Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Articoli filtrati per data: Dicembre 2003 - FIN - Federazione Italiana Nuoto
Inizia il 2004 con alcune discipline della Fin già qualificate (Settebello e 3 tuffatori) ed altre che devono ancora centrare il pass olimpico (Setterosa, nuoto, sincro e il resto dei tuffi). Ecco la situazione sport per sport

ROMA
Con il 1° gennaio 2004 si apre l'anno olimpico e la Federazione Italiana Nuoto si sta preparando ai Giochi di Atene con fiducia e convinzione di poter ottenere dei buoni risultati in tutte le sue discipline. La 28^ edizione delle Olimpiadi è in programma dal 13 al 29 agosto e vedrà coinvolte quattro delle discipline che fanno capo alla Fin: Nuoto, Pallanuoto, Nuoto Sincronizzato e Tuffi. Alcune di esse hanno già staccato il biglietto per la Grecia, altre dovranno guadagnarsi la qualificazione nei prossimi mesi. Ecco la strada che dovranno percorrere gli azzurri per arrivare ad Atene 2004.
PALLANUOTO: Il Settebello di Paolo De Crescenzo è già qualificato per i Giochi Olimpici, in virtù del secondo posto ottenuto a luglio ai Campionati Mondiali di Barcellona. Il Setterosa di Pierluigi Formiconi, invece, sebbene abbia vinto gli Europei di Lubjana a giugno e sia arrivato secondo ai Mondiali in Spagna, dovrà disputare il Torneo di Qualificazione Olimpica, che si svolgerà ad Imperia dal 23 al 29 febbraio e che vedrà promosse ad Atene le prime quattro Nazioni classificate (cioè le semifinaliste). Al Setterosa (inserito in un girone eliminatorio con Nuova Zelanda, Brasile, Spagna e Ungheria) basterà arrivare tra le prime due in questo girone e quindi qualificarsi per le semifinali della manifestazione.
NUOTO: Gli atleti del nuoto dovranno rispettare i tempi limite fissati dalla FIN (la tabella è riportata qui sotto) in occasione dei Campionati Assoluti Primaverili, che si svolgeranno a Livorno dal 10 al 14 marzo, oppure in occasione dei Campionati Europei di Madrid, in programma dal 10 al 16 maggio 2004. E' evidente che qualsiasi tempo "valido" registrato in una competizione ufficiale durante questo periodo sarà preso in considerazione dal Commissario Tecnico (come accadde per esempio nel 2003 con Terrin che fece il tempo per i Mondiali in un meeting in Francia o con Rosolino che li fece partecipando ai Trials australiani).
NUOTO SINCRONIZZATO: Le ragazze del nuoto sincronizzato dovranno disputare un Torneo di Qualificazione Olimpica, che si svolgerà ad Atene dal 15 al 18 aprile. Le prime 7 squadre classificate, più la Grecia (già qualificata perchè Paese ospitante), saranno ammesse ai Giochi. L'Italia agli ultimi Mondiali è giunta settima per cui dovrà difendere strenuamente questa posizione che in teoria, se confermata ad Atene, le garantirebbe il pass olimpico. Il duo azzurro, invece, è di fatto virtualmente qualificato, poichè verranno promosse le prime 24 coppie e l'Italia è posizionata nel ranking mondiale tra le prime otto.
TUFFI:  Nella squadra dei tuffi, tre atleti hanno già il pass olimpica, che hanno guadagnato raggiungendo la finale ai Campionati Mondiali di Barcellona. Sono Nicola Marconi nel trampolino da 3 metri, Tania Cagnotto e Massimiliano Mazzucchi nella piattaforma. Per tutti gli altri ci sarà la possibilità di qualificarsi ai Giochi in occasione della Coppa del Mondo, in programma ad Atene dal 18 al 22 febbraio, ma prima dovranno superare la selezione nazionale per la Coppa del Mondo, che si divide in due fasi. La prima fase si è tenuta a Belluno con il Trofeo di Natale e la seconda si disputerà a Catania il 23 e 24 gennaio, in occasione della  "Coppa Atene 2004".     
Incrociamo le dita e in "bocca al lupo" azzurri!
 


I tempi limite per le Olimpiadi di Atene
GARA DONNE UOMINI 50 s.l. 25"39 22"41 100 s.l. 55"27 49"27 200 s.l. 1'59"76 1'49"02 400 s.l. 4'10"75 3'50"28 800 s.l. 8'35"40 1500 s.l. 15'15"15 100 dorso 1'01"67 54"99 200 dorso 2'12"36 1'59"15 100 rana 1'09"01 1'01"67 200 rana 2'28"21 2'13"43 100 farfalla 59"41 53"05 200 farfalla 2'10"58 1'57"71 200 misti 2'14"88 2'01"50 400 misti 4'44"90 4'18"57 Staffette (in gara-somma tempi) 4 x 100 s.l. 3'42"73-3'44"53 3'16"86-3'18"66 4 x 200 s.l. 8'03"25-8'05"05 7'17"83-7'19"63 4 x 100 mista 4'05"92-4'07"72 3'35"61-3'37"41


Mercoledì, 17 Dicembre 2003

Il Gug presenta il progetto "Tutor"

Si tratta di una nuova iniziativa finalizzata alla crescita dei giovani arbitri di pallanuoto. Hanno già dato l'adesione quali Tutors molti arbitri internazionali e delegati con grande esperienza in ambito nazionale


Nei più recenti Convegni dell'ambito formativo è scaturito che un elemento portante di tutti i processi di innovazione e di formazione è ora la figura del "Tutor".
Il Gruppo Ufficiali Gara della Federazione Italiana Nuoto con la migliore tempestività, ha lanciato in questi giorni un proprio progetto "Tutor" da svilupparsi in tutte le Regioni dove è prevista una sufficiente attività agonistica della Pallanuoto. Il progetto, articolato in più componenti ed in diverse fasi, è finalizzato a velocizzare il processo di crescita degli Arbitri più giovani in quanto localmente e con l'aiuto dei Colleghi più esperti quali "utili chiocce"  si sviluppa sui "piano vasca" quotidianamente con una osmosi di esperienze ed informazioni che certamente saranno il migliore viatico per i giovani Arbitri regionali. Da rilevare che hanno già dato la loro piena disponibilità in qualità appunto di Tutors tanti Arbitri anche di fascia internazionale ed inoltre Delegati e Commissari di grande esperienza.
 
OBIETTIVI del Progetto
 
1) Favorire l'inserimento del giovane, particolarmente se in difficoltà per collocazione geografica, nella vita del GUG, attraverso forme di attenzione ai problemi di crescita tecnica e comportamentale, apprendimento e di relazione con il contesto. 
2) Proporre un processo di verifica tra scelta sportiva, attitudini e abilità del giovane. 
3) Porre il Tutor nei confronti dei suoi "tutorati" quale strumento e risorsa primaria per affrontare aspetti riguardanti l'organizzazione dell'approccio, la metodologia formativa e l'orientamento. 
4) Rilevare sistematicamente i progressi in atto (monitoraggio).
5) Informare il Centro Tecnico nazionale del GUG sull'andamento dei diversi percorsi.
 
FASI del Progetto
 
MACRO FASI
Analisi dell'esistente 
I gruppi di progetto e di responsabilità produrranno una scelta entro il 31.12. 2003.
Individuazione
Dovrà ottenere l'imprimatur da parte del C.T. del GUG che invierà ai selezionati (tutor e tutorati) comunicazione ufficiale contenente le principali indicazioni riguardo a tempi e alla metodologia di massima del progetto.
Report finale
Verrà redatto dal tutor e dal docente regionale sulla storia del lavoro svolto per evidenziare i passaggi capitali della crescita attesa.






Presentati nel Comune ligure i Campionati Assoluti di Nuoto in vasca corta (18-19 dicmbre) e le finali del Campionato Invernale Allievi (20-22 dicembre). Gli interventi di Castagnetti e De Crescenzo

CAMOGLI
Camogli diventa Capitale degli sport acquatici. E' stata presentata questa mattina nella Sala Consiliare del Comune di Camogli la "cinque giorni dell'acqua", che racchiude in un solo colpo, dal 18 al 22 dicembre, i Campionati Italiani Assoluti Invernali di Nuoto e il Campionato Italiano Invernale Allievi di Pallanuoto.
A fare gli onori di casa, il Sindaco di Camogli, Giuseppe Maggioni, con il vicepresidente della Federnuoto, Lorenzo Ravina, il consigliere federale, Gianfranco De Ferrari, il Presidente della Rari Nantes Camogli, Mamo Fondelli, il Commissario Tecnico della Nazionale azzurra di Nuoto, Alberto Castagnetti, e il Commissario Tecncio della Nazionale azzurra di pallanuoto, Paolo De Crescenzo.
Oltre ai convenevoli di rito e ai ringraziamenti reciproci, è stato posto l'accento sulla grande ospitalità di Camogli che per il secondo anno consecutivo accoglie gli Invernali di Nuoto, "segno che l'anno scorso è andato tutto bene" ha chiosato Fondelli.
Il Sindaco è apparso particolarmente felice perché "oltre al nuoto quest'anno c'è anche una vetrina di pallanuoto, disciplina di grande tradizione a Camogli".
Castagnetti ha anunciato: "Ci sarà un grande livello partecipativo agli Assoluti. Da Rosolino in poi, avremo in gara tutti i big, fatta eccezione per Fioravanti per i noti problemi e per Merisi che è ancora in fase di recupero. Penso che assisteremo ad un campionato effervescente, dove mi attendo grandi risultati soprattutto dalle raniste e dagli staffettisti. Stiamo lavorando su un gruppo molto coeso che ci fa ben sperare".
Di rimando De Crescenzo: "Per me Camogli rappresenta la città dove ho esordito alla guida del Settebello per cui sono molto felice che quetso Campionato possa svolgersi qui. Ad agosto, durante la World League a New York, il peresidente Barelli ed il vicepresidente Ravina mi portarono a conoscenza di questo meraviglioso progetto di far giocare gli Allievi di inverno. Penso che sia molto importante questa iniziativa della Federazione. Nell'anno olimpico è giusto valorizzare il presente ma è anche importante programmare il futuro".





Danilo di Tommaso
nostro inviato

Il prestigioso sodalizio partenopeo, presieduto da Adriano Gaito, ha indetto un concorso di idee per "Una sede rinnovata per un glorioso Circolo Nautico". Seimila euro di premio al vincitore


BANDO PUBBLICO PER IL CONCORSO DI IDEE PER
"Una sede rinnovata per un glorioso Circolo Nautico"


Art. 1 - Obiettivi del concorso
II Circolo Canottieri Napoli, bandisce un concorso per un progetto riservato a giovani iscritti agli Ordini Professionali degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e degli Ingegneri, che ha per oggetto la presentazione di idee per rinnovare la sede del Circolo del
Molosiglio, disciplinato dalle disposizioni di cui alla legge 109/94 e del capo II del D.P.R.
554/99.
 
Art. 2 -• Partecipanti
Possono partecipare al concorso di cui al presente bando gli iscritti successivamente alla data del 1° gennaio 2000 presso i rispettivi Albi Professionali. Nella eventualità di associazione tra più professionisti dovrà comunque essere nominato un capogruppo responsabile del progetto.
Ogni partecipante potrà presentare una unica proposta. Uno stesso progettista non può partecipare in forma singola e/o associata, pena l'esclusione del gruppo e del singolo. Uno stesso progettista non può far parte di più di un gruppo che concorre pena l'esclusione dei gruppi.
 
Art. 3 - Procedure del concorso
II bando di concorso è pubblicato sul BURC e sui siti web:
• dell'Università degli Studi di Napoli Federico II all'indirizzo www.unina.it
• della Seconda Università degli Studi di Napoli all'indirizzo www.unina2.it
• dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia all'indirizzo: http://www.na.archiworld.it/
• dell'Ordine degli Ingegneri all'indirizzo www.ordineingegnerinapoli.it
Comunicazione del Concorso verrà data anche alle principali istituzioni culturali ed alla stampa. Tutta la documentazione potrà essere ritirata presso la Segreteria del C.C.N. a partire dal 05/12/03 dal martedì al giovedì dalle 14,30 alle 17,00.
 
3.1    Ente banditore
CIRCOLO CANOTTIERI NAPOLI
Porticciolo del Molosiglio
Tel. 081/5512331
 
3.2    Segreteria del concorso
Dott.ssa STEFANIA GAITO
Tel. 081/7640567-celi. 338/4552521
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 3.3    Tipo di concorso
Concorso di idee articolato in un unico grado in forma anonima
3.4    Ambito territoriale lingua ufficiale
L'ambito territoriale del concorso è nazionale e comunque aperto alla partecipazione dei cittadini dell'Unione Europea. La lingua ufficiale del concorso è la lingua italiana.
 
3.5    Condizioni di esclusione
Non possono partecipare al concorso:
a) I componenti, i loro coniugi, parenti e/o affini fino al terzo grado compreso;
b) Amministratori, consiglieri, consulenti e/o impiegati del Soggetto Banditore (anche con contratto a termine)
c) Coloro che risultino impiegati o datori di lavoro o che abbiano vincoli di
collaborazione o relazioni continuative e notorie con mèmbri della giuria;
d) Coloro i quali a qualsiasi titolo abbiano preso parte alla stesura del bando e della documentazione ad esso allegata. Valgono inoltre tutte le altre cause di esclusione dalle procedure di affidamento dei servizi di architettura e di ingegneria di cui all'alt. 52 del D.P.R. 554/99.
 
Art. 4 - Elaborati richiesti
I concorrenti dovranno presentare elaborati in forma anonima, consistenti in tre tavole formato AO, recanti il motto, formato da cinque lettere dell'alfabeto e da una cifra semplice, composto in maniera libera.
I concorrenti illustreranno l'opera progettuale con scritti, grafici, schizzi, tabelle, e studio di fattibilità economica di massima dell'intervento, il tutto contenuto nelle suddette 3 tavole AO; le tre tavole dovranno essere accompagnate da una busta sigillata, contenente le generalità di ogni componente del gruppo e i certificati di iscrizione ai relativi albi
professionali, anche sotto forma di autocertifìcazione.
 
Art. 5 - Consegna degli elaborati
II termine di consegna degli elaborati è fissato alle ore 12,00 del 15 gennaio 2004 presso la sede del Circolo Canottieri Napoli - giardini del Molosiglio - 80132 Napoli a mezzo plico raccomandato.
 
Art. 6 - Lavori della giuria
a) Composizione della Giuria
La Giuria è composta dai seguenti mèmbri:
-  Presidente del Circolo Canottieri Napoli con funzioni di Presidente;
-  Preside della Facoltà di Architettura Università Federico II;
-  Preside della Facoltà di Architettura della II Università di Napoli;
-  Presidente dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia;
-  Presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Napoli e Provincia; Segretario (senza facoltà di voto)
b) Sedute della giuria
I lavori della giuria si svolgeranno presso la sede del Circolo Canottieri Napoli - Molosiglio - Napoli e sono segreti, ad ogni seduta sarà redatto apposito verbale da parte del Segretario, dallo stesso sottoscritto unitamente agli altri mèmbri della giuria.
Pubblica sarà la relazione conclusiva che conterrà la graduatoria con le relative motivazioni, la metodologia seguita e l'iter dei lavori.
Le decisioni della giuria saranno prese a maggioranza e saranno insindacabili.
 
Art. 7 - Risultati della giuria
La giuria formulerà il proprio giudizio di merito.
Verranno assegnati i seguenti premi:
I° premio    € 6.000,00 (seimila euro)
II° premio    € 2.500,00 (duemilacinquecento euro)
III° premio   € 1.500,00 (millecinquecento euro)
La Giuria potrà assegnare anche fino a tre menzioni speciali per progetti meritevoli di menzione.
Il Soggetto Banditore comunicherà l'esito del concorso al vincitore entro 30 giorni dall'approvazione della graduatoria definitiva.
 
Art. 8 - Proprietà degli elaborati di concorso
La proprietà intellettuale dei progetti presentati resta di proprietà degli autori.
I progetti premiati rimarranno di proprietà del Soggetto Banditore.
Gli elaborati dei progetti non premiati, entro sessanta giorni dall'approvazione della graduatoria definitiva, potranno essere ritirati, previa richiesta scritta a firma del professionista partecipante e/o del professionista capogruppo, presso la Segreteria del Concorso.
Tutti i premi sono considerati al lordo degli oneri fiscali e dei contributi previdenziali.
L'Ente banditore si riserva la facoltà di affidare la progettazione esecutiva al professionista e/o professionisti le cui opere siano state prescelte dalla Commissione giudicante ovvero al vincitore del concorso. 
 
Art. 9 - Accettazione del regolamento del concorso
Partecipando al concorso, i concorrenti accettano tutte le norme del bando.
 
Art. 10 - Controversie
Ad eccezione delle regole specifiche di questo Concorso, si fa riferimento alle raccomandazioni relative ai concorsi di architettura e urbanistica, alla Legge 109/94, al D.P.R. 554/99 e successive modifiche. Per eventuali controversie non risolte in via amichevole, si farà ricorso al foro di Napoli.