Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Settembre 2011 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Illustrato a tutti gli operatori della comunicazione e alle aziende di mercato il programma marketing delle discipline acquatiche per il 2012. Relatori Barelli, Pescante, Campagna, Palmieri e Acciari

ROMA
Una giornata intera dedicata alla Federazione Italiana Nuoto, ai Campioni del mondo del Settebello e agli sport acquatici. Dopo la cerimonia di questa mattina con i campioni del mondo di Roma '94, che hanno premiato i campioni di Shanghai 2011, e la presentazione dei nuovi campionati di pallanuoto di A1, che prendono il via sabato 1 ottobre (venerdì 30 settembre c'è l'anticipo), e dopo il Consiglio Federale del pomeriggio, alle 19 è iniziato il primo Workshop della storia moderna della FIN.   
  
La Federazione Italiana Nuoto e la Acciari Consulting, presso la Sala Convegni del Foro Italico, già Sala Rossa, hanno presentato a tutti gli operatori della comunicazione e alle aziende di mercato i programmi e il piano marketing inerente le discipline acquatiche per il 2012.
Sono intervernuti al Workshop il Presidente della FIN, Paolo Barelli, il Presidente del Comitato Promotore Roma 2020, Vicepresidente del CIO, Mario Pescante, il Vicepresidente della Pianoforte Holding SpA, Carlo Palmieri, l'advisor commerciale FIN, Alberto Acciari, il Commissario Tecnico della Nazionale di pallanuoto campione del mondo a Shanghai 2011, Alessandro Campagna. 
 
Ha aperto i lavori Mario Pescante che ha salutato la platea: "Sono venuto per salutare molti amici. All'epoca la Federazione Italiana Nuoto era soprattutto pallanuoto e tuffi ed ora vince in tutti i settori. Tutto questo grazie al Presidente Paolo Barelli, al suo impegno, al lavoro della sua Federazione. Questo miracolo è ormai costante da anni, anche grazie alle società dove crescono campioni meravigliosi che esplodono poi alla massima potenza. La finale della pallanuoto dei Mondiali non è stata una partita, è stato un evento formidabile. In un periodo di fondi carenti e di crisi economica, ci vuole soprattutto passione. La FIN sarà una delle poche federazioni in prima linea alle Olimpiadi per cercare di vincere". 
 
Il Presidente della Federnuoto Paolo Barelli ha poi illustrato le potenzialità di una Federazione in piena espansione: "I numeri della FIN sono veramente importanti e consistenti. Cinque milioni di praticanti, ovvero chi in modo periodico frequenta i nostri corsi o pratica i nostri sport. Questi numeri sono implementati dai successi dei nostri atleti e dei nostri club. Una crescita costante, che ha portato ad oltre un milione i praticanti in più negli ultimi dieci anni. La linfa vitale della Federazione è rappresentata dalle società, senza le quali la stessa non potrebbe esistere. Ai Mondiali di Shanghai abbiamo vinto 10 medaglie in tutte le discipline, di cui sei medaglie di valore olimpico. Questo riflette il lavoro di oltre 1500 società, che hanno raggiunto una conoscenza e una capacità imprenditoriale di alto livello. Tecnologie avanzate, applicate agli impianti, capacità manageriali e di organizzazione. Da uno dei dati più importanti dello studio di Acciari consulting, si evince come la Federazione formi circa 10.000 nuovi tecnici l'anno, sia come istruttori o allenatori che come assistenti bagnanti. Questo grazie alla capacità dei nostri dirigenti periferici, dei nostri fiduciari collegati con la sede centrale. La FIN deve combattere quotidianamente con gli spazi d'acqua, questo si aggrava se si aggiunge alle difficoltà economiche nella gestione degli impianti che hanno costi molto elevati. In tal senso, di comune accordo con i comitati regionali, la FIN gestisce molti Centri Federali che non sono in concorrenza con le società, ma che fungono da supporto per una migliore diffiìusione qualitativa delle discipline acquatiche".
 
Molto interessante l'intervento del CT del Settebello iridato, Sandro Campagna, che ha focalizzato sulla vocazione olimpica della pallanuoto e i suoi numeri vincenti: "La vittoria dei Mondiali porta a 16 le medaglie internazionali della pallanuoto tra Olimpiadi, Mondiali ed Europei, numeri importanti se paragonati a sport olimpici come il volley, che ha vinto dodici medaglie. Abbiamo conquistato quattro medaglie d'oro olimpiche, tra maschi e femminie. Un record se si pensa che solo il calcio ha vinto l'oro nel 1936 a Berlino. Il campionato italiano di pallanuoto ha un valore di circa un milione e mezzo di euro, una goccia in mezzo al mare rispetto ai competitors come il calcio e il basket. Questo per il basso numero di praticanti di 18000 unità. Ma è un numero che dovrebbe essere interpretato più approfonditamente, inserito nel contesto generale del movimento che conta cinque milioni di praticanti. Con la necessaria opera di promozione, i margini di crescita sono enormi. C'è dunque una sfida da affrontare, per innescare una scintilla che funga da volano emozionale. La vittoria di Shanghai, che è stata vista da oltre un milone e mezzo di telespettatori su raisport (record assoluto di share per il canale tematico ndr), ci aiuterà ma non basta. Nel mese d'agosto su twitter la parola pallanuoto è stata tra le top ten delle parole usate. Le possibilità ci sono tutte. Non vogliamo essere uno sport senza volto. Le emozioni di Shanghai devono essere concretizzate: spirito di gruppo, spirito di sacrificio, abnegazione nel lavoro sono valori su cui puntiamo. Sono convinto - che in un momento di grande austerity - gli sponsor investiranno in qualità e meno quantità. Siamo una cenerentola nel mondo delle sponsorizzazioni, ma abbiamo dei modelli positivi, dei giocatori giovani con tante storie positive. Credo che in vista delle Olimpiadi del 2012 possiamo essere estremamente attrattivi per le aziende. La promessa è che in questi dieci mesi che ci dividono da Londra, lavoreremo con la stessa umiltà e la stessa voglia vincente che ci ha portato al titolo iridato".
  
Carlo Palmieri ha poi presentato il case history dell'azieda Carpisa Yamamay e Jaked: "Il gruppo Pianoforte holding compie dieci anni, insieme a marchi come Carpisa, Yamamay, e Jaked. Molti dei valori indicati dal citt' Sandro Campagna ci hanno accompagnato da quando siamo nati come piccola azienda. Eravamo 100 punti vendita, ora siamo 1100. La pallanuoto all'inizio rappresentava un veicolo positivo e fondante. Poi dal 2008 abbiamo scoperto Federica Pellegrini e il nuoto, ed insieme abbiamo percorso tre anni molto fortunati. C'è stata una crescita continua fino al 2009, quando siamo diventati sponsor tecnico ufficiale della FIN con Jaked. Abbiamo sempre cercato di dare qualcosa in più rispetto ai bilanci, ci abbiamo messo il cuore. Tania Cagnotto per esempio è nostra testimonial come azienda giovane, dinamica e sportiva. Ci piace partire con progetti dal basso come quello della società Acquachiara di pallanuoto che in tre anni è arrivata fino in serie A1. Alle aziende dico che non si devono fermare ai grandi eventi ma partire anche dalle piccole storie per creare progetti vincenti".
 
Ha chiuso la convention Alberto Acciari che ha illustrato le linee guida del piano commerciale della Federazione, sottolineando come l'importanza dell'obiettivo olimpico per tutti gli sport acquatici verso Londra 2012 si riflette nell'impegno degli atleti e nella loro voglia di superare se stessi e i propri avversari per centrare l'obiettivo comune di una carriera e di una vita intera. Del resto in questo momento si concentrano le decisioni di budget per i piani di comunicazione delle aziende. Decisioni strategiche che si riconoscono con il mondo degli sport acquatici e apprezzano i suoi valori basati sull'etica, la professionalità, l'agonismo, la combattività, la bellezza e l'eleganza dei propri atleti. 
 
La FIN è da anni tra le Federazioni leader dello sport nazionale ed internazionale, per i risultati conseguiti in campo agonistico e sociale, per la preparazione e l'aggiornamento dei propri tecnici, per il numero di tesserati e praticanti, per la valenza educativa delle proprie discipline, che assommano ai benefici dello sport la sicurezza derivante dalla conoscenza dell'elemento acqua. In tal senso continua la sua crescita professionale e commerciale col fine di far conoscere al meglio il proprio  know how e mostrare alle aziende le grandi opportunità nell'affiancare il proprio brand ai valori vincenti dello sport e delle discipline acquatiche.
  
Il piano commerciale 2011/12 della FIN


PROGRAMMA WORKSHOP FIN - ACCIARI CONSULTING
Temi della presentazione: - Presentazione dei programmi e del Piano Marketing 2012 delle sue discipline; - Preview grafica del nuovo sito internet; - Nuovi loghi identificativi delle discipline. Tavolo Relatori: Paolo Barelli Presidente FIN - Modernizzazione e professionalizzazione delle strutture e dei compiti Mario Pescante Presidente Comitato Promotore Roma 2020 Vice Presidente del CIO - Il ruolo del marketing nello sport Carlo Palmieri Vice Presidente Pianoforte Holding S.p.A. - Collaborare commercialmente con FIN Alessandro Campagna Commissario Tecnico Nazionale di Pallanuoto Oro Mondiale a Shanghai 2011 - L'importanza degli sponsor nell'aiutare il raggiungimento degli obiettivi sportivi Alberto Acciari Advisor Commerciale FIN - I valori di comunicazione del nuoto e presentazione nuovo piano marketing, nuovi loghi, nuovo sito


A Roma la cerimonia d'inaugurazione dell'anno scolastico. In rappresentanza della FIN il Presidente Barelli, la campionessa olimpica Pellegrini, il capitano del Settebello campione del mondo Tempesti e il CT Campagna

ROMA
Tutti a scuola 2011-2012. Nel cortile d'onore del Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Mariastella Gelmini, si è svolta la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno scolastico che quest'anno è stata caratterizzata da una rappresentazione delle attività compiute nelle scuole del Paese in occasione del 150° dell'Unità d'Italia. Apertura dedicata all'esecuzione dell'Inno nazionale. Subito dopo è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dei militari italiani caduti in Afghanistan. In prima fila, un parterre d’eccezione composto da sportivi, atleti, tecnici e dirigenti che con la loro attività e i loro risultati agonistici hanno contribuito ad onorare i colori dell’Italia nel mondo. La campionessa olimpica, mondiale ed europea e primatista mondiale dei 200 e 400 stile libero Federica Pellegrini, il Commissario Tecnico del Settebello Campione del mondo a Shanghai e il portiere e capitano Stefano Tempesti, accompagnati dal Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli; la pluricampionessa olimpica di sci di fondo e membro CIO Manuela Di Centa, le pluricampionesse olimpiche del fioretto Maria Valentina Vezzali e Giovanna Trillini, il pilota motociclistico Marco Simoncelli.
La prima ospite che ha introdotto il pubblico nel Palazzo del Quirinale è stata la cantante Emma con la sua “Sarò libera”.
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel suo messaggio di apertura si è rivolto ai più giovani e a tutto il Paese; il Ministro Mariastella Gelmini ha ribadito il forte impulso delle Istituzioni alle iniziative per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia nelle scuole; il Presidente del CONI Gianni Petrucci ha sottolineato i “rapporti straordinari tra sport e scuola” aggiungendo che “nello lo sport, così come nella scuola, guardiamo con ottimismo al presente e al futuro”. Con Petrucci è intervenuto il Segretario Generale del CONI Raffale Pagnozzi.
Quando la parola è passata agli atleti, Fabrizio Frizzi, che ha condotto la cerimonia, ha invitato sul palco Federica Pellegrini e Valentina Vezzali che si sono raccontate. Il ricordo più bello? “I 200 stile libero vinti alle Olimpiadi di Pechino 2008 e le due medaglie d’oro conquistate ai Mondiali di Roma 2009 nei 200 e 400 stile libero”, non ha esitato a rispondere la Pellegrini. “La materia in cui andavo meglio era l’italiano - ha continuato la divina Fede - quella in cui ero meno brava, il latino. Ho un ottimo ricordo della maestra di storia, ma ringrazio tutti i miei docenti per avermi aiutata. Non è facile studiare e praticare sport a livello agonistico, bisogna fare sacrifici, ma ci si può riuscire e ciò aiuta a crescere”. Sul tema della famiglia ha detto che “è molto importante. I miei genitori mi sono stati sempre vicini e continuano ad esserlo ogni giorno, anche se non abito più con loro. Se tornassi indietro forse non andrei via di casa così presto, ma nel bene e nel male rifarei tutte le scelte che ho compiuto”. Di lei Valentina Vezzali ha detto di apprezzare “il talento, la determinazione e la professionalità con cui si allena ed entra in acqua ogni volta”. Della schermitrice la Pellegrini ammira “la longevità sportiva e la capacità di conciliare sport e famiglia trovando ogni volta sempre nuovi stimoli”. Infine Federica Pellegrini si è rivolta a tutti i ragazzi. “Vi auguro buon anno scolastico e soprattutto di esaudire i vostri sogni, come io sto facendo attraverso l’impegno, il sacrificio e la passione”.
I temi del 150° anniversario della fondazione dello Stato unitario si sono intrecciati all'impegno degli studenti sulla costituzione, legalità, iIntegrazione, ambiente, sport e musica.
La manifestazione, a cui hanno partecipato circa 3000 studenti, è stata trasmessa in diretta su Rai Uno e sul sito internet www.quirinale.it. Erano presenti il Vice Presidente del Senato, Emma Bonino, il Vice Presidente della Camera dei Deputati, Rocco Buttiglione, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta, esponenti del mondo accademico, sportivo e autorità politiche, civili e militari.
Tra i bambini presenti al Quirinale anche i giocatori di pallanuoto della squadra Mini Esordienti della Rari Nantes Savona, compresi tra i 6 e i 9 anni, che hanno vinto l’ultima edizione dell’Haba Waba festival. Con loro il prof. Bruno Cufino, vice presidente della Waterpolo Development World.
 






Giovedì, 22 Settembre 2011

Stagione 2011/2012 Tempo di riunioni

Venerdì e sabato al Centro Federale di Ostia il Presidente Barelli incontra i Presidenti dei Comitati Regionali. Sabato e domenica tradizionale convention arbitrale per direttori di gara di serie A1 e A2

ROMA
Sta per partire la stagione 2011/2012 delle discipline acquatiche. Nel fine settimana - da venerdì 23 a domenica 25 settembre - il Centro Federale di Ostia ospiterà l'incontro tra il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli e i Presidenti dei Comitati Regionali e la tradizionale convention arbitrale per direttori di serie A1 e A2.
 
L'incontro con i Presidenti dei Comitati Regionali si svolgerà venerdì 23, con il ritrovo e la cena ufficiale, e sabato 24. Alle 9.45 ci sarà la relazione del Presidente della Federnuoto Paolo Barelli che tratterà tematiche vicine ai comitati e alle società con particolare riferimento ai risultati e ai programmi nella stagione che culminerà con le Olimpiadi di Londra 2012. Seguirà l'intervento del Segretario Generale Antonello Panza che verterà sugli aspetti più prettamente funzionali e organizzativi.
 
La convention arbitrale, invece, avrà luogo sabato 24 e domenica 25 e vi parteciperanno i direttori di gara di serie A1 e A2. Interverranno il Presidente della Federnuoto Paolo Barelli, il Vice Presidente Lorenzo Ravina, il Segretario Generale Antonello Panza, il Consigliere Federale Gianfranco De Ferrari, il Presidente del Gug Roberto Petronilli e il Settorista Mario Maggio. I designatori di A1, Enrico Zerbini, di A2, Filippo Rotunno, di serie B, Claudio Maggiolo. Nel pomeriggio di sabato la riunione sarà allargata anche ai tecnici delle squadre di A1 e A2 con l'intervento dei Ct del Settebello Alessandro Campagna e del Setterosa Fabio Conti. Oggetto della convention i regolamenti, l'interpretazione e le normative. Nel corso della due giorni saranno proiettati diversi video esplicativi, tra cui immagini dei recenti Mondiali di Shanghai e produzioni della Commissione Tecnica Regolamenti del Gug, diretta da Ernani Paggi, Carlo Salino e Gianfranco Tedeschi.





Mercoledì, 21 Settembre 2011

FIN Day a Roma Settebellissimo e Workshop

Il 29 settembre alle piscine del Foro Italico alle 12, celebreremo il Settebello iridato e presenteremo i campionati; alle 19 illustreremo, insieme alla Acciari Consulting, il piano marketing relativo alle discipline acquatiche per il 2012

ROMA
Il marketing viene definito come quel processo sociale e manageriale diretto a soddisfare bisogni ed esigenze attraverso processi di creazione e scambio di prodotti e valori. Lo sport, e in particolare le discipline acquatiche, con i suoi valori, le sue sfide e le sue emozioni, catalizza l’interesse del mondo intero, superando le tradizionali barriere culturali e linguistiche, divenendo un mezzo vincente per comunicare attraverso le emozioni che produce.
In tal senso la Federazione Italiana Nuoto e la Acciari Consulting, giovedì 29 settembre dalle 19, presso la Sala Convegni del Foro Italico già Sala Rossa, presenteranno a tutti gli operatori della comunicazione e alle aziende di mercato i programmi e il piano marketing inerente le discipline acquatiche per il 2012.
Interverranno al Workshop il Presidente della FIN, Paolo Barelli, il Presidente del Comitato Promotore Roma 2020, Vicepresidente del CIO, Mario Pescante, il Vicepresidente della Pianoforte Holding S.p.A., Carlo Palmieri, l'advisor commerciale FIN, Alberto Acciari, il Commissario Tecnico della Nazionale di pallanuoto campione del mondo a Shanghai 2011, Alessandro Campagna.
L'importanza dell'obiettivo olimpico per tutti gli sport acquatici verso Londra 2012, si riflette nell'impegno degli atleti e nella loro voglia di superare se stessi e i propri avversari per centrare l'obiettivo comune di una carriera e di una vita intera. E' per questo, al fine di illustrare in maniera completa e appetibile le opportunità commerciali e di sponsorizzazioni sportive offerte dagli eventi della FIN, è stata organizzata una convention di presentazione commerciale per posizionare la Federazione con forza sul mercato e per dare un’immagine altamente professionale del suo lavoro. In questo momento si concentrano le decisioni di budget per i piani di comunicazione delle aziende. Decisioni strategiche che si riconoscono con il mondo degli sport acquatici e apprezzano i suoi valori basati sull'etica, la professionalità, l'agonismo, la combattività, la bellezza e l'eleganza dei propri atleti. 
La FIN è da anni leader tra le Federazioni sportive nazionali ed internazionali, per i risultati conseguiti in campo agonistico e sociale, per la preparazione e l'aggiornamento dei popri tecnici, per il numero di tesserati e praticanti, per la valenza educativa delle proprie discipline, che assommano ai benefici dello sport la sicurezza derivante dalla conoscenza dell'elemento acqua. In tal senso continua la sua crescita professionale e commerciale col fine di far conoscere al meglio i propri know how e mostrare alle aziende le grandi opportunità nell'affiancare il proprio brand ai valori vincenti dello sport e delle discipline acquatiche.
 
FIN DAY. Giovedì 29 settembre sarà una giornata di festa, confronto e aggregazione, volano per lo sviluppo delle discipline acquatiche e della pallanuoto in particolare. Come precedentemente comunicato infatti la Federazione Italiana Nuoto celebrerà la Nazionale di pallanuoto campione del mondo a Shanghai e presenterà i campionati di pallanuoto maschile e femminile di serie A1, al via il 1° ottobre.     
Per l’occasione è stata organizzata una conferenza stampa alle ore 12, a Roma, presso la Piscina dei Mosaici del Foro Italico (ingresso Largo De Bosis, 3). Nel corso della cerimonia saranno premiati gli atleti del Settebello, ripercorrendo con immagini, fotografie e contributi audio i meravigliosi giorni del luglio scorso. Nei prossimi giorni comunicheremo ulteriori dettagli.
 
consulta l'invito per il workshop


PROGRAMMA WORKSHOP FIN - ACCIARI CONSULTING Sala Convegni, Foro Italico
Temi della presentazione: - Presentazione dei programmi e del Piano Marketing 2012 delle sue discipline; - Preview grafica del nuovo sito internet; - Nuovi loghi identificativi delle discipline. Tavolo Relatori: Paolo Barelli Presidente FIN - Modernizzazione e professionalizzazione delle strutture e dei compiti Mario Pescante Presidente Comitato Promotore Roma 2020 Vice Presidente del CIO - Il ruolo del marketing nello sport Carlo Palmieri Vice Presidente Pianoforte Holding S.p.A. - Collaborare commercialmente con FIN Alessandro Campagna Commissario Tecnico Nazionale di Pallanuoto Oro Mondiale a Shanghai 2011 - L'importanza degli sponsor nell'aiutare il raggiungimento degli obiettivi sportivi Alberto Acciari Advisor Commerciale FIN - I valori di comunicazione del nuoto e presentazione nuovo piano marketing, nuovi loghi, nuovo sito


Martedì, 20 Settembre 2011

FIN-Rocchetta Nuova partnership

Dagli Assoluti Estivi di nuoto, l'azienda leader nel settore delle acque minerali è fornitore ufficiale della Federazione Italiana Nuoto

ROMA
La Federazione Italiana Nuoto è lieta di comunicare a tutte le strutture federali e società affiliate l’acquisizione di un nuovo partner commerciale: Rocchetta s.p.a. 
Rocchetta, azienda leader nel settore delle acque minerali, da sempre legata al concetto di salute, bellezza ed eleganza, accompagnerà la FIN in qualità di PARTNER e FORNITORE UFFICIALE.
La partnership, che ha preso il via con i Campionati Assoluti estivi di nuoto, svoltisi al centro federale di Ostia il 4 e 5 agosto scorsi, dimostra una forte vicinanza ai valori e allo stile di vita della Federnuoto.
La FIN ringrazia Rocchetta per il sostegno alle sue discipline, alle sue attività, ai suoi atleti; interesse che conferma ancora una volta la forza dei valori sociali che il movimento natatorio è in grado di veicolare nell'attuale società: vita sana, confronto leale, forza aggregativa.