Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Venerdì, 30 Giugno 2017

Tricolori Herbalife. Riccione stadio dei record

La quarta giornata dei campionati di nuoto master Herbalife si apre con i 100 dorso nella vasca interna e i 50 farfalla nella piscina scoperta dello Stadio del Nuoto. Si comincia con il primato nazionale di Silvia Parocchi (M50) che migliora di sette centesimi il suo precedente record italiano abbassandolo a 33"45. Nella farfalla in evidenza Denny Ferroni (M25) che bissa il record dei 100 chiudendo i 50 metri in 25"13. Si prosegue con la gara dei 50 rana che vede entrare in acqua la "più esperta" dlle master, la ottantenne Gwendalin Kaspar, che nuota in 1'17"66. Sempre nei 50 rana c'è il record europeo di Carlo Travaini (M50) con 30"90 che prosegue la sua serie di primati continentali. Record nazionale, invece, per Roberto Ruggeri (M70) che si esprime in 38"32. La migliore prestazione sulla distanza è quella di Monica Corò che ottinene oltre 1060 punti.

Il pomeriggio è dedicato ai 100 stile libero e alle mistaffette miste. A Riccione c'è un repentino cambiamento delle condizioni metereologiche con vento forte e nuvole minacciose, accampognate da un significativo abbassamento della temperatura. Apre la sessione pomeridiana il record (il secondo in questi campionati) di Domenico Casolino (M90) che scende sotto i due minuti fermando il cronometro dopo 1'57"68. La migliore prestazione maschile è quella di Niccolò Ceseri (M25) che con il suo 52"08 ottiene 981,95 punti. Le non buone condizioni atmosferiche non favoriscono le prestazioni delle 305 atlete che si fronteggiano nella vasca scoperta. La migliore prestazione è della "genovese" Olessia Burova (M35) con i suoi 972,86 punti.

A conclusione della giornata tocca alle mistaffette miste. Duecentoventitre squadre e quasi 900 atleti di tutte le età, partendo dalla categoria 320-359 anni (età media degli staffettisti oltre 80 anni) per arrivare alla categoria 100-119 anni. Stabiliti tre record nazionali. Nella categoria M280 la Malaspina fa registrare il tempo di 2'37"9. Tra le M200 prevale il Nuoto Club Firenze con il primato di 2'05"46. Infine il Legnano Nuoto nella categoria M100 vince con 1'55"69 sfiorando i 1000 punti. In prima frazione di staffetta il milanese Roberto Ruggeri migliora il proprio record dei 50 dorso con 38"17.

Risultati completi

Ultimi 4 articoli MASTER