Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Eventi Nuoto

09
Nov
2018
XLV Trofeo Nico Sapio - (vasca 25m)





17
Nov
2018
XLII Trofeo Mussi - Lombardi - Femiano - (vasca 25m)





30
Nov
2018
Campionato Italiano Open - (vasca 25m)





11
Dic
2018
XIV Campionato Mondiale in vasca corta





Articoli filtrati per data: Aprile 2013 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Lunedì, 29 Aprile 2013

50° Settecolli. Parterre de roi

Mancano più di 45 giorni alla 50esima edizione del Trofeo Settecolli - Internazionali d'Italia di nuoto, ma già cominciano ad arrivare iscrizioni di prestigio.
La Francia sarà presente con 19 atleti d'interesse nazionale tra cui i campioni olimpici ai Giochi di Londra 2012 Camille Muffat (oro nei 400 sl e argento nei 200 stile libero), Yannick Agnel (oro nei 200 stile libero), Florent Manaudou (oro nei 50 stile libero), e il campione del mondo a Shanghai 2011 Camille Lacourt (oro nei 100 dorso e argento nei 50 dorso); l'Olanda ha iscritto la due volte campionessa olimpica dello sprint Ranomi Kromowidjojo (oro nei 50 e 100 stile libero) e altri undici nuotatori. Come di consueto le gare si svolgeranno allo Stadio del Nuoto di Roma dal 13 al 15 giugno con batterie alle 9:00 e finali dalle 17:00 in diretta su Rai Sport 2. 
  
Seguono le iscrizioni degli atleti francesi: Coralie Balmy, Charlotte Bonnet, Cloè Dredeville, Sophie De Ronchi, Isabelle Mabboux, Camille Muffat, Yannick Agnel, Lorys Bourelly, Frédérick Bousquet, Jordan Coelho, Fabien Gilot, Damien Joly, Camille Lacourt, Gregory Mallet, Florent Manaudou, Mehdy Metella, William Meynard, Giacomo Perez Dortona, Enzo Vial Collet. 
  
Seguono le iscrizioni degli atleti olandesi: Ranomi Kromowidjojo, Femke Heemskerk, Maud van der Meer, Bastiaan Lijesen, Dion Dreessens, Sebastiaan Verschuren, Joeri Verlinden, Elise Bouwens, Esmee Vermeulen, Moniek Nijhuis, Inge Dekker, Ilse Kraaijeveld.
   
consulta programma e regolamento a pag. 46
Pubblicato in News Nuoto
La Federazione Italiana Nuoto ha il piacere di condividere la lettera ricevuta dalla sig.ra Camilla, che domenica ha accompagnato la figlia - giovane nuotatrice della società Acquambiente di Rovigo - al Trofeo Alberto Castagnetti. Una gionata di festa, aggregazione ed emulazione organizzata dalla Fondazione Marcantonio Bentegodi e dal centro federale di alta specializzazione di Verona e riservata alle categorie esordienti B (maschi 2002-3003, femmine 2003-2004), esordienti A (maschi 2000-2001, femmine 2001-2002) e ragazzi/e (maschi 1997-1998-1999 e femmine 1999-2000). L'auspicio è che il messaggio della sig.ra Camilla rappresenti sentimenti e riflessioni dei 700 giovani nuotatori e delle loro famiglie che hanno partecipato al Trofeo dedicato all'amico e maestro Alberto Castagnetti.
   
Salve a tutti,
sono una madre che domenica ha accompagnato la figlia al trofeo in memoria di Alberto Castagnetti.
Mi sento in dovere di ringraziare tutti per aver organizzato la manifestazione.
E' stata una giornata ricca di emozioni forti per i piccoli atleti e per noi genitori.
Particolarmente toccante ed emozionante si è rivelato il filmato di Castagnetti con Federica Pellegrini.
Si avvertiva la passione e l'amore che il grande Castagnetti nutriva per il suo lavoro e si percepiva lo scambio reciproco di fiducia e di amicizia che trasmetteva alla sua atleta e alla grande famiglia creatasi attorno.
Bella e sincera la partecipazione e il ricordo dei grandi campioni che hanno voluto omaggiare il loro allenatore.
Penso che mia figlia non si dimenticherà l'incontro con loro, in particolare con Rosolino. Mia figlia era in lacrime per la squalifica nei 50 dorso e lui prontamente si è adoperato per consolarla raccontandole una esperienza personale vissuta ai mondiali. Ha così realizzato che anche una squalifica fa parte della gara, ad ogni livello essa sia.
Questi piccoli atleti hanno avuto l'opportunità di comprendere che per diventare campioni è necessaria una simbiosi fra atleta e allenatore. L'atleta dedica fatiche, energie e amore alla sua passione sportiva e fa propri i consigli del suo istruttore, e, l'allenatore, con grandi doti e capacità, assiste premurosamente, sostiene e stimola la crescita del suo atleta.
Alle spalle di un campione c'è sempre un grande allenatore che opera silenziosamente.
Ritengo tuttavia che, nei piccoli atleti, abbia grande rilavanza anche la famiglia. E' necessario che i genitori non pongano davanti ai desideri dei loro figli le proprie aspirazioni.
Un ringraziamento particolare all'allenatore di mia figlia, Simone Fornasiero (il nostro "Castagnetti junior") e alla società Acquambiente - Rovigo che tanto si sono adoperati affinchè le loro atlete potessero partecipare a questo speciale evento.
Questa giornata rimarrà nel cuore e nella memoria di tutti: atleti, allenatori e genitori.
Saluto cordialmente confidando, per i prossimi anni, in un seguito di questo trofeo.
 
Camilla
Pubblicato in News Nuoto
La Rappresentativa Rosà ha vinto il primo Trofeo Alberto Castagnetti, organizzato dalla Fondazione Marcantonio Bentegodi e dal centro federale di alta specializzazione di Verona e riservato alle categorie esordienti B (maschi 2002-3003, femmine 2003-2004), esordienti A (maschi 2000-2001, femmine 2001-2002) e ragazzi/e (maschi 1997-1998-1999 e femmine 1999-2000).
La Rappresentativa Rosà ha preceduto con 211 punti lo Sporting Club Noale (139) e gli Amici Nuoto Riva (113), in una classifica con 19 società a punti su 24 in rappresentanza di circa 700 giovani atleti.
Nel corso della manifestazione, dedicata all'amico e maestro Alberto Castagnetti, sono intervenuti il Sindaco di Verona Flavio Tosi, l'assessore allo sport Marco Giorlo, il presidente del centro studi federale e dirigente della commissione tecnica del nuoto Marco Bonifazi, il cittì Cesare Butini, il responsabile tecnico del centro federale Tamas Gyertyanffy, il direttore sportivo Maurizio Coconi, il dirigente Gianfranco Saini e la responsabile delle relezioni esterne Laura Del Sette, gli olimpionici Massimiliano Rosolino e Domenico Fioravanti, il vice campione mondiale Emiliano Brembilla, e Roberta Felotti, prima nuotatrice italiana a vincere un titolo assoluto da mamma. Commosse e partecipi la signora Isabella Sollazzi Castagnetti e le figlie Isabella e Virginia.
Grande appassionato di musica lirica, durante la cerimonia di apertura è stata dedicata ad Alberto Castagnetti la famosa romanza “Nessun dorma” dalla Turandot di Giacomo Puccini, cantata da Luciano Pavarotti, il tenore che quaranta anni fa si esibì per la prima volta nell’anfiteatro veronese. Gli atleti che salivano sul podio sono stati accompagnati dalla marcia trionfale dell’Aida perché nel 2013 ricorre il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e il centenario del Festival Areniano. Alberto Castagnetti il prossimo 11 maggio entrerà a far parte della International Swimming Hall of Fame.


 

 

 

 
Pubblicato in News Nuoto
Il Circolo Canottieri Aniene è campione d'Italia. Al centro federale di alta specializzazione "Alberto Castagnetti" firma per il quarto anno consecutivo la doppietta uomini-donne. Già in testa dopo le gare del mattino - rispettivamente con 11 e 19 punti sulle squadre maschile e femminile della SMGM Team Nuoto Lombardia - il team guidato dal direttore tecnico Gianni Nagni consolida la leadership nella sessione pomeridiana. In ambito femminile il CC Aniene vince con 134 punti precedendo SMGM Team Nuoto Lombardia (106) e Aqvasport Rane Rosse (78,50) che lascia fuori dal podio la RN Torino per mezzo punto; in ambito maschile precede con 117 punti la SMGM Team Nuoto Lombardia (106) e la Larus Nuoto (90).
Soddisfatto il direttore tecnico dei campioni d'Italia, Gianni Nagni: "Ci davano favoriti, ma non è mai facile confermarsi. Con la squadra femminile avevamo un certo margine da gestire; nel settore maschile la concorrenza del Team Nuoto Lombardia era forte. Sono molto contento, oltre che per il successo, per l'attaccamento e il senso di appartenza mostrato dai ragazzi che ha moltiplicato forze e determinazione. Complimenti a tutti".
Tra i riscontri cronometrici più rilevanti c'è il record italiano di Federico Turrini (Nuoto Livorno), che vince i 200 misti in 1'54"53 (passaggi in 25"84, 54"35, 1'26"92), cancellando il precedente gommato di 1'55"29 nuotato da Damiano Lestingi il 22 novembre 2009 agli assoluti invernali di Riccione e limando 87 centesimi il personale che risaliva agli assoluti estivi di Ostia 2010. Il 25enne livornese, tesserato anche per l'Esercito, arriva al record dopo i personali nuotati nei 100 dorso in staffetta in 52"99 e nei 400 stile libero in 3'44"09; risultati che seguono gli exploit agli assoluti primaverili di Riccione, selezione per i campionati mondiali, durante i quali ha registrato il migliore tempo mondiale dell'anno nei 400 misti in 4'11"55, e i personali anche nei 200 dorso in 1'58"07, nei 200 misti in 1'58"86 e nei 200 sl in 1'48"52. In ambito maschile, prima di Federico Turrini solo Fabio Scozzoli era riuscito a ritoccare un record dal biennio gommato 2008-2009: nei 50 rana portando il primato italiano ed europeo sul 26"11. Resiste ancora il 4'01"71 nuotato da Luca Marin nei 400 misti nel 2006.
Rilevanti anche i successi di Federica Pellegrini (CC Aniene) nei 200 stile libero in 1'54"51 - tempo mai nuotato col costume in tessuto e quinto personale di sempre; al secondo posto Alice Mizzau (Plain Team Veneto) che ritocca il personale di 58/100 portandolo sull' 1'57"31 - e nei 200 dorso in 2'05"71 con un miglioramento di 2"56 che la rende la terza performer italiana dietro Alessia Filippi ed Elena Gemo.
Molte altre le note positive, che sposano i tanti primati personali necessari per salire sul podio. Fabio Scozzoli (Imolanuoto) nuota la frazione a rana lanciata della 4x100 mista in 56"40, tempo in linea col record italiano di 57"01 gommato del 2009; precedentemente aveva vinto i 200 rana in 2'06"53, migliorando di 1"23 e salendo al terzo posto tra i performer italiani dopo Edoardo Giorgetti e Paolo Bossini; nel pomeriggio si aggiudica i 100 in 57"90.
Marco Orsi (Uisp Bologna) vince i 100 stile libero in 46"76, scendendo per la prima volta sotto i 47" col costume in tessuto; poi si scopre dorsista imponendosi nei 100 in 51"64 col personale abbassato di 76/100 e successivamente si aggiudica i 50 stile libero in 21"50.
Lo sprint femminile si trasforma nella gara più veloce di sempre con i personali di Silvia Di Pietro (CC Aniene) che vince in 24"75 (- 13/100) e Ilaria Bianchi (Azzurra 91) al secondo posto in 25"21 (- 60/100). Di Pietro protagonista anche nei 100 col quarto tempo mai nuotato in Italia in 53"88, secondo in tessuto dietro al record di Erika Ferraioli di 53"58 e 1"03 in meno al personale. Al secondo posto Alice Mizzau (Plain Team Veneto) che migliora di 95/100 e chiude in 54"07.
Gabriele Detti (SMGM TN Lombardia) timbra il personale nei 1500 in 14'39"96 scalando 5"76 al personale dopo che in mattinata aveva vinto i 400 in 3'43"83.
Determinanti 21/100 negli 800 stile libero con Martina Rita Caramignoli (Aurelia Nuoto) che precede in 8'24"62 Aurora Ponselé (CC Aniene), che col tempo di 8'24"83 abbassa il personale di 5"56. Caramignoli poi vince i 400 stile libero in 4'05"98 limando 1"64 al personale.
Filippo Magnini (SMGM TN Lombardia) vince i 200 stile libero in 1'44"02; Ilaria Bianchi (Azzurra 91) i 100 farfalla in 57"90.
In chiusura di manifestazione record di società della 4x100 mista del Circolo Canottieri Aniene in 3'57"41 con le frazioni di Gemo (59"98), De Ascentis (1'07"50), Di Liddo (57"61), Pellegrini (53"32). Bruciato il precedente di 4'05"72 della DDS con Gemo e Pelegrini che resisteva dal 30 novembre 2003 (Milano). Il Circolo Canottieri Aniene aveva già sfiorato per due centesimi il record di società con la staffetta 4x100 sl femminile detenuto dalla DDS dal 2003 in 3'40"46 con le frazioniste Raco (56"51), Di Pietro (54"38), Tecchio (55"86) e Pellegrini (53"73).
Prima dell'inizio delle gare la Federazione Italiana Nuoto, rappresentata dal Presidente Onorario Salvatore Montella, dal Consigliere federale Roberto Del Bianco e dal Presidente del Comitato Regionale Veneto Roberto Cognonato, ha attribuito un premio alla carriera al tecnico Federico Bonifacenti.
Chiuso il campionato a squadre / Coppa Caduti di Brema, domenica il centro federale aprirà le porte ad oltre 700 giovani nuotatori in rappresentanza di 24 società del nord Italia per la prima edizione del trofeo Alberto Castagnetti.
         
CLASSIFICA FINALE FEMMINILE
1. CC Aniene 134 (98 individuali + 36 staffette)
2. SMGM Team Nuoto Lombardia 106 (80 + 26)
3. Aqvasport Rane Rosse 78,50 (62,50 + 16)
4. RN Torino 78 (62 + 16)
5. Plain Team Veneto 72 (52 + 20)
6. Azzurra 91 60 (38 + 22)
7. Aurelia Nuoto 53,50 (47,50 + 6)
8. Uisp Bologna 47 (41 + 6)
    
CLASSIFICA FINALE MASCHILE
1. CC Aniene 117 (89 + 28)
2. SMGM Team Nuoto Lombardia 106 (74 + 32)
3. Larus Nuoto 90 (64 + 26)
4. Uisp Bologna 85 (65 + 20)
5. Imolanuoto 73 (55 + 18)
6. RN Torino 61,50 (49,50 + 12)
7. Nuoto Livorno 53,50 (47,50 + 6)
8. CN Torino 43 (37 + 6)
  
ALBO D'ORO DAL 2000

2000 Fiamme Gialle (m) e Desenzano (f)
2001 Carabinieri (m) e DDS (f)
2002 Fiamme Gialle (m) e DDS (f)
2003 Fiamme Gialle (m) e DDS (f)
2004 Carabinieri (m) e DDS (f)
2005 Carabinieri (m) e Team Nuoto Padova (f)
2006 Larus Nuoto (m) e DDS (f)
2007 Larus Nuoto (m) e CC Aniene (f)
2008 DDS (m) e CC Aniene (f)
2009 CC Aniene (m) e Esercito (f)
2010 CC Aniene (m) e CC Aniene (f)
2011 CC Aniene (m) e CC Aniene (f)
2012 CC Aniene (m) e CC Aniene (f)
2013 CC Aniene (m) e CC Aniene (f)  
   
PODI PRIMA SESSIONE
   
200 misti F
1. Luisa Trombetti (RN Torino) 2'13"37 pp
2. Giulia De Ascentis (CC Aniene) 2'13"39
3. Francesca Fangio (SMGM TN Lombardia) 2'15"59 pp
  
400 sl M
1. Gabriele Detti (SMGM TN Lombardia) 3'43"83
2. Federico Turrini (Nuoto Livorno) 3'44"09 pp
3. Alex Di Giorgio (CC Aniene) 3'47"43
   
200 sl F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 1'54"51
2. Alice Mizzau (Plain Team Veneto) 1'57"31 pp
3. Beatrice Fassone (RN Torino) 2'01"16
    
100 farfalla M
1. Piero Codia (CC Aniene) 51"71
2. Gabriele A. Cosentino (Larus Nuoto) 52"94
3. Paolo Ricci (Imolanuoto) 53"28
  
100 rana F
1. Ilaria Scarcella (CC Aniene) 1'07"90
2. Nicol Valentini (SMGM TN Lombardia) 1'08"07
3. Michela Guzzetti (Aqvasport Rane Rosse) 1'08"19 pp
     
200 rana M
1. Fabio Scozzoli (Imolanuoto) 2'06"53 pp
2. Edoardo Giorgetti (CC Aniene) 2'07"51
3. Francesco Di Lecce (RN Torino) 2'07"81 pp
    
100 dorso F
1. Elena Gemo (CC Aniene) 59"11
2. Stefania Cartapani (SMGM TN Lombardia) 1'00"38
3. Elisa Apostoli (Aqvasport Rane Rosse) 1'00"50
    
200 dorso M
1. Fabio Laugeni (Larus Nuoto) 1'53"73
2. Federico Turrini (Nuoto Livorno) 1'55"40
3. Damiano Lestingi (CC Aniene) 1'55"75
   
200 farfalla F
1. Silvia Meschiari (Aqvasport Rane Rosse) 2'09"25
2. Emanuela Albenzi (SMGM TN LOmbardia) 2'10"03
3. Teresa Strickner (CC Aniene) 2'10"22 pp
      
100 sl M
1. Marco Orsi (Uisp Bologna) 46"76
2. Luca Dotto (Larus Nuoto) 47"12
3. Filippo Magnini (SMGM TN Lombardia) 47"42
       
50 sl F
1. Silvia Di Pietro (CC Aniene) 24"75 pp
2. Ilaria Bianchi (Azzurra 91) 25"21 pp
3. Silvia Copetta (Plain Team Veneto) 25"88
   
400 misti M
1. Luca Marin (CC Aniene) 4'14"41
2. Claudio Fossi (SMGM TN Lombardia) 4'16"58
3. Giorgio Gaetani (Larus Nuoto) 4'17"99
   
800 sl F
1. Martina Rita Caramignoli (Aurelia Nuoto) 8'24"62
2. Aurora Ponselé (CC Aniene) 8'24"83 pp
3. Francesca Bertotto (Plain Team Veneto) 8'38"69  
   
4x100 misti M
1. CC Aniene 3'30"31
2. SMGM TN Lombardia 3'33"99
3. Larus Nuoto 3'34"45
   
4x100 sl F
1. CC Aniene 3'40"48
2. Plain Team Veneto 3'41"68
3. SMGM TN Lombardia 3'45"67
 
PODI SECONDA SESSIONE
    
200 misti M
1. Federico Turrini (Nuoto Livorno) 1'54"53 RI
2. Fabio Scozzoli (Imolanuoto) 1'56"83
3. Damiano Lestingi (CC Aniene) 1'58"37
prec. RI 1'55"29 di Damiano Lestingi il 22 novembre 2009 agli assoluti di  Riccione
      
400 sl F
1. Martina Rita Caramignoli (Aurelia Nuoto) 4'05"98 pp
2. Susanna Negri (SMGM TN Lombardia) 4'09"29 pp
3. Aurora Ponselè (CC Aniene) 4'09"37 pp
    
200 sl M
1. Filippo Magnini (SMGM TN Lombardia) 1'44"02
2. Filippo Barbacini (Usip Bologna) 1'45"36 pp
3. Alex Di Giorgio (CC Aniene) 1'45"39
       
100 farfalla F
1. Ilaria Bianchi (Azzurra 91) 57"90
2. Elena Di Liddo (CC Aniene) 58"00 pp
3. Jessica Andreini (SMGM TN Lombardia) 59"40 pp
      
100 rana M
1. Fabio Scozzoli (Imolanuoto) 57"90
2. Francesco Di Lecce (RN Torino) 58"73 pp
3. Edoardo Giorgetti (CC Aniene) 59"05
         
200 rana F
1. Francesca Fangio (SMGM TN Lombardia) 2'25"27
2. Ilaria Scarcella (CC Aniene) 2'26"10
3. Michela Guzzetti (Aqvasport Rane Rosse) 2'28"53
3. Silvia Guerra (RN Torino) 2'28"53
       
100 dorso M
1. Marco Orsi (Uisp Bologna) 51"64 pp
2. Matteo Milli (CC Aniene) 51"68 pp
3. Fabio Laugeni (Larus Nuoto) 52"09   
       
200 dorso F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 2'05"71 pp
2. Elisa Apostoli (Aqvasport Rane Rosse) 2'11"71
3. Rachele Bau' (Plain Team Veneto) 2'12"29   
   
200 farfalla M
1. Matteo Pelizzari (CC Aniene) 1'54"86 pp
2. Gabriele Landini (Nuoto Livorno) 1'58"76
2. Federico Gilardi (RN Torino) 1'58"76
        
100 sl F
1. Silvia Di Pietro (CC Aniene) 53"88 pp
2. Alice Mizzau (Plain Team Veneto) 54"07 pp
3. Giorgia Crocione (SMGM TN Lombardia) 56"05 pp
         
50 sl M
1. Marco Orsi (Uisp Bologna) 21"50
2. Luca Dotto (Larus Nuoto) 21"66
3. Lorenzo Benatti (CC Aniene) 21"88
        
400 misti F
1. Luisa Trombetti (RN Torino) 4'40"96 pp
2. Susanna Negri (SMGM TN Lombardia) 4'41"11 pp
3. Silvia Meschiari (Aqvasport Rane Rosse) 4'43"49 pp
   
1500 sl M
1. Gabriele Detti (SMGM TN Lombardia) 14'39"96 pp 14'45"72
2. Federico Vanelli (CC Aniene) 15'04"93
3. Federico Brumana (CN Torino) 15'13"02   
  
4x100 misti F
1. CC Aniene 3'57"41 RI società 
Gemo 59"98, De Ascentis 1'07"50, Di LIddo 57"61, Pellegrini 53"32
2. SMGM Team Nuoto Lombardia 4'02"36
3. NC Azzurra 91 4'05"16    
prec. 4'05"72 della DDS il 30 novembre 2003 a Milano
     
4x100 sl M
1. SMGM Team Nuoto Lombardia 3'12"75
2. Larus Nuoto 3'13"32
3. Uisp Bologna 3'13"42
 
TROFEO ALBERTO CASTAGNETTI

Organizzato dalla Fondazione Marcantonio Bentegodi e dal Centro Federale di alta specializzazione di Verona, la manifestazione interregionale si svolgerà nella vasca da 25 metri con otto corsie ed è riservata alle categorie esordienti B (maschi 2002-3003, femmine 2003-2004), esordienti A (maschi 2000-2001, femmine 2001-2002) e ragazzi/e (maschi 1997-1998-1999 e femmine 1999-2000). Gli atleti saranno suddivisi in serie da otto in base ai tempi di iscrizione ed ogni società potrà iscrivere un numero illimitato di atleti ed una staffetta per categoria. Il Trofeo Alberto Castagnetti sarà assegnato attraverso una classifica per società che sarà determinata coi seguenti punteggi: 9 punti al primo classificato, 7 al secondo, 6 al terzo, 5 al quarto, 4 al quinto, 3 al sesto, 2 al settimo e 1 al primo. In caso di parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di gare vinte; in caso di ulteriore parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di podi; in caso di ulteriore parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di atleti fra i primi 8 classificati.
Sarà una grande festa per tutto il nuoto italiano, una giornata dedicata ai più giovani, proprio come avrebbe voluto Alberto Castagnetti che, a tre anni e mezzo dalla sua prematura scomparsa, continua a vivere nei cuori di tutti. Alberto Castagnetti il prossimo 11 maggio entrerà a far parte della International Swimming Hall of Fame.
Vi sarà un momento di particolare significato durante la cerimonia di apertura, programmata intorno alle ore 10.30, quando alcuni campioni di nuoto ricorderanno l’ex cittì. Tra loro i campioni olimpici Massimiliano Rosolino e Domenico Fioravanti, il vice campione mondiale Emiliano Brembilla e la pluricampionessa italiana Roberta Felotti, milanese che si è trasferita a Verona a 16 anni per seguire il mentore Alberto Castagnetti: prima nuotatrice italiana a vincere un titolo assoluto da mamma.
Ad Alberto Castagnetti, grande appassionato di musica lirica, verrà dedicata la famosa romanza “Nessun dorma” dalla Turandot di Giacomo Puccini, cantata da Luciano Pavarotti, il famoso tenore che quaranta anni fa si esibì per la prima volta nell’anfiteatro veronese. Gli atleti che saliranno sul podio verranno accompagnati dalla marcia trionfale dell’Aida perché nel 2013 ricorre il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e il centenario del Festival Areniano. Gli iscritti sono oltre 700, con 24 società provenienti da tutto il Nord Italia. Segue il programma.
         
Domenica 21 aprile - sessione del mattino
ore 9:30
50 dorso es.B  fem
50 dorso es.B  mas
50  rana es. A fem
50  rana es. A mas
100 sl ragazzi fem
100 sl ragazzi mas 1999
100 sl ragazzi mas 1998/97
50 sl es. B  fem
50 sl es. B  mas
50 dorso es. A fem
50 dorso  es.A mas
100 rana ragazzi fem
100 rana ragazzi mas 1999
100 rana ragazzi mas 1998/97
     
Domenica 21 aprile - sessione del pomeriggio
ore 15:30
50 farfalla es. B fem
50 farfalla es. B mas
50  sl es. A fem
50  sl es. A mas
100 dorso ragazzi fem
100 dorso ragazzi mas 1999
100 dorso ragazzi mas 1998/97
50 rana es. B fem
50 rana es. B mas
50 delfino es. A fem
50 delfino es. A mas
100 delfino ragazzi fem
100 delfino ragazzi mas 1999
100 delfino ragazzi mas 1998/97
6 x 50 sl (un atleta per sesso e per categoria per squadra – ordine di partenza a discrezione)
Pubblicato in News Nuoto
Weekend di grande nuoto al centro federale di Verona con la finale del campionato a squadre / Coppa Caduti di Brema e la prima edizione del Trofeo "Alberto Castagnetti". Questa mattina, presso la Sala Arazzi del Comune di Verona, è stata introdotta la due giorni di nuoto alla presenza del Sindaco di Verona Flavio Tosi, dell’Assessore allo Sport Marco Giorlo e del dirigente Sandro Vazzoler, del sovrintendente dell'Ente Lirico Francesco Girondini, del Presidente della Federnuoto Paolo Barelli, del Direttore Tecnico della Squadra Nazionale Cesare Butini, del Consigliere federale responsabile delle Squadre Nazionali Roberto Del Bianco, del Presidente del Comitato Regionale Veneto Roberto Cognonato, del tecnico federale responsabile del Centro Federale di alta specializzazione Tamas Gyertyanffy e dei nuotatori Federica Pellegrini e Filippo Magnini con il preparatore Matteo Giunta, e Lisa Fissneider, Edoardo Giorgetti, Luca Pizzini, Andrea Toniato e Carlotta Zofkova.
  
INTERVENTI IN CONFERENZA STAMPA

  
Presidente Paolo Barelli: "La Federazione Italiana Nuoto a Verona si sente a casa. Siamo felici di essere qui, alla presenza delle massime autorità cittadine, per presentare la due giorni di nuoto dedicata alla finale del campionato a squadre / Coppa Caduti di Brema e all'amico Alberto Castagnetti. Il connubio tra la Federnuoto e il Comune ha radici lontane ed ha portato il meglio del nuoto italiano a formarsi ed affermarsi a Verona. Col Sindaco Flavio Tosi questa sinergia si è ulteriormente rinforzata ed ha consentito il potenziamento e riammodernamento del centro federale che poi abbiamo intitolato ad Alberto Castagnetti. La Federazione ha sempre operato per valorizzare la vocazione del centro federale divenuto di alta specializzazione e sede stanziale di allenamento di atleti di interesse nazionale e periodica di allenamenti di squadre internazionali. La finale del campionato a squadre torna a Verona dopo sei anni. Ne siamo felici perché anticipa la festa organizzata in memoria di Alberto e perché auspichiamo che dia ulteriore impulso all'attività. Una settimana fa è terminato il campionato assoluto primaverile a Riccione, prova di selezione per i Mondiali di Barcellona, e con le sfide di sabato chiuderemo la stagione invernale per dedicarci esclusivamente alla vasca olimpica. Ringrazio tutti gli atleti e i tecnici che sono qui in rappresentanza delle otto squadre maschili e otto femminili che si giocheranno i titoli italiani e ringrazio Rai Sport che trasmetterà le due sessioni di gara in diretta e la stampa nazionale che ci segue con passione e competenza. Sono qui - conclude Barelli - anche nella veste di Presidente delle Ligue Europeenne de Natation. Ritengo che Verona abbia tutte le potenzialità per ospitare una manifestazione internazionale di prestigio. Il centro federale è situato in un'area che raccoglie migliaia di praticanti. Verona è una città bellissima, dinamica, tuistica, dal carattere creativo e imprenditoriale; è una città che non ha paura delle sfide. Noi siamo impegnati da tempo nel gestire al meglio il centro federale coniugando gli interessi della città al nuoto di alto livello. Sono sicuro che le gare in programma sabato e domenica avranno positivi riflessi sul territorio".
  
Sindaco Flavio Tosi: "Ringrazio i massimi vertici della Federnuoto che hanno premiato Verona con l'organizzazione della finale del campionato a squadre / Coppa Caduti di Brema. La manifestazione dà lustro alla città e traccia un'ulteriore testimonianza dell'impegno che l'amministrazione riserva allo sport da molti anni. Siamo legati alla Federazione Italiana Nuoto da un connubio che ha reso Verona un punto di riferimento per il nuoto, stimolando la pratica sportiva sul territorio. Sono certo che questa due giorni di nuoto avrà un'ulteriore ricaduta positiva sulla città, rafforzerà ancora di più la collaborazione in atto e stimolerà confronti per sviluppare progetti costruttivi".
  
Assessore allo Sport Marco Giorlo: "Ringrazio la Federazione Italiana Nuoto per la scelta di Verona. Avremo il meglio del nuoto in gara al centro federale in rappresentanza delle 16 squadre più rapresentative del movimento. I campioni stanziali ed il centro federale sono motivo di orgoglio comune. Siamo certi che sarà una due giorni festosa, ricca di spunti di interese per la città e volano per la crescita sportiva di Verona".
 
Federica Pellegrini: "Sono molto contenta che la finale a squadre sia tornata a Verona. Sono di casa qui, mi alleno qui; anche se gli impegni della prossima stagione mi porteranno altrove, Verona resterà base fissa, peraltro ho casa di fronte alla piscina. Sono contenta di questi due giorni di nuoto e della festa dedicata ad Alberto che coinvolgerà tanti bambini".
  
Filippo Magnini: "Fa molto piacere nuotare al centro federale. Ho tanti ricordi che mi legano a Verona sin dai primi anni della carriera. Sono cresciuto qui con la Nazionale; adesso è diventata anche la mia seconda casa e ne sono felice. Sabato daremo il massimo e domenica sarà una grande festa per ricordare Alberto, punto di riferimento per tutto il movimento del nuoto".
  
CAMPIONATO A SQUADRE / COPPA CADUTI DI BREMA
Le fasi regionali hanno qualificato alle finali in ambito maschile CC Aniene (Roma) 12791, Team Lombardia 12517, Larus Nuoto (Roma) 12353,  Uisp Bologna 12252, Nuoto Livorno 11849, Imola Nuoto 11787, CN Torino 11621, RN Torino 11388 e in ambito femminile CC Aniene (Roma) 12421, Team Lombardia 11879, RN Torino 11690, Aqvasport Rane Rosse 11616,  Plain Team Veneto 11440, Aurelia Nuoto (Roma) 11405, NC Azzurra 91 (Bologna) 11404, Uisp Bologna 11357. La società da battere è il CC Aniene, al successo con entrambe le squadre dal 2010 e con quella maschile dal 2009. Le gare si svolgeranno nella vasca da 25 metri coperta del Centro Federale "Alberto Castagnetti". Il programma prevede, come di consueto, finali dirette. Le sessioni cominceranno alle 10:00 e alle 16:00 e saranno trasmesse in diretta da Rai Sport 2.
      
PROGRAMMA GARE
Sabato 20 aprile - sessione del mattino
ore 10:00
200 misti fem
400 sl mas
200 sl fem
100 farfalla mas
100 rana fem
200 rana mas
100 dorso fem
200 dorso mas
200 farfalla fem
100 sl mas
50 sl fem
400 misti mas
800 sl fem
4x100 mista mas
4x100 sl fem
   
Sabato 20 aprile - sessione del pomeriggio
ore 16:00
200 misti mas
400 sl fem
200 sl mas
100 farfalla fem
100 rana mas
200 rana fem
100 dorso mas
200 dorso fem
200 farfalla mas
100 sl fem
50 sl mas
400 misti fem
1500 sl mas
4x100 mista fem
4x100 sl mas
      
ALBO D'ORO DAL 2000 AL 2011
2000 Fiamme Gialle (m) e Desenzano (f)
2001 Carabinieri (m) e DDS (f)
2002 Fiamme Gialle (m) e DDS (f)
2003 Fiamme Gialle (m) e DDS (f)
2004 Carabinieri (m) e DDS (f)
2005 Carabinieri (m) e Team Nuoto Padova (f)
2006 Larus Nuoto (m) e DDS (f)
2007 Larus Nuoto (m) e Aniene (f)
2008 DDS (m) e Aniene (f)
2009 Aniene (m) e Esercito (f)
2010 Aniene (m) e Aniene (f)
2011 Aniene (m) e Aniene (f)
2012 Aniene (m) e Aniene (f)
   
TROFEO ALBERTO CASTAGNETTI
Organizzato dalla Fondazione Marcantonio Bentegodi e dal Centro Federale di alta specializzazione di Verona, la manifestazione interregionale si svolgerà nella vasca da 25 metri con otto corsie ed è riservata alle categorie esordienti B (maschi 2002-3003, femmine 2003-2004), esordienti A (maschi 2000-2001, femmine 2001-2002) e ragazzi/e (maschi 1997-1998-1999 e femmine 1999-2000). Gli atleti saranno suddivisi in serie da otto in base ai tempi di iscrizione ed ogni società potrà iscrivere un numero illimitato di atleti ed una staffetta per categoria. Il Trofeo Alberto Castagnetti sarà assegnato attraverso una classifica per società che sarà determinata coi seguenti punteggi: 9 punti al primo classificato, 7 al secondo, 6 al terzo, 5 al quarto, 4 al quinto, 3 al sesto, 2 al settimo e 1 al primo. In caso di parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di gare vinte; in caso di ulteriore parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di podi; in caso di ulteriore parità sarà vincitrice la squadra con il maggior numero di atleti fra i primi 8 classificati.
Sarà una grande festa per tutto il nuoto italiano, una giornata dedicata ai più giovani, proprio come avrebbe voluto Alberto Castagnetti che, a tre anni e mezzo dalla sua prematura scomparsa, continua a vivere nei cuori di tutti. Alberto Castagnetti il prossimo 11 maggio entrerà a far parte della International Swimming Hall of Fame.
Vi sarà un momento di particolare significato durante la cerimonia di apertura, programmata intorno alle ore 10.30, quando alcuni campioni di nuoto ricorderanno l’ex cittì. Tra loro i campioni olimpici Massimiliano Rosolino, Domenico Fioravanti e Federica Pellegrini, il campione del mondo Filippo Magnini, il vice campione mondiale Emiliano Brembilla, e la pluricampionessa italiana Roberta Felotti, milanese che si è trasferita a Verona a 16 anni per seguire il mentore Alberto Castagnetti: prima nuotatrice italiana a vincere un titolo assoluto da mamma.
Ad Alberto Castagnetti, grande appassionato di musica lirica, verrà dedicata la famosa romanza “Nessun dorma” dalla Turandot di Giacomo Puccini, cantata da Luciano Pavarotti, il famoso tenore che quaranta anni fa si esibì per la prima volta nell’anfiteatro veronese. Gli atleti che saliranno sul podio verranno accompagnati dalla marcia trionfale dell’Aida perché nel 2013 ricorre il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e il centenario del Festival Areniano. Gli iscritti sono oltre 700, con 24 società provenienti da tutto il Nord Italia. Segue il programma.
     
Domenica 21 aprile - sessione del mattino
ore 9:30
50 dorso es.B  fem
50 dorso es.B  mas
50  rana es. A fem
50  rana es. A mas
100 sl ragazzi fem
100 sl ragazzi mas 1999
100 sl ragazzi mas 1998/97
50 sl es. B  fem
50 sl es. B  mas
50 dorso es. A fem
50 dorso  es.A mas
100 rana ragazzi fem
100 rana ragazzi mas 1999
100 rana ragazzi mas 1998/97
   
Domenica 21 aprile - sessione del pomeriggio
ore 15:30
50 farfalla es. B fem
50 farfalla es. B mas
50  sl es. A fem
50  sl es. A mas
100 dorso ragazzi fem
100 dorso ragazzi mas 1999
100 dorso ragazzi mas 1998/97
50 rana es. B fem
50 rana es. B mas
50 delfino es. A fem
50 delfino es. A mas
100 delfino ragazzi fem
100 delfino ragazzi mas 1999
100 delfino ragazzi mas 1998/97
6 x 50 sl (un atleta per sesso e per categoria per squadra – ordine di partenza a discrezione)
  
RIUNIONE DELLA COMMISSIONE TECNICA. Nel pomeriggio, in un albergo di Verona, si è riunita la commissione tecnica delle Squadre Nazionali. Presenti il consigliere federale Roberto Del Bianco, il direttore tecnico Cesare Butini, il direttore sportivo Maurizio Coconi, il dirigente Gianfranco Saini, il tecnico responsabile della Squadra Nazionale giovanile Walter Bolognani ed i tecnici federali Fabrizio Bastelli, Tamas Gyertyanffy, Stefano Morini e Claudio Rossetto.
Pubblicato in News Nuoto
Ventitre atleti - nove femmine e quattordici maschi - hanno nuotato il tempo limite richiesto per partecipare ai campionati europei juniores in programma dal 10 al 14 luglio a Poznan, in Polonia. Segue il bilancio di Walter Bolognani, tecnico federale responsabile della Squadra Nazionale giovanile, in relazione ai campionati assoluti primaverili Unipol terminati sabato allo Stadio del Nuoto di Riccione.
   
"Il bilancio è positivo - asserisce Bolognani - ventidue atleti hanno nuotato il limite richiesto: nove femmine e tredici maschi per un totale di 30 presenze gara; sette atleti in più rispetto all'edizione 2012 dei primaverili. Una buona percentuale degli atleti qualificati sono al primo anno di categoria: dato che evidenzia il ricambio continuo con un livello prestativo adeguato anche al palcoscenico europeo. Le mie aspettative sono state superate dai ragazzi e non sono preoccupato dall'alto livello competitivo che ci attende a Poznan. So che tutti gli atleti qualificati, e coloro che completeranno la Squadra in attese delle prestazioni del Trofeo Sette Colli, sono consapevoli dell'impegno che li aspetta e che da loro non si chiede nulla più che esprimersi in modo maturo in vasca e fuori. Molto più dei pronostici sui successi e podi ipotetici, mi interessa e sinceramente mi entusiasma il reale progressivo rapporto di mutua collaborazione con i tecnici dei ragazzi. La rete di informazioni ed i contatti tra me e gli allenatori è consolidata e si arricchisce continuamente. Il nuoto giovanile sta facendo "sistema" e nel corso del quadriennio questo sarà sempre meglio articolato e funzionale al futuro".
   
ATLETI QUALIFICATI E RELATIVE GARE
   
LINDA CAPONI (TNT EMPOLI) 400/1500 SL
GIORGIA BIONDANI (LEOSPORT VILLAFRANCA) 50 SL
ALISIA TETTAMANZI (AQVASPORT) 1500 SL
RACHELE CERACCHI (AMBRANUOTO LATINA) 100 SL
CLAUDIA TARZIA (GENOVA NUOTO) 100 FA
ARIANNA CASTIGLIONI (TEAM INSUBRIKA CREVAL) 50/100 RA
SILVIA GUERRA (RN TORINO) 50/100 RA
ROBERTA RICCARDI (CENTRO ESTER) 200 MX
FRANCESCA VIVERIT (GESTISPORT) 200 FA
FRANCESCO GIORDANO (FFOO) 100 FA
MUGNAINI MATTIA (AQVASPORT) 100 FA
RICCI PAOLO (IMOLANUOTO) 100 FA
SIMONE SABBIONI (POL. RICCIONE) 50/100/200 DO
ANDREA FABBRONI (CC ANIENE) 800 SL
ANDREA MITCHELL D'ARRIGO (AURELIA N.) 200/400 SL
NICOLANGELO DI FABIO (SMGM TEAM LOMBARDIA) 200 SL
LUCA MENCARINI (CC ANIENE) 100/200 DO
MAURO TONIATO (PLAIN TEAM VENETO) 50 FA
MATTEO CIAMPI (AMBRANUOTO LATINA) 200 DO
GIORGIO CASTALDELLO (RIVIERA NUOTO DOLO) 50 SL
GIUSEPPE RONCI (AQUARIA PONTINA) 50 DO
GABRIELE MINICHINI (IMOLANUOTO) 200 SL
LORENZO TAROCCHI (TNT EMPOLI) 400 MI
Pubblicato in News Nuoto
I campionati assoluti primaverili Unipol di nuoto si chiudono a Riccione con la qualificazione iridata delle staffette 4x100 mista femminile e 4x200 stile libero maschile e con il sorriso di Francesco Pavone (nella foto di Giorgio Scala / deepbluemedia.eu), che sfoga nell'acqua gioia ed emozione per l' 1'56"43 (26"03, 29"07, 30"38, 30"95) con cui vince i 200 farfalla. Il 22enne savonese - tesserato per Esercito ed Andrea Doria ed allenato da Patrizia Bozzano - realizza la migliore prestazione pomeridiana, abbassa il personale di 62 centesimi, diventa il primo italiano a infrangere la barriera dell'1'57 con il costume in tessuto e si piazza al terzo posto delle all time italiane alle spalle dei crono gommati di 1'55"94 di Joseph Davide Natullo e di 1'56"33 di Francesco Vespe entrambi del 2009. "Ci voleva questa vittoria - spiega il nuotatore genovese - dopo la buona prova in staffetta, la vittoria di oggi è per me una grande iniezione di fiducia per il futuro. Peccato per non essere riuscito a ottenere il tempo per i mondiali che cercherò di staccare al Settecolli di Roma. Ci alleniamo a Genova, siamo un bel gruppo, molto numeroso, e ci divertiamo insieme". 
Gli altri titoli della giornata riservano altrettanti primati personali ad eccezione del 2'11"72 con cui Luca Pizzini (Carabinieri/Fondazione Benetegodi) vince i 200 rana avanti a Flavio Bizzarri (Forestale/Larus Nuoto) che per la prima volta nuota sotto il 2'12 (2'11'97).
Il successo di Michela Guzzetti (Esercito/Aqvasport Rane Rosse) nei 100 rana in 1'08"22 - con un miglioramento di 17/100 e 1/100 di vantaggio su Lisa Fissneider (Bolzano Nuoto) - comporta la qualificazione della staffetta mista con le frazioniste Federica Pellegrini (100 dorso in 1'00"69 - tl 1'00"70) ed Ilaria Bianchi (100 farfalla in 58"14 - tl 58"80) già certe del posto; non di Alice Mizzau (100 stile libero in 55"14 - tl 55"00) e proprio di Michela Guzzetti (tl 1'08"10).
Discorso diverso per la 4x200 maschile, che strappa il pass malgrado nessun frazionista sia sceso al di sotto del limite iridato di 1'48"10. Nella prova individuale Alex Di Giorgio (CC Aniene) vince in 1'48"12 - migliorando di 24/100 - avanti a Filippo Magnini (SMGM Team Nuoto Lombardia, 1'48"42), Damiano Lestingi (CC Aniene, 1'48"48) e Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno, 1'48"52 per il primato personale).
Nelle altre finali la delfinista Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) fa saltare il banco nei 50 stile libero, vincendo in 25"52 - dal 26"20 di iscrizione - e piazzandosi al terzo posto tra le migliori performer italiane di sempre dopo Cristina Chiuso che detiene il primato italiano in 25"18 e Federica Pellegrini in 25"47; bruciate Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) che eguaglia il primato personale in 25"59 e la specialista Erika Ferraioli (Esercito), terza in 25"64. Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) si impone nei 50 dorso in 25"25 con 21 centesimi di miglioramento personale, Martina De Memme (Esercito/Nuoto Livorno) vince gli 800 in 8'31"46 limando 3"45 al personal best, Stefania Pirozzi (Fiamme Oro Napoli/CC Napoli) doppia il successo nei misti chiudendo i 200 in 2'13"71 abbassando di 50/100 il record personale.
Nella classifiche per società c'è la doppietta del CC Aniene che si impone in ambito maschile con 345 punti (263 individuali e 82 staffette) e in quello femminile con 329 punti (255 + 74).
     
Classifica per società maschile (prime 5 delle 52 a punti)
1. CC Aniene 345 (263 individuali + 82 staffette)
2. Esercito 240 (202 + 38)
3. Fiamme Oro Roma 216,25 (136,25 + 80)
4. Larus Nuoto 138 (118 + 20)
5. SMGM Team Nuoto Lombardia 128 (81 + 47)
  
Classifica per società femminile (prime 5 delle 50 a punti)
1. CC Aniene 329 (255 + 74)
2. Esercito 203 (125 + 78)
3. Forestale 135 (115 + 20)
4. SMGM Team Nuoto Lombardia 108,50 (69,50 + 39)
5. Plain Team Veneto 94 (59 + 35)
 
DA DOMANI IL VIA AL FONDO. Alle 8.45 sempre allo Stadio del nuoto di Riccione scattano i Campionati indoor di nuoto di fondo. Domenica 14 i 5000 metri junior e assoluti femmine e maschi, lunedì 15 i 3000 metri ragazzi femmine e maschi. Sono online gli elenchi delle iscrizioni gara.
     
Riepilogo atleti e staffette sotto al tempo limite per i Mondiali
                         
50 rana M tl 27"50
1. Mattia Pesce (Fiamme Oro Roma/Forum Sport Center) 27"32 pp
2. Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto) 27"38
              
800 sl M tl 7'53"00
1. Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro Roma/Coopernuoto) 7'48"22 pp
2. Gabriele Detti (SMGM Esercito/Team Nuoto Lombardia) 7'48"43 pp
       
100 sl M tl 48"60
1. Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto) 48"46
        
4x100 sl maschile tl 3'17"00 (frazionisti 49"00): Luca Dotto 48"46. Sopra al tempo limite richiesto Luca Leonardi 49"13, Marco Orsi 49"14 e Filippo Magnini 49"20
         
100 farfalla M tl 52"30
Matteo Rivolta (Team Insubrika - Creval) 52"06 RI in batteria
1. Matteo Rivolta (Team Insubrika - Creval) 51"70 RI
      
400 misti M tl 4'15"00
1. Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) 4'11"55
       
100 rana M tl1'00"20
1. Fabio Scozzoli (Esercito/Imoloanuoto) 59"77
        
4x100 misti maschile tl 3'37"50: frazionisti Luca Dotto (100 sl in 48"46 - tl 49"00), Matteo Rivolta (100 farfalla in 51"70 - tl 52"50), Fabio Scozzoli (100 rana in 59"77 - tl 1'00"60). Sopra al tempo limite il dorsista Matteo Milli, finora migliore in vasca col 54"73 rispetto al 54"30 richiesto
       
400 misti F tl 4'40"00
1. Stefania Pirozzi (Fiamme Oro Napoli/CC Napoli) 4'39"79 pp
      
200 dorso F tl 2'09"50
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 2'08"05 pp
   
100 farfalla F tl 58"30
1. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) 58"14
     
200 sl F tl 1'58"30
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 1'56"51
    
4x200 sl femminile tl 7'58"50 (frazioniste 1'59"): Federica Pellegrini 1'56"51, Alice Mizzau 1'58"67. Sopra al limite richiesto Martina De Memme 2'00"24, Diletta Carli 2'00"48
   
200 misti M tl 1'59"60
1. Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) 1'58"86 pp
    
50 sl M tl 22"00
1. Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) 21"98
    
1500 sl M tl 15'02"00
1. Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro Roma/Coopernuoto) 14'55"10
2. Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Nuoto Lombardia) 14'58"78 pp
       
4x100 mista femminile tl 4'03"00: frazioniste Federica Pellegrini (100 dorso in 1'00"69 - tl 1'00"70), Ilaria Bianchi (100 farfalla in 58"14 - tl 58"80). Sopra al tempo limite la stileliberista Alice Mizzau (55"14 - tl 55"00) e la ranista Michela Guzzetti (1'08"22 - tl 1'08"10)
      
4x200 sl maschile tl 7'14"00 (frazionisti 1'48"10): frazionisti al di sopra del limite rischiesto Alex Di Giorgio (1'48"12), Filippo Magnini (1'48"42), Damiano Lestingi (1'48"48), Federico Turrini (1'48"52)
         
consulta i risultati ufficiali
        
consulta i criteri e tempi limite delle manifestazioni assolute e giovanili
Pubblicato in News Nuoto
Ieri sera a Riccione, dove sono in corso i campionati assoluti primaverili Unipol di nuoto, lo staff tecnico e dirigenziale federale ha incontrato, presso la sala riunioni dell'hotel Mediterraneo, le società coinvolte rappresentate da oltre 100 tra dirigenti e tecnici.
Nel corso della riunione il consigliere e responsabile del settore nuoto Roberto Del Bianco, il direttore tecnico delle Squadre Nazionali Cesare Butini, il  responsabile tecnico delle Squadre Nazionali giovanili Walter Bolognani, il direttore sportivo Maurizio Coconi e il medico federale Lorenzo Marugo hanno illustrato le sinergie tecnico-organizzative in essere, i programmi del quadriennio a breve e lungo termine - con particolare riferimento ai criteri di selezioni degli appuntamenti internazionali del 2013 e alle possibili novità tecniche al vaglio della Federation Internationale de Natation - e le linee guida da seguire nell'ambito della prevenzione e della lotta al doping.
L'incontro è durato circa un'ora e mezza ed è stato caratterizzato da una sentita e attenta partecipazione espressa con interventi che hanno generato un costruttivo confronto.
Pubblicato in News Nuoto
Testa in giù o testa in su, il talento, la compostezza, la determinazione, l'intensità continuano a rendere Federica Pellegrini la stella filante del nuoto italiano. Nella quarta giornata dei campionati assoluti primaverili Unipol, in svolgimento a Riccione, la divina illumina i 200 stile libero che nuota a memoria in 1'56"51 (27"85, 29"41, 29"63, 29"62), primo tempo mondiale stagionale dell'anno e addirittura meno di quanto segnato per il quinto posto olimpico a Londra (1'56"73). Un tempo che nuota con apparente facilità e senza allenamenti specifici che, però, non la induce a cambiare programmi: la stagione resta sabbatica, ai campionati mondiali di Barcellona non nuoterà i 200 stile libero individuali, ma dorso e staffetta. "Sono molto contenta del tempo; è venuto dopo tanti giorni di competizioni durante i quali ho dato tutta me stessa - racconta - Il dorso mi sta aiutando a mantenere un buon assetto dalla spinta del muro. Ho la sensazione di aver migliorato le apnee e mi sto divertendo. Gli ottimi risultati ottenuti nei 100 e 200 dorso sono un gran sospiro di sollievo dopo un 2012 difficile. Il 200 stile libero non era in programma. Non l'ho preparato perché non sto nuotando a stile libero, ma sono molto soddisfatta per la qualificazione della staffetta", che Federica Pellegrini nuoterà certamente ai campionati mondiali insieme ad Alice Mizzau, seconda in 1'58"67 e al di sotto del tempo limite di 1'59 richiesto per il posto da frazionista. "Tengo molto alla staffetta - conclude Pellegrini - Siamo le campionesse d'Europa e cercheremo di essere competitive come sempre".
Prestazioni "storiche" anche per Federico Turrini nei 200 misti (Esercito/Nuoto Livorno), per i "Morini" boys nei 1500 e per Marco Orsi nello sprint puro.
Il 25enne mistista livornese - che ha già vinto i 400 in 4'11"55 (passaggi in 58"29, 2'01"38, 3'13"22) col migliore tempo mondiale dell'anno che l'avrebbe portato sul podio agli ultimi europei e mondiali e i 200 dorso in 1'58"07 - s'impone nei 200 misti col primato personale di 1'58"86 (25"92, 29"65, 34"63, 28"63), quarta prestazione mai nuotata in Italia alle spalle dei tempi gommati di Alessio Boggiatto (1'58"33, 1'58"80, 1'58"81) ed inferiore all' 1'58"98 nuotato da Massimiliano Rosolino per la medaglia d'oro olimpica a Sydney 2000 che restava il riferimento in tessuto. Turrini, che aveva un precedente di 1'59"22, si inserisce al terzo posto della classifica mondiale stagionale alle spalle del cinese Wang Shun (1'57"50) e del giapponese Kosuke Hagino (1'57"68). "Sono contento di avere abbattuto la barriera dell' 1'59" - racconta - Un pensierino al record italiano l'avevo fatto, ma non posso che essere contentissimo di questi campionati che mi hanno trasmesso grande sicurezza. Sono un po' stanco, però sabato vorrei provare a nuotare i 200 stile libero sotto l' 1'50. Sarebbe bello riuscirci. Comunque prenderò ciò che verrà".
Continua a braccetto la crescita di Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro Roma/Coopernuoto) e Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Nuoto Lombardia), rispettivamente primo in 14'55"10 e secondo col personale di 14'58"78 nei 1500 e sotto al tempo limite iridato di 15'02.
Proiettati verso il primo campionato mondiale della carriera, Paltrinieri nuota per la quinta volta sotto il muro dei 15', Detti lo buca per la prima volta limando 3"67 al personale. "Volevo nuotare bene - racconta il 18enne modenese di Carpi, quinto alle Olimpiadi di Londra, campione europeo in vasca lunga e corta e vice campione mondiale indoor e dotato di un personale da 14'48"92 - Il 14'55 è abbastanza buono. Ho provato a partire forte sapendo che sarei morto alla fine perché in questo momento della stagione e della preparazione non potrei gestire la gara in maniera diversa. Cambiare ritmo mi sarebbe impossibile", conclude Paltrinieri che si piazza al secondo posto nelle liste mondiali stagionali alle spalle del cinese Sun Yang, autore di 14'48"10, e precede proprio Gabriele Detti, avanti allo statunitense Ryan Cochrane (14'59"73). "Sono molto contento di aver dato una bella spallata al muro dei 15' - continua il livornese d'argento nei 400 stile libero agli europei in vasca corta - Quest'anno siamo ancora impegnati con la scuola ed è dura conciliare nuoto e studio. Riusciamo a nuotare 10/12 km al giorno e nonostante tutto i risultati sono buoni e ne siamo soddisfatti. Preparare i campionati mondiali con la sicurezza del pass iridato sicuramente ci aiuterà". Trentasei anni in due; compagni di vita al centro federale di Ostia guidati dal tecnico federale Stefano Morini: la storia dei gemelli del mezzofondo si rinnova di evento in evento. "Per quest'anno stiamo svolgendo degli allenamenti che mirano alla qualità, con pochi chilometri sulle gambe che consentono ai ragazzi di conciliare nel miglior modo possibile gli studi che completeranno con il diploma - racconta il tecnico federale livornese - L'armonia che si è creata tra i due ragazzi ci dà la forza per affrontare anche questa stagione internazionale. Da settembre cominceremo a mettere fieno in cascina e nuoteremo 20 km al giorno come i grandi campioni internazionali: lavoro che stabilizzeremo tra due anni". 
Gran tempo ed emozioni al fulmicotone anche nei 50 stile libero che vince Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) buttando finalmente giù il muro dei 22", anche tempo limite iridato: si impone in 21"98 avanti al vice campione del mondo Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto), secondo in 22"03, e si inserisce al quarto posto delle liste mondiali stagionali dopo il francese Florent Manaudou (21"62), lo statunitense Adrian Nathan (21"70) ed il brasiliano Bruno Fratus (21"92). "Sono molto contento. Finalmente anche io sotto i 22 secondi - afferma il 22enne bolognese di Budrio che detiene il primato italiano gommato in 21"82 - Ho lavorato molto sulla partenza e sono riuscito ad esprimermi conciliando potenza e controllo". Tre centesimi dividono, invece, Luca Dotto dal tempo limite. "Essere battuto da Marco è un dispiacere relativo - afferma il padovano di Tombolo, ormai romano d'adozione, che tra una settimana compirà 23 anni e detiene il riferimento cronometrico in tessuto in 21"90 - Ci sfidiamo da quando siamo ragazzini. Ci rincorriamo. Ci stimoliamo. E' sempre una grande sfida. Mi sarebbe piaciuto scendere sotto i 22" come avvenuto agli assoluti di dicembre, ma sono discretamente soddisfatto della mia gara in relazione a condizione fisica e carichi di allenamenti".
Un centesimo di troppo divide Lisa Fissneider (Bolzano Nuoto) dal tempo limite nei 50 rana. La 18enne bolzanina - allenata al centro federale di Verona dal tecnico responsabile Tamas Gyertyanffy - si qualifica alla finale col tempo di 31"31 che non riesce a migliorare pur conquistando il titolo in 31"47. Un risultato comunque importante per l'azzurrina - operata per ridurre la frattura scomposta al capitello radiale del gomito sinistro a fine novembre - che riesce ad abbassare il personale che aveva stabilito a Lima il 17 agosto 2011 in 31"51 per la medaglia d'oro ai mondiali giovanili. Piccola rivincita anche per la doppia vice campionessa europea Arianna Barbieri (Fiamme Gialle/Azzurra 91), che vince i 50 dorso in 28"56 dopo aver sballato la prestazione nei 100 rimanendo però lontana da personali e tempi limite iridati.
Nelle staffette miste per società che hanno chiuso la penultima giornata di gare, successi di Esercito femminile (Carlotta Fiordoro 1'02"88, Michela Guzzetti 1'08"14, Laura Letrari 1'00"43, Erika Ferraioli 54"98) in 4'06"43 e del CC Aniene maschile (Matteo Milli 55"09, Edoardo Giorgetti 1'01"04, Piero Codia 51"88, Lorenzo Benatti 49"09) in 3'37"10.
 
consulta i risultati del pomeriggio e il riepilogo di atleti e staffette sotto al tempo limite iridato  
Pubblicato in News Nuoto
Infinita Federica Pellegrini. Non solo doppia il successo nel dorso. Non solo va sotto al tempo limite iridato di 2'09"50, ma sfiora il record italiano nei 200 per 2 centesimi. La divina chiude in 2'08"05 (30"93, 1'03"25, 1'35"55): miglior tempo di sempre nuotato con il costume in tessuto col mirino puntato sul primato assoluto che Alessia Filippi detiene dal2009 (Giochi del  Mediterraneo a Pescara). La Fede nazionale continua a ripetere che si sta divertendo, che nuota il dorso senza pressioni, ma il 2'08"05 è un tempo dalla dimensione internazionale che le avrebbe consentito di conquistare l'argento ai campionati europei di Budapest 2010 e di piazzarsi al quinto posto ai mondiali di Shanghai 2011 e al sesto posto alle Olimpiadi di Londra 2012 e, al momento, rappresenta la seconda prestazione mondiale stagionale alle spalle dell'olimpionica statunitense Missy Franklin, autrice di 2'07"31. Peraltro dal meeting Città di Milano di marzo ad oggi ha buttato giù 2"94 dal personale. Che potrà succedere nei prossimi mesi? E' la domanda che noi ci poniamo con ottimismo ed eccitazione e che le avversarie internazionali si pongono con preoccupazione. "Sono sorpresissima del tempo - dichiara la campionessa di tutto dei 200 stile libero, nonché primatista mondiale di 200 e 400 stile libero, che ha nuotato la distanza per la seconda volta in carriera - Speravo di ottenere il tempo limite, ma tentare il record italiano lo ritenevo un sogno. Questo risultato è frutto degli allenamenti di Philippe Lucas, della preparazione fisica con Matteo Giunta, della mia costanza e dei consigli di Roberta Ioppi. Mi è sempre stata vicina con tanti piccoli suggerimenti da quando ho iniziato questa avventura. Sto nuotando il dorso per divertimento. Sono contenta per il pass iridato. Poi a Barcellona vedremo che succederà".
La giornata - tutta al femminile - riserva anche l'ennesima prova autorevole di Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) che vince i 100 farfalla in 58"14 (frazioni 27"11 - 31"03), terzo tempo della sua carriera e superiore solo al record italiano di 57"27 e al 57"79 nuotati alle Olimpiadi di Londra per il quinto posto. "Sono contenta - afferma la 23enne di Castel San Pietro Terme campionessa mondiale ed europea indoor della specialità -  Ci avevo già provato in batteria ma ero troppo rigida. Sapevo di avere il tempo nelle braccia e l'ho ottenuto. Adesso sono in pace con me stessa. Potrò lavorare con serenità sino ai campionati mondiali di Barcellona, che affronterò senza timori e con le esperienze che ho maturato dalle Olimpiadi in poi".
Sotto al tempo per i campionati mondiali anche Stefania Pirozzi (Fiamme Oro Napoli/CC Napoli), che vince i 400 misti col primato personale di 4'39"79 (1'03"48, 2'15"67, 3'36"71) che le consente di infrangere il muro del 4'40, peraltro limite iridato. Con questo tempo la 19enne beneventana di Apollosa, che si allena a Napoli con Lello Avagnano, lima 69/100 al personale e diventa la seconda azzurra a nuotare sotto al 4'40 dopo Alessia Filippi, detentrice delle migliori nove prestazioni italiane (dal 4'34"34 al 4'39"58). "Ho lavorato tanto quest'anno - afferma Pirozzi, sempre convocata in Nazionale dai campionati europei del 2012 e vice campionessa europea agli europei indoor nei 200 farfalla - Sui 200 delfino c'ho provato ma sapevo che era difficile. I 400 misti sono più confacenti alle mie caratteristiche e conosco meglio la gara. A 300 metri ho visto il tempo e ho capito che avrei potuto ottenere il tempo limite per i campionati mondiali. Ci sono riuscita e ne sono molto felice. Tutti gli anni arrivo sempre strisciando al Sette Colli per agguantare il pass. Finalmente ho anticipato i tempi e posso preparare con maggiore serenità la competizione più importante dell'anno".
Nelle altre finali successi di Piero Codia (CC Aniene) nei 50 farfalla in 23"72 dopo il personale in batteria di 23"69, di Samuel Pizzetti (Carabinieri/Nuotatori Milanesi) nei 400 stile libero che con il 3'48"44 precede Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Nuoto Lombardia), in ritardo di 7/100 col primato personale, e di Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) che bissa la vittoria dei 400 misti con i 200 dorso nuotati col personale di 1'58"07.
In chiusura record di società per le Fiamme Oro Roma con la 4x100 stile libero in 3'16"54 con i frazionisti Luca Leonardi (49"08), Stefano Mauro Pizzamiglio (49"60), Lucio Spadaro (49"63) e Marco Orsi (48"23). Il precedente limite era il 3'16"88 che la Larus deteneva dal 20 giugno 2011 con le frazioni di Luca Dotto, Michele Santucci, Filippo Barbacini e Filippo Magnini, nel pomeriggio autore del 49"15 che ha aperto la staffetta della SMGM Team Lombardia seconda in 3'18"13. Titolo della 4x200 femminile all'Esercito in 8'10"53 con Alice Nesti (2'01"09), Martina De Memme (2'00"98), Alice Carpanese (2'01"97) ed Erika Ferraioli (2'06"49).
Alle gare ha assistito anche il Presidente del CONI Giovanni Malagò, in tribuna al fianco del Presidente della Federnuoto Paolo Barelli, del Sindaco della Città di Riccione Massimo Pironi e del Presidente della Polisportiva Riccione Giuseppe Solfrini. "E' come sempre un piacere essere qui - ha dichiarato il Presidente Malagò -  A Riccione sono stati lungimiranti. Questo impianto è un fiore all'occhello della città che ha combinato turismo e sport valorizzando l'integrazione sul territorio. Sono tanti anni che non perdo questo appuntamento. La stagione del nuoto comincia a marzo/aprile. I primaverili qualificano alla manifestazione internazionale di riferimento. Desideravo anche stare vicino ai miei ragazzi del CC Aniene. Ho visto belle gare. Con tanti ragazzi protagonisti. E poi avevo promesso a Federica Pellegrini di assistere ai 200 dorso".
    
consulta i risultati delle batterie
  
consulta i risultati delle finali e il riepilogo di atleti e staffette sotto al tempo limite iridato
Pubblicato in News Nuoto
Pagina 1 di 2

Ultimi 4 articoli NUOTO