Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Febbraio 2016 - FIN - Federazione Italiana Nuoto

Nella sala Tevere della Presidenza della Regione, a Roma, il presidente del CONI regionale Riccardo Viola ha consegnato i riconoscimenti a tecnici, atleti, dirigenti e società laziali che si sono particolarmente distinti nel 2015.
Tra gli atleti è stato premiato l'azzurro del nuoto sincronizzato Giorgio Minisini (Aurelia Nuoto Unicusano), romano, 20 anni il prossimo 9 marzo, che ai campionati mondiali di Kazan ha conquistato due storiche medaglie di bronzo: nel doppio misto tecnico con Manila Flamini e nel doppio misto libero con Mariangela Perrupato.
Tra i tecnici è stato attribuito il prestigioso riconoscimento di migliore allenatore dell'anno a Fabio Conti, romano, alla guida della Nazionale femminile assoluta di pallanuoto da novembre 2010 con cui ha conquistato il bronzo ai campionati mondiali di Kazan (e di recente il bronzo ai campionati europei di Belgrado). 
Giorgio Minisini e Fabio Conti sono stati accompagnati dal segretario generale della Federnuoto Antonello Panza e dal presidente del Comitato Regionale Lazio Giampiero Mauretti. Quella di oggi è la terza edizione del premio CONI Lazio, erede delle dieci edizioni del premio CONI Roma.  

Pubblicato in News Federazione

Oggi a Bacoli, in provincia di Napoli, il vicesindaco e assessore allo sport del comune di Bacoli Marco Di Meo e il presidente del Comitato Regionale Campania della FIN Paolo Trapanese hanno presenziato alla cerimonia di intitolazione delle corsie 3 e 4, notoriamente “le più veloci”, della piscina della società Le Foglie D’Argento a Giulio Travaglio e Enzo D’Angelo, indimenticati campioni di nuoto e pallanuoto nativi di Bacoli.
Giulio Travaglio, che si è spento all’età di 71 anni, ha vinto cinque volte la Capri-Napoli tra il 1965 e il 1970 ed il suo rappresenta ancora oggi un record. Enzo D’Angelo, che ci ha lasciati otto anni fa, quando ne aveva 57, è stato tra i più forti centroboa italiani e internazionali, argento olimpico a Montreal 1976, quattro scudetti e una coppa campioni con la Canottieri Napoli da giocatore.
Insieme al presidente della FIN Campania Paolo Trapanese hanno partecipato alla manifestazione il consigliere federale e presidente del Circolo Nautico Posillipo Bruno Caiazzo e il vicepresidente del comitato regionale campano Ottorino Altieri. Sono intervenuti anche il sindaco di Monte di Procida Giuseppe Pugliese e gli assessori allo sport di Pozzuoli Alfonso Artiaco e di Monte di Procida Tina Schiano.
Presenti i familiari di Enzo D'Angelo e Giulio Travaglio. Grande commozione al momento della deposizione delle targhe. Poi il lungo applauso che ha salutato e reso onore, una volta di più, a due grandi campioni e uomini di sport.

Pubblicato in News Federazione

A poco più di 50 giorni dal torneo preolimpico di pallanuoto maschile, il presidente della Federnuoto Paolo Barelli e il direttore del centro federale di Trieste che gestisce il polo natatorio "Bruno Bianchi", Franco Del Campo, hanno incontrato a Trieste il sindaco della città giuliana, Roberto Cosolini.
Il sindaco ha espresso grande soddisfazione per la scelta federale di assegnare alla città il prestigioso torneo internazionale, che alimenterà ulteriormente lo sviluppo di una disciplina già radicata sul territorio e rappresentata nel campionato di serie A1 dalla Pallanuoto Trieste che raccoglie interesse di pubblico e media.
Il torneo preolimpico determinerà le ultime quattro squadre che parteciperanno alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Al polo natatorio, dal 3 al 10 aprile, si affronteranno dodici selezioni nazionali tra cui il Settebello vice campione olimpico. Ungheria, Canada, Russia, Francia, Romania e Slovacchia compongono il girone A; Italia, Kazakistan, Sud Africa, Spagna, Germania e Olanda formano il girone B. La formula del torneo prevede che i decisivi quarti di finale si disputino venerdì 8 aprile; a chiusura di torneo, domenica 10 aprile, si svolgeranno anche le operazioni di sorteggio dei gironi olimpici.
"Siamo molto contenti che il preolimpico si disputi a Trieste, come già avvenuto quattro anni fa in occasione del torneo femminile che qualificò il Setterosa ai Giochi di Londra - sottolinea il presidente Barelli - La città è entusiasta e sosterrà gli azzurri lungo il loro percorso. Il centro federale, che è stato anche sede dei campionati europei di nuoto in vasca corta nel 2005, offre ampie garanzie ai fini della gestione dell'evento e dell'organizzazione. Ringrazio il sindaco Cosolini per l'attenzione dimostrata e invito tutti gli appassionati a seguirci e sostenerci".
Il polo natatorio è dotato di due piscine olimpiche, indoor 50x25 e outdoor 50x21, e di una vasca 25x21 coperta, che saranno tutte e tre attive contemporaneamente per la durata del torneo.

Pubblicato in News Federazione

Omaggiate le stelle dell'universo acquatico. A Budapest, quale epilogo del bureau della Federation Internazionale de Natation, si è svolta la seconda edizione dell' Aquatics Gala - "Soirée des Etoiles". Premiati i migliori atleti dell'anno: l'australiano Larkin e la magiara Hosszu per il nuoto, insieme all'inglese Peaty e alla statunitense Ledecky autori delle migliori prestazioni stagionali; i cinesi He Chao e Shi Tingmao (tuffi), l'inglese Hunt e la statunitense Simpson (tuffi dalle grandi altezze); lo statunitense Wilimovsky e la brasiliana Cuhna (nuoto in acque libere); i sincronetti, lo statunitense May e il russo Maltsev e la sincronetta russa Romashina; il serbo Gocic e la statunitense Steffens (pallanuoto). I vincitori sono stati scelti attraverso un processo di selezione effettuato sulla base di punti raccolti nelle più importanti manifestazioni FINA.
Alla cerimonia annuale, che si è tenuta alla Vigado Concert Hall, sulle sponde del Danubio, ha partecipato l'intero bureau della FINA, tra cui il segretario Paolo Barelli, nonché presidente della Ligue Europeenne de Natatione e della Federnuoto. Presenti anche il sindaco di Budapest e responsabile del comitato organizzato dei campionati mondiali del 2017 Istvan Tarlos, il sindaco di Windsor Drew Dilkens e l'advisor alla segreteria generale dell'ONU per la promozione della pace e dello sport Wilfried Lemke, oltre al giornalista e scrittore Alan Abrahamson, vincitore del prestigioso premio media attribuito dalla FINA nel corso del primo galà del 2015.
Gli succede Stefano Arcobelli (in foto), ammirato collega nato a Catania il 27 agosto 1962 e redattore de La Gazzetta dello Sport dal 1987. Caporubrica del nuoto, si occupa anche di sport olimpici, sci di fondo e baseball. Il suo premio rappresenta un tributo all'opera dei giornalisti italiani votata allo sviluppo e alla notorietà delle discipline acquatiche.
La serata di gala si era aperta con una breve introduzione del presidente della FINA Julio Maglione che ha sottolineato come "gli atleti e i loro allenatori meritino il riconoscimento della famiglia mondiale quale apprezzamento più profondo per l'attività che svolgono nell'ambito dello sport e della promozione dell'immagine e dei valori degli sport acquatici"
A Stefano Arcobelli giungano le congratulazione della Federazione Italiana Nuoto e di tutto il movimento natatorio. 

Foto G.Scala/Deepbluemedia.eu

Pubblicato in News Federazione

Ultimi 4 articoli FEDERAZIONE