Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Gennaio 2006 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Sabato, 21 Gennaio 2006

Barelli scrive alle Società

Lettera aperta del Presidente della Federazione Italiana Nuoto ai Presidenti delle Società affiliate


Cari Presidenti,
 
sono a scriverVi in ossequio al principio di massima chiarezza e trasparenza posto alla base del mio operato quotidiano e di quello della Federazione che mi onoro di presiedere.
Ho recepito la lettura di una e-mail del 18.1.2006 che riporta un articolo del 5.1.2006 apparso sul quotidiano "Il Tempo" di Roma. Il servizio illustra un atto di indirizzo parlamentare per lo stanziamento di 222 milioni di Euro in favore dello sviluppo socio-economico del Territorio Nazionale e che tra la moltitudine dei destinatari compare l’Associazione Sportiva Aurelia Nuoto di Roma per una quota di € 500.000,00 per l’adeguamento degli impianti e delle attività statutarie.
Nella e-mail in questione, priva di ogni riferimento sull'identità dell’autore, la copia dell'articolo de "Il Tempo" è preceduta da un'introduzione disdicevole e cialtronesca dal titolo “Berlusconi regala a Barelli 500.000 Euro…anzi all’Aurelia Nuoto”.
La diffusione della notizia ha portato alla strumentalizzazione della possibile erogazione di disponibilità finanziarie in favore dell’Aurelia Nuoto, legando presuntivamente la decisione al mio nome.
E’ infatti noto che ben 30 anni fa, unitamente ad altri amici sportivi, sono stato tra i fondatori dell’Aurelia Nuoto, Società sportiva che vede ancora oggi impegnato nell'ambito della gestione sportiva mio fratello Luigi e nella quale invece non detengo alcuna carica dal 1998.
E’ parimenti ben noto che l’Aurelia Nuoto, sotto la mia Presidenza prima, e con la conduzione dei successivi Presidenti poi, è storicamente e in modo continuativo ai vertici delle classifiche nazionali.
A questo punto, a fronte del tentativo di strumentalizzazione in atto, deve essere noto a tutti, e più precisamente a chi non vive quotidianamente la realtà locale romana, che da quando ho lasciato la Presidenza dell’Aurelia Nuoto ho cessato ogni attività corrente in favore della Associazione, validamente condotta dai propri Dirigenti.
Ormai da anni, unitamente ai personali impegni politici, ho profuso le mie energie in ambito sportivo per il bene comune della Federazione Italiana Nuoto e del suo intero movimento, svolgendo la mia opera, anche in ambiente parlamentare, sempre a viso aperto e con la dignità della mia firma.
Portano infatti la mia firma gli atti che hanno consentito disposizioni in favore della Federazione di 30 milioni di Euro per l’organizzazione dei Campionati del Mondo di Roma 2009, nonché gli atti parlamentari per la revisione in favore delle norme in materia di Società Sportive Dilettantistiche.
Non sono particolarmente interessato, quanto meno allo stato, a conoscere le motivazioni che abbiano generato il tentativo di strumentalizzazione in corso e se esse siano legate o meno ai miei impegni politici.
Diversamente sono istituzionalmente tenuto a garantire e tutelare l'estrema chiarezza.
Chiudo pertanto sul nascere i tentativi di strumentalizzare - su un fatto di per sé positivo per una Società federale di vertice, come in precedenza già accaduto, e mi auguro che possa ancora ripetersi per altre Società parimenti meritevoli - dichiarando, per le responsabilità discendenti dalle cariche ricoperte, di essere estraneo alla determinazione che interesserebbe l'Associazione Aurelia Nuoto.