Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Maggio 2017 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

La terza e ultima giornata di “Arena Acquamica” è dedicata agli alunni delle classi seconda elementare sezione A dell’Istituto Comprensivo Borsi di Milano, vincitori del progetto e della seconda F della scuola primaria Leonardo da Vinci di Milano, già protagonista di alcuni progetti con il Comitato Regionale FIN Lombardia. Cinquanta bambini, affiancati dagli istruttori federali e con loro la vice campionessa olimpica, campionessa mondiale ed europea Tania Cagnotto, che dieci giorni fa a Torino si è ritirata dall’attività agonistica Un’occasione speciale per festeggiare tutti insieme la migliore tuffatrice italiana di sempre. “Arena Acquamica – dice Tania Cagnotto – è un progetto fondamentale per avvicinare i bambini alle discipline acquatiche e allo sport in generale. Grazie a questa iniziativa i più piccoli possono prendere confidenza con l’acqua e ciò rappresenta un aspetto importante in tantissime situazioni, ad esempio quando si è in vacanza al mare. Avere un buon rapporto con l’acqua porta tantissimi benefici sotto molti punti di vista, quello fisico innanzitutto, ma penso anche agli aspetti psicologici ed emotivi”.
Qualche esercizio per prendere confidenza con l’acqua e muoversi in sicurezza e soprattutto tanti giochi per scoprire il piacere di divertirsi facendo attività motoria. Tante le attività proposte per avvicinare i piccoli alle discipline acquatiche, fra le quali il nuoto per salvamento al fine di scoprire come il torpedo (il giubbotto di salvataggio) sia utile tanto per gareggiare, quanto per il soccorso. Le altre due tappe di "Arena Acquamica" si sono svolte a Roma il 10 e a Firenze il 15 maggio.

Arena Acquamica, che quest’anno è aperta anche ai più piccoli che frequentano le scuole materne, mette al centro la relazione tra l’identità dei bambini e l’acqua. Il focus di questa quarta edizione è quello di coinvolgere l’intera famiglia e avvicinarla al mondo delle piscine e del nuoto. Sono 1000 le classi coinvolte tra scuole materne e primarie per un totale di 25.000 famiglie raggiunte; tutti gli istituti partecipanti hanno ricevuto il kit didattico contenente i poster interattivi e il materiale di promozione dell’iniziativa per l’insegnante e le famiglie. Ai bambini è stato chiesto di illustrare “La mia prima volta in acqua” attraverso un disegno e un breve testo: tantissimi gli elaborati ricevuti e i più meritevoli, selezionati da un’apposita giuria, verranno premiati con la partecipazione alle feste dell’acqua, in occasione delle quali riceveranno la t-shirt dell’iniziativa oltre alla cuffia arena Acquamica distribuita a tutti i bambini partecipanti.

Pubblicato in News Federazione

Si è spento questa mattina all’Ospedale civile di Pescara, dov'era stato ricoverato per problemi cardiaci, Gabriele Pomilio, 79 anni, nato a Francavilla al Mare il 25 maggio 1938, consigliere federale dal 1989 al 2001 e responsabile delle squadre Nazionali di pallanuoto fino al 1998, fondatore della pallanuoto abruzzese, presidente e general manager della società Cus D'Annunzio Pescara - poi diventata Pescara Sport - che si è laureata campione d'Italia nel 1987, '97 e '98, conquistato 5 Coppa Italia, una Coppa dei Campioni, due Supercoppe, tre Coppe delle Coppe e una Coppa LEN; imprenditore di successo, fondatore dell'Associazione Waterpolo Development e dell'Associazione Waterpolo People. All’obitorio dell’Ospedale Santo Spirito di Pescara è allestita la camera ardente.
Da dirigente federale, Gabriele Pomilio, ha avuto il grande merito di portare in Italia il tecnico croato Ratko Rudic che con il suo Settebello ha regalato i maggiori successi alla pallanuoto azzurra. Da responsabile delle squadre Nazionali ha vinto l'oro olimpico a Bercellona '92, i mondiali di Roma '94, gli europei a Sheffield '93 e Vienna '95, i Giochi del Mediterraneo in Grecia nel '91 e Francia nel '93, la Coppa FINA ad Atene '91 e la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Atlanta 1996 con la squadra allenata da Rudic; conquistato le medaglie d'argento agli Europei e Giochi del Mediterraneo nel 2001 con Alessandro Campagna alla guida del Settebello. E' stato l'ideatore, con Rudic e Alfio Flores, del campionato della waterpolo in mare con i campi gonfiabili e nel maggio del 1995 ha promosso il primo mondiale di beach waterpolo.
Da ragazzo ha giocato a pallanuoto in serie C con il Pescara, in serie B con il Civitavecchia e in serie A con la AS Roma, allenata nel 1959/60 da Cesare Rubini, insieme al centroboa Carlo Pedersoli.   

Il presidente della FIN Paolo Barelli, i presidenti onorari Salvatore Montella e Lorenzo Ravina, i vicepresidenti Andrea Pieri, Francesco Postiglione e Teresa Frassinetti, il segretario generale Antonello Panza, il consiglio e gli uffici federali, il presidente del GUG Roberto Petronilli, i dirigenti e tecnici federali delle squadre nazionali di pallanuoto e tutto il movimento degli sport acquatici formulano le più sentite condoglianze alla moglie Marizia, ai figli Amedeo, campione olimpico a Barcellona '92, campione mondiale ed europeo e plurimedagliato con il Settebello di Ratko Rudic e attuale assistente tecnico del CT della Nazionale Alessandro Campagna, Franca e Paola, ai familiari ed amici e tutti coloro i quali hanno avuto il privilegio di conoscerlo.

18582639 1451152381610794 7365766794008376783 n  

Pubblicato in News Federazione

Da oggi Verona ha una piazza in più rivolta allo sport. La grande rotonda antistante lo Stadio “Bentegodi” è stata intitolata a Gherardo Cametti, educatore e promotore dello sport. Questa mattina il sindaco Flavio Tosi e l’assessore allo sport Alberto Bozza hanno scoperto la targa. Largo Gherardo Cametti (1907 – 1992) è sito nell’intersezione tra via Sogare, via Pirandello, via Da Vinci e Piazzale Olimpia. La figura di Gherardo Cametti, peraltro illustrata nella targa di bronzo installata nell’aiuola fronteggiante la targa toponomastica, è stata ricordata dal figlio Camillo Cametti, anche a nome dei fratelli Silvio, Luciano, Carlo, Gianfranco, Lucia e Laura, tutti sportivi e da Gaetano Dalla Pria, presidente dell’Associazione Azzurri d’Italia della Sezione di Verona che fu allievo del professor Cametti. Presenti alla cerimonia, con i labari delle rispettive associazioni, anche il direttore del Centro Federale di Alta Specializzazione di Verona “Alberto Castagnetti” Alberto Nuvolari, il presidente dei Veterani Sportivi Veronesi Pierluigi Tisato, il delegato provinciale del CONI Stefano Gnesato, Gaudio Pedalino in rappresentanza della Fondazione “Bentegodi”, Arnaldo Baruffolo presidente dell’Associazione “Cangrandi” Rugby e Carla Riolfi, segretaria del Panathlon Club di Verona.

image001

GHERARDO CAMETTI

Educatore e Promotore dello Sport
Nato a Roncà (VR) l’8 agosto 1907, morto a Verona il 7 novembre 1992.

Appassionato di sport sin da giovanissimo, nei primi Anni Venti fu tra i primi in Italia a praticare lo sci, appreso alla Scuola Militare di Aosta, durante i tre anni trascorsi per diventare Ufficiale degli Alpini. Nel 1929 fu tra i primi , e i migliori, diplomati dell’Accademia Nazionale di Educazione Fisica della Farnesina a Roma. Iniziò subito l’attività di Professore di Educazione Fisica, alla quale ben presto affiancò l’incarico di Responsabile dello sviluppo e dell’organizzazione dell’ Educazione Fisica e Ginnico - Sportiva nella Provincia di Verona, affidatogli per la sua autorevole competenza.
Pochi anni dopo la fine della Seconda Guerra mondiale fu il primo a ricoprire l’incarico di Coordinatore di Educazione Fisica presso il Provveditorato agli Studi di Verona. Iniziò da subito un’intensa attività per la promozione di numerosi sport, in particolare dell’Atletica Leggera, del Rugby, sport allora sconosciuto a Verona, e del Nuoto. A lui si deve l’organizzazione dei primi corsi di nuoto per gli alunni delle scuole.
Parallelamente svolse un’intensa attività di Giudice di Atletica Leggera e di Ginnastica, entrando ben presto nei massimi ruoli nazionali. Si affermò anche come Cronometrista di grandi capacità, tanto da essere designato nel ristretto gruppo dei cronometristi ufficiali per le gare di velocità dell’ Atletica Leggera alle Olimpiadi di Roma, nel 1960, dove fermò il suo cronometrò sullo spettacolare tempo di 20” e 5 che valse all’azzurro Livio Berruti la vittoria della medaglia d’oro nei 200 metri piani. Come cronometrista Gherardo Cametti fu attivo per mezzo secolo. Si distinse anche nel cronometrare innumerevoli rally automobilistici, nazionali e internazionali, gare di sci e di nuoto e partite di pallanuoto, e ottenne la qualifica di Cronometrista Benemerito.
Fu anche membro della Commissione dell’I.C. “M. Bentegodi” e fece parte del Comitato Organizzatore per le celebrazioni del Centenario dell’Istituzione. Nel 1981 l’Amministrazione Comunale di Verona onorò la sua attività di Educatore e Promotore dell’Educazione Fisica e dello Sport conferendogli il premio “Un esempio per Verona”, un riconoscimento al merito sportivo.

Foto di Nicolò Carello

Pubblicato in News Federazione

La piscina del Chianti di San Casciano a Firenze ospita la seconda giornata dell’iniziativa Arena Acquamica. Il progetto scolastico nazionale è dedicato all’avvio all'acquaticità e sviluppato da Arena in collaborazione con la Federazione Italiana Nuoto e Kinder+Sport. Protagonisti i bambini della scuola primaria che hanno trascorso la giornata con i campioni del nuoto Matteo Restivo e Lorenzo Zazzeri e assistito all'esibizione di nuoto per salvamento. Grande estusiasmo per i cani da salvataggio Giotto, Goccia e Feo. Un terranova (Giotto) e due labrador che fanno parte dell'Unità Cinofila della FIN-Salvamento. Dopo l’esordio al Foro Italico di Roma il 10 maggio, le prossime città interessate saranno Milano il 24 maggio e Cosenza il 30 maggio.

LORENZO ZAZZERI

1

Nato a Firenze il 9/08/1994
Allenatore Fabrizio Verniani
Velocista toscano, specializzato nei 50 stile libero (Settimo performer italiano con 22’’18) e nei 100
stile libero (dodicesimo performer italiano in 48’’96), detto “Il Magnifico” oltre al nuoto ha un’altra
grande passione: il disegno. Il futuro è suo ma il sogno per il presente è la qualificazione per i
Mondiali di Budapest da strappare al 54esimo trofeo Settecolli.

MATTEO RESTIVO

2

Nato a Udine il 4/11/1994
Allenatori Paolo Palchetti e Fabrizio Verniani
Da tre anni si è trasferito a Firenze, dove nuota con la Florentia Nuoto Club e studia medicina con
specializzazione in cardiologia. Lo scorso 6 aprile ai campionati assoluti primaverili di Riccione ha
stabilito il nuovo record italiano nei 200 dorso in 1’56’’55, cancellando l’1’56’’91 che Damiano
Lestingi nuotò il 5 marzo 2009 in gommato. I suoi amici di Udine lo seguono sempre nelle sue gare
e sono pronti a fare il tifo per lui anche ai Mondiali di Budapest in programma dal 23 al 30 luglio.





Pubblicato in News Federazione

Al congresso annuale della Ligue Europeenne de Natation - tenutosi a Marsiglia, in Francia - i delegati hanno approvato le relazioni del presidente Paolo Barelli e del tesoriere Tamas Gyarfas e hanno garantito sostegno unanime al presidente Paolo Barelli che ha presentato la candidatura alla presidenza della Federation Internazionale de Natation, le cui elezioni si svolgeranno il 22 luglio a Budapest, sede dei prossimi campionati mondiali delle discipline acquatiche.

Il presidente Paolo Barelli ha illustrato i prestigiosi risultati ottenuti negli ultimi anni dagli atleti europei, finanche ai campionati mondiali di Kazan nel 2015 con oltre il 50% delle medaglie in palio e con 49 medaglie alle Olimpiadi di Rio de Janeriro quanto nessun altro continente.

Il presidente Paolo Barelli ha attribuito i relativi meriti al duro lavoro svolto dalle federazioni nazionali e al sostegno assicurato dalla LEN grazie alla solida base finanziaria costruita negli ultimi anni; come successivamente evidenziato dal tesoriere Tamas Gyarfas che ha determinato in 1,6 milioni di euro i contributi alle federazioni. Tale importo crescerà nei prossimi anni ed è stato lanciato anche un programma speciale per promuovere lo sviluppo delle federazioni più piccole.

"Come sempre gli atleti e le federazioni nazionali sono al centro di LEN, daremo loro sempre più supporto", ha detto Paolo Barelli. "Siamo anche impegnati ad implementare e migliorare la nostra organizzazione. Penso che questo sia già evidente, come testimonia l'assegnazione dei nostri eventi più importanti fino al 2020 e l'approfondimento delle candidature per il 2022 e oltre".

Il presidente Paolo Barelli ha poi aggiunto che le future strategie del bureau della LEN comprendono la creazione di eventi sportivi al massimo livello possibile, migliorando le tecnologie nel trattamento dei dati, la copertura televisiva e la promozione, continuando a supportare la formazione e crescita degli atleti europei e cercando di rendere gli sport acquatici le discipline più praticate d'Europa.

Il presidente Paolo Barelli ha infine condiviso alcuni dettagli relativi alla candidatura al vertice mondiale, fornendo anche le ragioni che l'hanno indotto a ricorre al TAS per il tentativo effettuato dai vicepresidenti della FINA provenienti da altri continenti di influenzare l'esito delle elezioni del LEN. Tra le priorità figurerebbero il maggiore sostegno - incluso un contributo economico eccezionale - alle Federazioni nazionali e soprattutto ai paesi in via di sviluppo e alle organizzazioni continentali; la piena trasparenza e governance del management; la determinazione del limite di mandati per il Presidente della FINA e per i membri del bureau e limiti di età; la netta separazione dei poteri tra gli organi ad indirizzo politico e giudicanti.

"Se sarò eletto presenterò un piano chiaro per lottare in modo aggressivo contro ogni forma di alterazione dei principi di un comportamento equo, e per combattere il doping in ogni forma, modo e livello", ha sottolineato il presidente Paolo Barelli che poi ha indicato in Christa Thiel e Fernando Carpena i candidati da sostenere al prossimo congresso della FINA per accedere al bureau.

La sessione si è conclusa con i comitati organizzatori di Copenhagen (europei in vasca corta del prossimo dicembre), Barcellona (europei di pallanuoto nel 2018) e Glasgow (sede degli europei di nuoto, tuffi, sincro e fondo del 2018) che hanno illustrato lo sviluppo dei lavori in corso, seguiti da Budapest che nel prossimo luglio ospiterà i campionati mondiali che si svolgeranno per la terza edizione consecutiva in Europa dopo Barcellona 2013 e Kazan 2015.

LEN President LC01245

Pubblicato in News Federazione
Mercoledì, 10 Maggio 2017

Arena Acquamica. Prima tappa a Roma

La prima Festa dell’Acqua edizione 2016/2017 del progetto “Arena Acquamica”, sviluppato da Arena in collaborazione con Federazione Italiana Nuoto e Kinder+Sport, ha visto tuffarsi in acqua i bambini delle classi 1°B e 2°D elementare dell’Istituto Comprensivo via Soriso di Roma, accompagnati dai campioni della nazionale di nuoto sincronizzato Manila Flamini e Giorgio Minisini, argento europeo a Londra nel 2016 e bronzo mondiale a Kazan nel 2015 nel duo misto, e dagli istruttori federali. Qualche esercizio per prendere confidenza con l’acqua e muoversi in sicurezza, ma soprattutto tanti giochi per scoprire il piacere di divertirsi facendo attività motoria.
I bambini hanno avuto il piacere  di conoscere e di divertirsi in acqua con i campioni dell’Italsincro, protagonisti e vincitori della Coppa Europa 2017 di Cuneo; e l’occasione di conoscere questa disciplina sportiva attraverso la passione e i racconti dei campioni, oltre ad assistere a una piccola esibizione.
Cosa pensano i testimonial del tema centrale dell’iniziativa: “Avvicinare ed educare i più piccoli all’acqua”.
Manila Flamini, capitano della nazionale di nuoto sincronizzato: “Questo progetto è molto importante perché sono convinta che avvicinare i bambini a uno sport come il nuoto possa far bene alla formazione del loro carattere, del fisico e della mente. Superare la paura dell’acqua può aiutare a superare altre paure”.
Giorgio Minisini: “Essere campioni non è solo vincere medaglie ma anche promuovere il proprio sport. E’ sempre un piacere partecipare a questi eventi di promozione, soprattutto con i bambini di quest’età, perché quando si è giovani si può diventare tutto quello che si vuole e c’è più possibilità di creare i nuovi futuri campioni. Iniziare col gioco è importante, queste occasioni per avvicinare i bambini al mondo dell’acqua e far scoprire che non c’è nulla di cui aver paura sono sempre fonte di grande entusiasmo”. Arena Acquamica - quest’anno aperta anche ai più piccoli che frequentano le scuole materne - mette al centro la
relazione tra l’identità dei bambini e l’acqua. Il focus di questa quarta edizione è quello di coinvolgere l’intera famiglia e avvicinarla al mondo delle piscine e del nuoto.
1000 le classi coinvolte fra scuole materne e primarie (I e II) pari a un totale di 25.000 famiglie raggiunte; tutti gli istituti partecipanti hanno ricevuto il kit didattico contenente i poster interattivi e il materiale di promozione dell’iniziativa per l’insegnante e le famiglie.
Le Feste dell’Acqua proseguiranno toccando le città di Firenze (16 maggio), Milano (24 maggio) e Cosenza (30 maggio)

Pubblicato in News Federazione

Sarà la piscina del Foro Italico di Roma la sede della prima festa dell'acqua del progetto stagionale di avvio all'acquaticità rivolto alle scuole materne e alle classi prime e seconde della scuola primaria. Realizzato da arena, in collaborazione con la Federazione Italiana Nuoto, l' "arena Acquamica" dal 2015 ha un nuovo partner: Kinder+Sport che ha derito all'iniziativa promuovendola nell'ambito di un progetto di responsabilità sociale volto a diffondere stili di vita attivi e ad incoraggiare la pratica sportiva tra le giovani generazioni.

I primi protagonisti di arena Acquamica saranno i bambini delle classi IB e 2D elementare dell'Istituto Comprensivo Statale di Via Soriso, a Roma; che, accompagnati dai campioni dell'Italsincro Manila Flamini, Mariangela Perrupato e Giorgio Minisini e dagli istruttori federali, martedì 9 maggio, alle ore 9:00, si tufferanno nella piscina Pensile del complesso del Foro Italico (in largo Lauro de Bosis, 3) per divertirsi e prendere confidenza in piena sicurezza con l'elemento acqua.

Il fulcro del progetto arena Acquamica - che da quest’anno è aperto anche ai bambini delle scuole materne - è la relazione tra l'identità dei bambini e l'acqua. Gli obiettivi sono quelli di generare curiosità e voglia di scoperta del mondo delle piscine, coinvolgendo scuole e famiglie ed i primi riscontri sono ampiamente incoraggianti. La quarta edizione è partita a gennaio 2017 con il coinvolgimento di 1000 classi scolastiche per un totale di 25.000 famiglie. Tutti gli istituti partecipanti hanno ricevuto il kit didattico contenente i poster interattivi e il materiale promozionale per insegnanti di riferimento e genitori dei bambini.

Il tema dell'iniziativa - che ha permesso di selezionare i vincitori e partecipanti alle feste dell'acqua - è il racconto della propria relazione con l'acqua. In particolare ai bambini è stato chiesto di illustrare "La prima volta in acqua" attraverso un disegno e un breve testo per una produzione complessiva stimata in centinaia di elaborati creativi riguardanti le attività che si possono svolgere nell'ambiente natatorio.

I bambini che parteciperanno alle Feste dell’Acqua riceveranno la t-shirt dell’iniziativa, la cuffia di arena Acquamica e potranno conoscere i campioni del nuoto e delle altre discipline acquatiche, ascoltare la loro esperienza sportiva, le loro passioni, i loro obiettivi ed avvicinarsi allo sport in maniera più divertente. In alcuni dei prossimi appuntamenti avranno inoltre la possibilità di conoscere anche nuovi amici a quattro zampe, componenti della squadra dell’Unità Cinofila di Salvamento.

Le Feste dell’Acqua proseguiranno toccando le città di Firenze (16 maggio), Milano (24 maggio) e Cosenza (30 maggio).

#arena #acquamica #joyofmoving
http://acquamica.arenawaterinstinct.com/

arena
Dal 1973, arena crea e commercializza prodotti waterwear per nuotatori professionisti e per appassionati di nuoto ed è riconosciuto come brand di altissima qualità nel mondo dei costumi e degli accessori. Nei suoi oltre 40 anni di attività, l’azienda ha maturato una forte competenza nello sviluppo di prodotti “best in class” con particolare attenzione al segmento Pool e una progressiva espansione nel segmento Leisure/Beach. Oggi arena opera con consociate in Italia, dove è leader assoluto del mercato Pool, Francia, Germania, Austria e USA e attraverso un network di distributori in tutto il mondo. Il brand arena è presente complessivamente in 106 paesi al mondo, 95 dei quali sono gestiti direttamente dal Gruppo arena, mentre nel Far East (11 paesi) il brand è gestito dal Gruppo Descente. Il legame genuino tra arena e il mondo dello sport, e in particolare delle competizioni di nuoto, viene potenziato dalle attività di sponsorizzazione a diversi livelli, compresi i corpi governativi (FINA e LEN), le Federazioni nazionali, gli atleti e i club.
KINDER+ Sport
Kinder + Sport è il progetto di responsabilità sociale del Gruppo Ferrero nato per promuovere stili di vita attivi come una buona abitudine quotidiana, incominciando dalle nuove generazioni. Attivo in 30 paesi del mondo, in Italia Kinder+Sport supporta la passione dei giovani atleti attraverso il Coni e le principali Federazioni sportive per organizzare attività che avvicinino i più giovani ai valori dello sport ed alla gioia di muoversi.

Pubblicato in News Federazione

Ultimi 4 articoli FEDERAZIONE