Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Ottobre 2011 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Esaminate, discusse e approvate all'unanimità le proposte di modifica dello Statuto Federale operate al fine di recepire i Principi emanati dal CONI. Quorum dell'83,1%. Premiate le Società. La photogallery

CHIANCIANO TERME
La Federazione Italiana Nuoto ha adeguato il proprio Statuto, recependo i Principi emanati dal CONI, nel corso della 18esima Assemblea Straordinaria, svoltasi a Chianciano Terme, al Centro Congressi dell'Hotel Excelsior. 
Le modifiche allo Statuto Federale - rese necessarie a seguito dell'aggiornamento operato dal C.O.N.I. dei "Principi Fondamentali degli Statuti delle Federazioni Sportive Nazionali" e dei "Principi di Giustizia Sportiva - sono state esaminate, discusse e approvate all'unanimità dall'Assemblea, costituita in prima convocazione alle 10.00 e in seconda convocazione alle 11.00.
Notificata la forza a ruolo dell'83,1% (11.116 voti su 13.377 aventi diritto), nominato alla presidenza dell'Assemblea il Procuratore federale, Avv. Carlo D'Amelio, alla vice presidenza il Vice Presidente federale Salvatore Montella, alla segreteria il Segretario Generale della Federnuoto Nuoto Antonello Panza e come vice segretario il funzionario federale Antonio Di Paola, nominati gli scrutatori e i questori, il Presidente Paolo Barelli ha aperto i lavori: "Ringrazio le Società intervenute in larga maggioranza per partecipare ad un momento statutario, che dimostra con quanta condivisione venga sostenuta l'opera federale. Del resto i successi di vertici appartengono a loro; sono merito del meticoloso lavoro quotidiano che le Società italiane compiono con sacrifici, entusiasmo e gioia, e che anche l'ambiente internazionale riconosce e ritiene esemplare. Nella quotidianità spesso tralasciamo di fermarci per godere dei risultati ottenuti - continua Barelli - Siamo sempre in sana competizione sportiva, anche tra noi, per promuovere le nostre discipline e incidere nelle scelte di indirizzo che compiono le famiglie italiane. I risultati ovviamente sono essenziali, rappresentano il carburante delle scelte delle famiglie e gli stimoli per i tecnici e dirigenti che coltivano le predisposizioni dei giovani per renderli talenti. I nostri staff tecnici devono poi finalizzare il grande lavoro di base che svolgono le Società per rendere virtuoso il ciclo programmatico, attraverso medaglie e piazzamenti di prestigio. La stagione preolimpica è stata entusiasmante, positiva, con tutte le discipline della Federazione Italiana Nuoto sul podio dei Mondiali di Shanghai, eccetto il nuoto sincronizzato, al cui settore tecnico e formativo chiediamo uno sforzo in più. La pallanuoto maschile ha conquistato una storica medaglia d'oro, diventando la prima squadra italiana a qualificarsi alle Olimpiadi di Londra e a tornare sul gradino più alto del podio iridato dopo la Nazionale di calcio a Berlino 2006 - prosegue Barelli - La selezione femminile, nel pieno di un progetto di ringiovanimento, si è piazzata quarta e proverà a qualificarsi ai Giochi olimpici nel mese di aprile, nel torneo che organizzeremo in Italia. Il nuoto ha goduto della riconferma leggendaria di Federica Pellegrini, oro nei 200 e 400 stile libero in due edizioni dei Mondiali consecutivi, così come solo l'australiano Ian Thorpe, e ha fatto scoprire al pubblico due atleti come Fabio Scozzoli e Luca Dotto, vicecampioni del mondo nei 50 e 100 rana e nei 50 stile libero. Il nuoto in acque libere si è confermato settore leader del movimento internazionale, con le medaglie di Martina Grimaldi, seconda nella dieci chilometri olimpica, e il terzo posto di Alice Franco nella maratona. Nei tuffi Tania Cagnotto ha preceduto Maria Marconi sul podio del trampolino 1 metro - malgrado l'infortunio che sembrava poterne condizionare addirittura la partecipazione - facendoci rivivere il confronto tra i campionissimi Klaus Diabiasi e Giorgio Cagnotto, oggi consigliere federale e cittì del movimento. Successi di tutti: delle Società, dei gruppi sportivi militari, che intendiamo tutelare in un momento di grande difficoltà, di crisi economica generale del Paese, che rischia di far perdere allo sport la caratteristica di "indispensabilità" - conclude Barelli - Come sapete è possibile che vi siano delle ripercussioni economiche anche in termini di contributi a favore delle federazione sportive e, di conseguenza, di fondi per l'attività. Ma sapete anche che il bilancio della Federazione Italiana Nuoto è costituito solo del 25-30% di contributi derivanti dal CONI; il resto è formato da attività di carattere istituzionale e da parte dei Comitati Regionali. Pertanto la Federnuoto continuerà a lavorare per cercare di aumentare la propria autonomia a difesa dei programmi olimpici e a tutela delle Società. Del resto è proprio a garanzia degli spazi acqua e dell'attività centrale e periferica che la Federazione Italiana Nuoto interviene nella gestione di impianti, estranei alla concorrenza con le Società. Come in occasione dei centri federali di Ostia e Pietralata, a Roma. Diventati casa della pallanuoto e del nuoto sincronizzato - come Verona per il nuoto - e determinanti per la crescita tecnica in atto".
In precedenza l'Assessore allo Sport e Turismo della Città di Chianciano Terme, Paolo Piccinelli, era intervenuto con un messaggio di benvenuto a nome dell'amministrazione comunale. "Sono molto contento di poter condividere con voi l'incremento del numero di praticanti di sport nella nostra piccola città. Stiamo sostenendo un programma di promozione sportiva molto ambizioso, con l'organizzazione di molteplici manifestazioni. Mi auguro che anche voi possiate un giorno portare i vostri sport, sicuramente più colti di alcuni maggiormente seguiti dalle masse, nella nostra Chianciano".
Quindi si è proceduto all'esame, alla discussione e all'approvazione delle modifiche statutarie, evidenziate nei due link che seguono.
   
Gli articoli dello Statuto oggetto di modifica
       
Statuto approvato con modifiche apportate 
   
La sessione del mattino si è chiusa con la premiazione delle prime dieci Società per disciplina della stagione 2010/2011, ad opera dei Consiglieri federali e degli staff tecnici di settore, e con la presentazione del piano strategico di comunicazione e marketing della Federnuoto a cura di Alberto Acciardi della Acciari Culsulting. Seguono le classifiche di Società.
    
classifica NUOTO
 
classifica PALLANUOTO
 
classifica TUFFI
 
classifica NUOTO SINCRONIZZATO
   
classifica NUOTO IN ACQUE LIBERE
 
classifica NUOTO PER SALVAMENTO
 
le prime 10 Società per DISCIPLINA
 
Terminata la prima sessione dei lavori, nel pomeriggio i rappresentanti politici, tecnici e amministrativi della Federazione Italiana Nuoto hanno incontrato i Presidenti dei Comitati Regionali e le Società per approfondire le tematiche di maggiore interesse della stagione olimpica. L'incontro si è aperta con le comunicazioni relative alle programmazioni tecniche in vista dei Giochi di Londra 2012 ed è proseguito con le presentazioni del progetto "Scuola Nuoto Federale" e del binomio con l'Associazione HabaWaba per promuovere ulteriormente, accanto alle iniziative federali, la pallanuoto di base. In chiusura spazio alle comunicazioni relative agli aspetti legislativi e normativi di interesse delle Società sportive dilettantistiche.  
  
Consulta la photogallery






Sabato, a Chianciano Terme, esame, discussione e approvazione delle proposte di modifica dello Statuto Federale operate al fine di recepire i Principi emanati dal C.O.N.I.

ROMA
Sabato 22 ottobre, a Chianciano Terme, presso il Centro Congressi Excelsior, si svolgerà la XVIII Assemblea Straordinaria della Federazione Italiana Nuoto.
L'Assemblea si è resa necessaria a seguito dell'aggiornamento operato dal C.O.N.I. dei "Principi Fondamentali degli Statuti delle Federazioni Sportive Nazionali" e dei "Principi di Giustizia Sportiva", ai quali tutte le federazioni sono chiamate ad adeguare i propri statuti entro il 31 ottobre prossimo.
L'Assemblea, pertanto, è convocata esclusivamente per approvare le modifiche allo Statuto e recepire i Principi emanati dal C.O.N.I.  precedentemente menzionati.
La Federazione Italiana Nuoto, però, intende cogliere questa opportunità anche per aggiornare l'Assemblea in relazione ai programmi della stagione che culminerà con le Olimpiadi di Londra 2012 e, più in generale, per affrontare i temi di maggiore interesse per le Società.
 
Il programma, pertanto, prevede la costituzione dell'Assemblea in prima convocazione alle 10.00 e in seconda convocazione alle 11.00 di sabato 22 ottobre.
Dopo le comunicazioni del Presidente e la notifica della forza a ruolo con la chiusura della registrazione dei delegati, si procederà con l'esame, la discussione e l'approvazione delle proposte di modifica dello Statuto Federale.
Al termine dei lavori, e dopo il break per la colazione, si svolgerà un incontro presso la sede dell'Assemblea, al quale parteciperanno i Dirigenti Nazionali, i Presidenti dei Comitati Regionali, e i rappresentati dello staff tecnico federale.
L'incontro si aprirà con la premiazione delle prime dieci Società classificate nei Campionati per Società di ogni disciplina agonistica. Seguiranno le comunicazioni relative ai programmi tecnici federali in vista delle Olimpiadi di Londra 2012. Saranno inoltre presentati il piano strategico di comunicazione e marketing della Federnuoto, il progetto "Scuola Nuoto Federale" e l'iniziativa di promozione della pallanuoto di base. In chiusura le comunicazioni riguardo gli aspetti legislativi e normativi di interesse delle Società sportive dilettantistiche.
     
consulta tutto il materiale relativo all'Assemblea