News Nuoto - FIN - Federazione Italiana Nuoto - FIN - Federazione Italiana Nuoto http://www.federnuoto.it Sun, 25 Jun 2017 17:45:03 +0200 Joomla! - Open Source Content Management; ADV in background by CONINET it-it Sette Colli. Govorov record, Bianchi super http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39102-sette-colli-report-5^-sessione.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39102-sette-colli-report-5^-sessione.html Sette Colli. Govorov record, Bianchi super

Quinta sessione del 54esimo Trofeo Sette Colli / Internazionali di nuoto. Sessantasette batterie per l'ultima giornata di gare. Cade il decimo record della manifestazione. La firma è dell'ucraino Andriy Govorov che nuota i 50 farfalla in 23''09. Il campione europeo di Londra 2016 cancella il 23''27 del brasiliano Nicholas Santos del 2013; fuori dalla finale il primatista italiano Piero Codia (Esercito/CC Aniene) decimo in 24''16, distante nove centesimi dall'ottavo posto l'ultimo utile per la qualificazione.
Il programma si era aperto con le heats dei 200 dorso: cinque maschili e altrettante femminili. L'ungherese Peter Bernek davanti a tutti in 1'59''11 con Jacopo Bietti e Michele Malerba, entrambi tesserati per il Circolo Canottieri Aniene, rispettivamente quarto in 2'00''04 e settimo in 2'00''72. Sventola la bandiera magiara anche tra le femmine con Kata Burian prima in 2'10''64, seguita dalla ventunenne veneta Margherita Panziera (CC Aniene) in 2'12''64 e dall'australiana Sian Whittaker in 2'12''57.
Nei 200 farfalla femminili la più veloce è britannica Charlotte Atkinson in 2'10''09 ma dietro di lei c'è una strepitosa Ilaria Bianchi che, dopo il primo posto di sabato nei 100, tocca in 2'10''77. La 27enne emiliana - tesserata per Fiamme Azzurre e NC Azzurra 91 - abbassa di quattro secondi il primato personale (precedente 2'14''81 del 10 luglio 2008 a Ravenna) e sale al nono posto tra le performer italiane. "Erano cinque anni che non facevo i 200 delfino - spiega l'allieva di Fabrizio Bastelli - e se queste sono le premesse in finale ci divertiremo. A Roma si entra in acqua con una marcia in più: l'ambiente aiuta molto ad andare oltre i nostri limiti".
A seguire le serie dei 200 rana. Tra gli uomini comanda il giovane talento austriaco Christopher Rothbauer in 2'13''27; alle sue spalle il tedesco Marco Koch in 2'13''44, due centesimi meglio di Luca Pizzini (Carabinieri/Fondazione Bentegodi) e otto rispetto a Flavio Bizzarri (Carabinieri/CC Aniene) quarto in 2'13''52. Il miglior crono tra le femmine è della campionessa europea e bronzo iridato Rikke Moeller Pedersen in 2'25''99; la ventottenne danese precede l'inglese Molly Renshaw in 2'27''62, la ceca Martina Moravcikova in 2'28''58 e Francesca Fangio (SMGM Team Lombardia) in 2'28''85; Ilaria Scarcella (CC Aniene) sigla il settimo tempo in 2'29''95.
100 stile libero amari per l'Italnuoto. Comanda l'ex bicampione del mondo e argento olimpico a Londra 2012 James Magnussen con 48''78. Unico tocco d'azzurro in finale A quello di Lorenzo Zazzeri in 49''42, che vale per il 23enne toscano - tesserato per NC Firenze e seguito da Fabrizio Verniani - la quarta prestazione personale di sempre: fuori il campione europeo Luca Dotto (Carabinieri/Larus Nuoto) undicesimo in 49''51 e Filippo Magnini (CC Aniene) sedicesimo in 49''90: entrambi ammessi alla finale B. 
Promettono spettacolo nel pomeriggio i 50 stile libero femminili. Dopo le batterie in testa l'olandese Ranomi Kromowidjojo, a caccia del terzo successo nel 54esimo Sette Colli dopo i 50 farfalla e i 100sl. La 27enne di origini surinamesi - oro olimpico a Londra 2012, argento iridato a Kazan e campionessa europa in carica - nuota in 24''74; la inseguono la danese Pernille Blume in 24''85 e la connazionale Tamara Van Vliet in 24''97; ottava Lucrezia Raco (CC Aniene) in 25''43, tre centesimi in più del primato personale.
Chiudono la mattina i 200 misti. Sono davanti lo svizzero Jeremys Desplanches in 1'59''48 e l'inglese, vice campionessa olimpica e argento continentale, Siobhan-Marie O'Connor in 2'12''55; primi degli italiani Giovanni Sorriso (CC Aniene) quarto in 2'01''08 e Sara Franceschi (Fiamme Gialle/Nuoto Livorno) quinta in 2'13''35.
Finali in programma dalle 18.30, trasmesse in diretta su Rai Sport + HD.

Risultati completi

Vai al sito ufficiale

Foto Andrea Staccioli/deepblumedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Sun, 25 Jun 2017 07:21:19 +0200
Sette Colli. Paltrinieri e Bianchi da urlo http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39090-54°-sette-colli-finali-2^-giornata.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39090-54°-sette-colli-finali-2^-giornata.html Sette Colli. Paltrinieri e Bianchi da urlo

Show da standing ovation allo Stadio del Nuoto. La seconda giornata di gare del 54esimo Trofeo Sette Colli regala spettacolo ed emozioni per gli oltre quattromila spettatori che, sfidando Caronte, prendono d'assalto le tribune del Foro Italico. In acqua il meglio del nuoto italiano e mondiale. L'inizio è qualcosa in più di una bella premessa con Gregorio Paltrinieri che domina i 1500 stile libero privi di Gabriele Detti (costretto al forfait da un leggerro attacco febbrile con mal di gola) in 14'49''06, record della manifestazione che cancella il 14'50''59 di Federico Cobertaldo che resisteva dal 2008. Il campione olimpico, mondiale ed europeo - allenato dal Stefano Morini al Centro Federale e tesserato per Fiamme Oro e Coopernuoto - passa in 56''02, 1'55''41, 2'54''83, 3'54''44, 4'54''31, 5'53''96, 6'53''42, 7'53''13, 8'52''92, 9'52''65, 10'52''25, 11'51''95, 12'51''56, 13'51''04; per la concorrenza impossibile reggere questo ritmo con il ceco Jan Micka secondo in 15'01''42 e il britannico Tom Derbyshire che chiude sul podio in 15'02''12.
"Vincere al Sette Colli è sempre emozionante: a Roma sono ormai di casa. Il pubblico mi ha caricato tantissimo - spiega il 22enne carpigiano, che detiene la miglior prestazione mondiale stagionale con il14'37''08 nuotato agli assoluti di Riccione. Speravo di andare ancora più veloce ma resto comunque soddisfatto. Mi dispiace molto per l'assenza di Detti, ma in questa fase è preferibile non rischiare di allungare i tempi di recupero. Quella di oggi rimarrà una giornata indimenticabile: la vittoria nel pomeriggio e la visita dal Santo Papa in mattinata con tantissimi campioni entusiasti, emozionati ed orgogliosi. Qualcosa di memorabile che chissà quando e se ricapiterà"
I sorrisi per l'Italnuoto non finiscono qui. Ilaria Bianchi tira fuori classe e grinta e vince i 100 farfalla in 57"89. La primatista italiana - bronzo europeo a Berlino 2014 e a Londra 2016 - è l'unica a scendere sotto i cinquantotto secondi e precede Elena Di Liddo (CC Aniene), che tocca in 58''05, tempo che vale la quinta prestazione personale di sempre; terza l'ungherese Liliana Sziliagy in 58''48. "Gareggiare contro Elena è sempre motivante - afferma la 27enne emiliana, seguita da Fabrizio Bastelli - Sono salita sul blocco molto carica. All'arrivo ho perso qualche decimo, ma per i Mondiali ho margini di miglioramento".
In chiusura applausi, flash e attenzioni tutti per la finale dei 50 rana maschili. Adam Peaty, campione mondiale ed europeo, si conferma fenomeno assoluto e vince in 26"61 con il record della manifestazione (precedente 26''83 in batteria); alle spalle del 23enne di Uttoxeter (cittadina della contea Staffordshire) si piazza il brasiliano Joao Gomes in 26''95 e Nicolò Martineghi in 27''03. Il recordman tricolore, venerdì secondo nei 100 con il primato italiano (59''31), nuota la seconda prestazione personale a sei centesimi dal 26''97 che stabilì lo scorso 4 aprile ai campionati assoluti primaverili. "Essere qui è meraviglioso e sfidare Peaty è sempre un grande stimolo. Sono contento dei miei progressi - dichiara il 17enne di Varese, pupillo di Marco Pedoja - I margini di miglioramento sono ampi. Posso solamente crescere".
Le altre finali riservano crono d'eccellenza. L'ottavo record della manifestazione è griffato dal magiaro Tamas Kenderesi che si impone nei 200 farfalla in 1'54''33, che vale la terza prestazione mondiale stagionale e migliora l'1'54''68 del connazionale Laszlo Cesh del Sette Colli edizione 2016; dietro al bronzo olimpico ed europeo il sudafricano Chad Le Clos in 1'54''87 e il giapponese Daiya Seto in 1'56''05.
Nei 100 dorso femminili vittoria della ceca Simona Baumrtova in 1'00''21 che precede l'australiana Madison Wilson in 1'00''34 e l'ungherese Kira Touissant in 1'00''57. Tra i maschi il tedesco Christian Diener si impone in 54''54, beffando l'ungherese Gabor Balog secondo in 54''59 e Matteo Milli (SMGM Team Lombardia), già terzo nei 50, in 54''60.
A seguire le finali dei 400 misti. Vincono l'inglese Hannah Milley, bronzo iridato a Shangai 2011 e continentale a Londra 2016, in 4'36''28 e il campione europeo David Verraszto con il miglior crono mondiale stagionale e record della manifestazione di 4'07''47, polverizzando il 4'12''04 di Luca Marin del 2012.
Due gare e altrettanti successi per Ranomi Kromowidjojo che, dopo i 50 farfalla, vince i 100 stile libero in 53''03. La 27enne di origini surinamesi, argento olimpico a Londra 2012, nuota a tre centesimi dal record della manifestazione (53''00 della svedese Sarah Sjoestroem del 2015), mettedosi alle spalle la danese Pernille Blume in 53''59 e la svedese Michelle Coleman in 53''64; sesta Federica Pellegrini in 54''48 (26''53 ai 50), nonostante un buon ritorno negli ultimi venticinque metri. Si prosegue con i 200 stile libero maschili e il primo posto di Tae-Hwan Park (argento olimpico a Pechino 2008 e Londra 2012 e bronzo iridato a Melbourne 2007 ma successivamente macchiati da una squalifca per doping) che tocca in 1'46''89; alle spalle del 28enne di Seul gli inglesi Nicholas Grainger in 1'48''30 e Duncan Scott in 1'48''47.
Doppietta british nei 50 rana femminili. Successo di Sarah Vasey che in 30''73 brucia Imogen Clark, seconda in 30''78; terza Ilaria Scarcella (CC Aniene) in 31''31, tempo mai nuotato negli ultimi due anni dall'allieva di Massimo Meloni. 
Sulla vittoria dell'ungherese Boglarka Kapas negli 800 stile libero in 8'23''71 cala il sipario sulla seconda giornata degli Internazionali di Nuoto; dietro alla campionessa europea e bronzo olimpico si piazzano Simona Quadarella (CC Aniene) in 8'29''53 (quarta prestazione personale di sempre) e l'australiana Jessica Ashwood in 8'31''40.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Risultati completi

Vai al sito ufficiale

Foto Andrea Staccioli/deepblumedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Sat, 24 Jun 2017 11:05:49 +0200
Sette Colli. Dichiarazioni 2^ giornata http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39088-sette-colli-dichiarazioni-2^-giornata.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39088-sette-colli-dichiarazioni-2^-giornata.html Sette Colli. Dichiarazioni 2^ giornata

Seguono le dichiarazioni degli atleti medagliati nella seconda giornata del 54esimo Trofeo Settecolli / Internazionali di Nuoto, in svolgimento allo Stadio del nuoto.

Uomini 1500 m stile libero
Gregorio Paltrinieri (medaglia d'oro): "Gareggiare al Sette Colli è sempre emozionante, a Roma sono ormai di casa. Non mi aspettavo quest'accoglienza da parte del pubblico. Speravo di nuotare anche più veloce ma sono soddisfatto della mia prestazione, sono stanchissimo. Mi dispiace molto per Detti. La visita al papa è stata emozionante".
Jan Micka (medaglia d'argento): "Non avevo mai provato i 1500 quest'estate ma il crono va bene. Adoro questa piscina e il Sette Colli".
Tom Derbyshire (medaglia di bronzo): "Sono soddisfatto del tempo. Qui il pubblico è sempre meraviglioso".

Donne 100 m farfalla
Ilaria Bianchi (medaglia d'oro): "Gareggiare contro Elena Di Liddo mi motiva a dare sempre il massimo. All'arrivo ho perso qualche decimo, quindi posso migliorare ulteriormente in vista del Mondiale".
Elena Di Liddo (medaglia d'argento): "Sto migliorando ulteriormente il tempo dall'inizio della stagione. Sto aspettando le convocazioni per il Mondiale, infatti ero piuttosto tesa".
Liliana Szilagyi (medaglia di bronzo): "La piscina del Foro Italico è meravigliosa e l'organizzazione impeccabile. Sono arrivata al Sette Colli dopo allenamenti molto duri e questo tempo mi soddisfa molto. Nelle prossime settimane tornerò ad allenarmi in vista dei Mondiali".

Uomini 200 m farfalla
Tamas Kenderesi (medaglia d'oro): "Sono felice per il crono ma posso ancora migliorare. Vincere in una finale con così tanti campioni è sempre una grande soddisfazione. Non vedo l'ora di provare la vasca di Budapest".
Chad Le Clos (medaglia d'argento): "Sono molto soddisfatto del tempo, nonostante sono arrivato secondo. Il Sette Colli è una competizione fantastica, tornerò sicuramente per le prossime edizioni".

Donne 100 m dorso
Simona Baumrtova (medaglia d'oro): "Questo primo posto è molto importante per me: è il mio miglior tempo degli ultimi 4 anni. Speravo di nuotare ancora più veloce e ci proverò nuovamente nelle prossime gare. Adoro il Sette Colli ma questo caldo non ci aiuta a rendere al massimo".
Madison Wilson (medaglia d'argento): "La gara è stata molto dura ma ho registrato il crono che desideravo. Il Sette Colli è un evento molto importante perché è un ottimo banco di prova in vista dei Mondiali".
Kira Toussaint (medaglia di bronzo): "Sono molto felice di essere qui perchè questa è la mia piscina preferita. Il tempo mi soddisfa ma mi sento veramente stanca. Non vedo l'ora di partecipare ai Mondiali".

Uomini 100 m dorso
Christian Diener (medaglia d'oro): "Sono molto contento di aver nuotato qui, mi piace molto Roma. Il crono è quello che mi aspettavo".
Matteo Milli (medaglia di bronzo): "Ho sbagliato all'arrivo e questo mi ha penalizzato. Il crono va bene, non nuotavo così veloce da diverso tempo".

Donne 400 m misti
Hannah Miley (medaglia d'oro): "Gareggiare a Roma e in questa piscina è sempre emozionante. Sono molto contenta del crono e voglio continuare così"
Mary-Sophie Harvey (medaglia d'argento): "Sono molto soddisfatta del crono. Non avevo mai partecipato al Sette Colli ma mi piace molto e il pubblico è favoloso. Mi sto preparando al meglio per i Mondiali".
Rosie Rudin (medaglia di bronzo): "Adoro nuotare all'aperto e questo influenza positivamente le mie prestazioni. L'atmosfera qui è meravigliosa. Questo crono è un ulteriore passo in avanti nella mia preparazione verso i Mondiali".

Uomini 400 m misti
David Verraszto (medaglia d'oro): "Non so cosa dire: non avevo mai nuotato così veloce quest'anno e questo mi rende molto fiducioso in vista dei Mondiali".
Brandonn Almeida (medaglia di bronzo): "Sono molto contento per il crono perché mi avrebbe permesso di arrivare in finale alle Olimpiadi. Adoro Roma e il Sette Colli. Ho sensazioni positive in vista dei Mondiali".

Donne 100 m stile libero
Ranomi Kromowidjojo (medaglia d'oro): "Il risultato mi rende molto felice. Competere contro la Pellegrini a 'casa sua' è sempre bellissimo. Mi sento in gran forma in vista dei campionati mondiali".
Pernille Blume (medaglia d'argento): "Sono molto stanca ma il tempo mi soddisfa lo stesso. Motivazioni alle stelle per le prossime competizioni".
Michelle Coleman (medaglia di bronzo): "Sono innamorata di Roma: ogni volta che torno sono felicissima. Questa gara è stata molto importante per trovare la miglior forma in vista dei Mondiali. A Budapest nuoterò ancora più veloce".

Uomini 200 m stile libero
Tae-Hwan Park (medaglia d'oro): "Sono in ottima forma, questo risultato mi soddisfa: sono già pronto per i Mondiali".
Nicholas Grainger (medaglia d'argento): "Ho nuotato molto veloce e sono molto soddisfatto in previsione dei Mondiali. Adoro il clima di Roma".
Duncan W Scott (medaglia di bronzo): "Mi sento bene fisicamente. Nuotare contro Park mi stimola sempre a dare il massimo. Roma è unica".

Donne 50 m rana
Sarah Vasey (medaglia d'oro): "Non ero mai stata al Sette Colli, il pubblico è meraviglioso: non vedo l'ora di tornare. Questa è la mia ultima gara prima dei Mondiali, la preparazione però sta andando molto bene e mi sento in forma".
Imogen Clark (medaglia d'argento): "Nuotare in questa piscina è un'emozione indescrivibile. Sono felice del mio crono, sto raggiungendo la miglior forma fisica in vista delle prossime sfide".
Ilaria Scarcella (medaglia di bronzo): "Dopo due anni così duri non credevo di riuscire ad ottenere un tempo del genere e salire sul podio. Nuotare di sera è l'ideale perché mi permette di recuperare le energie spese durante le batterie".

Uomini 50 m rana
Adam Peaty (medaglia d'oro): "Sono veramente felice per questo risultato ottenuto grazie al calore di questo splendido pubblico. Ora continuerò ad allenarmi in vista dei campionati mondiali".
Joao Gomes Junior (medaglia d'argento): "Il tempo mi rende felice: mi sono avvicinato a Peaty e lavorerò per batterlo ai campionati mondiali. Mi è dispiaciuto non far parte della delegazione che ha fatto visita al Papa ma Cielo mi ha portato un regalo da parte del Santo Padre e mi sono emozionato molto".
Nicolò Martinenghi (medaglia di bronzo): "Sono molto contento per il tempo. Essere qui è meraviglioso e sfidare Peaty è sempre stimolante. Sono soddisfatto dei miei progressi ottenuti sempre divertendomi". 

Donne 800 m stile libero
Boglarka Kapas (medaglia d'oro): "Ho fatto un'ottima gara, ultima prima dei Mondiali. Amo visitare Roma, il Sette Colli è una competizione entusiasmante".
Simona Quadarella (medaglia d'argento): "Non mi aspettavo di andare anche meglio di ieri. Sono carica per i Mondiali, mi sto allenando per arrivare al meglio".
Jessica Ashwood (medaglia di bronzo): "Questo risultato vuol dire molto: mi sento ancora più fiduciosa in vista dei Mondiali. Nuotare di sera mi aiuta a rendere al meglio. Questa è la mia seconda partecipazione al Sette Colli e sono veramente felice".

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Sat, 24 Jun 2017 10:56:19 +0200
Sette Colli. Peaty show, bene Milli e Bianchi http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39085-54°-sette-colli-report-3^-sessione.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39085-54°-sette-colli-report-3^-sessione.html Sette Colli. Peaty show, bene Milli e Bianchi

Sessantuno batterie e cinquecentoquarantacinque presenze gara nella terza sessione del 54esimo Trofeo Sette Colli. Ed è show senza sosta. In chiusura arriva il record della manifestazione nei 50 rana di Adam Peaty, secondo per il fuoriclasse britannico dopo quello di venerdì nei 100 rana e quinto complessivo della 54esima edizione degli Internazionali d'Italia di nuoto. L'oro mondiale a Kazan ed europeo a Londra nuota in 26''83, cancellando il 27''01 del 2015 del sudafricano Cameron Van Den Burgh; dietro al 23enne di Uttoxeter (cittadina della contea Staffordshire) il primatista italiano Nicolò Martinenghi (NC Brebbia) in 27''21, che promette battaglia nel pomeriggio dopo il record italiano di ieri nei 100, e il brasiliano Joao Gomes Junior in 27''48.
Il programma si era aperto con i 100 farfalla femminili. Ilaria Bianchi firma il miglior tempo in 58''66. La primatista italiana - tesserata per Fiamme Azzurre e NC Azzurra e seguita da Fabrizio Bastelli - precede Elena Di Liddo (CC Aniene) in 58''70 e la britannica Charlotte Atkinson in 59''25. "Ho faticato molto - spiega la ventisettenne emiliana, bronzo europeo a Berlino 2014 e Londra 2016 - perchè non sono abituata a gareggiare alle nove di mattina. E' comunque arrivato un buon tempo che spero di migliorare nel pomeriggio, quando sarò sicuramente più sciolta".
Nei 200 farfalla maschili il più veloce è il giapponese Daiya Seto in 1'57''71, otto centesimi meglio dell'ungherese Bence Binczo; quarto Filippo Berlincioni (CC Aniene) in 1'58''72, quarta prestazione personale di sempre per l'allievo di Massimo Meloni. Decimo il recordman italiano Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can. Vittorino da Feltre) in 1'59''96, trenta centesimi peggio dell'ottavo tempo l'ultimo utile per l'accesso alla finale A.
A seguire i 100 dorso: sei batterie femminili e altrettante maschili. Davanti a tutte la ceca Simona Baumrtova, bronzo continentale a Debrecen 2012, con 1'00''25; settima e unica italiana qualificata Margheria Panziera (CC Aniene) in 1'01''52. Tra i maschi conferma l'ottima condizione di forma Matteo Milli, terzo venerdi nei 50 dorso, primo in 54''78. Il 28enne di SMGM Team Lombardia si mette alle spalle il tedesco Christian Diener in 54''91 e il magiaro Gabor Balog in 55''01. "Non mi sentivo cosi bene da tanto tempo - sottolinea l'atleta romano, allenato da Alfredo Caspoli - e spero di poter strappare la convocazione per Budapest con queste prestazioni. Conto di migliorare ulteriormente in finale".
Nei 400 misti miglior crono della scozzese Hannah Miley in 4'41''35 che batte la canadese Mary Sophie Harvey seconda in 4'42''73 e terza l'ungherese Zsuzanna Jakabos in 4''42''86;  Carlotta Toni (Esercito/RN Florentia) nuota il quarto tempo in 4'43''74. Tra gli uomini il domina l'ungherese David Verraszto, campione europeo di Londra 2016 e argento iridato a Kazan 2015, in 4'14''62; dietro di lui il nipponico Daiya Seto in 4'16''50, bronzo a Rio 2016, il brasiliano Brandonn Almeida in 4'19''00 e Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) in 4'19''81.
Poi è spettacolo, per una sorta di prova generale in vista delle finali con il pomeriggio, con le batterie dei 100 stile libero femminili. Comanda l'olandese Ranomi Kromowidjojo. La 27enne di origini surinamesi, argento olimpico a Londra 2012, è l'unica a scendere sotto i cinquantaquattro secondi e griffa un 53''70, precedendo la danese Pernille Blume in 54''07 e la compagna di squadra Femke Heemskerk in 54''35; la vincitrice di tutto Federica Pellegrini segna il quinto tempo in 54''83 (28''03 il passaggio ai 100). Lo Stadio del Nuoto piace al sudcoreano Tae-Hwan Park, già vincente ieri nei 400 stile libero, che chiude avanti i 200 stile libero in 1'48''24; brillante terzo, unico italiano alla finale A, Alex Di Giorgio (CC Aniene) in 1'49''01. Nei 50 rana femminili doppietta inglese con Imogen Clark davanti in 30''79, Sarah Vasey seconda in 31''49 e tallonata da Martina Carraro (NC Azzurra) terzo crono in 31''51.

Udienza Privata da Papa Francesco. Sabato 24 giugno, alle ore 12:00, il Santo Padre riceverà una delegazione di atleti italiani e internazionali, guidata da presidente della Federnuoto Paolo Barelli, alla Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in Città del Vaticano. E' la seconda volta in pochi anni che il mondo acquatico viene accolto dal Santo Padre. Ricordiamo l'incontro con Papa Benedetto XVI avvenuto nel cortile del Palazzo apostolico di Castelgandolfo il 1° agosto 2009 in occasione della 13esima edizione del campionati mondiali svoltisi a Roma.

 Risultati completi

Vai al sito ufficiale

Foto Andrea Staccioli/deepblumedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Sat, 24 Jun 2017 06:44:27 +0200
Sette Colli. Dichiarazioni 1^ giornata http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39075-sette-colli-dichiarazioni-1^-giornata.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39075-sette-colli-dichiarazioni-1^-giornata.html Sette Colli. Dichiarazioni 1^ giornata

Seguono le dichiarazioni degli atleti medagliati nella prima giornata del 54esimo Trofeo Settecolli / Internazionali di Nuoto, in svolgimento allo Stadio del nuoto.

Donne 400 m stile libero
Boglarka Kapas (medaglia d'oro): "Non mi sento ancora del tutto pronta per Budapest. Ho nuotato abbastanza bene facendo registrare un tempo discreto ma devo continuare ad allenarmi in vista dei Mondiali".

Uomini 400 m stile libero
Tae-Hwan Park (medaglia d'oro): "Sono decisamente stanco a causa delle molteplici gare ed allenamenti in vista di Budapest. Il Sette Colli è una competizione affascinante ed è stato un ottimo banco di prova per i Mondiali".
Gabriele Detti (medaglia d'argento): "Mi sono divertito tantissimo a nuotare contro un atleta del calibro di Park. Ho registrato un crono peggiore dello scorso Sette Colli a causa della preparazione in vista dei Mondiali".
Mackenzie Horton (medaglia di bronzo): "Adoro l'Italia ed ho un ottimo rapporto con gli amici Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti. Sono soddisfatto del mio risultato. Considero il Sette Colli un ottimo allenamento in vista dei campionati mondiali".

Donne 100 m rana
Siobhan-Marie O'Connor (medaglia d'oro): "Sono molto felice per il tempo che ho nuotato in vista dei Mondiali di Budapest. Ho sensazioni positive".
Martina Carraro (medaglia d'argento): "Sono soddisfatta. Non mi aspettavo questo risultato, anzi pensavo che il caldo potesse incidere di più sulla mia prestazione. Nei secondi 50 metri ho recuperato i decimi persi nella prima vasca".

Uomini 100 m rana
Adam Peaty (medaglia d'oro): "Gli allenamenti per il Mondiale mi stancano molto. Nuotare contro Nicolò Martinenghi è stato meraviglioso. Questa è stata la mia prima partecipazione al Sette Colli e mi sono divertito tantissimo".
Nicolò Martinenghi (medaglia d'argento): "Sono entusiasta e sorpreso per aver stabilito il record italiano. Il lavoro duro ha dato i suoi frutti: è stata una gara per superare i miei limiti. Adoro il Sette Colli e questo magnifico pubblico".
Titenis Giedrius (medaglia di bronzo): "Mi sento molto bene in vista dei Mondiali. Sono innamorato di Roma e del Sette Colli che è stato un eccellente banco di prova in vista di Budapest".

Donne 50 m farfalla
Ranomi Kromowidjojo (medaglia d'oro): "Sono estremamente soddisfatta di aver registrato un crono molto vicino al personale. Mi sento pronta per Budapest: ora trascorrerò del tempo in famiglia per mantenere la giusta concentrazione".

Uomini 100 m farfalla 
Chad Le Clos (medaglia d'oro): "Adoro il pubblico del Sette Colli: mi ha fatto sentire come il "Magnini" della situazione. Sono veramente soddisfatto del mio tempo, arrivo ai Mondiali nelle migliori condizioni possibili".
Piero Codia (medaglia d'argento): "Non mi aspettavo il secondo posto. Gareggiare contro Chad Le Clos è uno stimolo per dare il massimo. Rispetto alla prestazione di questa mattina ho avvertito sensazioni migliori". 
Matteo Rivolta (medaglia di bronzo): "Mi sentivo molto bene mentre nuotavo, ma il tempo non mi qualifica ai Mondiali. Gareggiare al Sette Colli ti offre l'opportunità di confrontarti con tanti campioni. Un'esperienza che ti aiuta a crescere. Purtroppo è stata una stagione condizionata dagli infortuni".

Donne 200 m stile libero
Federica Pellegrini (medaglia d'oro): "Sono sorpresa del risultato, non me lo aspettavo: al passaggio dei 150 credevo di non farcela ma la spinta del pubblico mi ha dato la giusta motivazione per arrivare prima. Sono contenta che questa edizione del Sette Colli abbia portato in piscina anche più gente dell'anno scorso".
Michelle Coleman (medaglia d'argento): "Il Sette Colli è la mia competizione preferita, amo la piscina del Foro Italico. Sono molto stanca a causa della preparazione per i Mondiali però mi aspettavo di nuotare più veloce".

Uomini 50 m stile libero
Ben Proud (medaglia d'argento): "Adoro l'Italia, è la mia prima volta al Sette Colli. Sono soddisfatto del tempo registrato: mi sentivo molto bene in acqua e competere con tanti campioni è sempre stimolante".
Cameron McEvoy (medaglia di bronzo): "Non mi aspettavo così tanto supporto e una folla così numerosa. Amo la piscina del Foro Italico e adoro gareggiare qui: tornerò sicuramente nelle prossime edizioni. Sono molto felice del tempo”.

Donne 1500 m stile libero
Simona Quadarella (medaglia d'oro): "Non riesco a trovare le parole giuste per commentare questa gara, sono felicissima. Dopo questa prestazione mi sento molto più in forma per i Mondiali. Al termine dell'allenamento in montagna registro sempre tempi piuttosto alti, stavolta invece è andata molto meglio".
Boglarka Kapas (medaglia d'argento): "Sono molto stanca ma anche soddisfatta del tempo. Nel 2017 non avevo mai gareggiato nei 1500, sono stati un'ottima prova in vista dei Mondiali. Amo questa piscina e il Sette Colli è una delle mie competizioni preferite".

foto deepbluemedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Fri, 23 Jun 2017 17:12:05 +0200
Energy for Swim presentato a Roma http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39084-energy-for-swim-presentato-a-roma.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39084-energy-for-swim-presentato-a-roma.html Energy for Swim presentato a Roma

Presentato, presso la Sala Rossa delle Piscine del Foro Italico, Energy for Swim, il grande evento di nuoto che l’8 e 9 agosto prossimi porterà a Roma le nazionali di USA, Australia, Italia e il club Energy Standard Team in quella che promette di essere una vera e propria vetrina dopo i Mondiali che si concluderanno a Budapest pochi giorni prima.
A fare gli onori di casa è stato il presidente della Federnuoto Paolo Barelli che ha dichiarato: “La Federazione ha subito accolto con entusiasmo l’idea di portare altri due giorni di grande nuoto a Roma dopo il Sette Colli, per uno spettacolo nello spettacolo con gare e intrattenimento promossi nell’ambito di una charity legata al mondo dei bambini. Mi auguro che già dal prossimo anno l’Energy for Swim possa essere organizzato insieme agli Internazionali di Nuoto”.
Andrea di Nino, organizzatore dell’evento, ha parlato della parte più tecnica: “Ringrazio innanzitutto il Presidente Barelli di aver appoggiato subito l’idea. Stiamo lavorando molto per portare i migliori nuotatori al mondo che arricchiranno il programma con sfide che non ci saranno a Budapest. Per fare due esempi: nei 200 tile libero la sfida tra Pellegrini e Sjöström, rivincita dopo Rio 2016, il ritorno internazionale di Ryan Lochte impegnato subito nel dorso contro i più forti dorsisti al mondo, Ryan Murphy, Mitchell Larkin Evgeneny Rylov e Kliment Kolesnikov. Ma la sorpresa più grande sarà nei 100 stile libero che porteranno in vasca il campione olimpico di Londra, Nathan Adrian, contro …. Lo sveleremo più avanti. Inoltre siamo orgogliosi di essere la prima manifestazione internazionale doping free, che accetta solo atleti che non sono mai stati sospesi. Questo perché vogliamo dare un segnale forte per uno sport pulito”.
Oltre al sostegno della Federnuoto e al patrocinio di Roma Capitale, Energy for Swim è stato possibile anche grazie al supporto di Arena, il cui chief sales officer Luca Belogi, ha affermato: “Siamo orgogliosi ed entusiasti di affiancare il nostro brand ad un nuovo format. Arena, da sempre protagonista nelle competizioni internazionali più importanti, vuole supportare tutte quelle iniziative che portano attenzione verso questa disciplina. Nel caso specifico ci piace sottolineare anche la nostra condivisione per i valori di solidarietà che sono alla base di questo evento”.
In chiusura l’intervento di Konstantin Grigorishin, Presidente di Energy Standard Swim Club, che, nel ringraziare ufficialmente il Presidente Barelli, ha affermato: “Roma è una città fantastica. Quale migliore cornice per ospitare un evento spettacolare come Energy for Swim. Un progetto che unisce lo sport al mondo delle charities. E proprio per la mission a cui sono legati i Team in questo format, abbiamo voluto trasformare per la prima volta il nuoto - notoriamente riconosciuto come uno sport individuale – in uno sport di squadra”.
Presenti in sala anche i due campioni Gregorio Paltrinieri (Italian team) e Mikhailo Romanchuk (ES Team) che hanno dato vita ad un simpatico siparietto dandosi appuntamento all’8 e 9 agosto.
Un evento, dunque, degno di una produzione televisiva a livello dei più grandi appuntamenti internazionali come Mondiali e Olimpiadi, che avrà una copertura TV in oltre 75 paesi del
mondo.
Tra le varie attività di promozione all’evento ci sarà un momento interamente dedicato alle charities protagoniste di Energy for Swim che vedrà, nello splendido scenario della Reggia
di Caserta, atleti e imprenditori uniti per uno scopo benefico, durante un Gala Dinner che si annuncia davvero unico (per prenotazioni: www.energyforswim.com).
Da oggi, inoltre, apre la prevendita dei biglietti esclusivamente sul circuito ticketone.it (biglietti dai 10 ai 20 euro, abbonamento per i due giorni 25 euro).
Energy for Swim non sarà solo grande nuoto: a far da contorno alle gare anche grande spettacolo, con artisti internazionali accomunati ai campioni da un’unica mission: la raccolta
di fondi per progetti di charity legati al mondo dell’infanzia.
Per informazioni: WWW.ENERGYFORSWIM.COM
Ticketing: www.ticketone.it

]]>
fin@federnuoto.it (Francesco Passariello) News Nuoto Fri, 23 Jun 2017 15:38:26 +0200
Sette Colli. Martinenghi e i big da applausi http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39079-54°-sette-colli-finali-1^-giornata.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39079-54°-sette-colli-finali-1^-giornata.html Sette Colli. Martinenghi e i big da applausi

La copertina della giornata inaugurale della 54esima edizione del Trofeo Sette Colli è tutta per Nicolò Martinenghi che procede nella sua ascesa, stabilendo il record italiano (assoluto, cadetti e juniores) nei 100 rana in 59''31. Undici centesimi in meno del 59''42 che Fabio Scozzoli nuotò il 25 luglio 2011 per l'argento ai Mondiali di Shangai. L'allievo di Marco Pedoja - tesserato per NC Brebbia - passa in 27''54 ai 50 metri, restando in scia al campione olimpico, mondiale ed europeo Adam Peaty che chiude in 58''72, tempo che vale il record della manifestazione (precedente 59''63 del lituano Giedrius Titenis nel 2016). "Non mi aspettavo proprio il record italiano - spiega Martinenghi  - Il lavoro duro ha dato i suoi frutti: sono andato oltre i miei limiti. L'atmosfera dello Stadio del Nuoto trasmette energie uniche". Il 17enne di Varese stabilisce anche il record mondiale ed europeo giovanile.
Le undici finali in programma riservano altri circoletti rossi. In chiusura il 16'03"55 di Simona Quadarella nei 1500; nel mezzo il successo di Federica Pellegrini nei 200 stile libero in 1'56"16 e il secondo posto di Gabriele Detti nei 400 stile libero in 3'45"88.
Partiamo dalla fine con Quadarella, romana doc, che vince i 1500 stile libero col secondo tempo italiano in tessuto, nonché record della manifestazione. La maturanda - che nei giorni scorsi ha sostenuto le prove di italiano e matematica al liceo scientifico - sale le graduatorie nazionali e si pone alle spalle del 15'52''84 che Alessia Filippi nuotò il 16 luglio 2008, cancellando il precedente limite della manifestazione di 16'05''62 firmato dalla danese Lotte Friis. La 19enne di Fiamme Rosse e CC Aniene - allenata da Christian Minotti - passa in 1'02''58, 2'07''30, 3'11''90, 4'16''52, 5'21''09, 6'25''47, 7'29''74, 8'34''22, 9'38''57, 10'42''71, 11'47''28, 12'51''82, 13'56''40 e 15'01''27.
Spettacolo puro nei 400 stile libero vinti in 3'44"54 dal sudcoreano Tae-Hwan Park (oro ai Giochi olimpici di Pechino 2008 e ai mondiali di Melbourne 2007 e Shangai 2011, ma successivamente macchiato dal doping). Dietro di lui il campione europeo e bronzo olimpico Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Lombardia), secondo in 3'45''88 seppur passato in testa ai 200 in 1'52''21. Il primatista italiano - allenato dal tecnico federale e zio Stefano Morini al Centro Federale di Ostia insieme a Gregorio Paltrinieri - precede il campione olimpico australiano Mack Horton in 3'47''58.
Poi il proscenio è tutto per Federica Pellegrini. La vincitrice di tutto è prima nei suoi 200 in 1'56''16. Micidiali gli ultimi 50 metri della 28enne di Spinea - allenata da Federico Giunta - che recupera un secondo alla svedese Michelle Coleman (1'26''07 il passaggio della scandinava ai 150; 1'27''07 quello dell'azzurra) e poi se ne va negli ultimi dieci metri. "La spinta che mi ha dato il pubblico di Roma nel finale - spiega la campionessa di tutto, che insegue il settimo podio iridato consecutivo - è stata incredibile. Sono sorpresa del risultato non me l'aspettavo proprio. Sono contenta che quest'edizione del Sette Colli abbia portato in piscina ancora più entusiasmo rispetto all'anno scorso".
La sessione pomeridiana era cominciata coi 50 dorso. Davanti a tutte l'australiana Holly Barrett che in 27''57 stabilisce il primato della manifestazione, migliorando il 27''67 della canadese Kylie Masse del 2016; seconda la brasiliana Etiene Medeiros in 27''82 e terza la ceca Simona Baumrtova in 27''89. Doppietta ungherse tra i maschi: si impone l'argento europeo  Richard Bohus in 25''04 che precede il connazionale Gabor Balog in 25'12; terzo il 28enne romano Matteo Milli. L'allievo di Alfredo Caspoli - tesserato per SMGM Team Lombardia - tocca in 25''21, primato personale che abbassa di due centesimi il 25''23 nuotato in mattinata.
Nei 400 stile libero la magiara Boglarka Kapas, oro europeo a Londra 2016 e secondo tempo in batteria, vince in 4'06''05, precedendo la canadese Mary-Sophie Harvey in 4'09''78 e l'australiana Jessica Ashwood in 4'10''85; Martina De Memme (Esercito/Nuoto Livorno) chiude settima in 4'16''03. Nei 100 rana femminili si impone la britannica Siobahn-Marie O'Connor in 1'07''35; seconda una Martina Carraro in crescita. La primatista italiana - allenata da Fabrizio Bastelli e tesserata NC Azzurra 91 - nuota in 1'07''74 e precede di due centesimi l'altra inglese Sarah Vasey terza.
Nei 50 farfalla si conferma l'olandese Ranomi Kromowidjojo. La 27enne di origini surinamesi si impone in 25''59, terza prestazione mondiale stagionale (dopo il 25''72 in batteria) dietro al 25''51 della giapponese Ikee Rikako e al 24''76 siglato dall'oro mondiale ed iridato Sarah Sjostrom lo scorso 14 giugno a Barcellona: completano il podio l'aussie Holly Barratt in 25''91 e la connazionale Maaike De Waard in 26''11.
Nei 100 farfalla cade il terzo record della manifestazione del 54esimo Trofeo Sette Colli. La firma di prestigio è quella sudafricano Chad Le Clos, campione del mondo a Kazan 2015 e argento ai Giochi Olimpici di Rio, che porta il primato sul 51''65 cancellando il 52''14 dell'australiano Andrew Lauterstein che resisteva dal 2008. Due azzurri dietro all'allievo del coach italiano Andrea Di Nino: Piero Codia (Esercito/CC Aniene) è secondo in 51''93 e Matteo Rivolta (Fiamme Oro) sale sul gradino più basso del podio in 52''30.
Nei 50 stile libero maschile il più veloce è il brasiliano Bruno Fratus, bronzo iridato nel 2015, in 21''86; alle sue spalle il britannico Ben Proud in 21''95, un centesimo meglio dell'australiano Cameron McEvoy.

Udienza Privata da Papa Francesco. Sabato 24 giugno, alle ore 12:00, il Santo Padre riceverà una delegazione di atleti italiani e internazionali, guidata da presidente della Federnuoto Paolo Barelli, alla Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in Città del Vaticano. E' la seconda volta in pochi anni che il mondo acquatico viene accolto dal Santo Padre. Ricordiamo l'incontro con Papa Benedetto XVI avvenuto nel cortile del Palazzo apostolico di Castelgandolfo il 1° agosto 2009 in occasione della 13esima edizione del campionati mondiali svoltisi a Roma.

Risultati completi

Vai al sito ufficiale

Foto Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Fri, 23 Jun 2017 14:04:59 +0200
54° Sette Colli. Grande inizio al Foro Italico http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39071-54°-sette-colli.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39071-54°-sette-colli.html 54° Sette Colli. Grande inizio al Foro Italico

Attesa finita. Al via questa mattina allo Stadio del Nuoto di Roma la 54esima edizione del Trofeo Sette Colli / Internazionali di nuoto. Sarà spettacolo fino a domenica 25 giugno.
I 50 dorso aprono il programma gare. Sei batterie femminili e altrettante maschili. L'olandese Maike De Waard davanti a tutte in 28''01, con Silvia Scalia (CC Aniene) che in 28''50 registra il settimo crono. Matteo Milli è il più veloce tra gli uomini in 25''23. Il 28enne romano - allenato da Alfredo Caspoli e tesserato per SMGM Team Lombardia - lima di quattro centesimi il limite personale, precedendo il primatista italiano Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) in 25''54 e l'irlandese Shane Ryan in 25''62.
La canadese Mary Sophie Harvey timbra il miglior tempo nei 400 stile libero in 4'12''15, seguita dall'ungherese e campionessa europea di Londra 2016 Boglarka Kapas in 4'12''20; quinta la 26enne di Esercito e Nuoto Livorno Martina De Memme in 4'13''88. Tra i maschi il miglior crono è del campione europeo e bronzo olimpico Gabriele Detti. Il primatista italiano - allenato dal tecnico federale e zio Stefano Morini al Centro Federale di Ostia e tesserato per Esercito e SMGM Team Lombardia - tocca in 3'47''47, mettendosi alle spalle il sudcoreano Tae-Hwan Park (oro ai Giochi olimpici di Pechino 2008 e ai mondiali di Melbourne 2007 e Shangai 2011) in 3'49''15 e il campione olimpico in carica l'aussie Mack Horton in 3'49''40, affascinato "dall'aria che si respira allo Stadio del Nuoto di Roma". "Ho fatto un po' fatica - spiega il 22enne livornese - ma è normale perchè sto cercando di tenere le carte coperte in vista dei Mondiali di Budapest. Gli avversari mi sembrano in forma: ci sono tutti i presupposti per divertirsi nel pomeriggio".
Poi tocca ai 100 rana. La danese Rikke Moller Pedersen con 1'08''29, precede la primatista azzurra Martina Carraro che nuota il secondo tempo in 1'08''58. "Da un mese a questa parte - spiega la 24enne genovese, allenata da Fabrizio Bastelli - sto ritrovando buone sensazioni e in acqua mi sento decisamente meglio". Tra i maschi svetta il campione olimpico, iridato e continentale Adam Peaty in 59''97: dietro al 22enne britannico, unico a scendere sotto al minuto al mattino, il lituano Giedrius Titenis in 1'00''29 e l'enfant prodige di Varese Nicolò Martinenghi (NC Brebbia) in 1'00''65 (28''06 il passaggio ai 100, il migliore dopo quello di Peaty); Lorenzo Antonelli (Larus Nuoto) è quinto in 1'00''90 (seconda prestazione personale di sempre) e sesto il primatista italiano Fabio Scozzoli (Esercito/Imola Nuoto) in 1'01''11.
Ranomi Kromowidjojo velocissima nei 50 farfalla. La fuoriclasse olandese, venisette anni il prossimo 20 agosto, scolpisce un 25''72 che vale la terza prestazione mondiale stagionale, dietro al 25''51 della giapponese Ikee Rikako e al 24''76 siglato dall'oro mondiale ed iridato Sarah Sjostrom lo scorso 14 giugno a Barcellona; azzurre fuori dalla finale A Elena Di Liddo (CC Aniene) è nona in 26''78, alle sue spalle una delusa Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene) in 26''81. Griffati "orange" anche i 100 farfalla uomini con Joeri Verlinden davanti a tutti in 52''50; terzi a pari merito con 52''89 Piero Codia (Esercito/CC Aniene) e Simone Geni (Uisp Bologna) alla seconda prestazione di sempre.
Anche al mattino Federica Pellegrini stupisce. La vincitrice di tutto è l'unica a scendere sotto l'1'58'' nei suoi 200 stile libero. La 28enne di Spinea nuota in 1'57''89 (27''69 ai 50 e 57''53 ai 100), mettendosi alle spalle la svedese Michele Coleman in 1'58''28 e l'olandese Femke Heemsker in 1'58''36; sesta Alice Mizzau (Fiamme Gialle/Team Veneto) in 1'59''11. "Sento abbastanza questa gara - sottolinea  l'allieva di Federico Giunta e tesserata per il Circolo Canottieri Aniene - perchè non ho mai aperto il Sette Colli con i 200 stile libero: in genere rompevo il ghiaccio con i 50 dorso. Dopo gli Internazionali d'Italia completerò la preparazione per i campionati del mondo in altura, posticipando ciò che facevamo gli anni scorsi".
I 50 stile libero maschile chiudono la prima sessione mattutina. Il bronzo mondiale di Kazan 2015 Bruno Fratus firma il miglior tempo in 21''81. Nono, e primo degli esclusi dalla finale, Luca Dotto (Carabinieri/Larus Nuoto) in 22''46, dieci centesimi in più dell'ottavo il magiaro Maxim Lobanovszkij.
Finali nel pomeriggio dalle ore 18.30 con diretta su Raidue dalle 18.50.

 Risultati completi

 Il sito ufficiale

Foto deepblumedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Fri, 23 Jun 2017 08:19:33 +0200
54° Sette Colli. Che lo show abbia inizio http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39067-54°-sette-colli-che-lo-show-abbia-inizio.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39067-54°-sette-colli-che-lo-show-abbia-inizio.html 54° Sette Colli. Che lo show abbia inizio

Conferenza stampa di presentazione del 54esimo Trofeo Sette Colli / Internazionali di Nuoto questa mattina al Circolo del Tennis del Foro Italico. Allo Stadio del Nuoto, dal 23 al 25 giugno, al via oltre 700 atleti in rappresentanza di 36 nazioni per quello che è a tutti gli effetti l'ultimo vernissage prima dei Mondiali di Budapest in programma dal 23 al 30 luglio. Sono intervenuti il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli, il vice segretario generale del CONI e responsabile dell'area Sport e preparazione olimpica Carlo Mornati, il direttore tecnico della Nazionale di nuoto Cesare Butini e l'olimpionico Massimiliano Rosolino, che sarà il protagonista della festa ludica che coinvolgerà il pubblico e introdurrà alle finali pomeridiane. In sala una selezione di atleti della squadra nazionale di nuoto che parteciperà ai campionati mondiali con tutte le sue punte, tra cui Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Filippo Magnini, Luca Dotto e Fabio Scozzoli. 

Le dichiarazioni dei protagonisti

Paolo Barelli, Presidente della FIN. "Un plauso innanzitutto agli atleti nazionali e internazionali che animeranno il Sette Colli, giunto alla 54esima edizione. Ci sono tutti gli ingredienti per un meeting di alto profilo tecnico che arriva nell'anno post olimpico, all'inizio di un nuovo quadriennio, e a un mese esatto dai Mondiali di nuoto di Budapest. Sabato, proprio nel cuore della manifestazione, saremo ricevuti in udienza privata da Papa Francesco: un grande onore per tutta la Federazione e per tutto il movimento. Infine voglio rivolgere un ringraziamento particolare a tutti i volontari che offrono un aiuto sempre valido e concreto durante le giornate degli Internazionali di Nuoto".

Carlo Mornati, vice segretario generale dei CONI. "Siamo orgogliosi di essere alla 54esima edizione degli Internazionali di Nuoto; la quinta che ci vede protagonisti insieme alla FIN e per il progetto di sviluppo del Foro Italico. Siamo strafelici di metterci a disposizione delle varie federazioni perchè ciò alza molto il valore di un evento. Il Sette Colli è una manifestazione di primissimo livello internazionale e ci sono i presupposti perchè cresca ulteriormente anno dopo anno: poi in contesti come il Foro Italico e lo Stadio del Nuoto tutto diventa più bello e affascinante".

Cesare Butini, direttore tecnico della Nazionale di nuoto. "Sono sicuro che anche questo Sette Colli non tradirà le aspettative. Lo Stadio del Nuoto d'altronde richiama sempre notevoli riscontri cronometrici. Sicuramente gli Internazionali rappresentano una vetrina e una verifica fondamentale a quattro settimane dall'evento clou della stagione: i campionati del mondo di Budapest. A noi servirà per completare le staffette ma una particolare attenzione riserveremo a eventuali prestazioni importanti".

Massimiliano Rosolino. "Prima delle gare intratterremo il pubblico, con l'obiettivo di far conoscere meglio il nuoto e i suoi tanti protagonisti. Non mancheranno sorprese e divertimento".

Le tre giornate di gara del meeting saranno trasmesse in diretta su Raidue e Rai Sport + HD (venerdì diretta Raidue 18.50-20.30; sabato diretta Raidue 18.10-19.30, Rai Sport + HD 19.30-20.30; domenica Rai Sport + HD 18.30-20.30) e dalle radio ufficiali Rete Sport 104.2, Radio Sei 98.100, Roma Radio Capitale 93.00 che seguiranno l'evento direttamente dallo Stadio del Nuoto. L’importanza che riveste l’evento, organizzato dalla Federazione Italiana Nuoto insieme al CONI, è testimoniata anche dalla presenza e dal supporto di aziende leader, come Arena, UnipolSai, Herbalife, Kinder + Sport, Uliveto e dall’interesse di BAUME & MERCIER che conferirà il premio di un orologio ai due atleti italiani che realizzeranno la migliore prestazione maschile e femminile dell'evento secondo le tabelle FINA.

Il trofeo Sette Colli nasce nel 1963 dal dirigente federale Mario Saini, cui è dedicato il trofeo assegnato annualmente alla nazione prima classificata per somma di punteggi. Le gare individuali olimpiche allora erano sette, come sette sono i colli capitolini e ad essi furono abbinate le diverse specialità. Ai 100/400/1500 stile libero il Palatino, il Campidoglio e il Quirinale; ai 100 dorso il Celio; ai 200 rana il Viminale; ai 200 farfalla l'Esquilino ed ai 400 misti l'Aventino. Non esistevano ancora i Mondiali, dunque fu quello il primo, grande confronto a livello intercontinentale per i nuotatori italiani al di fuori delle Olimpiadi. Da allora tutti i più forti atleti internazionali hanno nuotato allo Stadio del Nuoto del Foro Italico - progettato dall'architetto Annibale Vitellozzi in occasione delle Olimpiadi di Roma alle pendici di Monte Mario - rendendo il Sette Colli il più prestigioso meeting di nuoto al mondo.

I paesi partecipanti (36): Australia, Austria, Belgio, Brasile, Repubblica Ceca, Canada, Cina, Corea del Sud, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Gran Bretagna, Ungheria, Irlanda, Italia, Giappone, Kuwait, Lussemburgo, Lituania, Malta, Nuova Zelanda, Olanda, Panama, Filippine, Russia, Spagna, Svizzera, Slovacchia, Svezia, Sud Africa, Ucraina, Vietnam, Usa.

La nazionale italiana di nuoto partecipa al 54esimo Trofeo Sette Colli / Internazionali di nuoto con ventisei atleti. Sono convocati tutti i qualificati sia a titolo individuale che di staffetta per i campionati Mondiali di Budapest (23-30 luglio):  Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre / Azzurra 91), Giacomo Carini (Fiamme Gialle / Can. Vittonino da Feltre), Martina Carraro (Fiamme Azzurre / Azzurra 91), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika), Piero Codia (Esercito / CC Aniene), Gabriele Detti (Esercito / Team Lombardia), Silvia Di Pietro (Carabinieri / CC Aniene), Luca Dotto (Carabinieri / Larus Nuoto), Filippo Magnini (CC Aniene), Nicolò Martinenghi (NC Brebbia), Filippo Megli (FlorentiaNuotoClub), Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino), Alice Mizzau (Fiamme Gialle / Team Veneto), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro / Coopernuoto), Federica Pellegrini (CC Aniene), Stefania Pirozzi (Fiamme Oro / Canottieri Napoli), Luca Pizzini (Carabinieri / Bentegodi), Simona Quadarella (Fiamme Rosse / CC Aniene), Matteo Restivo (FlorentiaNuotoClub), Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto), Federico Turrini (Esercito / Nuoto Livorno), Ivano Vendrame (Esercito / Larus Nuoto). A questi si aggiungono gli atleti stanziali ai Centri Federali di Ostia e Verona: Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro / Unicusa Aurelia Nuoto), Ilaria Cusinato (Team Veneto), Lorenzo Glessi (Esercito / Gorizia Nuoto), Carlotta Zofkova (Carabinieri / Imolanuoto). Lo staff è composto dal direttore tecnico Cesare Butini, dai tecnici federali Stefano Morini, Claudio Rossetto, Stefano Franceschi, Matteo Giunta, Fabrizio Bastelli e Giovanni Leoni, dal videoanalista Ivo Ferretti, dal medico federale Lorenzo Marugo, dai preparatori atletici Marco Lancissi e Alessandro Conforto, dai fisioterapisti Stefano Amirante, Marco Morelli e Maurizio Solaroli.

In vasca molteplici campioni olimpici, mondiali ed europei. Tra loro spiccano le presenze della nazionale italiana con Federica Pellegrini, Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Filippo Magnini e Luca Dotto e di molti medagliati olimpici e mondiali come Mack Horton e James Magnussen (Australia), Cesar Cielo (Brasile), Tae Hwan Park (Corea del Sud), Pernille Blume e Rikke Moller Pedersen (Danimarca), Charlotte Bonnet (Francia), Daiya Seto (Giappone), Adam Peaty e James Guy (Gran Bretagna), Ranomi Kromowidjojo e Femke Heemskerk (Olanda), Chad Le Clos (Sud Africa), Michelle Coleman (Svezia), Boglarka Kapas (Ungheria).

Atleti paralimpici in gara. Ormai un'unica famiglia, anche quest'anno il Sette Colli sarà arricchito dalle prestazioni di atleti paralimpici che daranno vita a una serie dei 100 stile libero maschile, mentre altri saranno inseriti direttamente nelle batterie dei tre giorni di gare.

consulta la brochure

Udienza Privata da Papa Francesco. Sabato 24 giugno, alle ore 12:00, il Santo Padre riceverà una delegazione di atleti italiani e internazionali, guidata da presidente della Federnuoto Paolo Barelli, alla Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in Città del Vaticano. E' la seconda volta in pochi anni che il mondo acquatico viene accolto dal Santo Padre. Ricordiamo l'incontro con Papa Benedetto XVI avvenuto nel cortile del Palazzo apostolico di Castelgandolfo il 1° agosto 2009 in occasione della 13esima edizione del campionati mondiali svoltisi a Roma.

Venerdì la conferenza stampa di Energy for Swim 2017. Quadrangolare di nuoto tra Italia, Australia, Stati Uniti e una selezione di campioni stranieri che comporranno il team di Energy Standard in programma l'8 e 9 agosto allo Stadio del Nuoto. Sarà la rivincità dei campionati mondiali. Uno show nello show con finalità di charity per Save the Children, Tabletochki, Cure Brain Cancer e Make a Splash. Lo presenteranno venerdì 23 giugno, alle ore 12:30, presso la Sala Rossa del Foro Italico (ingresso Largo Lauro de Bosis, 3; a Roma), alla presenza di Gregorio Paltrinieri e Mikhailo Romanchuk, il presidente Paolo Barelli, il managing director Andrea Di Nino, il patron di Energy Standard Club Konstantin Grigorishin ed Evgenia Grigorishin. Consulta il sito ufficiale http://energyforswim.com/

CALENDARIO GARE DETTAGLIATO

Venerdì  23 giugno

Mattina Batterie 9.00
50 dorso femm.
50 dorso masch.
400 st.libero femm.
400 st.libero masch.
100 rana femm.
100 rana masch.
50 farfalla femm.
100 farfalla masch.
200 st.libero femm.
50 st.libero masch.
1500 st.libero femm. serie lente

pomeriggio

Ore 18.30  -  Finale B 50m dorso fem
Ore 18.32  -  Finale A 50m dorso fem  
Ore 18.34  -  Finale B 50m dorso mas
Ore 18.36  -  Finale A 50m dorso mas
Ore 18.38  -  Finale B 400m stile libero fem
Ore 18.44  -  Finale B 400m stile libero mas
Ore 18.50  -  Finale A 400m stile libero fem
Ore 18.56  -  Finale A 400m stile libero mas
Ore 19.02  -  Finale B 100m rana fem
Ore 19.06  -  Finale A 100m rana fem
Ore 19.10  -  Finale B 100m rana mas
Ore 19.14  -  Finale A 100m rana mas
premiazione 50m dorso fem
premiazione 50m dorso mas
premiazione 400m stile libero fem               
premiazione 400m stile libero mas
Ore 19.30  -  Finale B 50m farfalla fem
Ore 19.32  -  Finale A 50m farfalla fem
Ore 19.35  -  Finale B 100m farfalla mas
Ore 19.38  -  Finale A 100m farfalla mas
premiazione 100m rana fem              
premiazione 100m rana mas
Ore 19.50  -  Finale B 200m stile libero fem
Ore 19.54  -  Finale A 200m stile libero fem
Ore 19.58  -  Finale B 50m stile libero mas
Ore 20.00  -  Finale A 50m stile libero mas
premiazione 50m farfalla fem               
premiazione 100m farfalla mas
Ore 20.10  -  Prima Serie 1500m stile libero fem
premiazione 200m stile libero fem              
premiazione 50m stile libero mas
premiazione 1500m stile libero fem
Ore 20.40  -  Termine della giornata

Sabato  24 giugno

Mattina Batterie ore 9.00
100 farfalla femm.
200 farfalla masch.
100 dorso femm.
100 dorso masch.
400 misti femm.
400 misti masch.
100 st.libero femm.
200 st.libero masch.
50 rana femm.
50 rana masch.
800 st.libero femm. serie lente
1500 st.libero masch. serie lente

pomeriggio

Ore  18.10  -  Prima Serie 1500m stile libero mas
Ore  18.28  -  Finale B 100m farfalla fem
Ore  18.31  -  Finale A 100m farfalla fem
Ore  18.34  -  Finale B 200m farfalla mas
Ore  18.38  -  Finale A 200m farfalla mas
Ore  18.42  -  Finale B 100m dorso fem
Ore  18.45  -  Finale A 100m dorso fem
Ore  18.48  -  Finale B 100m dorso mas
Ore  18.51  -  Finale A 100m dorso mas
Ore  18.54  -  Finale B 400m misti fem
Ore  19.00  -  Finale A 400m misti fem
Ore  19.06  -  Finale B 400m misti mas
Ore  19.12  -  Finale A 400m misti mas
Ore  19.18 -   Finale B 100m stile libero fem
Ore  19.21  -  Finale A 100m stile libero fem
premiazione 1500m stile libero mas
premiazione 100m farfalla fem
premiazione 200m farfalla mas
Ore  19.34  -  Finale B 200m stile libero mas
Ore  19.38  -  Finale A 200m stile libero mas
premiazione 100m dorso fem
premiazione 100m dorso mas
premiazione 400m misti mas
Ore  19.52 -   Finale B 50m rana fem
Ore  19.54  -  Finale A 50m rana fem
Ore  19.57  -  Finale B 50m rana mas
Ore  19.59  -  Finale A 50m rana mas
premiazione 400m misti mas
premiazione 100m stile libero fem
premiazione 100 m stile libero  - FINP - fem
Ore  20.10  -  Finale A 800m stile libero fem
premiazione 200m stile libero mas
premiazione 50m rana mas
premiazione 50m rana mas
premiazione 800m stile libero fem          
Ore  20.30 -  Termine della giornata

Domenica 25 giugno

Mattina Batterie ore 9.00

200 dorso masch.
200 dorso femm.
50 farfalla masch.
200 farfalla femm.
200 rana masch.
200 rana femm.
100 st.libero masch.
50 st.libero femm.
200 misti masch.
200 misti femm.
800 st.libero masch. serie lente

pomeriggio

Ore  18.30  -  FINP 100m stile libero mas
Ore  18.35  -  Finale B 200m dorso mas
Ore  18.39  -  Finale A 200m dorso mas
Ore  18.43  -  Finale B 200m dorso fem
Ore  18.47  -  Finale A 200m dorso fem
premiazione     100 m stile libero  - FINP - mas
Ore  18.56  -  Finale B 50m farfalla mas
Ore  18.58  -  Finale A 50m farfalla mas
Ore  19.00  -  Finale B 200m farfalla fem
Ore  19.04  -  Finale A 200m farfalla fem
Ore  19.08  -  Finale B 200m rana mas
Ore  19.12  -  Finale A 200m rana mas
Ore  19.16  -  Finale B 200m rana fem
Ore  19.20  -  Finale A 200m rana fem
premiazione 200m dorso mas
premiazione 200m dorso fem           
premiazione 200m farfalla mas
premiazione 200m farfalla fem
Ore  19.36  -  Finale B 100m stile libero mas
Ore  19.39 -   Finale A 100m stile libero mas
Ore  19.42  -  Finale B 50m stile libero fem
Ore  19.44  -  Finale A 50m stile libero fem
premiazione 200m rana mas
premiazione 200m rana fem          
Ore  19.54  -  Finale B 200m misti mas
Ore  19.58  -  Finale A 200m misti mas
Ore  20.02  -  Finale B 200m misti fem
Ore  20.06  -  Finale A 200m misti fem
Ore  20.12  -  Finale 800m stile libero mas
premiazione 100m stile libero mas
premiazione 50m stile libero fem
premiazione 200m misti mas           
premiazione 200m misti mas
premiazione 800m stile libero mas
premiazione Trofeo
Ore  20.40  -  Termine della manifestazione

foto deepbluemedia.eu

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Thu, 22 Jun 2017 12:12:16 +0200
54° Sette Colli. Le stelle internazionali (8) http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39064-54°-sette-colli-le-stelle-internazionali-8.html http://www.federnuoto.it/discipline/nuoto/nuoto-news/item/39064-54°-sette-colli-le-stelle-internazionali-8.html 54° Sette Colli. Le stelle internazionali (8)

Si conclude il nostro viaggio alla scoperta dei campioni internazionali che illumineranno la 54esima edizione del Trofeo Sette Colli, in programma  dal 23 al 25 giugno. Insieme agli azzurri, saliranno sui blocchi nuotatori di Australia, Austria, Belgio, Brasile, Repubblica Ceca, Canada, Cina, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Gran Bretagna, Ungheria, Irlanda, Italia, Giappone, Corea del Sud, Kuwait, Lussemburgo, Lituania, Malta, Olanda Nuova Zelanda, Panama, Filippine, Russia, Spagna, Svizzera, Slovacchia, Svezia, Sud Africa, Ucraina, Usa e Vietnam. La francese Charlotte Bonnet, il giapponese Daiya Seto e l'ucraino Andriy Govorov

20150806 ASTA KAZAN SWIMMING 971821121

Charlotte Bonnet nasce a Enghien-les-Bains il 14 febbraio 1995. Fin da piccola si innamora del nuoto e si specializza nello stile libero. Il suo esordio in una competizione internazionale arriva agli Europei in vasca corta di Chartres 2012 dove si prende la medaglia d'oro con la staffetta mista 4x50 stile libero, l'argento nella 200 e il bronzo nei 100 stile libero. Nella stessa stagione partecipa alle Olimpiadi di Londra dove sale sul gradino più bassa con la staffetta 4x200 stile libero. L'anno seguente ai Mondiali di Barcellona è di bronzo con la 4x200. Agli Europei di Londra 2016 conquista due medaglie di bronzo: una individuale nei 200 stile libero e l'altro nella staffetta mista 4x100m stile libero. Amante del cibo, nel tempo libero si diverte a giocare con gli animali ed uscire con gli amici; è innamorata dell'acqua a trecentosessanta gradi e quando non si allena adora trascorrere le giornate al mare.

20150809 Gsca Seto JPN GS0983712121

Daiya Seto nasce a Moroyama il 24 maggio 1994. I 400 misti sono la sua gara: vince l'oro sia ai Mondiali di Barcellona 2013 che a quelli successivi di Kazan 2015. Ai campionati del mondo in vasca corta, tra Instabul 2012 e Windsor 2016, conqusta dieci medaglie: tre d'oro nei 400 misti, tre argenti nei 200 e 100 misti e nei 200 farfalla, e quattro bronzi (due nei 200 misti, uno nei 200 farfalla e uno con la 4x200 stile libero). Alle Olimpiadi di Rio 2016 sale sul gradino più basso del podio nei 400 misti. Adora giocare a biliardo e mangiare pizza con gli amici, è un grande amante della natura e dei film, la saga di Star Wars è tra le sue pellicole preferite.

20150807 AMas GOVOROV Andrii DSC 31821221

Andriy Govorov nasce a Dnipropetrovs'k  il 10 aprile 1992. E' una delle star mondiali dei 50 farfalla. Esordisce nelle competizioni internazionali nel 2010 quando partecipa agli Europei di Eindhoven e ai Mondiali di Dubai, entrambi in vasca corta: in Olanda è d'argento nei 50 farfalla e il bronzo nei 50 stile libero; negli Emirati Arabi Uniti sale sul secondo gradino del podio nei 50 farfalla. Agli Europei di Debrecen 2012 conquista nei 50 farfalla la prima medaglia in vasca lunga e si ripete due anni dopo a Berlino 2014. Ai campionati europei di Londra 2016 arriva finalmente l'oro nei 50 farfalla e poi si prende l'argento nei 50 stile libero. Govorov sogna di intraprendere la carriera politica al termine di quella sportiva ed è questo il motivo per il quale studia scienze politiche. Dallo scoppio del conflitto in Ucraina si presenta ad ogni gara con la bandiera del suo paese con al centro la scritta 'Pace'. Dal 2011 si allena a Caserta con l'allenatore Andrea Di Nino.

Domani la conferenza stampa. La 54esima edizione del Trofeo Sette Colli / Internazionali di nuoto sarà presentata dalla Federazione Italiana Nuoto e dalla CONI Servizi giovedì 22 giugno, alle 12.00, presso il Circolo del Tennis, viale dei Gladiatori 31, a Roma. Saranno presenti il presidente della Federnuoto Paolo Barelli, il vice segretario generale del CONI e responsabile della preparazione olimpica Carlo Mornati, il commissario tecnico Cesare Butini e una selezione di atleti della nazionale di nuoto. In quell'occasione saranno distribuiti gli accrediti. Chi non l'avesse ancora richiesto, ha tempo sino al 18 giugno inviando il seguente modulo compilato.

]]>
fin@federnuoto.it (Luca Sansonetti) News Nuoto Wed, 21 Jun 2017 10:25:28 +0200