Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Febbraio 2011 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Le Commissioni del Senato approvano l'emendamento 2.503 del Presidente FIN in merito alle riduzioni previste alle Federazioni Sportive Nazionali dal decreto "Taglia spese"

ROMA
Si allega il testo della lettera inviata dal Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli ai Presidenti delle Federazioni Sportive Nazionali in merito al superamento delle negative previsioni inserite nell'articolo 6 del decreto legge n. 78/2010 convertito in legge 122/2010.
L'emendamento proposto dal Presidente Paolo Barelli, approvato nelle commissioni competenti del Senato, risolve per il 2011 la controversa vicenda, in attesa che si definisca in maniera definitiva la natura privatistica delle Federazioni Sportive Nazionali. Il provvedimento sarà approvato la prossima settimana dall'Aula del Senato per poi passare all'esame della Camera. L'approvazione definitiva è prevista tra due settimane.
"La presenza delle Federazioni Sportive nel contesto dell'art. 6 del decreto 'Taglia spese' relativo agli enti pubblici e assimilati -spiega Barelli- aveva destato forti preoccupazioni alle Federazioni stesse in quanto i tagli avrebbero riguardato gli oneri per gli organi collegiali, le spese per le trasferte delle squadre, per la formazione, per l'organizzazione e la partecipazione a convegni. Ora con l'approvazione dell'emendamento l'applicazione dei tagli alla Federazioni viene differito al 2012. A questo punto è importante prevedere la definitiva esclusione delle Federazioni sportive dall'elenco Istat che riguarda gli enti pubblici o assimilati. Quello di oggi -conclude Barelli- è un voto importante che dà tranquillità alle Federazioni impegnate  nella preparazione dei prossimi appuntamenti nazionali, internazionali e dei Giochi Olimpici del 2012".
 
La lettera inviata ai Presidenti delle Federazioni Sportive