Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Aprile 2008 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
La Federazione Italiana Nuoto promuove uno studio scientifico attraverso Istituti di ricerca e Università per determinare gli effetti dell'utilizzo dei costumi di nuova generazione sulle dinamiche del nuoto

ROMA
La Federazione Italiana Nuoto, ricevute anche molteplici richieste di chiarimenti da parte di tesserati e Società, ha promosso, con l'ausilio di diversi Istituti di ricerca e Università, uno studio scientifico per determinare gli effetti dell'utilizzo dei costumi di nuova generazione, innovativi sotto l'aspetto dei materiali.
Lo scopo degli approfondimenti è acquisire una valutazione serena e asettica che favorisca la comprensione degli effetti dei nuovi costumi sul movimento natatorio internazionale.
Tra i vari progetti di studio, la Federazione Italiana Nuoto ha deciso di avvalersi anche delle professionalità dell'Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI al fine di valutare le caratteristiche meccaniche (galleggiabilità, scorrevolezza e fluidodinamica) dei diversi tipi di costumi ad alto livello oggi in commercio e le eventuali variazioni di tipo fisiologico e biomeccanico indotte nell'azione tecnica degli atleti.






Dopo la prima di sabato con la partita di A2 tra Snc e Imperia, lunedì la cerimonia d'inaugurazione del nuovo impianto da 50 metri. Col Sindaco Moscherini e il Segretario Fin Panza, le massime autorità istituzionali e federali

CIVITAVECCHIA
Oltre mille persone hanno riempito le tribune dello Stadio del Nuoto per l'inaugurazione ufficiale. Lunedì a Civitavecchia c'era il clima ideale per il secondo atto dell'inaugurazione del nuovo impianto da 50 metri, dopo il battesimo agonistico di sabato pomeriggio con la partita del campionato di serie A2 tra Snc Enel Civitavecchia e Rari Nantes Imperia. Gara vinta dalla squadra di casa che è balzata al comando della classifica del girone nord.
Nel pomeriggio si sono esibiti i giovani atleti delle Scuole Nuoto della Coser e della Snc Civitavecchia insieme al campione azzurro Damiano Lestingi e il suo compagno di squadra e di allenamenti Simone Ciancarini, campione d'Italia con la steffetta dell'Aniene agli Assoluti primaverili di Livorno. La squadra maschile del Centumcellae (che gioca in serie C) e quella femminile della CRC Coser (serie A2) hanno simpaticamente ricalcato un celebre spot televisivo presentandosi con una squadra di 60 atleti contro una di 6 e uno striscione: “oggi abbiamo la nostra casa, aiutiamo il Ponte a costruire la sua”. Il Ponte è una associazione di Civitavecchia che svolge opere di volontariato.
In serata c'è stata la cerimonia con il taglio del nastro da parte del Sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini. Sono intervenute le massime cariche istituzionali e federali. Dagli esponenti della Giunta Comunale all’Assessore allo Sport Alessio Romagnuolo. Dal Segretario Generale della Federazione Italiana Nuoto Antonello Panza al Presidente del Comitato Regionale Lazio FIN Giampero Mauretti. Per le società locali i Presidenti di Cosernuoto Antonio Parisi, Centumcellae Roberto Rossi e Tirrenia Ivana Puleo, in rappresentanza della Snc i tecnici Marco Pagliarini e Marcello Del Duca.
Tra le esibizioni più applaudite della giornata la dimostrazione della Nazionale italiana di nuoto sincronizzato reduce dai trionfi agli Europei di Eindhoven con 4 storiche medaglie e in preparazione delle qualificazioni olimpiche; le majorettes del Ballet Center e i ballerini dell'Urban Style.




Maurizio Bocconcelli
Nostro Inviato

Lunedì, 07 Aprile 2008

Mondiali di Roma Forum Volontari

Diacetti, Dg del Comitato Organizzatore, illustra anche i progetti legati a logistica, merchandising, ticketing, mostre, medaglie e promozione delle discipline acquatiche

ROMA
Sono oltre 3.600, più donne che uomini, tanti giovani ma anche tanti anziani. Molti provengono da Roma e dal Lazio, ma le richieste arrivano da ogni parte d'Italia, oltre che dall'Europa e dal resto del Mondo. È questo il profilo dei candidati al ruolo di volontario per i Mondiali di nuoto di Roma 2009, illustrato oggi nel forum dedicato dal direttore generale del Comitato organizzatore, Roberto Diacetti. Un volontario «partecipante attivo» dell'evento, ha sottolineato il dg di Roma '09 spiegando le dinamiche della campagna di selezione dei volontari partita lo scorso 15 marzo. «L'obiettivo - ha detto Diacetti- è quello di far vivere l'evento ai volontari. Per questo è previsto un turn-over con turni di 5-6 ore, per consentire al volontario di seguire le gare e stare a contatto con i campioni». Nei criteri di selezione, quindi, «sarà tenuto conto, più che la motivazione, il reale interesse a partecipare all'evento per i 16 giorni della sua durata», ha spiegato ancora Diacetti. Ad oggi sono 3.628 le persone che hanno compilato la richiesta on-line per candidarsi al ruolo di volontario. L'aspettativa è che per la chiusura della campagna, il prossimo 31 luglio, saranno circa 10.000. La prima selezione, ridurrà gli aspiranti alla metà. Da questi, tra ottobre e dicembre, andranno selezionati i 2.500/3.000 che effettivamente prenderanno parte ai Mondiali.
«Per motivi logistici - ha detto Diacetti - ci rivolgeremo prevalentemente ai volontari di Roma e del Lazio. Ma abbiamo ricevuto richieste da tutte le parti (28 gli stranieri fino a oggi, ndr) e, ovviamente, ne terremo conto, perchè sarà importante il contatto eterogeneo tra diverse culture. L'ordine è dell'80% su Roma e Lazio, e 20% per gli altri». «La formazione - ha aggiunto - avverrà tra aprile e maggio 2009. È richiesta la conoscenza della lingua inglese, ma più lingue si conoscono, più si avrà la possibilità di avere incarichi diversi e di prestigio. È previsto poi un bonus per i volontari che arriveranno fino in fondo all'evento».
Per la campagna-volontari, diverse le iniziative. Oltre alla cartellonistica, anche gli spot radio e quelli tv nelle metropolitane di Roma e Milano e negli aeroporti, oltre all'invio di 1.600 kit nelle piscine affiliate alla Federnuoto.
Il forum sui volontari ha rappresentato anche l'occasione per illustrare altre iniziative del Comitato. In particolare, verso metà maggio è previsto un incontro con i media per un confronto sulla logistica e la mobilità. I giornalisti saranno chiamati a dire la loro sull'ipotesi di collocazione della tribuna e della sala stampa, e della mix-zone. «Pensiamo sia meglio parlarne prima, che cambiare le cose in corso d'opera», ha spiegato Diacetti, affermando che il lavoro sullo stadio del nuoto al Foro Italico porterà la capacità dell'impianto dagli attuali 9.000 spettatori a 15.500. Dal prossimo 18 luglio poi, a un anno esatto dal via dei Mondiali, scatterà il countdown, con iniziative che intendono coinvolgere la Capitale in quello che, ha detto il direttore generale di Roma 2009 «deve essere un evento sociale e culturale, non solo sportivo e che dovrà essere vissuto anche al di fuori delle gare».
Intorno a ottobre, inoltre, saranno presentate le medaglie dei Mondiali. Medaglie realizzate dalla Zecca dello Stato, che avranno uno stile classico e richiameranno quelle delle Olimpiadi del 1960. Al vaglio anche l'allestimento di una mostra dedicata agli eventi sportivi tenutisi in Italia raccontata attraverso le varie medaglie. Sempre a ottobre partirà la vendita dei biglietti online, che saranno successivamente disponibili al Foro Italico e al ticket-centre che sarà allestito al centro della città, dove si potrà acquistare anche il merchandising dell'evento, con il 20% del ricavato destinato a Telethon. «La politica dei prezzi - ha spiegato ancora Diacetti - è studiata per arrivare al sold-out. I prezzi oscilleranno dai 5 ai 50/60 euro per le finali. In Australia, ad esempio, i biglietti per le finali costavano circa 120 euro».
Iniziative per avvicinare Roma all'evento riguarderanno anche le scuole. «C'è un progetto-scuola nazionale - ha detto il dg di Roma 2009 - che prevede la proiezione del film "Pride". Mentre su Roma, c'è il progetto di 1 scuola per Municipio, con le classi che saranno portate nelle piscine per avvicinarsi al mondo della pallanuoto».
Imponente, infine, si annuncia la copertura televisiva e quella delle sponsorizzazioni. «Con la Rai abbiamo raggiunto un accordo importante - ha concluso Diacetti - e i Mondiali saranno seguiti da 87 telecamere per 7-8 ore di diretta giornaliere. L'obiettivo per le sponsorizzazioni, è quello di raggiungere gli 8 milioni di euro. Siamo vicini, dato che oggi siamo già a 7,2». (AdnKronos)






Il Presidente Barelli e il Sindaco Moscherini hanno firmato il protocollo d'intesa per la gestione provvisoria del nuovo impianto da parte del Comitato Regionale Lazio

ROMA
Oggi a Roma, nella Sala Rossa del Foro Italico, il Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli e il Sindaco di Civitavecchia, Giovanni Moscherini, hanno siglato l'accordo per la gestione provvisoria dello Stadio del Nuoto di Civitavecchia. La FIN gestirà il nuovo impianto attraverso il Comiato Regionale Lazio per i prossimi sei mesi e nel frattempo l'Amministrazione Comunale di Civitavecchia provvederà a definire il bando di concorso per la gestione definitiva dell'impianto da parte delle società, con una attenzione particolare rivolta alla territorialità.
Alla firma del protocollo d'intesa tra FIN e Comune di Civitavecchia hanno presenziato anche l'Assessore allo Sport di Civitavecchia Alessio Romagnuolo, il Segretario Generale della FIN Antonello Panza e il Presidente del Comitato Regionale Lazio FIN Gianpiero Mauretti. Lo Stadio del Nuoto verrà inaugurato il 7 aprile.
“Ringrazio la Federazione Italiana Nuoto e il presidente Barelli per l’impegno preso – ha dichiarato il Sindaco di Civitavecchia Moscherini. La collaborazione con la FIN sono certo che favorirà la crescita dello sport cittadino e il coinvolgimento dello Stadio del Nuoto nel programma dei Mondiali di Roma”.
“Sono oltre dieci anni che mi adopero affinché Civitavecchia abbia un impianto natatorio idoneo e capace di rispondere alle esigenze delle società e dei singoli cittadini – ha detto il Presidente della FIN Barelli – e oggi che il Comune ha realizzato il progetto sono veramente contento e soddisfatto. FIN e comitato regionale affiancheranno l’Amministrazione comunale nella gestione dello Stadio del Nuoto con l’auspicio che al più presto siano direttamente le società a poter provvedere alla conduzione dell’impianto. Per la sua lunga tradizione nella pallanuoto e nel nuoto Civitavecchia merita un impianto come lo Stadio del Nuoto”.
“L’apertura di questo nuovo polo natatorio – ha aggiunto il Segretario Generale della FIN Panza - potrà contribuire e sostenere l’evoluzione delle discipline sul territorio agevolando il lavoro delle società che da sempre sono impegnate nella promozione delle discipline natatorie e nella gestione dell’attività sportiva agonistica e di base”.