Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Gennaio 2005 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Martedì, 25 Gennaio 2005

Di Nino e Corrà Eroi a Palm Beach

Tecnico e ranista si tuffano nel Coconut Creek per salvare la vita a una coppia di anziani vittime di un incidente stradale. I complimenti del Presidente Paolo Barelli

ROMA
Sono i nuovi eroi di Palm Beach. Il 27 dicembre tornavano in Florida dopo le vacanze natalizie insieme alla campionessa italiana dei 200 rana Sara Giovannoni, a Coral Springs per un stage. Andrea Di Nino, tecnico di 32 anni, assiste l'allenatore americano Michael Lohberg (al quale si è affidata la Giovannoni); Luca Corrà, ranista ventenne della DDS, è un suo allievo.
In un giorno come tanti, diretti a casa di Sara Giovannoni per poi deviare verso la piscina e gli allenamenti, i due vedono un'auto sbandare e finire nelle acque del Coconut Creek. A bordo c'erano una coppia di americani, moglie e marito. Non esitano un secondo. Fermano l'auto e si precipitano a soccorrerli. Si tuffano e li portano in salvo. Di Nino si preoccupa del marito, Corrà della moglie.
Sulla strada si forma un gruppo di persone che assistono al salvataggio con ammirazione. Poco più tardi arrivano l'ambulanza e le squadre di soccorso che portano la coppia in ospedale per gli accertamenti di rito.
Corrà e Di Nino vengono portati in trionfo dalla gente, ricevono i complimenti delle autorità locali e la graditudine dei due malcapitati.
Ancora una volta i nostri tecnici e atleti si sono resi protagonisti di una iniziativa valorosa, mettendo la loro perizia al servizio della collettività. In Italia, come all'estero. 
Dopo l'assistente bagnante Marco Tartaglia, che ha tratto in salvo tre persone durante il maremoto del 26 dicembre, anche Corrà e Di Nino si uniscono alla lunga lista dei nuotatori che investono la loro esperienza per l'utilità sociale. "Volevamo aiutarli - spiega Di Nino - Era un nostro dovere. Non abbiamo pensato ad altro. Temevamo soltanto di non farcela. E' stata un'esperienza unica che non dimenticheremo mai". "All'inizio avevamo paura dei coccodrilli - aggiunge Corrà - ma una volta in acqua abbiamo pensato solo a loro".
A Luca Corrà e Andrea Di Nino il grazie della Federazione Italiana Nuoto, ancora una volta protagonista nell'attività di prevenzione e soccorso di incidenti acquatici. "Luca Corrà e Andrea Di Nino - ha detto il Presidente Paolo Barelli - si sono resi protagonisti di un gesto lodevole, che legittima l'importanza della attività della Federazione Italiana Nuoto, da oltre 100 anni impegnata nella prevenzione e nel soccorso di incidenti acquatici con programmi destinati alla popolazione e attraverso la formazione degli assistenti bagnanti.
Ancora una volta i tecnici formati dalla Federazione Italiana Nuoto hanno dato un contributo alla salvaguardia della vita umana e diffuso con le loro gesta la cultura dell'acqua, di cui siamo da sempre i promotori. Ormai sono oltre cinque milioni gli italiani che frequentano abitualmente le piscine del nostro paese e sposano i nostri ideali. Massimiliano Rosolino e Federica Pellegrini, compagna di società di Luca Corrà, sono solo la punta dell'iceberg di una grande famiglia che abbina i risultati agonistici all'attività dai profondi risvolti sociali e umanitari. Lo dimostrano anche i riconoscimenti ricevuti dal Dipartimento della Protezione Civile/Presidenza del Consiglio e dal Ministero della Tutela dell'Ambiente e del Territorio. La Federnuoto - conclude Barelli - è anche impegnata in programmi di formazione con le Forze Armate, i Corpi Nazionali e in particolar modo con la Croce Rossa Italiana".





Lunedì, 17 Gennaio 2005

Fomiconi e Pedersoli Caimano d'Oro

Il Commissario Tecnico del Settebello e Bud Spencer premiati dal Comune di Civitavecchia e dalla Coser Nuoto. Riconoscimenti speciali anche a Bossini, Coconi e Petronilli

CIVITAVECCHIA
Due uomini di sport, vincenti e con un forte ascendente sul pubblico. Pierluigi Formiconi e Carlo Pedersoli sono stati i protagonisti del "Gala degli sport acquatici", ieri al Teatro Traiano di Civitavecchia. Il Comune e la Coser Nuoto li hanno premiati per i risultati ottenuti nel nuoto e nella pallanuoto. Per Formiconi un attestato particolare dopo lo storico successo alle Olimpiadi alla guida del Setterosa, per Pedersoli un riconsocimento alla carriera.
Il Caimano d’Oro è stato attribuito a Carlo Pedersoli "per la sua carriera di nuotatore e per essere rimasto sempre vicino a questo sport, anche quando è diventato un attore affermato e conosciuto in tutto il mondo". “Ricevere questo premio come Carlo Pedersoli è ancora più bello e ricco di significato – ha detto l’ex primatista italiano dei 100 stile libero e dei 100 rana – che se l’avessi ricevuto come Bud Spencer”. Il  nuoto è stata sempre la sua passione e lui è sempre rimasto legato alla Federazione Italiana Nuoto, della quale dal 2004 è diventato anche testimonial.
Prima di vestire i panni di Bud Spencer e dedicarsi alla carriera cinematografica, Pedersoli ha partecipato a due Olimpiadi: Helsinki 52' e Melbourne '56. Ieri ha passato il testimone a Paolo Bossini, campione europeo in vasca olimpica e corta dei 200 rana, quarto ai Giochi Olimpici di Atene, portacolori dell’Aniene. “Questi sono i campioni – ha dichiarato Pedersoli rivolgendosi alla platea – i migliori del mondo. La vita di un atleta è importantissima. Che si vinca o si perda ti insegna a vivere. Faccio a Paolo i migliori auguri”.
Paolo Bossini ha ricevuto il premio direttamente dalle sue mani. “Per me è un grande orgoglio – ha commentato il nuotatore bresciano – e ringrazio il Comune di Civitavecchia e la Coser Nuoto per questo premio. Il nuovo anno è pieno di progetti. Voglio fare il possibile per stare davanti a tutti”.
Poi è stata la volta di Pierluigi Formiconi. Le immagini della finale olimpica e della festa finale hanno fatto da preludio al suo ingresso in scena. Il pubblico gli ha riversato una standing ovation.
Il Caimano d’Oro è stato attribuito a Pierluigi Formiconi "per i tanti successi ottenuti nella pallanuoto, da giocatore e da allenatore e con l’augurio che possa ripeterli anche alla guida della Nazionale maschile". “Vi ringrazio per la standing ovation – ha detto il tecnico romano – non sono abituato. Rivedere queste immagini mi dà sempre una grande emozione. Come diceva mio padre, queste sono cose che non si comprano e ti rimangono per sempre. Sono orgoglioso di quello che ho fatto e che ho vinto. Questo premio lo abbiamo vinto tutti insieme. Quelle che hanno iniziato con me, quelle che erano con me ad Atene e l’intero movimento”.
Riconcosciemti speciali al tecnico delle Nazionali giovanili Maurizio Coconi, di ritorno dal collegiale juniores e cadetti a Forni di Sopra (Udine), per i risultati ottenuti a livello inernazionale in 13 anni di conduzione tecnica e all'ex arbitro internazionale Roberto Patronilli, nuovo Team Manager dell Nazionale maschile di pallanuoto, per la sua spledida carriera culminata con la direzione della finale di pallanuoto maschile Ungheria-Serbia & Montenegro ai Giochi Olimpici di Atene.   
In rappresentanza della Federazione Italiana Nuoto sono intervenuti il Vicepresidente Paolo Colica e il Presidente del Comitato Regionale Laziale Gianpiero Mauretti. Ha partecipato alla serata anche l’assistente del Commisario Tecnico del Settebello Gianni Fedele.






Siglata l'intesa tra la Federazione Italiana Nuoto e il Comune di Fiuggi per la gestione dell'impianto polivalente. Dopo Verona, Avezzano e Trieste nasce il quarto Centro Federale

FIUGGI
Questa mattina, nella Sala Consiliare del Comune di Fiuggi (Frosinone), il Presidente della FIN, Paolo Barelli, e il Sindaco della città termale, Virginio Bonanni, hanno siglato un accordo-convenzione per la gestione da parte della FIN dell'impianto sportivo comunale polivalente di Fiuggi che diventa così Centro Federale. Tra i presenti l'Assessore allo Sport Giuseppe Incocciati, l'On. Antonio Tajani e l'azzurro, Campione Europeo, Paolo Bossini, che sarà il testimonial dell'impianto.
L'accordo prevede la gestione per i prossimi dieci anni da parte della Federazione Italiana Nuoto dell'intero impianto, composto da una piscina da 50 metri scoperta, due campi di calcio, campi da tennis e da un campo per pallacanestro e pallavolo.
Soddisfatto l'Assessore allo Sport del Comune di Fiuggi, Giuseppe Incocciati, che ha così commentato l'evento. "Oggi è un giorno importante per la nostra città e per tutto lo sport, perchè è stato raggiunto un accordo di collaborazione con la FIN che ha come finalità principale la crescita e lo sviluppo dello sport, e del nuoto in particolare, nel nostro territorio. Abbiamo raggiunto il primo obiettvo. Adesso dobbiamo lavorare per ottenere i primi risultati".