Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Venerdì, 27 Luglio 2012

Olimpiadi di Londra La cerimonia d'apertura

E' partita la trentesima edizione dei Giochi olimpici. Lo spettacolo inaugurale è stato ideato da Danny Boyle, regista di The Millionaire. Sono 142 gli azzurri a sfilare dietro la portabandiera Valentina Vezzali.

LONDRA
Un sogno atteso, inseguito, fortissimamente voluto. Toccato con mano, quando in Italia era da poco passata la mezzanotte e l'Olimpico di Londra era uno scintillío di luci e colori. Dalla pancia dello stadio é spuntato l'orgoglioso sorriso di Valentina Vezzali, lei che questo giorno l'aspettava da una vita. Tricolore sventolato con fiero sorriso, portabandiera dell'orgoglio di un Paese intero, di poco davanti al Capomissione Raffaele Pagnozzi. Una delegazione di 176 azzurri (142 atleti), elegantemente tinta di blu Armani, ha aperto l'avventura dell'Italia alla XXX edizione dei Giochi Olimpici Estivi. Dalla tribuna il saluto del Presidente della Repubblica Napolitano, agli azzurri: con composto senso di appartenenza e grande emozione, il Paese era idealmente lí, insieme al Presidente. Cammarelle, Quintavalle, Schiavone, Pennetta, Russo, Cassarà, Pizzo, D'Aniello, le squadre di pallanuoto e pallavolo: erano tanti e sarebbero stati molti di piú se i calendari avessero imposto dolorose rinunce.
L'italia é entrata in campo come 93esimo Paese, dopo Israele e prima della Giamaica di un applauditissimo Bolt. Infine la corsa degli ultimi tedofori, sospinti dall'emozione della gente, i discorsi di Sebastian Coe, numero uno Locog, e Jacques Rogge, Presidente Cio. "Vogliamo ispirare una generazione", L'ambizioso auspicio. La Regina Elisabetta dichiara aperti i Giochi, i fuochi d'artificio chiudono la festa. Ora si fa sul serio.
 
comunicato Coni