Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Dicembre 2008 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Questa mattina il Presidente Barelli lancia le partnership per le forniture tecniche del prossimo quadrienno al Circolo del Tennis. Presenti Fabbrica, Cimmino e Palmieri

ROMA
Questa mattina, presso il circolo del Tennis del Foro Italico, il Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli, ha presentato le partnership che accompagneranno la FIN per il prossimo quadriennio: il fornitore ufficiale delle Squadre Nazionali "Jaked", e gli sponsor tecnici "Yamamay" e "Carpisa".
"Per me e per tutta la Federnuoto è un grande onore essere affiancati da aziende competenti e di prestigio. E' questo il caso dei nostri nuovi sponsor: Jaked, Yamamay e Carpisa - ha detto il Presidente Fin Paolo Barelli - Sappiamo tutti quanto il mondo del nuoto sia cambiato con l'introduzione dei costumi di nuova generazione. Noi riteniamo che il costume sia un elemento accessorio e secondario alla prestazione dell'atleta, nasce per coprire il corpo e noi vorremmo che la sua funzione restasse quella. Da qualche anno a questa parte, però, la tecnologia è entrata prepotentemente nel nuoto. Da aprile a luglio la Federazione ha considerato attentamente le proposte con lo scopo di mettere gli atleti in una condizione di equità con la concorrenza e abbiamo concluso, già prima delle Olimpiadi, l'accordo con la Jaked. Insieme abbiamo raggiunto risultati esaltanti - conculde il Presidente della Fin - Siamo felici di essere insieme per tutto il quadriennio olimpico dove affronteremo appuntamenti importanti, a cominciare già dai Mondiali di Roma, come siamo entusiasti di avere al nostro fianco aziende leader come Carpisa e Yamamay".
 
"Il nostro marchio è nato quasi dal nulla -esordisce l'Amministratore Delegato della Jaked Francesco Fabbrica - Abbiamo avuto l'intuizione di sfruttare le nostre tecnologie applicandole alla nostra conoscenza e alla nostra esperienza sui tessuti. Abbiamo  subito registrato la buona considerazione da parte dei tecnici e, appena nati, abbiamo raggiunto già il massimo: le Olimpiadi. E' stata un'avventura: un anno fa non avrei mai immaginato di essere qui al fianco della Federnuoto e di aziende di prestigio come Yamamay e Carpisa. Jaked è nata grazie all'impegno di persone altamene specializzate, per noi non è un costume, è un progetto - prosegue Fabbrica - Vogliamo andare avanti e migliorare questa tecnologia con la speranza di poterla applicare anche in altri settori".
  
"E' dal 1986 che siamo in piscina come sponsor - racconta il Presidente onorario della Yamamay Luciano Cimmino - Agli sport acquatici abbiamo dato molto e ricevuto di più, in tutti i sensi. Sono sicuro che insieme vivremo un percorso ricco di soddisfazioni e di sacrifici, perché senza sacrificio non si possono ottenere i risultati a cui noi puntiamo. Oggi la sfida che ci motiva è quella di Jaked: in un momento di riflessione economica è la giusta risposta alla crisi. L'ingegno italiano si mette alla prova con le tecnologie di altri paesi. Da queste motivazioni noi prendiamo spunto per reagire al momento non positivo dell'economia, con la speranza di essere d'aiuto tanto alla FIN, quanto alla situazione del nostro Paese".
 
"Negli 8 anni sul mercato italiano siamo stati molto presenti nello sport - ha detto il Dirigente Carpisa Carlo Palmieri - Ad esempio abbiamo accompagnato il Posillipo all'ultimo scudetto nella pallanuoto e il Napoli all'ultima Coppa Italia nel basket. Il nostro logo è la tartaruga, che idealmente è un animale molto lento: con noi è andato molto veloce, speriamo di contribuire alla velocità degli atleti in vasca".
 
Consulta la cartella stampa in formato pdf





Stamattina a Roma sono state consegnate le onorificenze sportive dell'ultimo triennio. Presenti i Sottosegretari Letta e Crimi. Tra i premiati Pellegrini e Magnini

ROMA
Le discipline acquatiche ancora protagoniste dello sport azzurro. Gli atleti della piscina sono tra gli azzurri più vincenti dell'ultimo triennio. Tra gli atleti premiati ha ricevuto il Collare d'oro Federica Pellegrini (primatista mondiale e campionessa olimpica dei 200 stile libero), a cui è stato consegnato anche il Diploma d'Onore, per il primato del mondo nei 400 stile libero del 2007, insieme a Filippo Magnini (che ha già ricevuto il Collare per il triennio precedente) per il titolo iridato nei 100 stile libero di Melbourne 2007. La premiazione ha avuto luogo nel Salone d’Onore del CONI, alla presenza del Presidente Giovanni Petrucci, dei Vicepresidenti Riccardo Agabio e Luca Pancalli, del Segretario Generale Raffaele Pagnozzi e del Presidente della FIN Paolo Barelli. Sono intervenuti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta (che ha premiato gli atleti) e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo sport Rocco Crimi.
Federica Pellegrini, che ai recenti Europei di Fiume ha stabilito anche il primato mondiale dei 200 stile libero in vasca corta, ha così commentato il premio ricevuto: "Questo premio è il frutto del lavoro, tante ore di allenamento che portano a questi risultati. Firmerei per ripetere un anno così, quattro record del mondo e un oro olimpico! Nel 2009 ci sono i Mondiali proprio a Roma, ce la metterò tutta e mi giocherò tutte le carte a disposizione per vincere qualcosa di importante ed onorare il grande appuntamento". Anche Filippo Magnini, bronzo europeo a Fiume nei 100 stile libero, mette l'accento sulla prova iridata che lo attende il prossimo luglio a Roma: "Il 2008 è stato un anno difficile. Comunque penso che le sconfitte servano più delle vittorie e avere un campionato del mondo a Roma il prossimo luglio è un obiettivo importante e stimolante: voglio riconfermarmi soprattutto perchè nessuno ha mai vinto tre campionati iridati consecutivamente"
    
COLLARE D'ORO e DIPLOMA D'ONORE
Il Collare d’Oro, istituito nel 1995, è la più alta onorificenza conferita dal CONI e può essere attribuito una sola volta. E’ conferito alle società con oltre 100 anni di attività, che abbiano già ricevuto la Stella d’Oro al merito sportivo mentre lo ricevono gli atleti campioni olimpici, mondiali e i vincitori di alcune particolari manifestazioni internazionali. I Diplomi d’Onore sono attribuiti agli atleti che abbiano già ottenuto il Collare d’Oro in precedenza. La Palma d’Oro, istituita nel 2004, è attribuita ai tecnici che si siano distinti per l’ottenimento da parte dei loro atleti o squadre di risultati di alto livello nazionale e internazionale nonché per il rilevante contributo fornito per l’aggiornamento tecnico e per lo sviluppo dell’attività giovanile.
 
 
Vai al sito del Coni


COLLARI D'ORO E DIPLOMI D'ONORE
ELENCO DEI PREMIATI
Collare d’Oro al Merito Sportivo – Società: 2006 - Club Scherma Torino, Tiro A Segno Nazionale Sezione di Candela, Circolo del Remo e della Vela Italia; Società Canottieri Firenze, Tennis Club Milano “Alberto Bonacossa”. 2007 - Tiro a Segno Nazionale Sezione di Trieste, Società Canottieri Cerea, Associazione Calcio Milan, Società Ginnico Sportiva Fortitudo 1903, Società Ginnastica Angiulli. 2008 - A.S.D. La Fratellanza 1874, Società Canottieri Nino Bixio Piacenza, Yacht Club Adriaco, Associazione Ginnastica Virtus Et Labor 1906, Football Club Internazionale. Collare d’Oro al Merito Sportivo – Atleti: Atletica Leggera - Alex Schwazer (Campione Olimpico 2008 Marcia 50 Km.). Ciclismo - Alessandro Ballan (Campione Mondiale 2008 Corsa su strada in linea Individuale). Judo - Giulia Quintavalle (Campionessa Olimpica 2008 cat. 57 Kg). Lotta - Andrea Minguzzi (Campione Olimpico 2008 Greco Romana cat. 84 Kg). Motociclismo - Marco Simoncelli (Campione Mondiale 2008 Velocità Classe 250 cc.). Nuoto - Federica Pellegrini (Primatista Mondiale 2007 200 metri stile libero). Pugilato - Roberto Cammarelle (Campione Mondiale 2007 Dilettanti Pesi Supermassimi cat. + 91 Kg), Clemente Russo (Campione Mondiale 2007 Dilettanti Pesi Massimi cat. 91 Kg), Giacobbe Fragomeni (Campione Mondiale 2008 WBC - Pesi Massimi Leggeri), Simona Galassi (Campionessa Mondiale 2008 WBC - Pesi Mosca). Scherma - Matteo Tagliariol (Campione Olimpico 2008 Spada Individuale). Sport Paralimpici- Luca Agoletto (Campione Paralimpico 2008 Canottaggio - 4 con misto), Alessandro Franzetti (Campione Paralimpico 2008 Canottaggio - 4 con misto), Paola Protopapa (Campionessa Paralimpica 2008 Canottaggio - 4 con misto), Graziana Saccocci (Campionessa Paralimpica 2008 Canottaggio - 4 con misto), Daniele Signore (Campione Paralimpico 2008 Canottaggio - 4 con misto), Fabio Triboli (Campione Paralimpico 2008 Ciclismo - Gara Individuale su strada), Paolo Viganò (Campione Paralimpico 2008 Ciclismo - Inseguimento su pista Individuale), Maria Poiani Panigati (Campionessa Paralimpica 2008 Nuoto - 50 metri stile libero). Sport Invernali - Renato Pasini (Campione Mondiale 2007 Sci di Fondo Team Sprint); Patrick Staudacker (Campione Mondiale 2007 Sci Alpino - Super G). Tiro a Volo - Francesco D’Aniello (Campione Mondiale 2007 Double Trap Individuale), Chiara Cainero (Campionessa Olimpica 2008 Skeet). Diploma D’Onore – Atleti: Ciclismo - Paolo Bettini (Campione Mondiale 2007 Corsa su strada in linea individuale). Motociclismo - Valentino Rossi (Campione Mondiale 2008 - Velocità Moto GP). Nuoto - Filippo Magnini (Campione Mondiale 2007 100 metri stile libero), Federica Pellegrini (Campionessa Olimpica 2008 - 200 metri stile libero, Primatista Mondiale 2008 - 400 metri e 200 metri stile libero). Pugilato - Roberto Cammarelle (Campione Olimpico 2008 Pesi Supermassimi cat. + 91 Kg), Stefania Bianchini (Campionessa Mondiale 2007 WBC - Pesi Mosca). Scherma - Valentina Vezzali (Campionessa Mondiale 2007 Fioretto individuale, Campionessa Olimpica 2008 - Fioretto individuale). Sport Invernali - Cristian Zorzi (Campione Mondiale 2007 Sci di Fondo Team Sprint). Tiro con l’Arco - Natalia Valeeva (Campionessa Mondiale 2007 Tiro alla Targa Arco olimpico). Vela - Alessandra Sensini (Campionessa Mondiale 2008 - RS:X).


Il Presidente Barelli, il Presidente di Roma 09 Malagò e il Presidente della Regione Lazio Marrazzo portano i doni ai bambini più sfortunati. Testimonial d'eccezione Fioravanti, la Hunziker e la mascotte Diva

ROMA
Roma '09 festeggia il Natale con i bambini ricoverati all'ospedale Bambino Gesù di Roma. Stamattina il Comitato Organizzatore dei Mondiali di Nuoto Roma09 ed Enel Cuore Onlus hanno regalato un sorriso ai bambini più sfortunati portando dei doni presso il Reparto di Oncologia, Chirurgia plastica, Ematologia e in ludoteca. Ai circa 200 bambini è stato consegnato un kit didattico composto da uno zainetto, matite colorate ed album.
Il tutto condito da tre testimonial d'eccezione: il due volte campione olimpico Domenico Fioravanti, la showgirl Michelle Hunziker, e Diva, la rana mascotte dei 13th FINA World Championships che si svolgeranno nella capitale italiana dal 17 luglio al 2 agosto prossimi.
Presenti il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli, del Comitato Organizzatore di Roma 09 Giovanni Malagò, il Direttore Generale di Roma 09 Roberto Diacetti, il Presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo e il Consigliere Delegato di Enel Cuore Gianluca Comin.
La Federnuoto, il Comitato Organizzatore dei Mondiali di Nuoto Roma 09 e la Onlus Enel Cuore confermano così il loro impegno nel sociale avendo, sin dalla nascita, coniugato l'aspetto sportivo alla solidarietà. Enel Cuore è la Onlus costituita da Enel nel 2003 per coordinare e gestire i fondi destinati alla beneficenza e alla solidarietà dell'azienda, nel rispetto dei valori espressi all'interno del suo Codice Etico.
L'Associazione sostiene progetti di solidarietà sociale, in Italia e all'estro, a favore dell'infanzia e della terza età, oltre che delle persone malate e disabili. Enel Cuore è da sempre accanto ai bambini colpiti dalla malattia e alle loro famiglie, con progetti che migliorano l'assistenza, l'accoglienza e la qualità della loro degenza. Tra i progetti sostenuti a favore dell'infanzia: la realizzazione del Reparto di Diabetologia dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, la costruzione della Casa dei Bambini Enel Cuore all'interno del Nuovo Ospedale Anna Meyer a Firenze e la ristrutturazione dell'Ospedale Pediatrico Marie Curie di Bucarest.






Giovedì, 04 Dicembre 2008

La FIN al Convegno del CONI

Il Prof. Bonifazi, Presidente della Commissione Medico-Scientifia e del Centro Studi, relatore al seminario “Da Pechino a Londra: l’Allenamento per l’Endurance”. Rappresentate tutte le discipline olimpiche federali

ROMA
La Federazione Italiana Nuoto al convegno promosso dal CONI “Da Pechino a Londra: l’Allenamento per l’Endurance”, tenutosi questa mattina al Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti”, all’Acquacetosa di Roma.
La FIN è stata rappresentata in veste di relatore dal Prof. Marco Bonifazi, Presidente della Commissione Medico-Scientifia e del Centro Studi, che ha esposto la relazione "Il rapporto volume/intensità nell’allenamento per l’endurance: l’esperienza del nuoto". 
Hanno preso parte al convegno anche il direttore sportivo delle Squadre Nazionali di Nuoto Gianfranco Saini e i tecnici federali Claudio Rossetto, Giovanni Nagni, Andrea Palloni e Cesare Butini; il Ct della Nazionale di pallanuoto maschile Alessandro Campagna ed il team manager Francesco Attolico; il Ct della Nazionale di Nuoto in Acque Libere Massimo Giuliani e il vice Valerio Fusco; il preparatore atletico della Nazionale di Nuoto Sincronizzato Alessandro Conforto; l'olimpionico di tuffi e consigliere federale Klaus Dibiasi ed il responsabile tecnico del Progetto Giovanni Oscar Bertone.
 
consulta il comunicato del CONI
il programma del seminario






Interesse per il convegno "La grande manifestazione promuove la pratica sportiva di tutti?". Le riflessioni dei Presidenti della FIN Paolo Barelli e del C.O. Giovanni Malagò

ROMA
"Non dev'essere un Mondiale usa e getta, monta smonta". Ancora una volta il Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli, ha sottolineato l'importanza di lasciare alla città di Roma, alle associazioni sportive e all'universo acquatico, un'eredità strutturale ed impiantistica permanente attraverso i Campionati del Mondo di nuoto, pallanuoto, tuffi, nuoto sincronizzato e nuoto in acque libere che si svolgeranno al Complesso del Foro Italico e ad Ostia nel luglio prossimo. Il Presidente della FIN è intervenuto nel corso del convegno dal titolo "Dall’evento all’azione: la grande manifestazione promuove la pratica sportiva di tutti?" svoltosi questa mattina presso la Sala Rossa delle piscine del Foro Italico, a Roma. "Il Mondiale di Roma deve lasciare un segno tangibile negli anni che promuova le discipline acquatiche sul territorio e consenta di moltiplicare la fruizione - continua il Presidente Barelli - Dobbiamo guardare ai grandi eventi sportivi come mezzi per valorizzare tutte le discipline e per potenziare le strutture. Il nostro movimento conta oltre 5.000.000 di praticanti e i dati registrati indicano un ulteriore aumento nel prossimo quadriennio. Numeri importanti che hanno bisogno di un adeguato supporto pre e post evento. Roma sarà la vetrina d'Italia per oltre due settimane e ospiterà 2500 atleti in rappresentanza di 170 Paesi; le gare saranno seguite da una stima di due miliardi di telespettatori e da oltre 200.000 tifosi in tribuna. Ringrazio le autorità locali e statali per il sostegno che stanno offrendo a Roma 2009 sin dal giorno della candidatura. Senza il loro sostegno sarebbe stato impossibile organizzare un evento tanto prestigioso e complesso. Il Mondiale di Nuoto genererà un aumento del 2,2% del PIL del Comune di Roma, del 2,0% quello della Provincia, dell'1,5% della Regione e dello 0,2% nazionale - prosegue il Presidente della FIN, Paolo Barelli - L'impatto e il peso aggiuntivo di Roma 2009 si riflette positivamente sull'economia dell'intero Paese che purtroppo vive una situazione molto difficile, pari a quella del mondo dello sport, delle associazioni sportive e delle discipline natatorie in particolare.
Nonostante le difficoltà le Società continuano a porre in atto iniziative e sacrifici che consentono di mantenere e talvolta innalzare il livello tecnico-numerico del movimento di base che produce i risultati di eccellenza delle Nazionali in ambito internazionale. Il momento è difficile ma il CONI e il Governo si stanno prodigando affinché non venga intaccato il patrimonio socio-agonistico del Paese".
D'accordo con Paolo Barelli il Presidente del Comitato Organizzatore di Roma 09, Giovanni Malagò: "Senza gli enti di promozione sportiva il Mondiale sarebbe rimasto un sogno. Gli Enti sono nella stessa situazione delle piccole federazioni: devono farsi conoscere. E' per questo che bisogna esaltare il lavoro di chi investe in ambienti diversi dal calcio".
Lo sottolinea anche Claudio Barbaro, rappresentante degli Enti di Promozione Sportiva nella Giunta Nazionale del CONI che aggiunge come "altri eventi sono stati autoreferenziali ed è una cosa che per Roma 2009 dobbiamo evitare".
Sul tema del convegno il prof. Antonio Mussino, docente di Statistica all'Università La Sapienza di Roma, ha proposto l'esempio dell'effetto sul territorio di un grande evento sportivo come le Olimpiadi Invernali di Torino 2006. "In Piemonte coloro che praticano attività sportiva con costanza sono aumentati dal 21,7% del 2006 al 24,7% al 2008. Nello stesso periodo i sedentari sono scesi dal 32,9% al 31,0%".
Andrea Cardinaletti, Presidente del Credito Sportivo, invece evidenzia l'importanza della continuità: "Un grande evento, dal punto di vista finanziario, inizia anni prima e finisce anni dopo. Siamo stati presenti nei Mondiali di Roma 2009 fin dall'inizio, con una convenzione che approfitta di questa opportunità per promuovere la costruzione o la ristrutturazione di impianti per gli sport acquatici in tutto il Lazio".
Infine la prof.ssa Cristiana Buscarini del Dipartimento Management dello Sport "Foro Italico" ha sottolineato l'aumento dei tesserati F.I.Pav. in seguito agli Europei di pallavolo maschile del 2005.






Domani, alla Sala Rossa delle Piscine del Foro Italico, dalle 9.30, il convegno "La grande manifestazione promuove la pratica sportiva di tutti?" con i Presidenti della FIN Barelli e del Comitato Malagò e il Sottosegretario Crimi


Il 3 dicembre dalle ore 9.30 presso la Sala Rossa delle Piscine del Foro Italico di Roma (in piazza Lauro de Bosis, 3), nell’ambito dei Mondiali di Nuoto del 2009, si terra il convegno dal titolo ’Dall’evento all’azione: la grande manifestazione promuove la pratica sportiva di tutti?’. Relatori e ospiti discuteranno del rapporto fra grande evento sportivo e pratica di base.
Il convegno sarà diviso in tre fasi. Nella prima ci saranno il saluto del Presidente del Comitato Organizzatore dei Mondiali di nuoto, Giovanni Malagò, del Presidente della FIN, Paolo Barelli, e di Claudio Barbaro, rappresentante degli Enti di Promozione Sportiva nella Giunta Nazionale del CONI.
La seconda riguarderà le relazioni di quattro grandi esperti: il prof. Antonio Mussino, docente di statistica alla Sapienza, la prof.ssa Cristiana Buscarini, del Dipartimento Management dello sport “Foro Italico”, il dott. Andrea Cardinaletti, Presidente del Credito Sportivo, e l'architetto Alessandro Cattaneo, responsabile infrastrutture di Torino Olympic Park.
Seguirà una tavola rotonda a cui parteciperanno l’onorevole Rocco Crimi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, Patrizia Prestipino, Assessore alle Politiche del Turismo, dello Sport e delle Politiche Giovanili della Provincia di Roma, Alessandro Cochi, Consigliere delegato allo Sport del Comune di Roma, Fabio Pigozzi, Pro Rettore Vicario IUSM, ed Alfredo Cucciniello, coordinatore degli Enti di Promozione Sportiva.
 
da www.roma09.it