Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Eventi Salvamento

23
Set
2017
2ª tappa Trofeo Città di Andora - prove oceaniche - Es.A/R/J/C/S





01
Nov
2017
The Orange Cup 2017 - data da stabilire





02
Nov
2017
German Cup 2017 - data da stabilire





Giovedì, 19 Giugno 2014

Sicurezza acquatica. National Day ad Ostia

Con l'arrivo della stagione estiva, nell'ambito delle iniziative curate dalla Sezione Salvamento, la Federazione Italiana Nuoto promuove la campagna "Per Evitare un Mare di Guai", che mira a diffondere ulteriormente la cultura dell'acqua in seno alle famiglie italiane e a sensibilizzarne l'attenzione nei confronti del delicato tema della salvaguardia umana in mare e negli specchi d'acqua.
Ad Ostia si è celebrata la giornata nazionale di sicurezza acquatica e prevenzione. In mattinata si è svolto un covegno nazionale presso il Centro federale e nel pomeriggio, presso lo stabilimento Hakuna Matata, sul lungomare Duilio di Ostia Lido, è stata simulata un'esercitazione di soccorso con l'ausilio di pattini, unità cinofile, moto d'acqua, mezzi navali ed elicottero.
La simulazione in mare è stata preceduta dalla presentazione di un importante volume didattico-statistico, che approfondisce la prevenzione acquatica in Italia e analizza i dati che indicano una diminuzione delle morti per annegamento e sommersione negli ultimi quattro anni. Il Presidente della Federnuoto Paolo Barelli ha presentato il lavoro certosino del Prof. Alessandro Sabatini, rappresentante FIN della Consulta Nazionale del Volontariato di Protezione Civile. 
"Il testo Dati per la prevenzione acquatica in Italia” è un contributo molto importante per prendere coscienza di un fenomeno,  quello della morte per annegamento e sommersione accidentale, che, sebbene in regressione in tutte le aree del Paese, grazie al lavoro compiuto in questi anni dalla Federazione Italiana Nuoto e dalle Associazioni operanti nel settore, è ancora presenta con soglie significative. Noi non celebriamo solo campioni ma anche sicurezza - continua il Presidente Barelli - Nel 2010 ci sono stati circa 300 morti in Italia e 70 di italiani all'estero. Anche solo un cittadino italiano che perde la vita in acqua è un fatto drammatico. Questi numeri si evincono da dati Istat che la Federnuoto, attraverso il lavoro del prof. Sabatini, ha elaborato in chiave regionale e provinciale. I dati sono a disposizione di tutti i partner e le autorità pubbliche che ci sostengono e che sono impegnati per raggiungere un numero di morti pari a 0. Il libro verrà presentato alle autorità interessate nelle prossime settimane al Foro Italico. Questa mattina abbiamo svolto un workshop con interventi di esperti e di rappresentanti delle istituzioni: un confronto utile con esperienze, opinioni e know how per crescere ancor di più sul tema della sicurezza e prevenzione acquatica. Nel pomeriggio le esercitazioni in aria, mare e terra dimostreranno le capacità degli operatori coinvolti in azione. La Federazione Nuoto mette a disposizione ogni giorno il proprio sistema di oltre 1200 scuole nuoto e 90.000 assistenti bagnanti che monitorano puntualmente ogni spazio d'acqua, dalle piscine al mare".
La giornata dedicata alla sicurezza acquatica si è aperta con un convegno sul tema, organizzato dalla commissione didattica della Federnuoto, che si è svolto presso il centro federale di Ostia.
Nel corso della giornata sono intervenuti molti rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero dell’Interno, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, del Dipartimento della Protezione Civile e della Guardia Costiera e di tutte le Istituzioni che collaborano con la Federazione Italiana Nuoto per garantire la prevenzione e tutela della vita umana in acqua in un Paese con circa 8.000 chilometri di costa. E' giunto all'inizio il saluto per la lodevole iniziativa del Sindaco di Roma Ignazio Marino e del capo della protezione civile Franco Gabrielli, che non sono potuti intervenire per precedenti impegni istituzionali. Presenti in sala il Comandate della Capitaneria di Porto Roma il CV Lorenzo Savarese che ha portato i saluti del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Felicio Angrisano. L'Ing. Antonio Maggi della direzione regionale dei Vigili del Fuoco ha portato i saluti del Direttore Regionale Ing. Domenico Riccio; sono intervenuti il capitano di vascello Roberto Bottazzi Schenone; la dott.ssa Liliana Galiani, dirigente delle sezioni di specialità della Questura di Roma; il commissario di Polizia, comandante della squadra nautica fluviale della Polizia di Stato di Roma e funzionario della Protezione Civile Carmela La Rotonda. Hanno moderato gli interventi Giorgio Gori, coordinatore della commissione didattica nazionale FIN Slvamento; Sandro Rossi, direttore responsabile degli uffici sezione salvamento e sicurezza acquatica della FIN. Per la Federazione Italiana Nuoto sono intervenuti il prof. Roberto Del Bianco, Consigliere Federale e Presidente del SIT; Giampiero Mauretti, Presidente del Comitato Regionale della FIN Lazio; Enzo Vittorioso, Presidente della Sez. Salvamento-Fin, il prof. Giuseppe Andreana, fiduciario della provincia di Roma che ha chiuso gli interventi della mattinata.
Naturalmente sono stati sviscerati a 360 gradi tutti gli argomenti inerenti la prevenzione e il soccorso acquatico in mare. In particolare i contenuti delle ordinanze sulla sicurezza balneare emanate dalla Capitaneria di porto. Di grande interesse l'intervento dell'ing. Maggi che ha illustrato le attività dei Vigili del Fuoco e nello specifico dei sommozzatori. Folta rappresentanza dell'AMNI, associazione nazionale marinai, con in sala il Comandante Guzzi e con il saluto dell'Amm. Pagnottella. Significativo e importante anche l'intervento del dott. Alessandro Trevisan, che ha affrontato i temi legati alla rianimazione cardiorespiratoria nell'età neonatale e pediatrica senza defibrillatore. Il convegno si è concluso con le parole del Presidente Paolo Barelli che ha invitato tutti i presenti - oltre cento iscritti tra assistenti bagnanti, maestri di salvamento e fiduciari - ad assistere alle esercitazioni in mare che sono state aperte dall'esibizione dei bambini della scuola nuoto del Centro Federale di Ostia; poi sono intervenuti gli atleti delle squadre Fiamme Oro e Marina Militare della Nazionale di Nuoto per Salvamento insieme agli assistenti bagnati e ai maestri salvamento che hanno soccorso in mare con i pattini e le zattere di salvataggio. La presenza delle unità cinofile della FIN, con dieci esemplari bellissimi di labrador e terranova, ha permesso esercitazioni congiunte delle moto d'acqua con specialisti FIN insieme ai Vigili del Fuoco.
La simulazione è terminata con esercitazioni di soccorso a mare attraverso imbarcazioni e mezzi nautici dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di Porto e con l'intervento di soccorso dei sommozzatori che saltando dall'elicottero, con condizioni di mare mosso, hanno concluso in maniera spettacolare una giornata speciale che deve rimanere nella memoria di tutti per un estate più sicura e senza incidenti in acqua.

Programma del Convegno presso il Centro Federale di Ostia 

Conduttore G. Gori
10.00 Saluto Autorità
10.30–11.00 Ordinanze e Sorveglianza sulle spiagge (Capitaneria di Porto)
11.00 –11.30 Il Soccorso in acqua (VVF)
11.30–12.00 Relazione BLSD (A. Trevisan)

12.15- 12.30 Protezione Civile - Maremoto (A. Sabatini)
12.30–12.45 Soccorso Moto d’Acqua ( R. Proietti)
12.45–13.00 Soccorso Unità Cinofile (F. Tacca)
13.00- 13.15 Soccorso Fluviale (G. Manganiello)
13.15–13.30 Soccorso Moto d’Acqua (R. Proietti)
12.45–13.00 Formazione continua e permanente (G.Andreana)

“Con la FIN vivi l’acqua con gioia”
Esercitazione in mare

15.30 Conferenza stampa: “Per Evitare un mare di Guai”
Presentazione nuovo testo “Dati per la prevenzione acquatica in Italia”
16.15–16.30 Sfilata
16.30 Inizio Esercitazione
16.30–16.45 Esibizione di nuoto per salvamento in mare – corsa, nuoto, corsa (pre-agonisti 9 – 11 anni)
16.45–17.00 Esibizione di nuoto per salvamento in mare e soccorso. (Atleti Nazionale Salvamento)
17.00- 17.15 Esercitazione soccorso con pattino
17.15–17.30 Esercitazione soccorso con unità cinofila
17.30–17.45 Esercitazione soccorso con moto d’acqua
17.45 – 18.00 Esercitazione Capitaneria di Porto con mezzi navali
18.00- 18.15 Esercitazione VVF con elicottero

 Ostia-19giugno 2

fotografie deepbluemedia.eu

Ultimi 4 articoli SALVAMENTO