dopo una stagione sempre al vertice, viene mitigata dalla qualifica alle Olimpiadi di Rio de Janeiro dell'anno successivo. Nella baia antistante la famosissma Copacabana, Bruni si prende la rivincita e conquista uno storico argento olimpico. Tra le altre atlete allenate, la new entry del fondo Arianna Bridi. La trentina nel 2015 si mette in luce nel circuito europeo di coppa Len vincendo la classifica finale; si bissa alle Universiadi in Corea. Nel 2016 la strada è tracciata e Bridi si conferma piazzandosi prima terza nella 10 km agli europei di Hoorn, poi sale tre volte sul podio nelle ultime tappe di coppa del mondo, vincendo a Lac Megantic la prima gara internazionale di livello mondiale.

Stefano Morini nasce a Livorno il 17 novembre 1956. Dopo aver conseguito il titolo di maturità scientifica ed il diploma ISEF si è dedicato alla sua passione, il nuoto agonistico, diventando allenatore a tempo pieno della Livorno Nuoto fin dal 1982, quando non aveva che ventisei anni. Nel corso della sua notevole carriera allena molti nuotatori di primo piano, tra i quali spiccano Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Ilaria Tocchini, Luis Alberto Laera, Cristina Chiuso, Lara Bianconi e Samuele Pampana. Dopo le prime esperienze negli staff della nazionale giovanile, nella seconda parte degli anni ottanta, entra stabilmente tra i tecnici di riferimento della nazionale maggiore a partire dagli anni novanta. Dal 1998 al 2000 è il responsabile dell'area della farfalla all'interno del Progetto F.I.N. Point. Nel 2001 è chiamato al Centro Federale di Verona come Assistente del cittì Alberto Castagnetti. In questa veste, nella stagione 2003-04, è tra l'altro responsabile della preparazione della farfallista Paola Cavallino e della dorsista Alessandra Cappa, entrambe pervenute alla medaglia europea individuale in occasione dei campionati europei di Madrid 2004. Erano trascorsi nove anni da quando un'altra sua allieva, Ilaria Tocchini, vincendo nel 1995 a Vienna l'argento nei 100 farfalla, conquistava l'ultima medaglia a livello individuale del settore femminile. A lui era affidata inoltre la conduzione ed il coordinamento della preparazione dei velocisti azzurri della 4x100 stile libero sia per Madrid 2004 che per i Giochi di Atene. Partecipa a tutti i successi della rappresentativa azzurra del quadriennio 2001-04, dai mondiali di Fukuoka, agli europei di Berlino e di Madrid, alle Olimpiadi di Atene e successivamente a quelli del quadriennio 2005-08 (mondiali di Montreal e Melbourne, europei di Budapest ed Eindhoven, Giochi di Pechino). Dall'autunno del 2004 fino a quello 2007 coordina il “Progetto Pechino 2008”, che segue e supporta la crescita dei giovani più brillanti delle varie specialità in prospettiva olimpica. Nel novembre 2009, dopo la scomparsa di Alberto Castagnetti, è chiamato al centro federale di Verona per seguire il gruppo degli atleti permanenti tra cui Emiliano Brembilla, Luca Marin, David Joseph Natullo, Federica Pellegrini e Cesare Sciocchetti. Sotto la sua guida Pellegrini stabilisce il record mondiale in corta a Istanbul dei 200 stile libero e vince i 200 stile libero ai campionati europei di Budapest nel 2010. Terminata l'esperienza con la fuoriclasse veneta, nel gennaio 2011 diventa il responsabile tecnico del centro federale di Ostia iniziando un ciclo con giovani atleti che porta grandi frutti: nel 2012 l'espolsione di Gregorio Paltrinieri con gli ori europei a Debrecen nei 1500 e 800 (poi finalista olimpico a Londra), il bronzo di Samuel Pizzetti nei 400 stile libero (che condivide con Arnd Ginter) e della staffetta 4x200; poi il terzo posto ai Mondiali di Barcellona 2013 di Paltrinieri nei 1500 e un 2014 da favola con due record europei negli 800 di Gabriele Detti e nei 1500 di Paltrinieri e le 6 medaglie di Berlino: due ori Paltrinieri (800/1500 sl), una di Stefania Pirozzi nella 4x200 sl e tre bronzi con Gabriele Detti (800/1500 sl) e Martina Rita Caramignoli (1500 sl). Nel 2015 arrivano ulteriori conferme, tra cui spiccano, l'oro iridato nei 1500 e l'argento negli 800 di Gregorio Paltrinieri a Kazan, la finale di Diletta Carli, settima nei 400 stile libero. Ma soprattutto comincia l'assalto all'oro olimpico di Gregorio Paltrinieri, che vince con il record del mondo i 1500 ai campionati europei in vasca corta di Netanya in 14'08"06, si conferma ai campionati europei di Londra negli 800 e nei 1500 con il record dei campionati in 7'42"33 e il record europeo di 14'34"04 e sale sul gradino più alto del podio alle Olimpiadi di Rio de Janeiro in 14'34"57. Con lui cresce e si esalta Gabriele Detti, protagonista in tutte e tre le competizioni: argento nei 1500 e bronzo nei 400 a Netanya; campione europeo a Londra nei 400 stile libero, dove conquista anche l'argento negli 800 e nei 1500 e il bronzo con la staffetta 4x200; due volte di bronzo alle Olimpiadi nei 400 e nei 1500 stile libero. Il futuro del nuoto italiano è loro, dei "gemelli diversi" formati e cresciuti al centro federale di Ostia.

Claudio Rossetto nasce a Torino il 2 aprile 1967; allenatore di secondo livello dal 1994 con un passato anche da pallanotista nel ruolo di portiere con la Torino 81, comincia l'attività nella Rari Nantes Torino come riferimento tecnico della categoria ragazzi/juniores e preparatore atletico e natatorio della selezione di pallanuoto ed ha anche una parentesi triennale nel triathlon. Nel 1997 diventa il responsabile della prima squadra, formando campioni come Filippo Magnini, Andrea Beccari, Federico Cappellazzo, Loris Facci e Laura La Piana. Dal 2004 si trasferisce a Roma per guidare la Larus Nuoto, che rende tra le società leader del movimento nazionale, affermando la propria programmazione soprattutto nel settore della velocità. Allena Filippo Magnini che vince due ori mondiali e tre ori europei nei 100 stile libero, diventando il primo italiano ad infrangere il muro dei 49 secondi. Prosegue con Luca Dotto, argento mondiale nei 50 stile libero e neo campione europeo dei 100, nonché primo italiano al di sotto dei 48 secondi. Segue la preparazione di Massimiliano Rosolino, Markus Rogan, Michele Santucci, Francesca Segat e Valentina De Nardi. Tecnico federale dal 2003; dal 2005 al 2015 è il responsabile delle staffette 4x100 e 4x200 stile libero maschili. Partecipa a 4 edizioni olimpiche da Atene 2004, 11 mondiali in lunga e corta da Montreal 2005, 16 europee in lunga e corta da Madrid 2004. In carriera gli atleti che ha guidato direttamente hanno conquistato due bronzi olimpici ad Atene 2004 con la staffetta 4x200 (Magnini in finale e Cappellazzo in batteria); 2 ori, 5 argenti e 3 bronzi mondiali e 20 ori, 9 argenti e 6 bronzi europei in vasca lunga; 4 ori, 6 argenti e 4 bronzi mondiali e 12 ori, 13 argenti e 7 bronzi europei in vasca corta. Nel curriculum anche il record del mondo di Rogan nei 200 dorso, oltre a quelli della 4x50 mista con Magnini frazionista ed 8 record europei. Diplomato ISEF, successivamente ha conseguito anche la laurea in Scienze Motorie presso il SUISM di Torino.

Il premio è intitolato ad Alberto Castagnetti, maestro del nuoto italiano che ci ha lasciato poco più di sette anni fa.

Castagnetti nasce a Verona il 3 febbraio 1943. Da atleta partecipa ai Giochi Olimpici di Monaco 1972 e ai Mondiali di Belgrado 1973, inoltre conquista numerosi titoli italiani con le staffette e si piazza secondo nei 100 stile libero ai campionati assoluti di Napoli nel 1969.
Commissario tecnico della Nazionale Italiana di Nuoto ininterrottamente dal 1987, ha allenato campioni del calibro di Giorgio Lamberti, Roberto Gleria, Marcello Guarducci, Domenico Fioravanti e Federica Pellegrini.
Grazie alla sua conduzione l’Italia del nuoto ha arricchito il medagliere olimpico con 4 ori, 2 argenti e 7 bronzi, diventando una delle più rilevanti potenze mondiali.
Nel quadriennio che ha portato alle Olimpiadi di Pechino è cresciuta la striscia di risultati importanti sotto la sua direzione tecnica: dal primo storico oro olimpico al femminile di Federica Pellegrini nei 200 stile libero al doppio titolo mondiale di Filippo Magnini nei 100 stile libero, dai record mondiali della Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, al primo oro femminile europeo a Budapest 2006 nei 400 misti di Alessia Filippi, alle 60 medaglie internazionali (4 alle Olimpiadi, 5 ai Mondiali, 10 ai Mondiali in vasca corta, 21 agli Europei e 20 agli Europei in vasca corta) di Massimiliano Rosolino, al prestigioso primato continentale della 4x200 stile libero femminile.
Il post Giochi Olimpici 2008 è ripartito con ulteriori grandi soddisfazioni per Castagnetti, il CT più vincente del nuoto italiano. Il 2009, l'anno del Mondiale di Roma, si arricchisce del doppio oro con record del mondo di Federica Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, dell'oro nei 1500 e bronzo negli 800 stile libero di Alessia Filippi.
Nel 2013 è stato inserito nella Hall of Fame del nuoto con sede a Fort Lauderdale, in Florida.

Pubblicato in News Nuoto
Mercoledì, 23 Novembre 2016

Mondiali di Windsor. I convocati azzurri

Dal 6 all'11 dicembre a Windsor, in Canada, sono in programma i tredicesi campionati mondiali di nuoto in vasca corta. Il direttore tecnico Cesare Butini ha diramato le convocazioni della nazionale italiana: undici atleti di cui sei femmine e cinque maschi. Si nuoterà nel WFCU Centre, normalmente campo da hockey ghiaccio e casa degli Windosr Spitfires, adibito a Stadio del Nuoto con vasca da 25 metri per l'occasione. Seguono l'elenco e lo staff completo.

Atleti
Martina Carraro (NC Azzurra 91)
Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene)
Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene)
Federica Pellegrini (CC Aniene)
Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto)
Silvia Scalia (CC Aniene)
Gabriele Detti (Esercito/MGM Team Lombardia)
Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto)
Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto)
Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto)
Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can. Vittorino)
 
Staff
Roberto Del Bianco / Capo Delegazione
Cesare Butini / Direttore Tecnico
Stefano Morini / Tecnico Federale
Matteo Giunta / Tecnico
Lorenzo Marugo / Medico Federale
Stefano Amirante / Fisioterapista

Vai al sito ufficiale

Programma gare

Pubblicato in News Nuoto

Quarta e ultima sessione della 40esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Femiano", 12esima edizione del Grand Premio Italia. Un ritrovato Damiano Lestingi (CC Aniene) vince i 200 dorso con 1'53''39.  Per il ventisettenne di Civitavecchia, che dal 2012 non scendeva sotto l'1'54'', si tratta della settima prestazione personale di sempre. Alle spalle dell'allievo di Fabio De Santis Fabio Laugeni (Fiamme Gialle) con 1'53''66 e Christopher Ciccarese (Fiamme Oro/CC Aniene) con 1'55''77.  Bel successo nei 200 rana di Lisa Fissneider (Fiamme Gialle/SSV Bozen) in 2'23''09, suo terzo tempo miglior personale di sempre; la ventiduenne altoatesina precede Francesca Fangio (SMGM Team Lombardia) in 2'24''50 e Giulia Verona (SMGM Team Lombardia) col personale 2'24''69. Ruggito di Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) che si impone nei 50 stile libero in 21''47, precedendo Federico Bocchia (SMGM Team Lombardia) in 21''70 e Federico Zazzeri (Florentia NC) con il primato personale 21''79. Crollano tre record personali nei 100 dorso femminile. prima Silvia Scalia (CC Aniene) con 57''76, seconda Veronica Neri (SMGM Team Lombardia) con 58''99 e terza Tania Quaglieri (Sea Sub Modena) con 59''80. La Scalia, ventuenne lombarda allenata da Gianluca Belfiore, diventa la seconda performer italiana, dietro a Elena Gemo che detiene il record italiano (57''35) e davanti ad Arianna Barbieri. Nei 100 misti sale sul gradino più alto del nuoto Laura Letrari (Esercito/Bolzano Nuoto) che nuota in 59''96, sua seconda miglior prestazione di sempre in tessuto. Un lieve stato influenzale non ferma Federica Pellegrini (CC Aniene) che, dopo i successi di venerdì nei 200 stile libero e nei 200 dorso, vince i 100 stile con un notevole 52''75, sua quarta prestazione personale di sempre a 58 centesimi dal record italiano che la divina stabilì lo scorso 24 aprile a Riccione. "Sono contento di questo cento - spiega la campionessa di tutto, allenata da Matteo Giunta - e delle sensazione che mi lascia. E' una distanza che amo e che nuoto sempre molto volentieri". Poi la 28enne di Spinea volge lo sguardo agli mondiali in vasca corta. "In passato ho spesso snobbato questa manifestazione ma quest'anno andrò con uno spirito diverso. Pensare all'oro è comunque difficile". 

IL PUNTO DEL CT CESARE BUTINI. "Da Massarosa arrivano sempre spunti e prestazione interessanti. La scelta di portare un numero ristretto di atleti ai mondiali in vasca corta di Windsor nasce dall'esigenza di ripartire, in questo quadriennio, con calma, senza fare le cose con troppa frenesia per non commettere errori. L'idea è di portare coloro che garantiscano sicurezza della prestazione, vale a dire l'accesso in finale. Nei prossimi giorni scioglierò le riserve e deciderò, consultandomi con il mio staff, chi portare in Canada oltre ai quattro già convocati". 

Requisiti per la qualificazione ai mondiali di Windsor
1) qualificati Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti e Federica Pellegrini perché atleti finalisti in gare individuali ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro;
2) qualificato Luca Dotto perché campione europeo di vasca lunga a Londra 2016;
3) si qualificheranno gli atleti che nel periodo 1-20 novembre avranno ottenuto prestazioni che, dall'osservazione delle recenti edizioni dei campionati mondiali in vasca corta, possano consentire la presenza in finale nelle specialità non olimpiche e nelle gare olimpiche dove non ci siano atleti qualificati o con posti ancora liberi;
4) si qualificheranno le staffette in cui, con la somma delle 4 migliori prestazioni ottenute nel periodo 1-20 novembre 2016 dagli atleti funzionali al loro svolgimento, si pervenga ad un tempo ritenuto utile dal Direttore Tecnico per un piazzamento entro il 5° posto al campionato mondiale di Windsor;
5) resta facoltà del Direttore Tecnico, nelle gare con posti ancora liberi, convocare giovani nuotatori o nuotatrici emergenti.

I podi della 4^ sessione

1500 stile libero M
1. Domenico Acerenza (CC Napoli) 14'52''25
2. Federico Vanelli (Fiamme Oro/CC Aniene) 15'08''78
3. Dario Verani (Nuoto Livorno) 15'09''46

200 farfalla F
1. Alessia Polieri (Fiamme Gialle/Imolanuoto) 2'07''00
2. Aurora Petronio (Rn Torino) 2'08''09
3. Stefania Pirozzi (Fiamme Oro/CC Napoli) 2'09''33

200 dorso M
1. Damiano Lestingi (CC Aniene) 1'53''39
2. Fabio Laugeni (Fiamme Gialle) 1'53''66
3. Christopher Ciccarese (Fiamme Oro/CC Aniene) 1'55''77 

200 rana F
1. Lisa Fissneider (Fiamme Gialle/SSV Bozen) 2'23''09
2. Francesca Fangio (SMGM Team Lombardia) 2'24''50
3. Giulia Verona (SMGM Team Lombardia) 2'24''69 pp (precedente 2'24''99 del 14/11/2015)

50 stile libero M
1. Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) 21''47
2. Federico Bocchia (SMGM Team Lombardia) 21''70
3. Lorenzo Zazzeri (NC Florentia) 21''79 pp (precedente 21''89 del 24/04/2016 a Riccione)

100 dorso F
1. Silvia Scalia (CC Aniene) 57''76 pp (precedente 58''01 del 12/03/2016 a Monza)
2. Veronica Neri (SMGM Team Lombardia) 58''99 pp (precedente 59''14 del 14/11/2015 a Massarosa)
3. Tania Quaglieri (Sea Sub Modena) 59''80 pp (precedente 1'00''36 del 02/04/2016 a Riccione)

100 misti F
1. Laura Letrari (Esercito/Bolzano Nuoto) 59''96
2. Ilaria Cusinato (Team Veneto) 1'01''17
3. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91) 1'01''22

200 misti M
1. Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) 1'56''34
2. Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 1'57''82
3. Claudio Fossi (SMGM Team Lombardia) 1'58''33

100 stile libero F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 52''75
2. Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 53''38
3. Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) 53''51

Consulta i risultati ufficiali

foto deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

Terza sessione della 40esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Femiano", 12esima edizione del Grand Premio Italia. Cancellati due record personali nei 400 stile libero: da Simona Quadarella (CC Aniene) che concede il bis e, dopo il successo di venerdì negli 800 stile libero, e vince con 4'05''85; e da Stefania Pirozzi (Fiamme Oro/CC Napoli) seconda con 4'06''38. Tris invece per Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) che, dopo essere salita sul gradino più alto del podio nei 100 farfalla e nei 50 stile libero, è prima nei 50 farfalla in 25''81; l'allieva di Mirko Nozzillo precede Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) in 26''40 ed Elena Di Liddo (CC Aniene) in 26''57. Eterno Filippo Magnini che vince i 200 stile libero in 1'44''60. "Sapevo di essere competitivo nei 200 stile libero - spiega il 34enne pesarese, tesserato con l'Aniene e allenato da Matteo Giunta - e il tempo conferma le mie sensazioni, nonostante sia nel pieno della preparazione. Raramente sono andato così forte in questo periodo della stagione". Dietro a Magnini  si piazzano Filippo Megli (Florentia NC) con il personale 1'45''98 e Alex Di Giorgio (CC Aniene) 1'46''04. Un convincente Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) si aggiudica i 100 rana in 57''89; il 28enne di Forli, allievo di Cesare Casella, precede Niccolò Martinenghi (NC Brebbia) con 58''63 e Andrea Toniato (Fiamme Gialle/Team Veneto) con 58''95.  "Penso spesso come sarebbe proseguita la mia carriera senza l'infortunio al ginocchio nel 2013 - spiega Scozzoli, cinque medaglie agli europei in vasca lunga e due argenti ai mondali di Shangai nel 2011 - ma ormai è il passato e non conta più. Sono ripartito quest'anno con tanto entusiasmo e la voglia di riscatto. Le vittorie trasmettono fiduca e aiutano a crescere".  
Quarta sessione che prenderà il via alle 16 con diretta su Rai Sport 1 dalle 17.15.

IL PUNTO DEL CT CESARE BUTINI. "Da Massarosa arrivano sempre spunti e prestazione interessanti. La scelta di portare un numero ristretto di atleti ai mondiali in vasca corta di Windsor nasce dall'esigenza di ripartire, in questo quadriennio, con calma, senza fare le cose con troppa frenesia per non commettere errori. L'idea è di portare coloro che garantiscano sicurezza della prestazione, vale a dire l'accesso in finale. Nei prossimi giorni scioglierò le riserve e deciderò, consultandomi con il mio staff, chi portare in Canada oltre ai quattro già convocati". 

Requisiti per la qualificazione ai mondiali di Windsor
1) qualificati Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti e Federica Pellegrini perché atleti finalisti in gare individuali ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro;
2) qualificato Luca Dotto perché campione europeo di vasca lunga a Londra 2016;
3) si qualificheranno gli atleti che nel periodo 1-20 novembre avranno ottenuto prestazioni che, dall'osservazione delle recenti edizioni dei campionati mondiali in vasca corta, possano consentire la presenza in finale nelle specialità non olimpiche e nelle gare olimpiche dove non ci siano atleti qualificati o con posti ancora liberi;
4) si qualificheranno le staffette in cui, con la somma delle 4 migliori prestazioni ottenute nel periodo 1-20 novembre 2016 dagli atleti funzionali al loro svolgimento, si pervenga ad un tempo ritenuto utile dal Direttore Tecnico per un piazzamento entro il 5° posto al campionato mondiale di Windsor;
5) resta facoltà del Direttore Tecnico, nelle gare con posti ancora liberi, convocare giovani nuotatori o nuotatrici emergenti.

I podi della 3^ sessione

400 stile libero F
1. Simona Quadarella (CC Aniene) 4'05''85 pp (precedente 4'06''40 del 05/11/2016 a Roma)
2. Stefania Pirozzi (Fiamme Oro/CC Napoli) 4'06''38 pp (precedente 4'07''07 del 22/12/2015 a Giugliano in Campania)
3. Francesca Bertotto (Nuoto Livorno) 4'09''47 

50 dorso M
1. Matteo Milli (SMGM Team Lombardia) 24''03
2. Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) 24''09
3. Stefano Pizzamiglio (Fiamme Oro/NC Azzurra 91) 24''54

50 farfalla F
1. Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) 25''81
2. Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 26''40
3. Elena Di Liddo (CC Aniene) 26''57

200 stile libero M
1. Filippo Magnini (CC Aniene) 1'44''60
2. Filippo Megli (Florentia NC) 1'45''98 pp (precedente 1'47''17 del 24/04/2016 a Riccione)
3. Alex Di Giorgio (CC Aniene) 1'46''04

50 rana F
1. Martina Carraro (NC Azzurra 91) 30''83
2. Jasmine Scimone (SMGM Team Lombardia) 31''17 pp  (precedente 31''21 del 05/11/2016 a Roma)
3. Lisa Fissneider (Fiamme Gialle/SSV Bozen) 31''18

100 rana M
1. Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 57''89
2. Niccolò Martinenghi (NC Brebbia) 58''63
3. Andrea Toniato (Fiamme Gialle/Team Veneto) 58''95

400 misti F
1. Stefania Pirozzi (Fiamme Oro/CC Napoli) 4'34''48
2. Luisa Trombetti (Fiamme Oro/RN Torino) 4'35''85
3. Sara Franceschi (Nuoto Livorno) 4'39''71

100 farfalla M
1. Piero Codia (Esercito/CC Aniene) 51''36
2. Simone Geni (Uisp Bologna) 52''26
3. Daniele D'Angelo (CC Aniene) 52''44


PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA SU RAI SPORT 1

Venerdì 18 novembre
1^ sessione in differita dalle 12 alle 13.30
2^ sessione in diretta dalle 16.30 alle 18.30

Sabato 19 novembre
1^ sessione in diretta dalle 10 alle 11.30
2^ sessione in diretta dalle 17.15 alle 18.30

foto deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

La seconda sessione del 12esimo Gran Premio Italia, 40esimo trofeo "Mussi-Lombardi-Femiano" si apre nel migliore dei modi. Giacomo Carini vince i 200 farfalla con il personale 1'53''95 (54''35 il passaggio ai 100) a ventitre centesimi dal record italiano di Niccolò Beni (1'53''72). Il diciannovenne di Fiamme Gialle e Canotteri Vittorino da Feltre, primatista italiano della distanza in vasca lunga (1'55''48 stabilito lo scorso 9 agosto ai campionati di categoria a Roma), migliora il precedente personale di oltre due secondi (1'56''12). Con questo tempo l'allievo di Gianni Pozzanibbio diventa il secondo performer italiano di sempre, dietro Beni e davanti a Joseph Davide Natullo. " Sto lavorando bene e sono contento del crono - afferma Carini - Sto cercando il record italiano ma devo limare alcuni dettagli: in virata concedo troppo".  
Federica Pellegrini (CC Aniene), motivata più che mai, concede il bis e, dopo il successo in mattinata nei 200 stile libero, è prima nei 200 dorso in 2'04''14 seconda prestazione personale di sempre e a 39 centesimi dal record italiano (2'03''75) che la divina stabilì il 22 novembre del 2013 a Viareggio. " Era da un anno e mezzo che non provavo in una gara ufficiale il dorso: per me è sempre divertente e stimolante nuotare a pancia in su. Il tempo - spiega la ventotenne di Spinea, allenata da Matteo Giunta - è molto interessante: non pensavo di andare così forte". Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene), dopo aver vinto in mattinata i 100 farfalla, sale sul gradino più alto del podio anche nei 50 stile libero con 24'27'', quinta prestazione personale di sempre; la ventitrenne romana, allenata da Mirko Nozzillo, precede Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) in 24''30 e Jasmine Scimone (SMGM Team Lombardia) col personale 25''10. Successo e primato personale nei 100 per Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) in 51''53.  Cadono tre record personali negli 800 stile libero femminili: vittoria di Simona Quadarella (CC Aniene) in 8'19''69, seconda Luisa Trombetti (Fiamme Oro/RN  Torino) in 8'20''08 e terza Giulia Gabbrielleschi in 8'27''30. La Quadarella migliora di quasi quattro secondi (8'23''45), diventando la quinta performer italiana, la Trombetti di quasi due secondi (8'20''08) e la Gabbrielleschi, specialista del nuoto in acque libere, di più di tre secondi (8'30''85). Nei 100 misti sorride Simone Geni (Uisp Bologna) con il record personale di 52''93, l'atleta veneto sale al quinto posto nella classifica dei performer italiani; alle spalle dell'allievo di Matteo Cortesi e Andrea Scalambra, si piazzano Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) con 52''98 e Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) con 53''47. Il programma della prima giornata del Gran Premio Italia si chiude con una sorpresa: Lorenzo Zazzeri (Florentia NC) vince i 100 stile libero con il primato personale 47''66 (precedente 47''70); il ventiduenne fiorentino lo scorso anno a Massarossa nuotòò in 49''23. Zazzeri precede Alessandro Miressi (Fiamme Oro/CN Torino) con 48''15 e Filippo Magnini (CC Aniene) con 48''24.
Sabato 19 novembre ultima giornata di gare: terza sessione alle ore 10.00 e quarta alle 17.15 sempre in diretta su Rai Sport 1.

Requisiti per la qualificazione ai mondiali di Windsor
1) qualificati Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti e Federica Pellegrini perché atleti finalisti in gare individuali ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro;
2) qualificato Luca Dotto perché campione europeo di vasca lunga a Londra 2016;
3) si qualificheranno gli atleti che nel periodo 1-20 novembre avranno ottenuto prestazioni che, dall'osservazione delle recenti edizioni dei campionati mondiali in vasca corta, possano consentire la presenza in finale nelle specialità non olimpiche e nelle gare olimpiche dove non ci siano atleti qualificati o con posti ancora liberi;
4) si qualificheranno le staffette in cui, con la somma delle 4 migliori prestazioni ottenute nel periodo 1-20 novembre 2016 dagli atleti funzionali al loro svolgimento, si pervenga ad un tempo ritenuto utile dal Direttore Tecnico per un piazzamento entro il 5° posto al campionato mondiale di Windsor;
5) resta facoltà del Direttore Tecnico, nelle gare con posti ancora liberi, convocare giovani nuotatori o nuotatrici emergenti.

I podi della 2^ sessione

200 farfalla M
1. Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can. Vittorino da Feltre) 1'53''95 pp (precedente 1'56''12 del 10/01/2016 a Lugano)
2. Matteo Bertoldi (De Akker Team) 1'58''35
3. Davide Casarin (Team Veneto) 1'58''36

200 dorso F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 2'04''14
2. Margherita Panziera (CC Aniene) 2'08''25
3. Giulia Ramatelli (Fiamme Gialle) 2'09''63

200 rana M
1. Claudio Fossi (SMGM Team Lombardia) 2'08''51
2. Luca Pizzini (Carabinieri/Fondazione Bentegodi) 2'09''11
3. Edoardo Giorgetti (Fiamme Oro/CC Aniene) 2'09''45

50 stile libero F
1. Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) 24''27
2. Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 24''30
3. Jasmine Scimone (SMGM Team Lombardia) 25''10 pp (precedente 25''20 del 13/12/2014 a Roma)

100 dorso M
1. Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) 51''53 (precedente 51''56 del 07/12/2014 a Doha)
2. Damiano Lestingi (CC Aniene) 51''87
3. Fabio Laugeni (Fiamme Gialle) 51''88

800 stile libero F
1. Simona Quadarella (CC Aniene) 8'19''69 pp (precedente 8'23''45 del 03/04/2016 a Riccione)
2. Luisa Trombetti (Fiamme Oro/RN Torino) 8'20''08 (precedente 8'21''61 del 21/04/2016 a Riccione)
3. Giulia Gabbrielleschi (Nuotatori Pistoiesi) 8'27''30 (precedente 8'30''85 del 13/11/2015 a Massarosa)

100 misti M
1. Simone Geni (Uisp Bologna) 52''93 pp (precedente 53''73 del 13/11/2015 a Massarosa)
2. Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 52''98
3. Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) 53''47

200 misti F
1. Sara Franceschi (Nuoto Livorno) 2'10''33
2. Ilaria Cusinato (Team Veneto) 2'10''59
3. Luisa Trombetti (Fiamme Oro/RN Torino) 2'11''47

100 stile libero M
1. Lorenzo Zazzeri (Florentia NC) 47''66 (precedente 47''70 del 24/04/2016 a Riccione)
2. Alessandro Miressi (Fiamme Oro/CN Torino) 48''15
3. Filippo Magnini (CC Aniene) 48''24

PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA SU RAI SPORT 1

Venerdì 18 novembre
1^ sessione in differita dalle 12 alle 13.30
2^ sessione in diretta dalle 16.30 alle 18.30

Sabato 19 novembre
1^ sessione in diretta dalle 10 alle 11.30
2^ sessione in diretta dalle 17.15 alle 18.30

Consulta i risultati ufficiali

Foto deepblumedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

Prima sessione della 40esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Femiano", 12esima edizione del Grand Premio Italia. Gabriele Detti vince i 400 stile libero in 3'40''90. Per il bronzo olimpico nei 400 e nei 1500 stile libero, allenato da Stefano Morini, si tratta della quarta prestazione personale di sempre in vasca corta. "Per il momento va bene così - spiega il campione europeo in vasca lunga sulla distanza - perchè sono in piena preparazione. Negli ultimi venticinque metri ho accusato un po' la fatica ma è normale in questa fase della stagione". Dietro all'atleta livornese si piazzano Matteo Ciampi (Nuoto Livorno) con il personale 3'42''55 e Mattia Zuin (Fiamme Oro Roma/Nottoli Nuoto) in 3'47''84.  Tre record personali nei 50 dorso femminili: prima Silvia Scalia (CC Aniene) in 26'98'' e seconde Veronica Neri (SMGM Team Lombardia) ed Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) in 27''32. La Scalia affianca Arianna Barbieri, diventando la seconda performer italiana di sempre, alle spalle di Elena Gemo, con la quarta prestazione italiana al time in tessuto. "Sono molto soddisfatta del tempo - afferma la ventunenne lombarda, pupilla di Gianluca Belfiore - Quest'anno sto lavorando molto sulla velocità e sulla subacqua. Mi aspetto un buon crono anche dai 100 dorso".  Nei 200 stile libero si impone Federica Pellegrini (CC Aniene) in 1'53''35 (passaggio ai 100 metri 55''70), sesto miglior tempo mai nuotato in tessuto. "Si riapre da Massarosa un quadriennio, - dichiara la divina che ha già messo nel mirino i Giochi di Tokyo 2020 - sperando che abbai una conclusione migliore rispetto a quello precedente. Abbiamo lavorato bene in altura a Livigno. Il crono è promettente, nonostante la mia bracciata non sia fluida".  Alle spalle della campionessa di Spinea, Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto) con il personale 1'57''90 e Rachele Ceracchi (CC Aniene) in 1'57''94. Successo di Federico Turrini (Esercito/Nuoto) nei 400 misti in 4'07''84: per l'allievo di Stefano Franceschi, bronzo agli europei in vasca lunga di Londra, si tratta della quinta prestazione personale di sempre. Il programma della mattina si è chiuso con la vittoria nei 100 farfalla di Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) in 57''48; la ventitrenne romana, allenata da Mirko Nozzillo, precede la primatista italiana Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91) che nuota 58''29 ed Elena Di Liddo (CC Aniene) terza in 58''56.
Seconda sessione che prenderà il via alle 16.20 con diretta su Rai Sport 1 dalle 16.30. 
Mondiali di Windsor. Per la rassegna iridata in vasca corta, in programma in Canada dal 6 all'11 dicembre, sono già qualificati Gregorio Paltrinieri (assente a Massarosa), Federica Pellegrini, Gabriele Detti e Luca Dotto.

I podi della 1^ sessione

400 stile libero M
1. Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Lombardia) 3'40''90
2. Matteo Ciampi (Nuoto Livorno) 3'42''55 pp (precedente 3'44''76 del 01/11/2016 a Genova)
3. Mattia Zuin (Fiamme Oro Roma/Nottoli Nuoto) 3'47''84

50 dorso F
1. Silvia Scalia (CC Aniene) 26''98 pp (precedente 27''88 del 04/12/2015 a Torino)
2. Veronica Neri (SMGM Team Lombardia) 27''32 pp (precedente 27''81 del 04/12/2015 a Torino)
2. Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 27''32 pp (precedente 27''44 del 01/03/2015 a Roma)

50 farfalla M
1. Piero Codia (Esercito/CC Aniene) 23''17
2. Simone Geni (Uisp Bologna) 23''49
3. Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) 23''61

200 stile libero F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 1'53''55
2. Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto) 1'57''90 pp (precedente 1'58''00 del 13/11/2015 a Massarosa)
3. Rachele Ceracchi (CC Aniene) 1'57''94

50 rana M
1. Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 26''60
2. Andrea Toniato (Fiamme Gialle/Team Veneto) 26''91
3. Claudio Fossi (SMGM Team Lombardia) 27''07

100 rana F
1. Martina Carraro (NC Azzurra 91) 1'06''01
2. Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika) 1'06''81
3. Lisa Fissneider (Fiamme Gialle/SSV Bozen) 1'07''21

400 misti M
1. Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) 4'07''84
2. Lorenzo Tarocchi (CC Aniene) 4'12''28
3. Riccardo Cervi (Team Veneto) 4'15''73 pp (precedente 4'16''11 del 24/03/2015 a Riccione)

100 farfalla F
1. Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) 57''48
2. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91) 58''29
3. Elena Di Liddo (CC Aniene) 58''56

PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA SU RAI SPORT 1

Venerdì 18 novembre
1^ sessione in differita dalle 12 alle 13.30
2^ sessione in diretta dalle 16.30 alle 18.30

Sabato 19 novembre
1^ sessione in diretta dalle 10 alle 11.30
2^ sessione in diretta dalle 17.15 alle 18.30

consulta i risultati ufficiali

Foto G.Scala Deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Nuoto

Il calcio è lo sport più seguito dagli italiani, ma, nel 2016, ha perso il primato di quello più praticato che adesso è diventato il nuoto. Lo rileva un’indagine di Ipsos e StageUp che riguarda la popolazione italiana. Il calcio rimane saldamente in testa all’interesse degli italiani, seguito nel 2016 da 31.726.000 milioni di persone (nonostante un calo di 490.000 unità rispetto all’anno precedente), mentre subito dopo si collocano l’automobilismo (Formula Uno in particolare), con 29.908.000 di interessati (+618.000 nel 2016) e il motociclismo, a quota 28.887.000 (+778.000). In calo, ma pur sempre dominante nell’interesse nazionale, il calcio ha ceduto però, nel 2016, il passo al nuoto per quanto riguarda la pratica sportiva: sono infatti 4.169.000, fra agonisti e amatori, coloro che si cimentano in vasca (con una prevalenza delle donne – 52% – e dei giovanissimi fra i 3 e i 10 anni – 24%), contro i 3.952.000 calciatori. Terzo, ma nettamente staccato, è il ciclismo, con 1.661.000 praticanti. Molto diversi, invece, sono i desideri sportivi rispetto alla pratica effettiva: nell’immaginario degli italiani l’automobilismo (in particolare la Formula Uno) è la disciplina che più di ogni altra si vorrebbe praticare (5.756.800), seguita da tennis (5.379.200) e nuoto (5.119.600). Il nuoto torna però ad occupare la prima posizione fra le discipline che i genitori vorrebbero far praticare ai figli: sono infatti 6.076.600 le mamme e i papà che preferiscono per i loro ragazzi la piscina, davanti al tennis (3.395.800) e alla pallavolo (3.018.200). “L’analisi – spiega Federico Gaetano, presidente di StageUp – evidenzia una buona attenzione degli italiani non solo per il calcio, ma anche per quegli sport che vengono associati al concetto di benessere e salute”.

foto deepbluemedia.eu G.Scala
fotoriproduzione vietata

Pubblicato in News Nuoto

Dai dubbi post olimpici ai Giochi di Tokyo 2020. La campionessa di tutto Federica Pellegrini ricomincia da Massarosa, per la seconda stagione consecutiva sede della 40esima edizione del trofeo "Mussi-Lombardi-Fermiano", 12esima edizione del Gran Premio Italia, in programma il 18 e 19 novembre. Iscritte 55 società di tutta Italia con 265 atleti (153 maschi e 112 femmine) per un totale di 762 presenze gara. Le prime due giornate del meeting saranno riservate alla categoria assoluti e rappresentano l'ultimo test di selezione per i campionati mondiali in vasca corta, che si svolgeranno a Windsor (Canada) dal 6 all'11 dicembre, per i quali sono già qualificati Gregorio Paltrinieri (assente a Massarosa), Federica Pellegrini, Gabriele Detti e Luca Dotto. 
Il meeting intende promuovere il nuoto e onorare la memoria di tre agenti della Polizia di Stato - Gianni Mussi, Giuseppe Lombardi ed Armando Femiano - vittime del terrorismo il 22 ottobre 1975 a Querceta (Lucca) e medaglie d'oro al valor civile. Sarà una manifestazione ancora una volta all'insegna delle grandi firme del nuoto azzurro. Attenzione non solo a Detti (iscritto a 200, 400 e 1500 stile libero), Federica Pellegrini (100 e 200 stile libero; 100 e 200 dorso; 200 misti) e Luca Dotto (100 e 200 stile libero; 50 farfalla) ma anche a Marco Orsi, Filippo Magnini, Simone Sabbioni, Fabio Scozzoli, Ilaria Bianchi, Arianna Castiglioni, Martina Carraro, Sara Franceschi, alla viareggina Diletta Carli e ai giovani Niccolò Martinenghi, Giacomo Carini, Alessandro Miressi e Giulia Verona.  

PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA SU RAI SPORT 1

Venerdì 18 novembre
1^ sessione in differita dalle 12 alle 13.30
2^ sessione in diretta dalle 16.30 alle 18.30

Sabato 19 novembre
1^ sessione in diretta dalle 10 alle 11.30
2^ sessione in diretta dalle 17.15 alle 18.30 

PROGRAMMA UFFICIALE

Venerdì 18 novembre - mattino
Ore 10.00 - 2^ e 1^ Serie 400m stile libero maschile
Ore 10.12 - 4 Serie 50m dorso femminile
Ore 10.18 - 6 Serie 50m farfalla maschile
Ore 10.28 - 4 Serie 200m stile libero femminile
Ore 10.44 - 5 Serie 50m rana maschile
Ore 10.52 - 4 Serie 100m rana femminile
Ore 11.04 - 2^ e 1^ Serie 400m misti maschile
Ore 11.16 - 4 Serie 100m farfalla femminile
Ore 11.30 - 3^ Serie 400m stile libero maschile
Ore 11.36 - 3^ Serie 400m misti maschile
Ore 11.42 - Premiazioni

Venerdì 18 novembre - pomeriggio
Ore 16.20 - 2^ Serie 800m stile libero femminile
Ore 16.30 - 3 Serie 200m farfalla maschile
Ore 16.42 - 3 Serie 200m dorso femminile
Ore 16.54 - 3 Serie 200m rana maschile
Ore 17.06 - 5 Serie 50m stile libero femminile
Ore 17.16 - 4 Serie 100m dorso maschile
Ore 17.28 - 1^ Serie 800m stile libero femminile
Ore 17.38 - 4 Serie 100m misti maschile
Ore 17.50 - 4 Serie 200m misti femminile
Ore 18.06 - 8 Serie 100m stile libero maschile
Ore 18.30 - Premiazioni

Sabato 19 novembre - mattino
Ore 10.00 - 3 Serie 400m stile libero femminile
Ore 10.18 - 4 Serie 50m dorso maschile
Ore 10.26 - 4 Serie 50m farfalla femminile
Ore 10.34 - 5 Serie 200m stile libero maschile
Ore 10.50 - 4 Serie 50m rana femminile
Ore 10.58 - 4 Serie 100m rana maschile
Ore 11.10 - 1^ Serie 400m misti femminile
Ore 11.16 - 4 Serie 100m farfalla maschile
Ore 11.30 - 3^ e 2^ Serie 200m farfalla femminile
Ore 11.43 - Premiazioni

Sabato 19 novembre - pomeriggio
Ore 16.00 - 3^ e 2^ Serie 200m farfalla femminile
Ore 16.08 - 4^ 3^ e 2^ Serie 200m dorso maschile
Ore 16.20 - 4^ 3^ e 2^ Serie 200m rana femminile
Ore 16.32 - 5^ 4^ 3^ e 2^ Serie 50m stile libero maschile
Ore 16.40 - 4^ 3^ e 2^ Serie 100m dorso femminile
Ore 16.49 - 4^ 3^ e 2^ Serie 100m misti femminile
Ore 16.58 - 6^ 5^ 4^ e 3^ Serie 200m misti maschile
Ore 17.14 - 1^ Serie 1500m stile libero maschile
Ore 17.32 - 1^ Serie 200m farfalla femminile
Ore 17.36 - 1^ Serie 200m dorso maschile
Ore 17.40 - 1^ Serie 200m rana femminile
Ore 17.44 - 1^ Serie 50m stile libero maschile
Ore 17.46 - 1^ Serie 100m dorso femminile
Ore 17.49 - 1^ Serie 100m misti femminile
Ore 17.52 - 2^ e 1^ Serie 200misti maschile
Ore 18.00 - MINUTO DI SILENZIO
Ore 18.09 - 5 Serie 100m stile libero femminile
Ore 18.25 - Premiazioni

elenco società iscritte

elenco atleti iscritti

Vai al sito ufficiale

 

 

Pubblicato in News Nuoto
Pagina 1 di 2

Ultimi 4 articoli NUOTO