Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Martedì, 18 Luglio 2017

Daniela De Rossi. Il nuoto per rinascere

Campionessa nello sport e nella vita: un concentrato di coraggio, forza e semplicità e una grande passione il nuoto. Daniela De Rossi, tredici anni ancora da compiere, ha vinto quattro medaglie ai Giochi mondiali per i trapiantati, che si sono svolti a Malaga, in Spagna,lo scorso giugno: due ori nei i 100 stile libero e nei 100 delfino, un argento nei 50 farfalla e un bronzo nei 200 stile libero. Una vittoria doppia per questa ragazzina romana che il 16 febbraio del 2016 uscì dalla sala operatoria del policlinico Umberto I trapiantata di un rene, donatole dalla madre Monica, dopo due anni di dialisi: 12 ore al giorno, tutti i giorni. Daniela è vittima di una rara malatttia autoimmune che si chiama glomerulo sclerosi focale segmentale, riscontratale nel 2012 in seguito a degli esami medici sportivi che le dovevano dare l’ok per l’attività agonistica. Invece arrivò un drammatico stop, non solo sportivo. Poi i medici sono riusciti a ristabilizzarla per poterla avviare al trapianto di rene da vivente.
"Adesso mi sento bene - spiega Daniele - e mi auguro che il peggio sia passato. Il nuoto è la mia passione: lo pratico dall'età di quattro anni. Ho iniziato a gareggiare molto presto, vincendo parecchie medaglie. Quando mi sono dovuta fermare, a causa della malattia, è stato un duro colpo per me: questi successi rappresentano la mia rinascita". Ma non finisce qui per la tredicenne romana - seguita da Andrea Pavan che l'allena alla scuola federale Sport 2000 al To live SportsCenter- , nel mirino ci sono gli Europei 2017 in programma a Cagliari e le Olimpiadi del 2019 a Newcastle. "Da settembre riprenderò la preparazione, nel frattempo mi guarderò in televisione i Mondiali di Budapest, tifando sfrenatamente per gli azzurri". Per Daniela un sogno conoscerli: a esaudirlo c'ha pensato al Federazione Italiana Nuoto che lunedì l'ha invitata al Centro Federale di Ostia per farle trascorrere una mattinata con la nazionale, alla vigilia della partenza per la rassegna iridata: a farle gli onori di casa il responsabile nazionale dei centri federali Paolo Borroni, il direttore tecnico Cesare Butini e il presidente del comitato regionale FIN Lazio Giampiero Mauretti. "Vedere da vicino Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Filippo Magnini e Luca Dotto - conclude la giovane campionessa di Roma - è un'emozione unica: uno stimolo per continuare a inseguire traguardi sempre più grandi nel nuoto".

paoloborroni292929221212
Daniela De Rossi con il CT Cesare Butini, il presidente del CR Lazio Giampiero Mauretti, Simona Quadarella, Filippo Magnini e il responsabile nazionale dei centri federali Paolo Borroni

Archivio notizie