Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Ottobre 2008 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Il direttivo emette il provvedimento di clemenza generale per sanzioni comminate a Società e tesserati fino al 30 settembre 2008

ROMA
La prima delibera del nuovo Consiglio Federale, che si è riunito ieri a Roma, è stata la concessione del provvedimento di clemenza generale nella forma di indulto da applicarsi per le sanzioni comminate alle Società e ai tesserati fino al 30 settembre 2008.
 
Le modalità di applicazione del provvedimento:
 
- sanzioni comminate con criterio temporale senza soluzione di continuità: riduzione pari alla metà della sanzione comminata;
- sanzioni comminate con criterio di singole giornate che prevedano la sanzione della squalifica superiore a due giornate: riduzione pari alla metà della sanzione comminata;
- sanzioni risultanti dall'applicazione della norma di clemenza costituenti frazioni di giornata non devono intendersi conteggiate nell'ambito del provvedimento di clemenza e conseguentemente risultano da scontare; 
- esclusione dal provvedimento di clemenza per sanzioni comminate in materia di doping, sanzioni pecuniarie e radiazoni.






Ravina, Montella e Colica confermati Vice Presidenti. Nel Consiglio di Presidenza anche Dibiasi e Del Bianco in rappresentanza di atleti e tecnici. Tutte le deleghe

ROMA
Il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli ha coordinato il primo Consiglio Federale del nuovo quadriennio olimpico: 2009-2012.
I Consiglieri si sono riuniti a Roma a distanza di dodici giorni dalla XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva che si è svolta il 18 ottobre all'Hotel Ergife. Sono stati nominati i tre Vicepresidenti e sono state assegnate le deleghe, tra cui quella di Francesco Postiglione che si occuperà delle Squadre Nazionali di Pallanuoto. 
I Vicepresidenti sono Lorenzo Ravina, Salvatore Montella e Paolo Colica. Pertanto il Consiglio di Presidenza sarà composto dal Presidente Barelli, dai Vice Presidenti Ravina, Montella e Colica, dai Consiglieri Klaus Dibiasi (in rappresentanza degli atleti) e Roberto Del Bianco (in rappresentanza dei tecnici) e dal Segretario Generale Antonello Panza.
Alessandro Valentini subentra a Paolo Colica nel CdA del Mondiale di Roma 2009. Il Consiglio Federale ha inoltre prorogato di un anno l'attività degli Organi di Giustizia Sportiva considerati i Campionati già in corso e ha conferito le deleghe per il quadriennio
 
Marco Benati: Organizzazione Periferica e Scuole Nuoto;
Bruno Caiazzo: Pallanuoto;
Paolo Colica: Affari generali e Organizzazione Periferica;
Manuela Dalla Valle: Nuoto settore giovanile;
Cosimo D'Ambrosio: Nuoto;
Gianfranco De Ferrari: Pallanuoto;
Roberto Del Bianco: Settore Istruzione Tecnica;
Antonio De Pascale: Nuoto Sincronizzato e Nuoto;
Klaus Dibiasi: Tuffi;
Giuseppe Gervasio: Pallanuoto;
Giuseppe Marotta: Pallanuoto;
Salvatore Montella: Nuoto e Nuoto in Acque Libere;
Francesco Postiglione: Squadre Nazionali di Pallanuoto e Carte Federali;
Andrea Prayer: Master e Propaganda;
Lorenzo Ravina: Pallanuoto;
Nello Russo: Pallanuoto;
Alessandro Valentini: Bilancio Federale e Regolamenti Amministrativi;
Marco Zilia Bonamini Pepoli: Rapporti con gli Enti Militari e col CIP,  Antidoping e Sanità.


IL CONSIGLIO FEDERALE DELLA FIN 2009-2012
PRESIDENTE Paolo Barelli CONSIGLIERI In rappresentanza delle Società Marco Benati Lorenzo Ravina (Vice Presidente) Bruno Caiazzo Cosimo D'Ambrosio Gianfranco De Ferrari Giuseppe Marotta Giuseppe Gervasio Alessandro Valentini Marco Zilia Bonamini Pepoli Antonio De Pascale Paolo Colica (Vice Presidente) Nello Russo In rappresentanza degli Aleti Francesco Postiglione Andrea Prayer Manuela Dalla Valle Klaus Dibiasi (Consiglio di Presidenza) In rappresentanza dei Tecnici Salvatore Montella (Vice Presidente) Roberto Del Bianco (Consiglio di Presidenza) COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI PRESIDENTE Giorgio Lalle EFFETTIVO Roberto Canalini EFFETTIVO Marcello Bartolomeo EFFETTIVO* Marco Marcovaldi EFFETTIVO* Alfredo Roccella SUPPLENTE Remo Venturini SUPPLENTE Fabio Mattioni * Nominati dal CONI


Il Direttore di Rai Sport, De Luca, annuncia la totale copertura dell'evento, quello della Produzione Rai, Lorusso Caputi, l'utilizzo dell'alta definizione. La soddisfazione del Dg dela FINA Marculescu e del Presidente Barelli

ROMA
Alta definizione e copertura televisiva totale per i Mondiali di Roma 2009 con il coinvolgimento di 350 addetti RAI, l'utilizzo di circa 70 telecamere dedicate, tra cui alcune speciali aeree e subacquee, e la presenza di un pullman regia per campo gara.
Si è svolto oggi, a Roma, presso il Cavalieri Hilton, un meeting di aggiornamento tra il Comitato Organizzatore dei Mondiali di Roma 2009, i rappresentanti della Federation Internationale de Natation (FINA), della RAI (host broadcaster dell'evento) e dell'European Broadcasting Union (EBU).
All'incontro di preparazione in vista del World Broadcasting Meeting, in programma a Roma dal 12 al 14 gennaio prossimi, hanno preso parte il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli, il Presidente del Comitato Organizzatore di Roma 09 Giovanni Malagò e il Direttore Generale Roberto Diacetti, il Direttore Generale della FINA Cornel Marculescu, il Direttore di Rai Sport Massimo de Luca, il Condirettore Eugenio De Paoli, il Direttore della Produzione Andrea Lorusso Caputi e il Vice Direttore Maurizio Ciarnò, il coordinatore del progetto-regia Nazareno Balani e due rappresentati dell'EBU.
Il Direttore Massimo De Luca ha annunciato che "per Rai Sport il Mondiale di Roma è l'impegno più prestigioso del 2009" e pertanto "Rai Sport Più - canale sportivo che trasmette in digitale e satellitare - seguirà l'intera manifestazione con la diretta di tutte le sessioni di gare di ogni disciplina e con rubriche di approfondimento attraverso il coinvolgimento diretto delle reti in chiaro. Per l'occasione nuoto, pallanuoto, tuffi e nuoto sincronizzato godranno della totale copertura in alta definizione".
Il Condirettore Eugenio De Paoli, responsabile del progetto, e  il Direttore della Produzione Andrea Lorusso Caputi annunciano "il coinvolgimento di 350 addetti RAI, l'utilizzo di circa 70 telecamere dedicate, tra cui alcune speciali aeree e subacquee, e la presenza di un pullman regia ad alta definizione per campo gara".
Molto soddisfatto il Direttore Generale della FINA Cornel Marculescu: "L'impegno concreto della Federazione Italiana Nuoto, del Comitato Organizzatore e della RAI rappresentano un ulteriore motivo di compiacimento per la Federazione Mondiale. L'alta definizione con cui la RAI seguirà tutte le discipline, eccetto il nuoto in acque libere, e la totale copertura dell'evento sono motivo di soddisfazione e apprezzamento per il lavoro svolto. Sono ormai certo che sarà un'edizione iridata memorabile".
Molto soddisfatto anche il Presidente della Federnuoto Paolo Barelli: "Stiamo continuando a lavorare con impegno e serietà affinché il Mondiale di Roma abbia la maggiore copertura e diffusione internazionale possibile. Le sinergie poste in atto sottolineano il valore dell'evento, veicolo di spettacolo, aggregazione e promozione delle discipline acquatiche. Ringrazio tutte le componenti coinvolte per il lavoro che stanno svolgendo atto a valorizzare, supportare e realizzare l'ambizioso progetto".
 





A margine delle elezioni federali, riportiamo le dichiarazioni del Presidente Barelli, del Consigliere Dibiasi, dell'olimpionica Pellegrini e del Direttore Generale della FINA Marculescu

ROMA
A margine della XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva della Federazione Italiana Nuoto - che ha rinnovato la piena fiducia al Presidente Paolo Barelli, al terzo mandato consecutivo col 95.45% dei consensi, e ha eletto il nuovo Consiglio federale che rimarrà in carica fino al 2012 - il collega Davide Dionisi di Radio Vaticana ha realizzato alcune brevi interviste ai protagonisti:
 
Paolo Barelli: "Il bilancio del quadriennio è positivo - spiega il Presidente - Alle Olimpiadi di Pechino abbiamo lasciato qualcosa, come dimostrano i quarti posti ottenuti e l'eliminazione ai tiri di rigore del Setterosa ai quarti di finale del torneo di pallanuoto femminile con l'Olanda poi campione. Comunque l'oro di Federica Pellegrini e l'argento di Alessia Filippi testimoniano l'alto valore delle prestazioni globalmente effettuate e la vitalità del movimento che è in continua espansione. Le oltre 1700 società affiliate stanno compiendo un grande lavoro seppur tra mille difficoltà economiche; contiamo oltre 5.000.000 di praticanti e vogliamo arrivare a 6.000.000 con gli sforzi da parte di tutti e sopratutto della televisione pubblica che sta compiendo un lavoro capillare di diffusione delle discipline acquatiche. La Rai sarà l'host broadcaster dei Mondiali del prossimo anno che si svolgeranno proprio nella Capitale nella seconda metà di luglio. Sarà un appuntamento di fondamentale importanza per la continua crescita del movimento, con numeri da record per quanto riguarda le presenze di atleti, tecnici e giornalisti. Il nostro bilancio è razionalizzato verso le esigenze di tutti i settori agonistici e l'obiettivo è di salire sul podio di tutte le discipline alle prossime Olimpiadi di Londra del 2012". 
 
Federica Pellegrini: "Il 13 agosto scorso si è avverato un sogno che avevo sin da piccola - spiega l'olimpionica dei 200 stile libero - La vittoria ai Giochi mi ha trasmesso un'emozione fortissima che resterà sempre dentro di me. Ai ragazzi che decidono di avvicinarsi al nuoto dico che questa è una disciplina molto dura, nella quale bisogna credere sempre in se stessi ed essere fori mentalmente se si vuole arrivare molto in alto. Ho ripreso la preparazione il primo ottobre in vista della lunga stagione che culminerà coi Mondiali di Roma del prossimo anno. Per noi atleti i campionati iridati in casa significano tanto e cercheremo di onorare al meglio quella che sarà una delle manifestazioni più importanti a livello internazionale della nostra carriera". 
 
Cornel Marculescu: "La Federazione Internazionale è presente per celebrare una delle Federazioni più importanti a livello mondiale - spiega il Direttore Generale della FINA - la salute delle discipline acquatiche è ottima considerando l'alta qualità raggiunta a Pechino: un campione come Michael Phelps è oggi unanimemente riconosciuto a livello mondiale e campionesse come la Pellegrini dimostrano che l'Italia è all'avanguardia per prestazioni e valore tecnico. La Fina insieme alla Wada ha iniziato dal '94 anche un programma di controllo antidoping, che prevede controlli a sorpresa in qualsiasi momento dell'anno. In questo modo riusciamo a monitorare gli atleti per l'intero arco stagionale ed avitare brutte sorprese nelle competizioni internazionali. Immaginare i Mondiali di Roma in uno scenario come il Foro Italico è affascinante e ci riempe d'orgoglio. Sono sicuro sarà tutto pronto per un'edizione memorabile".
  
Klaus Dibiasi: "Il mondo dei tuffi è cambiato tantissimo - ha affermato il Consigliere Federale, tre volte campione olimpico - gli atleti odierni sono molto più preparati sia dal punto di vista fisico che tecnico rispetto ai miei tempi. Si pensi che oggi bambini di 11 o 12 anni eseguono dei tuffi impensabili ai miei tempi. In Italia siamo ancora un po' indietro sopratutto per quanto riguarda l'impiantistica che consenta una preparazione invernale, come quella nelle palestre e sui trampolini a secco. Comunque nonostante il bacino d'utenza ristretto, seppur in aumento, ci riempi d'orgoglio aver portato ben otto atleti alle Olimpiadi di Pechino". In chiusura il ricordo dei successi più belli: "Alla mente mi tornano il primo oro vinto ai Giochi di Città del Messico nel 1968 e l'ultimo di Montreal 1976 per due motivi: ero alla fine della carriera dopo 19 anni a grandi livelli ed ho battuto un giovanissimo Greg Louganis all'inizio della sua carriera stellare". 
  
http://www.radiovaticana.org/
 






Oltre 350 esaminandi per la qualifica di allenatore di primo e secondo livello, 35 per quella di maestro di salvamento. I prossimi convegni del SIT e il corso per istrutturi, conduttori e soccorrritori di moto d'acqua

ROMA
Non solo gare, ma anche formazione tecnica e salvaguardia della vita umana, com'è nella tradizione della Federazione Italiana Nuoto. Il Settore Istruzione Tecnica diretto e coordinato dal Prof. Roberto Del Bianco e la Sezione Salvamento presieduta dall'Amm. Angelo Lattarulo, come tutti gli anni, hanno indetto e organizzato corsi ed esami per allenatori di nuoto di 1° e 2° livello e per maestri di salvamento. I corsi si sono da poco conclusi e sono state fissate le date dei prossimi esami. 
 
I prossimi appuntamenti del Settore Istruzione Tecnica. Alla fine di ottobre a Roma, nelle aule dell'impianto sportivo Giulio Onesti, all'Acquacetosa, sono previsti gli esami per allenatori di nuoto di primo livello. Il 23 e 24 ottobre quelli del centro nord e il 30 e 31 ottobre del centro sud. 
Da adesso fino a dicembre sono oltre 350 gli allievi da esaminare per il conseguimento della qualifica di allenatore di nuoto di 1° e 2° livello.
Nel mese di novembre sono in programma il Convegno di rieducazione funzionale e riabilitazione in acqua dal 7 al 9 a Parma e il Convegno per allenatori di nuoto dal 14 al 16 a Riccione. Quest'ultimo vale come corso di aggiornamento curriculare per gli allenatori di nuoto e prevede interventi di tecnici nazionali e internazionali, oltre a quello del Commissario Tecnico della Nazionale azzurra Alberto Castagnetti.
Dal 20 al 23 novembre a Napoli si svolgerà il Corso per coordinatori di scuole nuoto diretto dal Consigliere Federale Prof. Roberto Del Bianco e condotto dal responsabile tecnico delle Nazionali giovanili di nuoto Walter Bolognani.
 
I prossimi appuntamenti del Settore Salvamento. Dal 23 al 26 ottobre a Rimini si svolgerà il Corso sperimentale per istruttori, conduttori e soccorritori di moto d'acqua organizzato dalla Federazione Italiana Nuoto in collaborazione con la Federazione Italiana Motonautica. L'8 novembre a Roma sono previsti gli esami per Maestro di Salvamento a conclusione del corso che si è svolto a Gaeta e al quale hanno partecipato 35 allievi. Sia il corso per istruttori, conduttori e soccorritori di moto d'acqua che gli esami per Maestro di Salvamento saranno cooridinati dal Maestro internazionale Giorgio Gori, Coordinatore della Sezione Salvamento FIN per la parte didattica.   






Il Presidente plaude il lavoro delle Società, dei Comitati Regionali e premia Pellegrini e Filippi per i successi delle Olimpiadi. Il Presidente del CONI Petrucci si complimenta con la Federnuoto: "Siete straordinari"

ROMA
Il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli ha aperto i lavori della XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva - all'Hotel Ergife di Roma - salutando e premiando gli ospiti: il Presidente del CONI Gianni Petrucci, il Segretario Generale del CONI Raffaele Pagnozzi, il Responsabile della Preparazione Olimpica del CONI Roberto Fabbricini, accompagnati dal Capo Ufficio Stampa Danilo Di Tommaso, l'ex nuotatore ed attore Carlo Pedersoli "Bud Spencer" (primo italiano a scendere sotto il muro del minuto nei 100 stile libero), il Primo Presidente della Corte di Appello di Catanzaro Pietro Antonio Sirena (nuotatore master), il Direttore Generale della FINA Cornel Marculescu, il Direttore Generale del Comitato Organizzatore dei Mondiali di Roma 2009 Roberto Diacetti, il Presidente della Sezione Salvamento Angelo Lattarulo, i Commissari Tecnici del Nuoto Alberto Castagnetti, di Tuffi Giorgio Cagnotto, del Nuoto in Acque Libere Massimo Giuliani, del Nuoto Sincronizzato Laura De Renzis, del Nuoto per Salvamento Antonello Cano, i tecnici federali Cesare Butini, Gianni Nagni e Claudio Rossetto e tutti i Presidenti dei Comitati Regionali della Federazione Italiana Nuoto "che rappresentano una rete importantissima - ha sottolineato Barelli - senza la quale la nostra organizzazione non potrebbe ottenere i risultati del quadriennio che stiamo celebrando".
"Le Società - continua il Presidente - non sono solo la coscienza sportiva del Paese ma anche sensori del nostro stato socio-economico. Purtroppo i rilievi registrati dagli oltre 5.000.000 di praticanti, con il coinvolgimento delle loro famiglie, indicano crisi e difficoltà. I problemi di natura economica che investono il Paese inevitabilmente coinvolgono anche il mondo sportivo e le discipline natatorie in particolare. Per noi che andiamo "ad acqua calda" i rincari energetici sono problemi da affrontare con capacità di bilancio e gestione. Nonostante le difficoltà, però, le Società non hanno mai lesinato sacrifici per consentire di mantenere inalterato e addirittura innalzare il livello tecnico-numerico del movimento di base che produce i risultati di eccellenza delle Nazionali in ambito internazionale. Il momento è difficile ma sono ottimista perché il CONI, attraverso il Presidente Gianni Petrucci, e il Governo, con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, uomo di sport e dalle eccezionali capacità, e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport Rocco Crimi, di certo proseguiranno a sensibilizzare le Istituzioni affinché continuino a promuovere il loro patrimonio socio-agonistico".
"Le Società - conclude - hanno bisogno di tutela, di benefici di natura fiscale e di sostegno. Sono loro il patrimonio dello sport italiano e a loro vanno ascritti tutti i risultati agonistici delle Nazionali".
     
I COMPLIMENTI DEL PRESIDENTE DEL CONI. L'intervento del Presidente del CONI Gianni Petrucci è stato particolarmente sentito. "Non è usuale che il Presidente del Coni partecipi a una Assemblea Elettiva. Per me è la prima volta e lo faccio scientemente perché Barelli è candidato unico e con la mia presenza non inficio alcun voto e perché il nuoto oggi è un modello dello sport italiano. Paolo Barelli è un bravo Presidente, sempre vicino agli atleti, in tuta a bordo piscina, che dorme al Villaggio Olimpico e mette sempre lo sport avanti alla politica. Barelli per noi è un esempio e voi siete una Federazione straordinaria per i risultati che ottenete e per le emozioni che regalate a tutti noi. Ci tenevo a dirvi grazie".
 
LA TESTIMONIANZA DI BUD SPENCER. Simpatico l'intervento di Bud Spencer, al secolo Carlo Pedersoli, attore famoso in tutto il mondo, ex nuotatore della Lazio e della Nazionale, primo atleta italiano a essere sceso sotto il minuto nei 100 stile libero. "Abbiamo in sala, davanti a noi, campioni olimpici e mondiali come Federica Pellegrini, Alessia Filippi, Monica Vaillant, Alessio Boggiatto che insieme a tutti gli altri hanno ottenuto qualcosa di unico e indimenticabile sotto l'aspetto agonistico ed emozionale. Io ho soltanto partecipato a due Olimpiadi: una in treno a Helsinki e l'altra con un aereo ad elica in Australia. I tempi sono cambiati, il nuoto è cambiato, ma le emozioni che regala questo sport sono sempre le stesse. Forza ragazzi, continuate così". Nelle due Olimpiadi di Helsinki 1952 e Melbourne 1956 Carlo Pedersoli si è sempre classificato in semifinale nei 100 sl.
 
LA TESTIMONIANZA DI PIETRO SIRENA. Il Primo Presidente della Corte di Appello di Catanzaro ha ripercorso le tappe della sua carriera di  atleta, sottolineando la passione per il mare e per le gare in corsia: dai titoli giovanili regionali a quelli italiani master Over 65 nel mezzofondo.
 
LE PAROLE DEL DIRETTORE GENERALE FINA. "Non potevo mancare a questo appuntamento così importante come l'Assemblea Ordinaria Elettiva della FIN - ha detto il Direttore Generale della FINA Cornel Marculescu - L'anno prossimo ci aspettano i Campionati Mondiali di Nuoto, Pallanuoto, Nuoto Sincronizzato, Nuoto in Acque libere e Tuffi a Roma. Conoscendovi sono certo che saranno tra i migliori per organizzazione e risultati agonistici".
 
RIBALTA PER PELLEGRINI, FILIPPI E CASTAGNETTI. Grande partecipazione emotiva quando in sala è stato proiettato il filmato che ha ripercorso i successi azzurri dell'ultimo quadriennio. Le immagini conclusive sono state dedicate alle protagoniste principali dei Giochi Olimpici di Pechino 2008. Federica Pellegrini, campionessa olimpica e primatista mondiale dei 200 stile libero, Alessia Filippi,
vice-campionessa olimpica negli 800 stile libero. Vicino a loro il Commissario Tecnico della Nazionale di Nuoto, Alberto Castagnetti. "La prima volta che ho rivisto queste immagini ho pianto - ha detto Federica - e ogni volta mi trasmette sempre emozioni particolari. Stiamo già lavorando per il prossimo quadriennio che culminerà con le Olimpiadi
di Londra 2012 ma prima ci sono i Mondiali a Roma ai quali teniamo moltissimo. Invito tutti voi a venirci a vedere e sostenerci come avete fatto finora". "E' emozionante stare qui - ha affermato Alessia - e rivivere insieme la gioia di Pechino. E' la prima volta che rivedo la mia gara. Di solito sono sempre critica con me stessa ma questa volta mi
sono piaciuta. Ringrazio tutti voi per il supporto che ci avete dato, che ci date e che ci darete in futuro. Il prossimo anno ci saranno i Mondiali a Roma ed io che sono romana ci tengo in modo particolare". "Su queste due ragazze è stato detto tutto - ha concluso Castegnetti - sono state strepitose e meritano questo successo perché per arrivarci hanno
fatto moltissimi sacrifici. Mi aspetto che siano altrettanto brave ai Mondiali di Roma". 
 
ANCHE BULGARI PREMIA LE AZZURRE. La parte celebrativa si è conclusa con la consegna di un omaggio del rappresentante della Bulgari Marco Tatarella alle due campionesse azzurre Federica Pellegrini e Alessia Filippi.


XXXIX ASSEMBLEA ORDINARIA
L'ELENCO DEGLI OSPITI
Ospiti particolari Gianni Petrucci Presidente CONI Raffaele Pagnozzi Segretario Generale CONI Roberto Fabbricini Responsabile Prep. Olimpica CONI Cornel Marculescu Direttore Generale FINA Bud Spencer Attore Atleti Federica Pellegrini Campionessa Olimpica e Primatista Mondiale dei 200 sl Alessia Filippi Medaglia d'argento Olimpica degli 800 sl Tecnici Alberto Castegnetti CT Nuoto Giorgio Cagnotto CT Tuffi Laura De Renzis CT Sincronizzato Massimo Giuliani CT Fondo Antonello Cano CT Salvamento Cesare Butini Tecnico Federale Gianni Nagni Tecnico Federale Claudio Rossetto Tcenico Federale Presidenti Comitati Regionali Marco Benati Piemonte Ardelio Michielli Bolzano Danilo Vucenovich Lombardia Mario Pontalti Trento Roberto Cognonato Veneto Sergio Pasquali Friuli Venezia Giulia Silvio Todiere Liguria Roberto Maselli Emilia Romagna Andrea Prayer Toscana Carlo Maria Valazzi Marche Mario Provvidenza Umbria Gianpiero Mauretti Lazio Dario Frammolini Arbuzzo Vittorio D’Astuto Molise Filippo Calvino Campania Giovanni Irione Puglia Vincenzo Nigro Basilicata Daniele Paonessa Calabria Vincenzo Trovato Sicilia Paolo Pettinau Sardegna


La XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva della FIN ha ribadito la fiducia a Barelli con il 95,45% dei consensi e ha proclamato i consiglieri che saranno in carica fino al 2012

ROMA
L'Assemblea Ordinaria della Federazione Italiana Nuoto ha rinnovato la piena fiducia al Presidente Paolo Barelli e ha eletto il nuovo Consiglio che rimarrà in carica fino al 2012. Per Barelli si tratta del terzo mandato, dopo quelli del quadriennio 2000-2004 e 2005-2008. E se quattro anni fa era stato riconfermato con l'89% dei voti, oggi ha ricevuto il 95,45% dei consensi. Il totale dei voti espressi è stato 12541.
Il Presidente Barelli si è rivolto al nuovo Consiglio. "Ringrazio tutti i candidati. La testimonianza dei consensi ripaga lo sforzo e la passione che i candidati hanno profuso. Eletti e non, saranno coinvolti nei progetti federali. I programmi della Federazione per il quadriennio che ci condurrà ai Giochi Olimpici di Londra 2012 sono molteplici. Il prossimo obiettivo è il Mondiale di Roma 2009". 
Paolo Barelli si è soffermato anche sul problema dei tagli annunciati in Finanziaria al Coni. "Questa mia nuova sfida - ha detto - comincia con i timori per la situazione economica e non penso solo alle Federazioni, ma a tutte le Società sportive che rischiano di non avere più risorse. Lo sport non è un'isola felice, ma è un fenomeno sociale che va al di là del risultato agonistico. Rappresenta il primo filtro di benessere della società".
"Il Governo - ha continuato Barelli - con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che è uomo di sport dalle grandi competenze, e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport Rocco Crimi ha già dimostrato sensibilità per le difficoltà che quotidianamente affrontano le Società. Pertanto, nonostante i problemi economici che condizionano il Paese e si riflettono inevitabilmente sul mondo sportivo, sono sicuro che il Governo e il Coni continueranno ad alimentare e tutelare lo sport che rappresenta il 3-4 per cento del prodotto interno lordo. In Italia le Associazioni e Società Sportive sono il doppio rispetto a molti altri Paesi perchè suppliscono le carenze del mondo scolastico e universitario. Solo attraverso di loro si pratica sport: allo Stato il compito di continuare a tutelarle con tutto il sostegno possibile".
    
La Federazione Italiana Nuoto ha dedicato un apposito spazio riepilogativo in home page dedicato alla XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva. Al suo interno i lavori presentati oggi dal Presidente Paolo Barelli. La Relazione Consuntiva, il Bilancio Programmatico, le Statistiche del quadriennio e la brochure "Comunicare con il Nuoto" che ripercorre il quadriennio 2005-2008 (pdf 18 MB). 
 
CONGRESSO FINA. Il 28 settembre il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli era stato eletto dal Congresso della Ligue Europeenne de Natation, che si è svolto a Zurigo, a rappresentare l'Europa nel direttivo della Federation Internationale de Natation (FINA).

XXXIX ASSEMBLEA ORDINARIA
L'ELENCO DEGLI ELETTI
PRESIDENTE Paolo Barelli numero di voti 12541 (95,45%) Totale schede 484 Schede valide 462 Schede bianche 21 Schede nulle 1 CONSIGLIO FEDERALE Rappresentanza delle Società Marco Benati voti 8004 Lorenzo Ravina voti 7886 Bruno Caiazzo voti 7412 Cosimo D'Ambrosio voti 7227 Gianfranco De Ferrari voti 6875 Giuseppe Marotta voti 6321 Giuseppe Gervasio voti 5949 Alessandro Valentini voti 5700 Marco Zilia Bonamini Pepoli voti 5680 Antonio De Pascale voti 5390 Paolo Colica voti 5215 Nello Russo voti 4601 Non eletti Stefano Rubaudo voti 3203 Martina Gratton voti 2623 Fabrizio Leonardi voti 1756 Fabio Gioia voti 1737 Totale schede 345 Schede valide 338 Schede nulle 1 Schede bianche 6 Rappresentanza degli Aleti Francesco Postiglione voti 826 Andrea Prayer voti 815 Manuela Dalla Valle voti 794 Klaus Dibiasi voti 739 Non eletta Monica Vaillant voti 169 Rappresentanza dei Tecnici Salvatore Montella voti 698 Roberto Del Bianco voti 482 Non eletto Claudio Rosini voti 191 Totale schede 87 Schede valide 84 Schede nulle 1 Schede bianche 2 COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI PRESIDENTE Giorgio Lalle voti 6538 EFFETTIVO Roberto Canalini voti 3773 EFFETTIVO Marcello Bartolomeo voti 3598 SUPPLENTE Remo Venturini voti 4335 SUPPLENTE Fabio Mattioni voti 1966 Totale schede 502 Schede valide 383 Schede nulle 66 Schede bianche 53


Domani, a Roma, all'Hotel Ergife, si celebra la XXXIX Assemblea Ordinaria Elettiva. I lavori iniziano alle 9.30. Relazione consuntiva, bilancio programmatico, brochure "Comunicare con il Nuoto" e statistiche

ROMA
Domani, sabato 18 ottobre, a Roma, presso l'Hotel Ergife, in via Aurelia 619, si celebrerà la 39esima Assemblea Ordinaria Elettiva della Federazione Italiana Nuoto alla quale è dedicato un apposito spazio riepilogativo in home page.
Nel corso dell'Assemblea il Presidente Paolo Barelli, candidato unico alla Presidenza per il quadriennio 2009-2012, presenterà la Relazione Consuntiva, il Bilancio Programmatico, le Statistiche del quadriennio e la brochure "Comunicare con il Nuoto" che ripercorre il quadriennio 2005-2008 (pdf 18 MB).
Seguono la premessa del Presidente Paolo Barelli che apre la Relazione Consuntiva ringraziando le società civili e i gruppi sportivi militari "per il forte contributo e il lavoro sinergico svolto sempre con particolare capacità organizzativa" e i link per consultare i quattro lavori.
  
Le Società sportive sensori dello stato socio-economico del Paese
   
"È solo il lavoro svolto dalle Società e dalle loro componenti – dirigenti, tecnici e collaboratori – a garantire all’intero sistema sportivo nazionale la possibilità di raggiungere e mantenere i livelli di eccellenza conseguiti.
Questo assioma è  all’origine  dell’impegno federale e lo ribadisco con forza ancora una volta: tutti i nostri risultati sono ascrivibili all’impegno delle Società.
Non esisterebbero squadre nazionali competitive se non ci fosse sul territorio una rete di Società sportive che operano con professionalità!
Parallelamente i tecnici federali di qualsivoglia disciplina dovrebbero compiere miracoli se non ricevessero atleti già formati dal lavoro quotidiano delle Società!
Il nostro sistema di Società è costituito da circa 2.000 associazioni che operano su tutto il territorio nazionale in circa 4.000 piscine. Esso costituisce un eccezionale “sensore” che non solo determina la salute tecnico-sportiva del nostro mondo, ma riflette anche lo stato socio-economico del Paese, poiché è un campione significativo delle famiglie italiane che nobilitano le nostre discipline con oltre cinque milioni di praticanti.
Come premessa del mio intervento ritengo necessario sottolineare quali siano le sensazioni che le nostre Società registrano in modo indiscutibile: disagio, crisi!
Le nostre Società affrontano da sempre una realtà non facile: si nuota “nell’acqua calda” e l'attività si svolge in costosi impianti di natura mono-disciplinare, complessi tecnologicamente e strutturalmente. Hanno di conseguenza acquisito capacità gestionali e sviluppato il senso del risparmio per far quadrare i propri bilanci.
Così, nonostante la crescita dei costi economici,  che si riflettono soprattutto sulla bolletta energetica e sulla spesa per le realizzazioni, sono state in grado di raggiungere risultati di eccellenza a livello nazionale,  accrescere il numero dei partecipanti all'attività agonistica, incrementare il numero ed elevare la qualità dei successi delle Squadre Nazionali, in ciò sostenute dalla propria passione oltre che dal contributo indispensabile dei tecnici e dirigenti federali.
Non so quanto sarà possibile chiedere ancora alle nostre Società e al nostro sistema sportivo per poter garantire il consolidamento dei successi raggiunti e tendere ad un auspicabile miglioramento.
Questa mia franca considerazione scaturisce dal confronto che anima quotidianamente l’operato della Federazione con le Società, i Comitati Regionali e Provinciali e tutte le componenti tecniche.
Negli anni scorsi  abbiamo avuto modo di lavorare, unitamente al CONI e a tutte le istituzioni del Paese, per superare la grave crisi che caratterizzò lo sport italiano a cavallo degli anni 2000 con il crollo delle entrate del Totocalcio, unica fonte di finanziamento fino a quel momento dello sport italiano.
Nel 2002 il Governo garantì le somme che consentirono allo sport italiano di sollevarsi da questa condizione di disagio che lo avrebbe certamente ridimensionato.
Seguirono poi altri provvedimenti che assicurarono benefici alle Società Sportive sia in termini fiscali sia di oneri sociali, che contribuirono a rinvigorire  passione ed entusiasmo, come ad esempio l’art. 90 della legge Finanziaria n. 289 del 2002 e la legge n. 311 della Finanziaria 2004 che concesse definitivamente e stabilmente i fondi al CONI.
Da allora molta acqua è passata sotto i ponti ed ora nuove problematiche minacciano di portare in uno stato di sofferenza lo sport italiano; una su tutte l’aumento dei costi dell'energia e noi… andiamo ad acqua calda!
Tutto il sistema societario sportivo italiano ha visto riflettersi nei propri bilanci l’incremento dei costi perché, come già detto in precedenza, lo sport in generale, e le discipline acquatiche in particolare, sono in corrispondenza diretta con la società italiana e subiscono il momento di forte crisi economica che essa sta vivendo e che fa presagire tagli anche ai finanziamenti del sistema sportivo.
Cosa fare allora per alimentare la nostra passione e la nostra missione di avviare allo sport i giovani e formare atleti? Come dare impulso alle nostre discipline, continuando a mantenere un ruolo di leader a livello internazionale?
Credo che la risposta sia unica: contribuire a diffondere e a sostenere i valori che lo sport rappresenta nella società italiana, affinché sia compiutamente sostenuto dalle entità pubbliche che hanno competenza in materia finanziaria e non appena tollerato o, come è successo in alcuni casi, addirittura ignorato nei capitolati di spesa di Comuni e Regioni.
In tal senso credo che tutto il sistema sportivo debba sostenere il CONI, unica istituzione autorevole in grado di promuovere il necessario grado di sensibilizzazione nazionale indispensabile per affrontare e risolvere le problematiche più impellenti che ne frenano attualmente lo sviluppo.
Le possibilità di uscire dalla presente situazione ci sono e, malgrado l’analisi delle prospettive attuali debba essere inevitabilmente severa, sono ottimista!
Tutta la società italiana vive un momento di difficoltà; ma, allo stesso tempo,  avverto un’adeguata capacità di comprensione ed una particolare sensibilità da parte dell’opinione pubblica e delle Istituzioni nei confronti del movimento sportivo".



XXXIX ASSEMBLEA ORDINARIA ELETTIVA DELLA FIN
LE CANDIDATURE
Presidente Paolo Barelli Consiglieri per le Società 17 Candidati per 12 posti in Consiglio Marco Benati Bruno Caiazzo Paolo Colica Cosimo D'Ambrosio Gianfranco De Ferrari Antonio De Pascale Giuseppe Gervasio Fabio Gioia Martina Gratton Fabrizio Leonardi Giuseppe Marotta Antonio Mazzone (ritirato) Lorenzo Ravina Luciani Rigatti Stefano Rubaudo Nello Russo Alessandro Valentini Marco Zilia Bonamini Pepoli Consiglieri per i Tecnici 3 Candidati per 2 posti in Consiglio Roberto Del Bianco Salvatore Montella Claudio Rosini Consiglieri per gli Atleti 5 Candidati per 4 posti in Consiglio Manuela Dalla Valle Klaus Dibiasi Francesco Postiglione Andrea Prayer Monica Vaillant Revisori dei Conti 5 Candidati per 2 posti di Revisori Effettivi 1 posto di Revisore Supplente Marcello Bartolomeo Roberto Canalini Giorgio Lalle Fabio Mattioni Remo Venturini


Dal 24 al 26 ottobre gli atleti laziali compresi tra gli 8 e i 14 anni si sfideranno nelle quattro discipline care al Presidente onorario del CONI e della Polisportiva Lazio, scomparso 3 anni fa

ROMA
Per non dimenticare colui che ha contribuito a scrivere alcune delle pagine più belle dello Sport Italiano. Colui che da atleta è stato capace di tagliare i più ambiti traguardi in almeno quattro discipline  -  scherma, nuoto, pallanuoto e rugby - e da dirigente (tra le tante cariche ha ricoperto quella di Presidente Onorario del CONI) è stato ancor più eclettico, dando un contributo di esperienza, capacità organizzativa e limpidezza a numerosissime associazioni sportive, in campo nazionale ed internazionale.
Con questo obiettivo, a tre anni dalla sua scomparsa, è stato ideato il “Memorial Renzo Nostini” – fortemente voluto dal Prof. Avv. F.M.  Emanuele Emmanuele, presidente della Fondazione Roma e presidente generale onorario della S.S. Lazio -, che verrà presentato martedì 21 ottobre p.v. alle ore 17 a Roma al Circolo Canottieri Lazio (in Lungotevere Flaminio n. 25)
L’evento, che andrà di scena dal 24 al 26 ottobre al CPO “Giulio Onesti”- Acquacetosa, vedrà le sfide - nelle quattro discipline tanto care a colui che è stato al centro del movimento sportivo nazionale ed internazionale per più di due terzi di secolo - tra giovanissimi di età compresa fra gli 8 e i 14 anni. Quei giovanissimi verso i quali Renzo Nostini riteneva fosse assolutamente necessario che il mondo dello sport volgesse la massima attenzione. Quei giovanissimi che saranno i campioni del futuro.
Fanno parte del Comitato d'Onore della manifestazione il Presidente della FIN Paolo Barelli, il Presidente del Coni Gianni Petrucci, il Presidente della Camera dei Deputati Gianfranco Fini, il Sottosegretario della Presidenza del Consiglio con delega allo sport Rocco Crimi e il Sindaco di Roma Gianni Alemanno. Fa parte, invece, del Comitato Organizzatore il Presidente del Comitato Regionale Lazio della FIN Giampiero Mauretti.
 
Il profilo di Renzo Nostini
Nostini nasce a Roma il 27 maggio 1914, anche se risulta dichiarato all'anagrafe il primo giugno. Si avvicina allo sport grazie all'ex Presidente della Federazione Italiana Nuoto Olindo Bitetti, che lo porta alla Lazio Nuoto che dirige nei primi anni trenta. Nostini si distingue subito per le doti di nuotatore, vincendo più titoli italiani di staffetta e nella pallanuoto.
Ecclettico e in possesso di molteplici talenti, Nostini si dedica anche al rugby, giocando con la Roma in serie A, e al pentathlon, fino a conquistare più volte il campionato nazionale e a sfiorare la convocazione per i Giochi olimpici di Berlino del 1936: fu escluso perché borghese in un ambiente di atleti militari favoriti dal regime.
I risultati più prestigiosi, però, Nostini li raccoglie nella scherma, di cui è stato Presidente federale dal 1961 al 1993.  Nostini partecipa a due edizioni dei Giochi olimpici: nel 1948 a Londra con il fratello Giuliano e nel 1952 a Helsinki conquistando quattro argenti, due nel fioretto a squadre e due nella sciabola a squadre; inoltre partecipa a nove Campionati Mondiali vincendo sette titoli iridati - fioretto individuale nel 1950, fioretto a squadre nel 1937, 1938, 1949, 1950, 1954 e sciabola a squadre nel 1949 - e quindici medaglie complessive.
Poco prima di lasciare l'attività agonistica, già laureato in ingegneria, sposato e padre di una figlia Patrizia (poi arriverà Marzia), Nostini viene eletto Presidente della S.S. Lazio Nuoto nel 1952, avvia la fiorente attività di costruttore edile e di piscine ed è nominato Presidente dell'Associazione Nazionale Installatori. Nel contempo alimenta la sua passione per lo sport in veste di dirigente. Oltre a guidare la scherma per circa 35 anni, è stato membro di Giunta, Vice Presidente e fino ad oggi Presidente Onorario del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Presidente della Lazio Nuoto dal 1947 ed è stato ai vertici anche della Federazione Italiana Rugby e del Comitato Universitario Sportivo Italiano.
Già medaglia d'oro al Valore Atletico, stella d'oro al Merito Sportivo, Ordine Olimpico d'Argento del Comitato Internazionale Olimpico e  membro d'onore della Federation Internationale d'Escrime, il Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi lo ha insignito personalmente del Collare d'Oro al merito sportivo.
 
Il programma delle gare





Il Presidente Barelli e il Sindaco Floris firmano l'accordo per l'impianto che diventa "Centro Federale Permanente per la preparazione di alto livello" e "Centro di addestramento dei nuclei di Protezione Civile di Salvamento"

CAGLIARI
Il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli e il Sindaco Emilio Floris hanno firmato a Cagliari la convenzione inerente la piscina olimpica in località Terramaini.
Alla firma erano presenti anche il Segretario Generale della FIN Antonello Panza e il Commissario Tecnico della Nazionale di Nuoto Alberto Castagnetti.
La convenzione, della durata di nove anni, determina la costituzione di un "Centro Federale Permanente per la preparazione sportiva di alto livello" e di un "Centro di addestramento dei nuclei di Protezione Civile di Nuoto per salvamento".
La gestione della piscina sarà ad uso pubblico e con particolare riguardo allo sviluppo delle Associazioni, garantendo la più ampia fruibilità sotto il profilo sociale, e valorizzando l'attività agonistica del nuoto, della pallanuoto e delle altre discipline acquatiche in favore dei cittadini di Cagliari e di tutta la Sardegna.






Pagina 1 di 2