Martedì, 25 Giugno 2013

Giochi del Mediterraneo. Italia nella storia

L'Italnuoto aggiorna la storia, conquista 4 ori, un argento e 3 bronzi, stravince il medagliere per nazioni e stabilisce il record numerico di medaglie conquistate in una sola edizione dei Giochi del Mediterraneo. Superata Latakya 1987 con 20 ori, 18 argenti e 12 bronzi contro 24-13-8: 50 medaglie contro 45 anche se in Siria le vittorie furono di più. 
I successi ottenuti inoltre proiettano il nuoto ai vertici del medagliere italiano per disciplina (comprese quelle dimostrative) con 179 ori, 142 argenti e 122 bronzi per 443 medaglie in attesa dell'atletica, in gara da mercoledì, che segue con 154-143-101 per 398 medaglie.
Il primo successo italiano nella sessione pomeridiana dell'ultima giornata di gare alla piscina olimpica di Mersin è di Michela Guzzetti nei 50 rana in 31"51, a un centesimo dal primato personale segnato agli Internazionali di Nuoto / 50° Settecolli. Bronzo a Giulia De Ascentis in 32"27, con 23 centesimi di ritardo dalla turca Dilara Buse Gunaydin (32"04).
Suona l'inno di Mameli anche per Stefania Pirozzi, che s'impone nei 200 farfalla in 2'09"83 e sale sul podio insieme a Emanuela Albenzi di bronzo col primato stagionale di 2'13"19. Tra loro la slovena Anja Klinar (2'10"79).
Finale tutto azzurro con le staffette miste. Matteo Milli (55"56), Andrea Toniato (1'01"27), Piero Codia (51"98) e Gianluca Maglia (49"44) vincono in 3'38"25 avanti a Grecia (3'40"66) e Turchia (3'41"58); Elena Gemo (1'01"92), Giulia De Ascentis (1'09"38), Elena Di Liddo (58"39) e Silvia Di Pietro (54"90) si impongono in 4'04"58 precedendo Spagna (4'08"84) e Grecia (4'08"95).
Nel mezzo l'argento di Andrea Toniato in 27"81 nei 50 rana vinti dallo sloveno Damir Dugonjc (27"63), con Mattia Pesce fuori dal podio per due centesimi di troppo rispetto al serbo Caba Siladji (27"93 contro 27"95), e il bronzo di Francesco Pavone nei 200 farfalla in 1'57"93 dominati dal serbo Velimir Stjepanovic (1'56"19) seguito dal greco Stefanos Dimitriadis (1'57"81).
Si chiude il nuoto ai Giochi del Mediterraneo. L'Italia torna a casa con 50 medaglie.
Fatta la storia, ora si pensa a Universiadi, Europei juniores e Campionati Mondiali. "L'edizione è stata esaltante per le tante medaglie conquistate che hanno consentito alla squadra di stabilire un record che resterà nella storia dei Giochi del Mediterraneo - racconta il direttore tecnico Cesare Butini - Al di là dell'importante risultato ottenuto, tutti gli atleti si sono sacrificati proseguendo le tabelle di allenamento malgrado avessero le finali il pomeriggio e questo atteggiamento denota disponibilità, personalità e maturità sportiva. In una competizione dove i toni agonistici non erano molto elevati, i ragazzi hanno gareggiato motivati e hanno registrato prestazioni rilevanti, tra cui spiccano l' 1'59"65 di Martina De Memme nei 200 stile libero e il 48"88 di Luca Leonardi nei 100 stile libero, le conferme delle giovani Ambra Esposito e Margherita Panziera e la continuità di condizione di Silvia Di Pietro ed Erika Ferraioli. Ringraziamo il CONI per la disponibilità dimostrata in fase di programmazione e per il sostegno organizzativo che ci ha consentito di onorare la manifestazione senza trascurare la preparazione in vista di Universiadi, Europei giovanili e Mondiali di Barcellona".
Seguono i podi e i piazzamenti degli Azzurri nella sessione pomeridiana di martedì.

50 rana mas
1. Damir Dugonjc (Slo) 27"63
2. Andrea Toniato 27"81
3. Caba Siladji (Srb) 27"93
4. Mattia Pesce 27"95

50 rana fem
1. Michela Guzzetti 31"51
2. Dilara Buse Gunaydin (Tur) 32"04
3. Giulia De Ascentis 32"27

200 farfalla mas
1. Velimir Stjepanovic (Srb) 1'56"19
2. Stefanos Dimitriadis (Gre) 1'57"81
3. Francesco Pavone 1'57"93
6. Gherardo Bruni 2'00"25

200 farfalla fem
1. Stefania Pirozzi 2'09"83
2. Anja Klinar (Slo) 2'10"79
3. Emanuela Albenzi 2'13"19

4x100 mista mas
1. Italia 3'38"25
Matteo Milli 55"56, Andrea Toniato 1'01"27, Piero Codia 51"98 e Gianluca Maglia 49"44
2. Grecia 3'40"66
3. Turchia 3'41"58

4x100 mista fem
1. Italia 4'04"58
Elena Gemo 1'01"92, Giulia De Ascentis 1'09"38, Elena Di Liddo 58"39 e Silvia Di Pietro 54"90
2. Spagna 4'08"84
3. Grecia 4'08"95

Medagliere del nuoto
(prime cinque posizioni)
ITALIA 20 - 18 - 12 = 50
Serbia 5 - 0 - 1 = 6
Francia 3 - 3 - 4 = 10
Slovenia 3 - 3 - 1 = 7
Grecia 2 - 5 - 5 = 12

Medagliere compresi 100 sl paralimpici
(prime cinque posizioni)
ITALIA 20 - 19 - 12 = 51
Serbia 5 - 0 - 1 = 6
Spagna 3 - 5 - 7 = 15
Francia 3 - 3 - 5 = 11
Slovenia 3 - 3 - 1 = 7

consulta i convocati

consulta i risultati ufficiali