Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Eventi Nuoto

11
Dic
2018
XIV Campionato Mondiale in vasca corta





20
Dic
2018
Energy for Swim 2018 - (vasca 25m) - annullato





16
Feb
2019
1ª tappa Grand Prix d'Inverno: Meeting del Titano - (vasca 50m)





01
Mar
2019
2ª tappa Grand Prix d'Inverno: VIII Trofeo Città di Milano - (vasca 50m)





Articoli filtrati per data: Ottobre 2014 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

Nell'ambito della convenzione stipulata dalla Federazione Italiana Nuoto e dal Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita - Alma Mater Studiorum - dell'Università di Bologna, il settore nuoto convoca i velocisti Rachele Ceracchi (CC Aniene), Alessandro Bori (Team Lombardia MGM), Piero Codia (Esercito/CC Aniene), Luca Dotto (Forestale/Larus) e Francesco Giordano (Fiamme Oro/Team Lombardia MGM) i giorni 22 e 23 ottobre ed Elena Di Liddo (CC Aniene), Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene), Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene), Giada Galizi (Aurelia) e Matteo Rivolta (Fiamme Oro/Team Insubrika) i giorni 23 e 24 ottobre.
Attraverso la convenzione stipulata dal presidente Paolo Barelli e dal direttore del Dipartimento prof. Giovanni Matteucci, l'Alma Mater Studiorum mette a disposizione della Federnuoto, a titolo gratuito e sotto la supervisione del dott. Giorgio Gatta, i laboratori di ricerca per la "valutazione fisiologica e biomeccanica del movimento in ambiente acquatico".
I risultati dei test, che saranno resi disponibili esclusivamente ai delegati federali, saranno utilizzati, in maniera anonima, per finalità di ricerca e di didattica in ambito universitario e per pubblicazioni scientifiche.
L'auspicio di FIN e Università è che la convenzione posta in atto - oltre a sostenere la preparazione delle Squadre Nazionali di nuoto verso le Olimpiadi di Rio de Janeiro - alimenti la divulgazione delle conoscenze acquisite attraverso convegni e corsi di formazione e aggiornamento.
Lo staff federale presente a Bologna in occasione dei test di valutazione il 22 e 23 ottobre è composto dal CT Cesare Butini, dai tecnici federali Claudio Rossetto e Gianni Leoni, dai tecnici Alessandro Brosco, Alessandro D’Alessandro, Germano Proietti e Cesare Casella; lo staff per i test del 23 e 24 ottobre è composto dal CT Cesare Butini, dai tecnici federali Claudio Rossetto e Gianni Leoni, dai tecnici Mirko Nozzolillo, Roberto Marinelli, Raffaele Girardi e Luca Corsetti. Alloggio presso l’hotel Tower.

Pubblicato in News Nuoto

Cinque anni senza il "Maestro" del nuoto azzurro. Era il tardo pomeriggio del 12 ottobre del 2009 ed Alberto Castagnetti si spegneva nella sua casa di Arbizzano, una frazione di Negrar (Verona). Commissario tecnico della Nazionale Italiana di Nuoto ininterrottamente dal 1987 al 2009, Castagnetti ha allenato campioni del calibro di Giorgio Lamberti, Domenico Fioravanti e Federica Pellegrini. Grazie alla sua conduzione l'Italia del Nuoto ha arricchito il medagliere olimpico con 4 ori, 2 argenti e 7 bronzi, diventando così una delle più rilevanti potenze mondiali. Era una vera e propria icona del nuoto e maestro di vita per tante generazioni di atleti. Lo scorso anno il suo nome è stato scolpito nell'eternità del nuoto mondiale: diciotto lettere che fanno parte della Swimming Hall of Fame; Alberto è diventando il quattordicesimo italiano dopo i nuotatori Novella Calligaris, Giorgio Lamberti e Domenico Fioravanti, i pallanotisti Geppino e Marco D'Altrui, Gianni De Magistris, Gianni Lonzi, Mario Majoni, Eraldo Pizzo e Cesare Rubini e i tuffatori Giorgio Cagnotto, Carlo Dibiasi e Klaus Dibiasi. La Federazione Italiana Nuoto è sempre vicina alla moglie Isabella e alle sue figlie, e ne ricorda l'altissimo profilo umano e sportivo.

Alberto Castagnetti nasce a Verona il 3 febbraio 1943.
Da atleta partecipa ai Giochi Olimpici di Monaco 1972 e ai Mondiali di Belgrado 1973, inoltre conquista numerosi titoli italiani con le staffette e si piazza secondo nei 100 stile libero ai Campionati Assoluti di Napoli nel 1969.
Commissario tecnico della Nazionale Italiana di Nuoto ininterrottamente dal 1987, ha allenato nel passato campioni del calibro di Giorgio Lamberti, Roberto Gleria, Marcello Guarducci e Domenico Fioravanti.
Grazie alla sua conduzione l’Italia del Nuoto ha arricchito il medagliere olimpico con 4 ori, 2 argenti e 7 bronzi, diventando così una delle più rilevanti potenze mondiali.
Nel quadriennio che ci ha portato alle Olimpiadi di Pechino è cresciuta la striscia di risultati importanti sotto la sua direzione tecnica: dal primo storico oro olimpico al femminile di Federica Pellegrini nei 200 stile libero al doppio titolo mondiale di Filippo Magnini nei 100 stile libero, dai record mondiali della Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, al primo oro europeo donne a Budapest 2006 nei 400 misti di Alessia Filippi, alle 60 medaglie internazionali (4 alle Olimpiadi, 5 ai Mondiali, 10 ai Mondiali in vasca corta, 21 agli Europei e 20 agli Europei in vasca corta) di Massimiliano Rosolino, al prestigioso primato continentale della 4x200 stile libero femminile.
Il post Giochi Olimpici 2008 è ripartito con ulteriori grandi soddisfazioni per Castagnetti, il CT più vincente del nuoto italiano. Il 2009, l'anno del Mondiale di Roma, si arricchisce del doppio oro con record del mondo di Federica Pellegrini nei 200 e 400 stile libero, dell'oro nei 1500 e bronzo negli 800 stile libero di Alessia Filippi. Dal 2013 è stato inserito nella Hall of Fame del nuoto con sede a Fort Lauderdale in Florida.

 

Pubblicato in News Nuoto
Mercoledì, 08 Ottobre 2014

Anche Lochte al Meeting di Bolzano

Presentata oggi a Bolzano la diciottesima edizione del Swimmeeting Alto Adige, la manifestazione natatoria più importante della nostra provincia. Quest’anno alle gare in programma l’8 e il 9 novembre è atteso anche Ryan Lochte. “Avere Lochte a Bolzano è il coronamento di un sogno” ha commentato Christian Mattivi, presidente del comitato organizzatore. “È ormai una bella tradizione – ha continuato - che il capoluogo altoatesino per due giorni diventa una delle capitali del nuoto mondiale. Inoltre a un mese dai mondiali in vasca corta in programma a Doha dal 3 al 7 dicembre”. Lochte, pluriprimatista mondiale, ha vinto undici medaglie olimpiche in carriera, 35 titoli iridati (15 in vasca lunga e 20 in corta). Per tre volte è stato eletto “FINA Swimmer of the year”. Alla presentazione presso la Cassa Rurale di Bolzano è intervenuta l’azzurra Lisa Fissneider che insieme a Marco Orsi e Laura Letrari parteciperà alle gare. Il 5 novembre è prevista la conferenza stampa. Il meeting di Bolzano, il 41° Trofeo Nico Sapio del primo novembre a Genova e il 10° Gran Premio d'Italia-Trofeo Mussi-Lombardi-Femiano del 14 e 15 novembre a Viareggio (tutti in vasca da 25 metri) sono validi per ottenere i tempi limite di qualificazione ai campionati mondiali indoor in programma a Doha (Quatar) dal 3 al 7 dicembre.

Pubblicato in News Nuoto

Si è spenta a 46 anni l’ex campionessa di nuoto Barbara Scaini. Friulana, giornalista, i migliori risultati li ha ottenuti con la Gymnasium Pordenone, nella sua carriera ha vestito anche la tuta della Nazionale. Al compagno Alessandro, ai familiari, agli amici e a tutti coloro i quali hanno avuto la fortuna di conoscerla giungano le condoglianze del Presidente della FIN Paolo Barelli, del Presidente Onorario Salvatore Montella, del Segretario Generale Antonello Panza, del Consiglio Federale e di tutto il mondo del nuoto azzurro.

Così la ricorda Il Messaggero Veneto del 5 ottobre 2014

Combatteva con il male da tempo. Con lei viene a mancare un punto di riferimento per la città e non solo per il mondo dello sport. Negli anni ’80 Barbara era stata un’atleta azzurra di grande talento. Un vero e proprio mito per i giovani nuotatori che si affacciavano a questa disciplina. Lei, che tutti ricordano per l’estrema professionalità, per il grande carisma, per la serietà nell’affrontare ogni gara. Una passione per il nuoto, la sua, nata già da piccola, alle scuole elementari. Da allora la sua carriera fu un susseguirsi di successi.

Subito entra nella squadra agonistica di Codroipo. La sua bravura non passa inosservata. Vince i primi titoli regionali e nell’84 si classifica prima ai campionati italiani di categoria, un vero e proprio passaporto per la squadra nazionale. Dall’84 fino al 1990 nuota nelle vasche di tutta Europa vestendo i colori azzurri. Nel frattempo si trasferisce alla Gymnasium di Pordenone.

Continua ad allenarsi senza sosta in acqua e in palestra, riuscendo a ottenere i massimi risultati e staccando tempi tra i primi venti assoluti al mondo. Vince 4 tricolori di categoria e 46 titoli regionali senza contare le vittorie e i podi conquistati nei meeting internazionali. Nel 1989 trionfa al Trofeo Sette Colli e al meeting internazionale di Vienna e per due volte conquista la medaglia di argento nel meeting di Montecarlo nel 1990. Poi la decisione di diminuire gli allenamenti. Non l’aveva fermata qualche tempo prima un infortunio al ginocchio.

Ma all’inizio degli anni ’90 decide di intraprendere una nuova strada. Si dedica al giornalismo e diventa collaboratrice del Messaggero Veneto. «Ora che ho toccato i massimi traguardi, ho deciso di pensare un po’ a me e al mio futuro», aveva dichiarato in un’intervista rilasciata al periodico del Medio Friuli “Il Ponte” nel 1991.

La città piange la scomparsa di una grande campionessa. Sono tante le persone che ieri hanno voluto ricordarla e manifestare la loro vicinanza alla famiglia. Così come tanti saranno coloro che vorranno salutarla per un’ultima volta. I funerali saranno celebrati domani, alle 17.30, nel duomo di Codroipo.

Tutti ricordano Barbara come donna solare e gentile. Un esempio di forza e determinazione. Lei che con coraggio aveva affrontato giorno dopo giorno il male che l’aveva colpita diverso tempo fa. Lascia il suo compagno di vita Alessandro, con il quale abitava nella frazione di Zompicchia.

Codroipo piange la sua super-campionessa. Piange una grande atleta, ma soprattutto una grande persona. Piange la nuotatrice che aveva fatto conoscere la città, e il Friuli intero, in tutto il mondo. Lei che ora nuoterà verso il suo ultimo traguardo.

scaini

CURRICULUM. Ha vinto 2 argenti agli assoluti primaverili ed estivi nei 100 dorso nel '90. Con la Nazionale ha partecipato alle coppa del mondo '90. Nel 1989 ha partecipato con successo al Trofeo Sette Colli e al meeting internazionale di Vienna; per due volte ha conquistato la medaglia d'argento al meeting di Montecarlo del 1990 nei 50 e 100 dorso.

Pubblicato in News Nuoto

Ultimi 4 articoli NUOTO