Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Eventi Master

23
Feb
2019
Campionati Italiani Indoor di Nuoto Sincronizzato Master





25
Giu
2019
Campionati Italiani Estivi Masters di Nuoto





04
Lug
2019
Campionati Italiani Estivi di Tuffi Master e Propaganda





13
Lug
2019
Campionati Italiani Estivi di Nuoto Sincronizzato Master





Articoli filtrati per data: Ottobre 2014 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

Come anticipato recentemente il nuovo regolamento prevede che nella stagione 2014-2015 contribuiranno alla classifica di società, oltre ai punteggi delle staffette svolte nel corso dei Campionati Italiani, anche i punteggi delle staffette 4x50 di sei specialità. La 4x50 stile libero e la 4x50 mista maschile e femminile, la 4x50 stile libero e 4x50 mista mista (umini e donne) ottenuti in vasca da 25 metri nella stagione invernale e nel corso di specifiche manifestazioni. In particolare verrà considerato, ai fini del Campionato di Società, il punteggio conseguito da ciascuna società in ogni specialità e categoria, purché le staffette invernali siano svolte nelle rispetto delle seguenti condizioni:

- dovranno essere effettuate nei mesi di gennaio, febbraio e marzo e aprile;
- dovranno essere programmate e direttamente gestite dal Comitato Regionale nel corso o dei Campionati Regionali o di altre manifestazioni che diano adeguate garanzie di qualità;
- in una manifestazione, ogni atleta potrà partecipare ad ogni tipologia di staffetta ma in una sola categoria per ognuna;
- i risultati dovranno essere trasmessi dal Comitato Regionale, completi dei nomi degli staffettisti in un formato che verrà comunicato successivamente;
- il programma delle staffette invernali dovrà essere comunicato dai Comitati Regionali entro il 15 dicembre.

Cerchiamo ora di offrire dei chiarimenti sulle motivazioni che hanno portato alla stesura di un tale regolamento che ha tenuto conto sia dei suggerimenti emersi da più parti negli ultimi mesi, sia delle diverse realtà territoriali e dei relativi vincoli organizzativi.
L’ideale sarebbe stato che poter prevedere in ogni Campionato Regionale lo svolgimento di tutte le staffette 4x50. Evidentemente una tale ipotesi, che avrebbe comportato un significativo ampliamento del programma gare, sarebbe stata incompatibile con la reale disponibilità di impianti in gran parte del territorio nazionale.
Per questo motivo si è data la possibilità ai Comitati Regionali di individuare - nel periodo gennaio-aprile - delle manifestazioni del circuito con adeguate garanzie organizzative in cui svolgere parte o tutte le staffette 4x50, sempre tuttavia sotto l’egida ed il controllo del Comitato di appartenenza.
Perché gennaio-aprile? Da gennaio per garantire a tutte le società la possibilità di schierare la loro miglior formazione. Vale la pena ricordare che l’età complessiva di una formazione è determinata in base alla somma delle età di ogni staffettista e calcolata relativamente all’anno di nascita: una formazione con tre atleti nati nel 1964 ed un atleta nel 1965 fino a dicembre 2014 somma 199 anni (cat. 160-199), mentre da gennaio 2015 somma 203 anni e rientra nella categoria 200-239. Il limite di aprile è stato posto per garantire un periodo ampio ma non “infinito” e perché, a partire dal mese di maggio, quasi tutte le competizioni sono in vasca da 50, mentre per le staffette invernali è previsto lo svolgimento in vasca da 25 metri.
Veniamo ora al vincolo della vasca da 25. Si potrebbe obiettare che alcuni Campionati Regionali si volgono in vasca di 50 (una grande minoranza per il vero) e tale regola impedisce di organizzare le staffette nel corso dei Campionati ed inoltre il sistema dei punteggi di fatto tende a calmierare le prestazioni tra vasca da 50 mt e vasca da 25.
Quest’ultima considerazione, quantunque valida per le gare individuali (anche se parzialmente), non assume rilevanza nel caso delle staffette in quanto non si prende in considerazione il miglior risultato di una intera stagione (con alternanza di più gare, in vasca da 50 e da 25) bensì il risultato puntuale di una specifica manifestazione. Ciò imponeva di introdurre una condizione che ponesse tutti sullo stesso piano adeguandosi alla maggioranza dei casi presenti sul territorio nazionale. Un esempio può chiarire meglio quanto esposto. Staffetta 4x50 MX Mi categoria 240; tempo ottenuto 2.45.00; punteggio in vasca da 25 metri e 840 punti; punteggio in vasca da 50 metri e 828 punti Questo esempio dimostra che nel campo delle staffette 4x50, in presenza di un tempo di fatto migliore perché realizzato in vasca lunga, la vasca da 50 rappresenta uno svantaggio in quanto i punteggi base sono inferiori rispetto alla vasca corta in ragione di una maggiore frequentazione, a livello internazionale, della vasca da lunga per questo tipo di gare. E questo fenomeno è presente in ben 18 casi su 39.
Riguardo il fatto che in alcune Regioni i campionati sono organizzati in vasca lunga, c‘è da osservare che proprio per questo motivo è stato individuato un arco temporale ampio di quattro mesi nel quale svolgere le staffette appoggiandosi ad una o più manifestazioni in calendario nel periodo. Un’ultima considerazione. Da quanto esposto appare evidente che le staffette 4x50 previste dal regolamento, qualora non svolte nel corso dei Campionati Regionali, debbano intendersi come un’estensione degli stessi e quindi programmate – ai fini del Campionato di Società – una sola volta.

di Claudio Tomasi

Il ruolo delle staffette

Pubblicato in News Master

Ultimi 4 articoli MASTER